APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Comitato per il Donbass Antinazista


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

4 March :
2005 I marines statunitensi uccidono Nicola Calipari, funzionario del Sismi, mentre tentava di riportare in Italia la giornalista Giuliana Sgrena. Gli USA negano l'estradizione del colpevole che resterà impunito.

STATS

il patto della fabbrica?

I padroni piangono miseria, fanno l’elenco delle aziende che chiudono, si lamentano della pressione fiscale e del costo del lavoro e poi, di fronte al procedere della crisi generata dalle contraddizioni del modo di produzione di cui sono classe dominante, arrivano ad invocare improbabili “patti” con i lavoratori. I sindacati confederali, dal canto loro, prendono la palla al balzo per veder riconosciuto il loro ruolo concertativo e ammettono che si, in fondo siamo tutti sulla stessa barca. E’ (o almeno vorrebbero che fosse) il cosiddetto “patto della fabbrica”, versione aggiornata di quel patto dei produttori che ciclicamente ci viene propinato e che tanto piace ai riformisti d’ogni risma. Ma in questo ragionamento, che a prima vista sembrerebbe addirittura ragionevole, c’è almeno un fondo di verità? In questi giorni per altre ragioni c’è capitato di riprendere in mano “Lavoro salariato e capitale”, un testo talmente attuale che in alcuni passaggi sembra quasi che Marx stia commentando gli editoriali del Corriere o del Sole 24 ore: Che cosa avviene nello scambio fra capitale e lavoro  salariato?  L’operaio riceve in cambio del suo lavoro* dei mezzi di sussistenza, ma il capitalista, in cambio dei suoi mezzi di sussistenza, riceve del lavoro, l’attività produttiva dell’operaio, la forza creatrice con la quale l’operaio non soltanto ricostituisce ciò che consuma, ma conferisce al lavoro accumulato un valore maggiore di quanto aveva prima. L’operaio riceve dal capitalista una parte dei mezzi di sussistenza esistenti. A che gli servono questi mezzi di sussistenza? Al consumo immediato. Ma non appena io consumo mezzi di sussistenza essi sono per me irrimediabilmente perduti, nel caso in cui io non utilizzi il tempo durante il quale essi mi tengono in vita per produrre nuovi mezzi di sussistenza, per creare, cioè, con il mio lavoro, durante il consumo, nuovi valori al posto dei valori perduti nel consumo stesso. Ma è appunto questa nobile forza riproduttiva che l’operaio cede al capitale in cambio dei mezzi di sussistenza ricevuti. Per se stesso quindi egli l’ha perduta.
Prendiamo un esempio: un fittavolo dà al suo giornaliero cinque groschen d’argento al giorno. Per questi cinque groschen d’argento il salariato lavora sul campo del fittavolo per tutta la giornata, assicurandogli in tal modo un’entrata di dieci groschen d’argento. Il fittavolo non riceve soltanto, ricostituiti, i valori ch’egli ha dato al salariato, ma li raddoppia. Quindi, egli ha impiegato, consumato in modo profittevole, produttivo, i cinque groschen d’argento ch’egli ha dato al salariato. Per cinque groschen d’argento egli ha comprato il lavoro e la forza del salariato i quali rendono prodotti del suolo per un valore doppio, e di cinque groschen d’argento ne fanno dieci. Il salariato, invece, al posto della sua forza produttiva, i cui effetti egli ha ceduto al fittavolo, riceve cinque groschen d’argento che egli scambia contro mezzi di sussistenza, che consuma più o meno rapidamente. I cinque groschen d’argento sono stati dunque consumati in due modi: in modo riproduttivo per il capitale, poiché essi sono stati scambiati con una forza-lavoro che ha prodotto dieci groschen d’argento; in modo improduttivo per l’operaio, poiché essi sono stati scambiati con mezzi di sussistenza, che sono scomparsi per sempre e il cui valore egli potrà riavere soltanto ripetendo il medesimo scambio con il fittavolo. Il capitale presuppone dunque il lavoro salariato, il lavoro salariato presuppone il capitale. Essi si condizionano a vicenda; essi si generano a vicenda . Un operaio in un cotonificio produce egli soltanto tessuti di cotone? No, egli produce capitale. Egli produce valori che serviranno nuovamente a comandare il suo lavoro, per creare a mezzo di essi nuovi valori.
Il capitale può accrescersi soltanto se si scambia con il lavoro*, soltanto se produce lavoro salariato. Il lavoro salariato  si può scambiare con capitale soltanto a condizione di accrescere il capitale, di rafforzare il potere di cui è schiavo. Aumento del capitale è quindi aumento del proletariato, cioè della classe lavoratrice. L’interesse del capitalista e dell’operaio è quindi lo stesso, sostengono i borghesi e i loro economisti. E infatti! L’operaio va in malora se il capitale non lo occupa. Il capitale va in malora se non sfrutta il lavoro*, e per sfruttarlo deve comperarlo. Quanto più rapidamente si accresce il capitale destinato alla produzione, il capitale produttivo, tanto più fiorente è l’industria; quanto più la borghesia si arricchisce, quanto più gli affari vanno bene, tanto più il capitalista ha bisogno di operai, tanto più caro si vende l’operaio. La condizione indispensabile per una situazione sopportabile dell’operaio è dunque l’accrescimento più rapido possibile del capitale produttivo. Ma che cosa vuol dire accrescimento del capitale produttivo? Accrescimento del potere del lavoro accumulato sul lavoro vivente. Accrescimento del dominio della borghesia sulla classe operaia. Quando il lavoro salariato produce la ricchezza estranea che lo domina, il potere che gli è nemico, il capitale, i mezzi di occupazione, cioè i mezzi di sussistenza, rifluiscono nuovamente verso di lui, a condizione ch’esso si trasformi di nuovo in una parte del capitale, in una leva che imprima di nuovo al capitale un accelerato movimento di sviluppo. Dire che gli interessi del capitale e gli interessi del lavoro  sono gli stessi, significa soltanto che il capitale e il lavoro salariato sono due termini di uno stesso rapporto. L’uno condiziona l’altro, allo stesso modo che si condizionano a vicenda lo strozzino e il dissipatore. Sino a tanto che l’operaio salariato è operaio salariato, la sua sorte dipende dal capitale. Questa è la tanto rinomata comunità di interessi fra operaio e capitalista.

