INFOSHOP AUT-LET

Il vostro carrello è vuoto
Visitate il negozio

APPUNTAMENTI

10702177_1499799153617937_2856473254555233665_n

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUT-LET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

STATS

CAMPAGNE

Il cor(ro)sivo della Militant

Come qualcuno ricorderà due anni or sono, insieme ad altri compagne e compagni, andammo a contestare San Sonetti (patrono dei fascisti del III millennio) in occasione della festa de “Gli Altri” (leggi). Forse ricorderete pure che il nostro “democraticissimo” Piero insieme ad altri redattori del suo giornale ed anime belle dell’a-sinistra aveva da poco sottoscritto un appello promosso da Ca$apound in cui si richiedeva la libertà di marciare anche per i cameratti, fingendo di ignorare che così facendo contribuiva a sdoganare da “sinistra” chi delle aggressioni vigliacche ai danni dei compagni aveva fatto uno stile di vita. Continua a leggere »

Marchionne e la produttività

 

Circa due anni fa iniziava il braccio di ferro fra Marchionne e gli operai della Fiat. In realtà, sebbene la vicenda fosse drammatica anche di per sé, racchiudeva soprattutto il nocciolo delle relazioni industriali che si andavano modificando in questo paese. Come sappiamo gli operai – nonostante una lotta di classe durissima, nonostante il no al referendum (vinto solo grazie al terrorismo psicologico e alla partecipazione al voto dei colletti bianchi), nonostante una sovraesposizione della FIOM che mise in gioco in quella campagna tutta la sua forza organizzativa – persero quella partita. Marchionne e la Fiat l’ebbero vinta su tutto. Termini Imerese venne chiuso; venne riformata la contrattazione aziendale; la Fiom, cioè il sindacato più rappresentativo fra i lavoratori Fiat, venne espulso dalla fabbrica stessa. Continua a leggere »

Pakistan: storie di ordinario profitto.

Storie di ordinario profitto. Se mai dovessero fare un libro o un’inchiesta su quanto accaduto questi giorni in Pakistan potremmo suggerire questo titolo. A Lahore è andata a fuoco una fabbrica di suole per scarpe e 25 lavoratori hanno perso la vita, sono bruciati vivi. La stessa orrenda sorte è capitata alle operaie e agli operai di una fabbrica tessile a Karachi, dove un incendio durato diverse ore ha devastato lo stabile di proprietà della “Ali Enterprises”. Continua a leggere »

L’estate del rosso-bruno

 

Da qualche settimana il termine “rossobruno” vive una seconda giovinezza. Poche discussioni politiche possono svolgersi senza che venga tirato fuori il decisivo epiteto, utile come battuta o come scomunica a seconda dei casi. Il più delle volte, però, questo termine viene citato a sproposito, non contestualizzato o non completamente inteso. Ogni tanto diviene, semplicisticamente, sinonimo di fascista, dunque vengono identificati i rossobruni con “quelli di casapound” (o cose simili). Altre volte viene usato al posto di nazista, determinato non da una particolare presa di coscienza, quanto dall’assonanza alle famigerate “camicie brune” naziste, le SA. A volte, ci è anche capitato di udire discussioni in cui rossobruno veniva utilizzato, a cuor leggero, come offesa ai “compagni che sbagliavano”, quei compagni che magari assumevano posizioni vicine alla destra neofascista. Continua a leggere »

La prima pagina di Repubblica che non vi sareste mai sognati di leggere.

E’ inutile nasconderselo, da 14 anni ci sono cinque cubani innocenti condannati a pene spropositate e sepolti nelle carceri USA, eppure in Italia all’opinione pubblica progressista di questa cosa non importa un bel nulla. Che fare? ci siamo chiesti. Come riuscire a far conoscere la storia di Antonio Guerrero Rodríguez, Fernando González Llort, Gerardo Hernández Nordelo, Ramón Labañino Salazar e René González Sehwerert? Poi c’è venuta un’idea bislacca… ma se ci riescono loro, i padroni, perchè non tentare anche noi. Perchè non provare con una bella prima pagina di Repubblica? Hai visto mai riuscissimo a smuovere qualche dirittoumanista almeno per una volta a favore di Cuba? Ahò, tentar non nuoce. Quindi se anche tu conosci qualche anima bella pronta ad indignarsi ad ogni stormir di fronda firmata da Scalfari, scarica questa pagina e spediscigliela.

Vota Anto’, vota Anto’… vota Antonio

Come scrivevamo gia qualche settimana fa (leggi) con ogni probabilità la prossima primavera saremo chiamati a votare per le prime elezioni amministrative nazionali, una nuova competizione elettorale che sostituirà le ormai obsolete quanto inutili elezioni politiche. A partire da quel giorno Palazzo Chigi verrà occupata da quello che potremo definire il primo Sindaco d’Italia che andrà a prendere il posto del Primo Ministro, una figura evidentemente non più funzionale ai processi di valorizzazione del Capitale. Continua a leggere »

Consigli (o sconsigli) per gli acquisti

 

La storia, si dice, “la fanno i vincitori” ed è un lamento che spesso accomuna i vinti. Qualcun altro, maliziosamente, corregge: “la storia la fanno i sopravvissuti, che spesso non appartengono né ai vinti, né ai vincitori”. Sarà, ma a volte sembra che proprio i sopravvissuti siano “senza voce”: non possono dare la loro versione perché nessuno li ha mai ascoltati, intervistati, interrogati. Che sia un conflitto bellico, una guerra civile, una crisi economica, un caro-benzina: non vengono ascoltati, nessuno presta attenzione alle loro richieste, sono continuamente scavalcati dagli opinion leader, dai lobbisti, dalle corporazioni, dai giornalisti-servi, dai portavoce. Destinati all’oblio, raramente trovano una sponda propizia. Quando accade, è necessario parlare di “storia sociale”. Continua a leggere »