APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

23 September :
1868 - 200 rivoluzionari creoli occupano la città di Lares, Puertorico, e proclamano l'indipendenza dalla Spagna. Verranno tutti massacrati dall'esercito di Madrid

1977: IL CONVEGNO A BOLOGNA CONTRO LA REPRESSIONE

STATS

Riflessioni sugli indignados di tutta Europa/Parte seconda

 

Le proteste contro i partiti e il ruolo dei social network

 

Una delle cose che accomuna effettivamente le manifestazioni di questi mesi è il rifiuto di un certo tipo di politica, nonché il netto rigetto dell’organizzazione partitica quale strumento per governare la democrazia. Insomma, non solo la politica non è vista più di buon occhio, anche se ci si mobilita politicamente per realizzare degli obiettivi, ma di certo il partito in quanto tale non è più lo strumento che viene ritenuto più efficace per veicolare i propri messaggi e per organizzarsi. Non è una protesta contro i partiti che ci governano o che ci hanno tradito dagli scranni dell’opposizione, ma è una protesta generale contro il modello-partito (questo vale ovunque meno che in Grecia). Questo è direttamente connesso al ruolo essenziale che hanno assunto Internet, i blog e i social network come fattore organizzativo e mobilitante delle proteste stesse.

In Europa come nel Maghreb, sembrerebbe essere questo il ruolo ormai necessario dei blog e dei social network, cioè strumenti indispensabili alle mobilitazioni. Anche questa è una lettura che andrebbe un pochino approfondita, anche se non del tutto falsa. Effettivamente, un dato comune di tutte le mobilitazione è l’uso della rete come elemento organizzativo delle mobilitazioni. Questo però ha una sua spiegazione proprio in ciò che dicevamo prima, sulla crisi della politica e dei suoi agenti.  Non essendoci più partiti capaci di stare efficacemente nelle proteste, e non avendo più intenzione di organizzarsi su quel modello, chi manifesta deve comunque darsi una sua organizzazione. Anche solo per chiamare le mobilitazioni, discutere, confrontarsi. Questo ruolo è stato assunto dai blog e dai social network. Solo che mentre in Spagna Internet rimane un mezzo, anzi sempre più il mezzo, per organizzarsi e ovviare a tutti quei problemi connessi all’assenza di una struttura forte e organizzativa (che è un limite, sia chiaro), negli altri paesi e soprattutto in Italia (in questo molto simile al nord Africa), Internet viene assunto come valore in sé. Qui si parla di democrazia dei social network, di piattaforma democratica, di strumento rivoluzionario. Insomma, come in altre circostanze, il mezzo viene confuso con l’obiettivo, e quando questo avviene in genere si producono mostri. Ogni cosa che viene dalla rete viene subito assunta come interessante, o quantomeno innovativa, dando alla rete un ruolo che potrebbe avere ma sarebbe meglio che non abbia. Anche perché da qui alla degenerazione il passo è breve, come dimostrano le decine di manifestazioni e proteste nate sulla scorta del falso rapimento della blogger siriana che in realtà era un professore del Michigan (proteste che hanno portato anche a dei morti…com’era quel proverbio sul battito d’ali che produce una tempesta?). Se la rete serve da supporto organizzativo e strumento di discussione, allora possono essere sfruttate appieno le proprie potenzialità. Però andrebbe sempre trattata come luogo neutro, vagliando sempre attentamente ciò che circola, ma soprattutto avendo sempre un riscontro nella vita reale. In Italia e nel nord Africa, invece, la rete ha assunto un ruolo pericolosamente protagonista, creando un sistema di valori in sé. Mentre nel nord Africa questo può essere spiegato col tentativo da parte delle giovani generazioni di uniformarsi a canoni europei da loro tanto agognati, confondendo un metodo con il merito (senza contare l’effettivo utilizzo di questi strumenti da parte della popolazione, notevolmente – e volutamente – sovrastimato), in Italia siamo di fronte alla solita manipolazione ideologica di uno strumento in sé per sé indefinito. Un po’ come le rivolte generazionali tanto care ai neofascisti. Un giovane può dire cose giuste o sbagliate, ma non ha ragione solo perché “giovane”. Non porta cambiamento o miglioramento solo perché è under 30 o altre simili stronzate. Insomma, è molto più rivoluzionario Stefan Hessel che ha novant’anni che un giovane qualsiasi imbevuto di strane neodottrine scaturite dalla rete o dal capopopolo di turno. Sembra sempre scontato dirlo, ma ogni tanto repetita iuvant.

Parallelamente, Internet è stato creato dal capitale e il capitale è ben felice di vederne sfruttate le sue immense potenzialità. Non è uno strumento rivoluzionario, ma può essere utilizzato in maniera rivoluzionaria se si hanno le capacità e l’intelligenza di sfruttare ciò che il capitale ha creato contro sé stesso. In una società e in un modello di sviluppo che tende all’atomizzazione e all’individualismo, sfruttare Internet per organizzarsi è il danno maggiore che si può fare al capitale stesso. Solo che tutto questo deve rimanere un mezzo, e infatti la grande ondata di partecipazione politica di questi mesi in Europa e nel Maghreb smentisce questi ideologi della rete. Il vero fatto positivo e potenzialmente rivoluzionario è la partecipazione politica, e infatti in Spagna, appena avviata la mobilitazione, il fattore democratico principale sono state le assemblee dei barrios, no i messaggi su Twitter. In Spagna il modello partecipativo è rimasto saldamente l’assemblea popolare, o di quartiere, che mai e poi mai è stata sostituita dalla rete, che infatti ha un altro ruolo e non quello di sostituirsi al confronto dialettico de visu.  Soprattutto, non deve sostituirsi all’azione politica, come invece si augurerebbe una certa lettura data dai soliti noti. La rete ha senso se serve a creare le condizioni per poi fare politica, ma non sostituisce la militanza politica. Questo è quello che vorrebbe il capitale, e infatti è proprio il capitale a incentivare l’uso di Internet. Noi dobbiamo ritorcerglielo contro, utilizzando i social network e i blog quando è opportuno, ma dandogli il valore che hanno e non sopravvalutarli. (2/continua..)

6309 letture totali 4 letture oggi

1 comment to Riflessioni sugli indignados di tutta Europa/Parte seconda

  • daniele

    Internet è stato creato dal capitale, (direi piuttosto dai militari nella seconda guerra mondiale),come tutto quello che viene utilizzato negli ultimi 2 secoli, dal frigorifero al cellulare e nessuno ha mai pensato di non utilizzare il frigorifero perchè capitalista…magari il cellulare sì, ma è durato veramente poco.
    Più che internet qua parliamo di quel web 2.0 che in effetti rappresenta uno stravolgimento del web stesso, da semplice ed infinito supermercato delle informazioni a strumento di interazione immediata, di proposizione e di possibile aggregazione da parte dell’utente, il quale non fruisce solamente ma è anche parte di ciò che può essere fruito dagli altri.
    E’ un modo nuovo di apprendere e socializzare, ovvero uno sconvolgimento tremendo se si pensa che l’uomo è appunto un animale sociale. I rapporti nascono e vengono gestiti in un modo impensabile fino a 10 anni fa e questo comunque cambierà la percezione dell’uomo/donna nei confronti della collettività e dell’”altro”…

    E comunquealla fine, pure su facebook e altri social network, quello che conta è quello che dici e proponi…il problema non è starci, il problema è avere in testa qualcosa, qualcosa che in questo momento non c’è proprio.

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>