Più chiaro di così!

 

* al posto di lavoro si legga più correttamnete forza-lavoro così come spiegato da Engels nella prefazione del 1891: Le mie modificazioni si aggirano tutte attorno ad un sol punto. Secondo l’originale, l’operaio vende al capitalista, per un salario, il suo lavoro; secondo il testo attuale egli vende la sua forza-lavoro. A proposito di questa modificazione devo dare una spiegazione. Una spiegazione agli operai, perché essi vedano che non si tratta di una pedanteria verbale, ma piuttosto di uno dei punti più importanti di tutta l’economia politica. Una spiegazione ai borghesi, perché essi possano convincersi della enorme superiorità degli operai incolti, ai quali si possono rendere facilmente comprensibili i problemi più difficili dell’economia, sui nostri presuntuosi uomini “colti”, cui tali questioni intricate restano insolubili per tutta la vita.

4859 letture totali 2 letture oggi

10 comments to il patto della fabbrica?

  • Franco

    I padroni, non possono che “odiare” Marx. Marx è la loro nemesi, è la loro vera coscienza: una coscienza sfruttatrice e predatoria.

    Saluti compagni/e

  • Lollo

    gia,molto attuale.Anche se la legge del valore ha assunto nel corso del tempo delle modificazioni,resta centrale nel sistema di produzione capitalistico,andando a smentire chi(Negri),facendo il passo più lungo della gamba si è messo a parlare di moltitudini annullando la legge in questione.E pensare che nei ’70 vedeva nella legge del valore il mezzo di dominio del capitale…

  • Brigante

    Posta la centralità della legge del valore, rimane secondo me interessante capire se il pensiero negriano abbiamo influito realmente sulle posizioni all’interno del movimento o se, piuttosto, le modifiche nella composizione di classe (più che nella composizione direi nell’organizzazione della classe) abbiano favorito l’ascesa di una determinata forma di pensiero. Struttura contro sovra-struttura direbbero dalle parti di Treviri.

  • Lollo

    Penso che il pensiero negriano durante gli anni 70 sia stato molto importante,ha individuato lotte e realtà importanti,leggere quegli opuscoli ancora oggi aiutano a capire alcune tendenze del capitalismo,quello che non ci serve sono ipotetici imperi e inesistenti moltitudini…
    La vecchiaia gli ha dato alla testa…il lavoro immateriale non ha soppiantato quello materiale,rappresenta soltanto una piccola fetta del lavoro…Toni Negri oggi vede il particolare,non la totalità e ignora il vero odierno soggetto centrale della composizione di classe.

  • valerio

    Il Tony Negri di oggi è figlio di quello di ieri. Teorizzando la caduta del saggio medio del profitto come irreversibile (e non più tendenziale) ha buttato a mare la centralità della rottura rivoluzionaria sostituendola con quella della erosione progressiva dello stato attraverso il c.d. “contropotere”.Egli negli anni 70 pensava che il capitale fosse in una crisi irreversibile, e quindi incapace anche di garantire i bisogni minimi del proletariato. Coerentemente a tale assioma, ogni battaglia per il bisogno era automaticamente una battaglia rivoluzionaria (autoriduzioni, sabotaggi, scioperi etc.). La grande sconfitta della marcia dei 40.000 e la ripresa dell’offensiva padronale smentirono drammaticamente le elucubrazioni teoriche di Negri.
    Ricordo inoltre che non tutta l’Autonomia Organizzata si riconosceva nelle analisi di Negri e che i Volsci mantennero verso di lui sempre una certa diffidenza.
    Evito di elencare le miserie umane che hanno caratterizzato la sua dissociazione e che lo hanno irreversibilmente legato al pattume della storia.

  • Lollo

    compagno Valerio è vero che Negri fu smentito dalla marcia dei 40.000 e dalla successiva offensiva padronale,io la vedo come una scommessa politica fallita,
    ma è sicuramente interessante l’elaborazione torica di Rosso,legata proprio al Toni…non tutta la mela è marcia…ripeto però sempre se rimaniamo negli anni 70…comunque oggi sta a noi ripartire,e non è facile…

  • valerio

    Ah si, magari a fare qualcosa oggi che anche pallidamente somigli alla conflittualità sviluppata negli anni ’70.

  • Lollo

    Ci siamo capiti…

  • Lorenzo

    Il leghista Cota è oggi l’ultimo, ma non sarà l’ultimo, a recitare il ritornello: “bisogna superare la vecchia contrapposizione tra padroni e lavoratori perché siamo tutti sulla stessa barca.”
    Per smentirlo sono oggi in piazza a Torino, oltre ai confederali, centri sociali e sindacati di base.

  • [...] del Pd. Residuale, con le idee veltroniane del lingotto a trasferirsi in seno al sindacato. Il “Patto della fabbrica” (un rinnovato patto dei produttori che ha come unico obiettivo quello di comprimere ulteriormente [...]

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>