APPUNTAMENTI

metropoli_e_periferie_2016-05-23

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

30 May :
1977 A Roma i fascisti devastano il liceo J. F. Kennedy e la scuola media Victor Hugo.

STATS

La nostra settimana del ricordo prosegue: contestato Cristicchi a Firenze

Nella serata di ieri, con i nostri compagni della rete Noi saremo tutto e i compagni della Rete Antifascista di Firenze, abbiamo contestato a Scandicci, vicino Firenze, lo spettacolo “Magazzino 18″ di Simone Cristicchi. L’iniziativa si colloca all’interno della nostra settimana del ricordo, ovviamente di stampo anti-revisionista. Diamo appuntamento, quindi, alla Mensa Occupata (via Mezzocannone 14 – Napoli) per il convegno che si terrà venerdì 7 febbraio alle ore 17, dal titolo Il mito delle foibe: riscrivere il passato per dominare il presente.

da noisaremotutto.org

Ieri sera siamo stati in quel di Scandicci, dove insieme alla Rete Antifascista di Firenze abbiamo contestato lo spregevole spettacolo revisionista, filo-nazionalista e impregnato di retorica anti-slava di Simone Cristicchi, “Magazzino 18”. Come tante volte ribadito, è proprio questo vasto mondo di intellettualità vicina alla sinistra del PD, apparentemente sincera democratica, che in questi anni ha contribuito a sdoganare i peggiori revisionismi e a veicolare la peggiore feccia nazionalista, buonista e pacificata della storia e delle sue ricadute politiche. Lo strumento dell’artista “di sinistra” in questi anni ha aperto voragini nella cultura politica di questo paese, contribuendo in maniera decisiva a sdoganare discorsi, retoriche, visioni del mondo un tempo appannaggio unicamente dell’estrema destra. Non che il Cristicchi si fosse mai contraddistinto per una sua specifica appartenenza – oggi va di moda l’intellettuale “desengagè”, lontano da qualsiasi possibile organicità politica – ma in ogni caso così è percepito dal vasto pubblico di una certa sinistra salottiera. Purtroppo, lo stesso pubblico presente nel teatro di Scandicci, che infatti dapprima ha scambiato la contestazione per una provocazione della destra, poi capito il guazzabuglio politico nel quale si trovava ha comunque reagito ricordando i bei tempi del fu PCI: nessun nemico a sinistra, e l’intellettuale vicino al partito non si tocca, men che meno da gruppi della sinistra radicale che in fin dei conti sono simili ai fascisti. Ieri erano tutti istriani, dalmati, con almeno un parente ucciso nelle foibe, così come da Pansa erano tutti partigiani da otto generazioni. Peccato che gli istriani, quelli veri – comunisti – ieri sera stavano con noi a contestare il Cristicchi nazionale, tagliando le gambe anche alle scontate diatribe su chi aveva vissuto in prima persona le vicende che “Magazzino 18” si incaricava di reinventare. Peccato anche che ieri, oltre a noi come Collettivo e come Rete nazionale Noi Saremo Tutto, c’era anche tutta la Firenze antifascista, quella che ancora si mobilita e impedisce alle destre di ogni forma e definizione di prendersi tutti quei spazi che un certo tipo di “sinistra” concederebbe loro.

Non reputiamo neanche opportuno addentrarci nel merito della visione storica proposta dallo spettacolo, talmente raffazzonata da risultare indigesta anche al più fervente anti-comunista. L’Istria dipinta come italiana da sempre, tanto italiana che anche vecchie canzoni popolari, come dice Cristicchi, la ritraggono come terra dove “anche le pietre parlano italiano”. Peccato che la canzone citata nello spettacolo, addirittura cantata, sia “Di là dall’acqua” della “compagnia dell’anello”, storico gruppo neofascista. Altro che canzoni popolari: Cristicchi ha ripreso un po’ di ideologia patriottica alla Alleanza Nazionale, un po’ di neofascismo, e ci ha costruito sopra uno spettacolo stracolmo di invenzioni storiche, prima fra le quali il forzatissimo legame causa-effetto tra foibe ed esodo, viste come un continuum temporale-politico per cui l’uno discenderebbe dall’altro. Fandonie un tanto al chilo, come abbiamo cercato di spiegare nel tentativo di ricostruzione storica e politica di quelle vicende qualche giorno fa. Buone per qualche discorso pacificatorio alla Napolitano o alla Smeriglio, ma non certo utili a chiarire quegli aspetti della storia decisivi per il nostro paese e per la coscienza delle popolazioni di confine.

