INFOSHOP AUT-LET

Il vostro carrello è vuoto
Visitate il negozio

APPUNTAMENTI

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUT-LET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

STATS

CAMPAGNE

Impaurire la gente? Un lusso che non potete permettervi

Lo ammettiamo. Ci capita ancora, a volte, di rimanere stupiti per qualche provvedimento o qualche dichiarazione di Alemanno e della sua giunta. Questa volta è stato il turno di un libricino diretto alle donne e distribuito, in migliaia di copie, nella metropolitana di Roma (leggilo).
Nelle intenzioni delle sue autrici, l’opuscolo avrebbe dovuto fornire alle donne una serie di consigli per prevenire la violenza. Il suo contenuto, però, lascia a dir poco allibiti. Già nelle prime pagine si leggono dichiarazioni strampalate, che poi si susseguono per tutto il libricino: «Quartieri grandi come città, moltitudini di persone e di auto che si spostano ogni giorno, manifestazioni e cortei che raccolgono persone da tutta Italia, milioni di turisti che affollano il centro della città, immigrati di razze diverse in cerca di una casa o di un lavoro che si riversano nelle periferie. Tutto a prima vista sembra incredibilmente difficile, in particolare sentirsi sicuri». Perché mai manifestazioni e immigrati (nelle periferie?) dovrebbero far sentire noi romani insicuri? Mistero.
Nelle pagine successive, dopo qualche consiglio su come difendersi dallo stalking, si passa ad una serie di suggerimenti su come “prevenire” di diventare vittime di violenza in strada, in macchina, in metropolitana e perfino in casa. Viene così consigliato, ad esempio, di tenere sempre il cellulare in mano e impostato sui numeri 112/113 quando si cammina per strada, di avvertire il capotreno quando si viaggia da sole o di non aprire la porta di casa agli sconosciuti. È presente, poi, anche il più classico e sessista degli avvisi, «Non indossare vestiti particolarmente appariscenti»: il passo per poi dire che se ti stuprano è colpa tua perché ti sei vestita in modo attraente e hai provocato il povero maschio è davvero breve.
La sequenza di stronzate contenute in questo vademecum è lunga, ma non vogliamo occuparci di esse: ognuno potrà leggerle e farsene un’idea. Non vogliamo nemmeno discutere di quanto sia sessista ed offensivo fare un opuscoletto di color rosa confetto e intitolarlo Vademecum per la tua sicurezza. Sicurezza, un lusso che noi donne oggi vogliamo permetterci (lusso?! Permetterci??!!). Riteniamo, infatti, che la violenza (sessuale, fisica, psicologica) sulle donne sia una questione culturale (prima che di repressione) e che solo agendo a livello culturale, con una trasformazione della società, si potrà superare e sconfiggere: abbiamo sempre considerato insufficiente, infatti, ogni proposta politica che ritenga attuabile in diverso rapporto tra i sessi in una società in cui ancora vige lo sfruttamento di classe, cioè la violenza di pochi sul resto dell’umanità.
La pubblicazione di questo libricino, però, apre la strada a riflessioni più generali che vale la pena di affrontare.

In primo luogo, merita un’attenta riflessione la costruzione del “nemico” che viene veicolata dall’opuscolo. Chi è il possibile violento, quello che fa sentire insicuri, secondo il vademecum del Comune di Roma? Ovviamente, l’estraneo: il turista, l’immigrato, ma anche il manifestante (?). Ovvero colui che è percepito come esterno alla comunità, colui che viene “da fuori”. È questo il brodo culturale in cui si sviluppano deliri come quelli che hanno subito accusato gli islamici degli attentati di Oslo o che, poi, hanno descritto Brevik come un “folle”: il male deve venire “da fuori”, non è pensabile dentro la comunità. Una sguardo ai dati statistici sulla violenza sulle donne, però, dimostra che solo l’1% di esse è perpetrata da estranei, mentre l’80% da partner o da ex-partner e il restante 19% da conoscenti, amici e familiari (leggi). La scelta di fare un opuscolo sui pericoli che una donna può trovare fuori casa, presso persone che non conosce, quindi, non può che essere una scelta politica.

