APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

17 September :
1939 - L'Unione Sovietica attacca la Polonia ormai in mano nazista

1980: GIUSTIZIATO IL DITTATORE ANASTASIO SOMOZA DEBAYLE

STATS

Alcune riflessioni sulla manifestazione del 19 ottobre

Passato qualche giorno, è possibile riflettere con maggiore lucidità sulle mobilitazioni di questo ottobre e in particolare sull’evento principale, la manifestazione di sabato scorso. E’ importante valutare attentamente questa prima fase dell’autunno, perché ci sembra porti con se delle interessanti novità e alcuni storici problemi. Dividiamo perciò in due il ragionamento, partendo dai diversi dati positivi e analizzando successivamente le criticità.

Una nuova radicalità diffusa

Il dato sicuramente più evidente è quello numerico. Nonostante l’organizzazione e la promozione della manifestazione venissero portate avanti con convinzione, non ci nascondiamo che le nostre previsioni erano assolutamente pessimistiche. L’ondata emotiva dell’indignazione europea, che aveva caratterizzato il corteo di due anni fa, è chiaramente passata. Allo stesso tempo, anche quella mitologia da “popoli in rivolta” che hanno lasciato dietro di se le cosiddette “primavere arabe” è sempre più un ricordo sbiadito. Insomma, se il 15 ottobre 2011 poteva collocarsi in un quadro internazionale di marea montante generalizzata (per quanto esagerata), sabato i movimenti italiani viaggiavano più o meno da soli.

Oltre a questo, da diversi mesi la manifestazione veniva descritta come la solita vetrina dei “duri e puri”, il momento catartico dove dare sfogo alla frustrazione sociale, prodotta dalla crisi, dei settori più violenti e marginali della società. Anche qui la differenza col 15 ottobre 2011 era lampante. Mentre lì scese in piazza tutta la sinistra, il tentativo demonizzante di questo 19 la rendeva, nell’immaginario, una manifestazione molto più ristretta e molto più radicale. Anche questo fattore dunque non aiutava alla partecipazione al corteo delle cerchie non immediatamente militanti.

Terzo problema, la manifestazione della “sinistra giudiziaria” il 12 ottobre. L’immediata contrapposizione fra la manifestazione dei buoni e quella dei cattivi, fra la sinistra responsabile e quella impresentabile, rendeva ancora più arduo tentare di portare in piazza, nella piazza dei movimenti del 19, pezzi di società più larghi delle nostre solite – e sempre più ristrette – cerchie. L’indizione, due settimane prima, di una manifestazione il 12 ottobre, il tentativo di vari organi di promuovere il 12 oscurando il 19 (ad esempio, il Manifesto), pezzi di movimento che occhieggiavano al 12 non curandosi del 19 (ad esempio, Casarini), avevano di fatto creato il clima adatto per una scarsa partecipazione del corteo di sabato, soprattutto dopo l’ottima prova numerica dello stesso 12, che aveva visto una partecipazione di almeno 40 mila persone.

Tutto questo è stato smentito sabato. Oltre ogni previsione, almeno 70 mila persone sono scese, fregandosene della retorica mediatica demonizzante, a manifestare in un corteo che esprimeva una radicalità notevole, con delle parole d’ordine che qualche anno fa avrebbero portato in piazza forse mille persone. Non erano solo “casa e reddito”, le due parole chiave attorno alle quali, dalla scorsa primavera, si stava organizzando questo corteo. Era il corteo della lotta No Tav, e soprattutto delle sue organizzazioni più radicali. Era il corteo di chi occupa le case, cioè di chi compie una sacrosanta azione illegale per riaffermare un diritto sociale primario (alla faccia della sinistra legalitaria). Era il corteo della sinistra anticapitalista, che sebbene non abbia chiari i suoi obiettivi, ha invece evidenti i suoi nemici: l’attuale sistema economico di produzione, e il suo naturale corollario politico rappresentato dalla democrazia liberale. Questi fattori, lungi dallo spaventare la gente e relegarci in un cantuccio slegato da ogni dinamica reale, hanno motivato un pezzo importante di popolazione ad accorrere sabato a Roma. Anni di moderazione movimentista mascherata da intelligenza tattica hanno avuto sabato la loro riposta. Il corteo della sinistra “illegalitaria” doppia quello della sinistra per la Costituzione, la magistratura democratica e il legalismo pervadente. Chiarendo una volta per tutte quale sia la volontà di una fascia di popolazione sempre più larga, sempre più trasversale. Per inciso, quella parte di popolazione che non vota più, che si astiene, non legittimando un sistema politico ormai completamente “altro” dai bisogni politici di questa massa. Non era in ogni caso uno scontro fra cortei diversi, ma a bocce ferme è possibile comunque riaffermare che radicalità non fa rima con marginalità, se questa è interpretata in maniera intelligente e creativa.

