APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

Aiutaci a sostenere i costi dell'attività politica

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

3 July :
1969 Rivolta di Corso Traiano a Torino. Forti cariche di polizia accompagnano una manifestazione operaia, è l'inizio anticipato dell'Autunno caldo

STATS

28 aprile 1945… guarda come dondolo…

Buon 28 aprile a tutti e tutte, e ricordiamogli che le iscrizioni sono sempre aperte…

ACHTUNG BANDITEN 2013… tempo di bilanci

Tirato il fiato dopo una due giorni per noi particolarmente impegnativa (a cui hanno fatto seguito i cortei e i banchetti del 25 aprile) proviamo come è nostra consuetudine a farci due conti in tasca, politicamente ed economicamente. Per quel che concerne il primo aspetto possiamo dirci particolarmente soddisfatti. Continua a leggere »

I fascisti e l’accento svedese

A volte alcune vicende sono talmente ridicole che meritano d’essere commentate. A Roma, su un muro di largo passamonti (zona San Lorenzo) da anni campeggia una scritta fatta dai compagni che recita “Lode e gloria, viva i partigiani”. Ogni tanto il decoro urbano la cancella, ma dopo pochi minuti la scritta torna al suo posto. Indelebile. L’altra notte un gruppo di “ardimentosi” fascisti ha pensato bene di dare prova del proprio “coraggio” tirando ben due secchielli di tinta bianca contro la scritta (vedi). Continua a leggere »

Lander libero! Blitz al Parlamento Europeo

da contropiano.org:

Continua la battaglia contro l’estradizione in Spagna dell’attivista basco Lander Fernandez. Stamattina blitz alla sede del Parlamento Europeo di Roma.

Nuova iniziativa di solidarietà questa mattina, nei confronti di Lander Fernandez, l’attivista basco agli arresti domiciliari la cui estradizione in Spagna – dove verrebbe processato per terrorismo – è stata recentemente confermata dai giudici della Corte di Cassazione.
Dopo aver partecipato lo scorso 17 aprile alla manifestazione indetta davanti al Colosseo in solidarietà con i prigionieri politici palestinesi, curdi e di altri popoli oppressi, gli attivisti del Comitato ‘Un caso basco a Roma’ a metà mattinata hanno occupato l’androne di ingresso della sede del Parlamento Europeo nella capitale, in via IV novembre, esponendo uno striscione che recitava ‘Lander askatu’ (Lander libero, in lingua basca) e gridando slogan contro la consegna a Madrid del militante basco ormai agli arresti domiciliari dal 15 giugno del 2012.
La sua estradizione in Spagna potrebbe essere questione di ore, o di pochi giorni, visto che la sentenza di estradizione emessa dalla Corte di Cassazione è già arrivata sulla scrivania del Ministro della Giustizia Paola Severino, che dal punto di vista politico ha l’ultima parola sul provvedimento.

Continua a leggere »

ACHTUNG BANDITEN (seconda edizione)

Continua a leggere »

PER CHI SCENDE DALLE MONTAGNE DEL SAPONE

“Golpe bianco”, “golpe suave”, “golpettino”, “semi-presidenzialismo”, “presidenzialismo”, “monarchia”, “dittatura”: si sprecano i commenti indignati per le vicende politiche dello scorso finesettimana che hanno consegnato al Paese una riconferma di Giorgio Napolitano alla Presidenza della Repubblica, con una tempistica troppo perfetta per non far pensare effettivamente al biscotto pronto da tempo. Continua a leggere »

Consigli (o sconsigli) per gli acquisti

È con molto piacere che a pochi giorni dal 25 aprile recensiamo e consigliamo il nuovo libro di Massimo Recchioni, Francesco Moranino, il comandante «Gemisto». Un processo alla Resistenza, pubblicato da qualche settimana per i tipi di Derive Approdi.

Un libro importante, quello di Recchioni, che smonta e confuta una certa retorica revisionista in vigore da qualche anno in Italia, quella che attribuisce ai comunisti l’egemonia sulla memoria della Resistenza dal 1944 in poi. Continua a leggere »