Chiudiamo augurandoci che da oggi in poi, dovunque vada, il nazionalista Cristicchi venga accolto come merita, smascherando la sua triste operazione politica e ideologica e ribadendo che la verità storica alberga da altre parti, distanti anni luce dal suo spettacolino superficiale.

In calce a questo post, il volantino distribuito ieri al teatro. A breve anche il video della contestazione. Morte al fascismo, libertà ai popoli! Contro la giornata del ricordo, noi ricordiamo tutto!

3603 letture totali 8 letture oggi

7 comments to La nostra settimana del ricordo prosegue: contestato Cristicchi a Firenze

  • Pablo

    Mi auguro che così come Pansa non ebbe più la possibilità di presentare il suo libro di merda, così anche Cristicchi incontri per la sua strada contestazioni simili. Ne dubito, perchè un conto è difendere la Resistenza, che a parole dicono tutti di onorare, un altro è fare un discorso critico sul fascismo di confine, il nazionalismo italiano e la vicenda delle foibe. Su tale argomento ormai destra e sinistra viaggiano a braccetto, scovare le differenze tra una dichiarazione di Giorgia Meloni o una di Massimiliano Smeriglio è arduo. Ma l’indicazione che arriva dai compagni come Militant che mantengono fermo il punto andrebbe raccolta, moltiplicata, approfondita. Difficile. Anche perchè questa merdina di Cristicchi è andato a presentare lo spettacolo anche a Trieste, anche in Istria, a Pola, e niente è successo. Anche laddove sono ancora vivi i segni della politica razzista italiana nessuno ha avuto la forza di impedire la presentazione di tale scempio culturale. Magari serviva solo dare l’esempio. Magari.

  • nino

    veramente a Pola gli hanno tagliato le gomme del tir. :-)

  • Prima di tutto un saluto ai compagni di Militant; anch’io ero ieri sera a Scandicci e ho avuto modo di vedere coi miei occhi i “sinceri democratici” presenti all’Aurora. Al di là del miserevole Cristicchi, credo che il vero e triste “spettacolo” siano stati loro.
    Segnalo tra l’altro che non è tardata ad arrivare la sentita “solidarietà” a Cristicchi dei fascisti di Fratelli d’Italia:

    http://press.comune.fi.it/hcm/hcm5353-9_1_1-Torselli+%28FdI%29%3A+%22Vergognoso+assalto+allo+spettacol.html?cm_id_details=70214&id_padre=4473

    Come si dice: “Tout se tient”…

  • sandi

    Per Nino – In realtà la storia delle gomme tagliate l’ha strombazzata Il Piccolo di Trieste, ma secondo altre fonti in realtà non è accaduto proprio nulla. Parrebbe che il Piccolo (organo del giro Espresso/Repubblica) abbia cercato la provocazione. Pare anche che al di la delle dichiarazioni, sempre de Il Piccolo, sui pienoni per gli spettacoli a TS e in Istria, le cose siano andate molto diversamente, con vasti vuoti nelle sale.

  • [...] Questo, in breve, è il contesto storico volutamente dimenticato dai revisionisti nostrani quando parlano di foibe e da “artisti” “di sinistra” come Simone Cristicchi che proprio sulle foibe ha realizzato “Magazzino 18”, una rappresentazione teatrale volta a “raccontarne il dramma”, portata in scena al teatro Aurora di Scandicci il 30 gennaio 2014 e duramente contestata dai compagni del collettivo Firenze Antifascista. [...]

  • Saverio

    Peccato che finora siete stati gli unici (per quanto ne so) a contestare questa vergognosa farsa.
    Vi segnalo l’ultimo post dei Wu Ming(dove siete ovviamente citati..): http://www.wumingfoundation.com/giap/?p=16149&utm_source=feedburner&utm_medium=email&utm_campaign=Feed%3A+giap+%28giap%29
    Bona

    Saverio

  • stefanots

    cristicchi : l’ignoranza c’è ancora tutta, ma adesso prevale la malafede.

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>