In secondo luogo, ci dobbiamo chiedere a cosa serve impaurire le donne. E il resto dei cittadini, in generale. L’opuscolo infatti afferma di dare indicazioni «per risolvere semplicemente con un gesto una situazione che altrimenti rischierebbe di complicarsi pure fino alla tragedia». Una tragedia, dunque, qualcosa che fa paura. Sappiamo che chi ha paura è più debole rispetto a chi non ne ha, è meno pronto a reagire: ogni tentativo di venire in contro alle esigenze delle donne, quindi, dovrebbe in realtà renderle più sicure, non più impaurite. E allora perché l’opuscolo fa il contrario? Scrive Foucault in Sorvegliare e punire che «la cronaca nera, con la sua abbondanza quotidiana, rende accettabile l’insieme di controlli e polizia che rastrellano la città» (p. 316). Pensiamo che questo genere di opuscoli abbiano lo stesso scopo, tanto che c’è scritto chiaramente che «le Forze dell’Ordine sono con te»: le forze dell’ordine, ovvero quelle che ti seviziano e ti stuprano se vieni arrestata ti seviziano nelle carceri e nei commissariati. Però, appunto, una popolazione impaurita è più incline ad accettare misure repressive, principalmente dirette contro quegli “estranei” di cui parlavamo sopra. È più incline ad accettare uno stato di eccezione, una soppressione dei diritti. E, come ha messo in luce Walter Benjamin, «la tradizione degli oppressi ci insegna che lo “stato di eccezione” in cui viviamo è la regola».

In terzo luogo, la diffusione di materiale preventivo (per le malattie, per la violenza, ormai per tutto) non è politicamente neutro, ma fortemente connotato in senso neoliberista. Leggevamo qualche giorno fa in un bellissimo studio su una comunità di eroinomani homeless di San Francisco, pubblicato da DeriveApprodi (P. Bourgois, J. Schonberg, Reietti e fuorilegge. Antropologia della violenza nella metropoli americana), delle parole in questo senso illuminanti: «Questo tipo di intervento centrato sull’informazione riflette la storica svolta della politica sanitaria del neoliberismo. Invece di intervenire in interventi strutturali per proteggere la salute dei suoi cittadini, lo Stato definisce la salute nei termini della responsabilità morale individuale di scegliere uno stile di vita che eviti il rischio» (p. 145). Quindi, ad esempio, nelle politiche neoliberiste ti dicono di farti gli screening per prevenire il cancro, di non fumare, ecc., ma poi tagliano la sanità e le cure diventano per pochi: del resto, se lo Stato ti dice come prevenire il cancro ma ti viene lo stesso – è questo il pensiero forte dietro queste politiche – un po’ deve essere anche colpa tua. E lo stesso vale per il vademecum sulla violenza: se il Comune ti suggerisce come fare a non essere stuprata e tu – magari vestita in modo “appariscente” – vieni stuprata, un po’ te la devi essere cercata. La politica, quindi, non si sforza di agire in senso culturale per contrastare una visione del corpo delle donne come di un oggetto (visione, questa, politicamente trasversale, da forza nuova al pd all’Unità), ma responsabilizza le donne: se ti aggrediscono, è perché non sei stata abbastanza attenta. Del resto, nella sua prima pagina, è lo stesso vademecum che dice «Non possiamo impedire che le cose avvengano, ma prevenirle e contrastarle sì»: quindi spetta alle donne prevenirle, non agli uomini non aggredirle.

Infine, nelle sue pagine, il vademecum si mostra per un suo ulteriore aspetto: quello di essere un veicolo di pubblicità. Viene infatti sponsorizzato un aggeggio elettronico con cui andare in giro e attraverso cui chiedere aiuto in caso di pericolo. Una specie del Salvavita Beghelli degli anziani, ma per le donne. Costa, l’abbiamo visto sul sito in cui lo vendono, 299 euro. Magari dopo che è stata impaurita per pagine e pagine, una persona è più disposta a spendere metà stipendio per un aggeggio che richiama la mai troppo criticata idea del “braccialetto antistupro”.

Insomma, anche in questo caso il corpo delle donne e la violenza su di esse è usato per veicolato dei messaggi politici, reazionari ed offensivi verso le donne stesse (leggi). Del resto, lo abbiamo già scritto nel passato, Alemanno sfruttando la violenza sulle donne ci ha vinto le elezioni. Ma questo non lo autorizza, però, ad impaurire la gente con i suoi vademecum deliranti. Vademecum che abbiamo il compito di smontare punto per punto.

330 letture totali 1 letture oggi

11 comments to Impaurire la gente? Un lusso che non potete permettervi

  • Non occorre reagire in maniera scomposta: tutto sta nel dare il nome giusto alle cose.
    E il nome giusto per questa cosa è “pubblicità per un apparato elettronico portatile”, visto che ne compare uno all’incirca a metà volumetto.

    Qualcuno potrebbe anche far notare, col debito sarcasmo, che qualsiasi studente di sociologia al primo semestre sa perfettamente che è molto più probabile passare un guaio a causa di un parente, di un partner o di un amico che a causa di un perfetto sconosciuto.
    Ma questo non potevano scrivercelo: il mantenimento del consenso elettorale dipende in modo molto stretto dal clima di odio e di terrore in cui i mass media a servizio della classe “politica” dello stato che occupa la penisola italiana riescono a mantenere i sudditi.
    Sono almeno dieci anni che una pioggia incessante di odio parte dalle gazzette ed investe i bersagli più disparati. La novità sta nel fatto che sempre più persone non possiedono apparati televisivi e non credono al gazzettaio. Una piccola, insperata fortuna.

