APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

Nessun evento

STATS

Chi la dura la vince

Ieri è stato pubblicato da Il Manifesto l’appello della campagna nazionale contro la tortura di Stato. Dopo settimane di pressioni e di iniziative, alla fine hanno ceduto. La pubblicazione è avvenuta però con un commento della redazione in cui non solo prendevano le distanze apertamente dalla lettura che l’appello da degli anni Settanta e del contesto in cui maturarono quelle torture, ma anche definendoci con epiteti poco edificanti. Non c’è problema, sta nelle cose e non pretendevamo certo una condivisione politica da parte di un organo che da anni ormai ha abbandonato la strada del comunismo. Fa specie comunque notare quale tipo di lettura gli da il giornale. La contestualizzazione storica viene definita come “al limite del delirio giurassico”, non rendendosi conto della posizione ridicola sulla quale si pongono. Da settimane appoggiano una manifestazione, quella della via maestra, composta da pensionati in vena di protagonismo, ex trombati della politica, sindacalisti in cerca del salto di visibilità, e il tutto attorno ad una piattaforma da Italia anni cinquanta: la difesa a spada tratta della Costituzione. Nessuno gli ha spiegato che quella carta che pretendono di difendere è stata già ampiamente svuotata di ogni significato concreto da decenni, e proprio grazie all’avallo di quella sinistra riformista che sabato si ritroverà in piazza. Se noi siamo i giurassici, questi vivono nel mesozoico, ragionando come gruppo di pressione di un PD che non hanno inteso essere una (grande) parte del problema, e non una possibile soluzione, solo da spostare un po’ più a sinistra. Nella medesima edizione, campeggiava in prima pagina una bella assemblea del PD, reclamata con tutta la visibilità del caso. Strano atteggiamento quello di un giornale che si affanna a precisare la propria posizione rispetto a un appello esterno al giornale, e invece trova normale ospitare in prima pagina un’assemblea del partito delle larghe intese, del capitale internazionale e della repressione politica. Contenti loro, contenti tutti, ma almeno la facessero finita con quell’epiteto, “comunista”, col quale non hanno nulla a che spartire da almeno due generazioni.

Ma, come dicevamo, l’appoggio del giornale ci interessava poco, e soprattutto non cambiava di una virgola la natura politica del giornale stesso. Oltre a ricercare in ogni contesto possibile quella visibilità adeguata a una campagna di questo tipo, appoggiata peraltro da un vasto mondo militante e intellettuale che evidentemente vive come noi nel giurassico, una volta capito in quale genere di censura eravamo incappati, l’obiettivo della pubblicazione era anche un altro. Quello cioè di smascherare il livello di ambiguità che da anni vive questo giornale. Un giornale che si pretende comunista, che si descrive come interno alle lotte dei compagni, e che poi applica una forma di censura verso una campagna importante, non fosse altro per il livello di condivisione e di adesione raggiunto. Le scelte politiche hanno sempre un prezzo. Per troppi anni Il Manifesto ha deciso di non pagare quel prezzo, vivendo in quell’ambiguità che gli ha permesso la vendita di qualche copia in più. Oggi apprezziamo comunque la risposta, che almeno delimita un campo e spiega una posizione. Apprezziamo anche l’impegno di alcuni giornalisti e redattori, convinti, nonostante la differente lettura, del diritto per i compagni di essere comunque pubblicati e ascoltati. Troppe volte nel corso di questi anni i compagni sono andati incontro alla censura del giornale. Troppe volte hanno lasciato correre, non insistendo, considerando in fondo scontata la diversità, e dunque la legittimità a non essere pubblicati. Questa volta però siamo andati fino in fondo, e crediamo giustamente, perché una posizione politica vive solo se si hanno le forze e la capacità di farla vivere, di renderla un fatto concreto, e non unicamente un movimento d’opinione e meramente intellettuale. Ci vediamo martedì a Perugia, per sostenere la battaglia di Enrico Triaca contro lo Stato e i suoi apparati repressivi. Sarà una giornata importante, sarà necessario esserci.

5340 letture totali 2 letture oggi

4 comments to Chi la dura la vince

  • Joseph

    Assurdo pubblicare un appello e denigrare chi lo propone

  • carlo

    Questa è la chiusa che ho trovato sul manifesto sotto l’appello. Magari potevate pubblicarlo voi, questo.

    “Riceviamo e pubblichiamo. Usiamo questa formula perché non siamo d’accordo con l’appello, qui sopra, di «Rompiamo il silenzio». «il manifesto » è dalla nascita impegnato sui temi della tortura (e ora sul caso Triaca), delle istituzioni totali, delle carceri: siamo stati, tra l’altro, i co-fondatori di «Antigone». Per questo l’appello non ci convince, nel metodo e nel merito.
    Nel metodo: se si apre un dibattito, perché formulare affermazioni meta-storiche, al limite del delirio giurassico, senza interrogativi reali, per esempio sulla sconfitta – per tutti – della stagione impropriamente definita della «guerra civile»?
    Sui contenuti: restiamo convinti che l’«insorgenza rivoluzionaria » o è sociale e di massa o non è. E che quel che cambia «lo stato delle cose presenti» è un movimento, non uno stato maggiore di rivoluzionari che si sostituisce a quello del potere borghese.”

  • Militant

    @ Carlo
    Per quale motivo avremmo dovuto riportare la risposta? Riportarla ci avrebbe comportato rispondere punto per punto alle assurde accuse, che peraltro non sono riferite a noi ma a tutto il Comitato, che è composto da molte altre persone e collettivi. Oltretutto, a noi non è mai interessata una condivisione politica del contenuto dell’appello da parte del Manifesto. Non siamo nati ieri, e le differenze politiche esistenti fra la sinistra antagonista e quel giornale sono evidenti da molti anni. A noi la loro posizione va bene, l’importante è che la censura non fosse rimasta nell’ambiguità di posizioni politiche non palesate. Ora l’hanno fatto, ognuno ne tragga le proprie conseguenze.

  • [...] del giornale che rifiutò per settimane di pubblicare il nostro appello contro la tortura di Stato (leggi) ai tempi della revisione della condanna per diffamazione inflitta ingiustamente a Enrico Triaca. [...]

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>