  • tree

    ok che carabinieri e polizia nel momento del bisogno si presentano con largo ritardo, ok che spesso e volentieri sono approssimativi ok che ci sono abusi di potere, ma da qui a generalizzare “le forze dell’ordine, ovvero quelle che ti seviziano e ti stuprano se vieni arrestata ti seviziano nelle carceri e nei commissariati” ce ne passa..
    Per il resto sottoscrivo l’attenta analisi sociologica

  • s

    Ennesima operazione utile solo a gettare fumo negli occhi alla popolazione, un po’ come i “prostitour” in scooterone del grande sindaco. E ad innalzare la paura.

    Bello l’articolo. Però correggete quel “[...] MIA troppo criticata idea” con “MAI …” ;-)

  • s

    @tree:

    ce ne passa? Neanche tanto…

  • Ile

    Secondo me parlare di “abuso di potere” rientra nel discorso di considerare chi commette questi presunti “abusi” come una “mela marcia”. In realtà è il sistema che è così: quello delle forze dell’ordine è un ambiente violento e sessista. Un ambiente ideale in cui nascono episodi come quelli degli stupri ai cie, delle molestie a bolzaneto, degli stupri nel commissariato del quadraro qua a roma o del maresciallo dei carabinieri di milano.

  • tree

    succedono ovunque, nelle scuole, nei conservatori,ospedali,treni,palestre etc etc..

  • Ile

    Succedono ovunque nelle istituzioni totale in quanto sono espressioni di rapporti di potere (e di forza) diseguali. Ovvero: se io sto in treno, posso anche difendermi con le mie forze, chiamare aiuto, e tutto il resto. Se sto in un ospedale, in una caserma, in una prigione, anche in una scuola, sono completamente in balia di chi mi vuole muovere violenza. E se le persone in cui sono in balia sono intrise di una cultura violenta e sessista, lo strupro e la vessazione (perchè non pensare che la violenza sia solo quella che comprende la violazione sessuale del corpo) diventano la norma.

  • Lorenzo

    @tree:
    “succedono ovunque”, certo, con la differenza che succedono di più dove vigono la legge del branco e l’impunità.
    E va bene che son tanti, ma fra omicidi, stupri, torture, uso/spaccio di droga ed altre cosucce non passa giorno che non se ne senta una in cui c’entrino (in?)degni rappresentanti delle forze dell’ordine. Eppure un allarme-sbirri non è mai stato lanciato da media o politicanti, chissà perchè! Sempre “mele marce” sono…ma QUANTE cazzo sono???

  • Alessandro

    La storia dell’aggeggetto che ti vendono alla fine del manualetto fa veramente rabbrividire…cioè prima ti impauriscono (con mucchi di cazzate) poi ti vendono la cosa che ti salva dai guai (see..)non ho parole.
    Qui stiamo oltre 1984..

  • rebeldia

    Melania, Sara, Chiara, Simonetta,potrei continuare all’infinito nell’elenco delle vittime della violenza familiare, quella frutto di una cultura arretrata, che considera la donna come un oggetto da utilizzare, percuotere, ed infine uccidere, quando la ragione viene sottomessa dall’istinto piu’ brutale.Questo messaggio del sindaco è da rifiutare , come sempre del resto, in quanto rappresenta un modo di far politica ridicolo, senza un minimo di progettualita, tutto teso a spaventare e reprimere. Le donne hanno altri problemi, la mancanza di lavoro, la disparita’ sul posto di lavoro, la mancanza di asili nido, il peso di sostenere gli anziani malati in famiglia, insomma tutto quello di cui si dovrebbe occupare uno stato ed una politica moderna, mentre qui abbiamo solo un patetico personaggio, che ogni volta , in confusione totale indossa il casco e parte in giro per una citta, che dimostra ancora una volta di non conoscere e non capire.Il taglio delle risorse mettera’ in crisi le case per le donne, strutture apposite per quelle vittime dei maltrattamenti, ed allora mi domando a cosa serva sponsorizzare un progetto,quando poi distruggi tutte le strutture di sostegno pubbliche?? Come sempre, caro sindaco l’invito è quello di levarti dalle palle, tu e la tua demagogia da quattro soldi, frutto di una visione maschilista della societa’, del resto sei una camicia nera e la tua cultura è quella della sopraffazione.

  • Antifa Militante

    Quella che ha scritto sto libricino..ha detto che ci ha messo un anno!!!!Un anno per scrivere tutte ste stronzate…c’è gente che in un anno ha scritto libri che sono passati alla storia…se lo dicevano a me con 30 minuti gli facevo anche la grafica.Daje Aledanno che con gli opuscoli ora fai la sicurezza per Roma.

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>