Il secondo dato positivo riguarda la composizione del corteo, cioè il suo aspetto qualitativo. Il solo dato numerico non può bastare per giudicare positivamente una manifestazione, soprattutto guardando al futuro. In questi anni alcuni cortei della sinistra parlamentare (o trombata alle elezioni, il che è lo stesso – Sel, Prc, Pdci, Fiom, ecc…) avevano espresso dei buoni dati numerici. Ad esempio, la manifestazione dello scorso anno contro Monti e l’austerità. Ma erano cortei inservibili, soliti e stanchi rituali che portavano in piazza una composizione ovviamente dignitosa ma politicamente inservibile. Inservibile perché quella composizione era chiusa in se stessa, rivolta al passato, fatta di militanti dei vari partiti e da pensionati richiamati all’ordine dal sindacato di turno, e che se socialmente costituiva un pezzo importante della classe, politicamente era assolutamente inutile, perché legata ad un liderismo riformista che usava – e usa – quei numeri per la costruzione del suo piccolo partitino, la sua piccola scalata sindacale, il suo piccolo gruppo d’influenza.

Sabato, invece, la piazza era si multiforme, ma non eterogenea. In piazza c’era un pezzo importante del vecchio e nuovo proletariato. C’era una forte composizione precaria (del precariato vero, non quello cognitivo di chi passa da un master ad un dottorato di anno in anno); una fortissima presenza di migranti; una fondamentale partecipazione di quell’eccedenza che due anni fa si esprimeva in quei modi e che sabato ha avuto la forza di smontare la narrazione tossica precostituita, dimostrando che la rivolta di piazza la si fa quando si hanno le forze e gli obiettivi politici (tipo evitare gli accordi con Sel), non ad uso e consumo dei media. Un blocco sociale sostanziale che può diventare la base di una nuova ricomposizione politica. Almeno nelle premesse, le condizioni ci sono tutte.

Per concludere, dunque, sabato si è avuta la dimostrazione di come esista nel paese una nuova e consapevole radicalità diffusa, che non si lascia impaurire dalle retoriche mediatiche, che partecipa in massa a cortei che hanno come obiettivi politici quello della rivolta generalizzata contro l’attuale sistema di sviluppo, e che nel portare avanti questi obiettivi si serve anche di pratiche illegali, dell’uso della forza e della riaffermazione della propria autonomia di fronte alle neutrali logiche legalitarie. La stessa logica che ha portato all’affermazione e allo sviluppo del movimento No Tav, quella cioè di tenere unito il momento partecipato a quello militante, il momento democratico a quello rivoluzionario, il piano dell’azione diretta e quello dell’illegalità diffusa. Creando, attorno a queste pratiche, consenso popolare.

Vecchi e nuovi errori

Questo insieme di dati positivi, che fa pendere la bilancia del corteo nettamente a favore del dato politico sostanziale, non può però nascondere alcuni errori da cui questo autunno dovrebbe essere preservato. Qualche giorno dopo il corteo del 15 ottobre 2011, Wu Ming esprimeva l’idea che la forma corteo, così come storicamente prodottasi e come diffusamente immaginata, in Italia stava arrivando a conclusione. Dopo le giornate del 14 dicembre e del 15 ottobre, la forma corteo, almeno in Italia, andava assumendo un’altra valenza, un altro significato, e probabilmente andava incontro a un lento ma inesorabile declino. Forse l’analisi era troppo affrettata. Una delle forme storiche che il movimento operaio, da secoli, ha espresso per rappresentare se stesso e le lotte che porta avanti, difficilmente entra in crisi per due manifestazioni che escono dai canoni del prevedibile. Finchè il movimento di classe non trova altre forme per rappresentarsi, la manifestazione, il corteo, nonché tutto l’armamentario pratico di cui si serve per dare risonanza alla propria lotta, continuerà a rimanere valido ed utilizzato. Detto questo, però, Wu Ming non si sbagliava del tutto. La forma corteo si è storicamente prodotta come momento finale, o mediano, di rappresentanza di se stessi. Ogni passaggio significativo delle lotte di classe era intervallato da una manifestazione, che in sostanza esprimeva il bisogno di visibilità. La manifestazione costituiva il momento culminante di una o di varie lotte. Il momento in cui si ricercava visibilità e si ponevano le premesse per una allargamento numerico di quanti sostenevano la determinata lotta. Da un po’ di tempo invece il meccanismo si è inceppato: invece di essere il momento culminante, in assenza di reale movimento di classe, si utilizza la forma corteo per tentare di creare artificialmente quella scintilla che possa dare fuoco alla prateria. In assenza di conflittualità diffusa, si punta sull’effetto visibilità per creare quella conflittualità, sperando in un suo proseguo una volta dato l’esempio dall’alto, o dal centro. Ma questo è un modo artificiale, e in questi anni dimostratosi inservibile, di creare conflittualità e utilizzare la forma corteo. Se il corteo dev’essere utilizzato come momento iniziale di un possibile percorso di lotta, siamo d’accordo con Wu Ming: questo diverrà sempre più inservibile, e andrà perdendo inesorabilmente il proprio significato. Sempre più frustrati da scopi politici inarrivabili, obiettivi militanti lungo i percorsi preclusi a una reale pratica dell’obiettivo, iperfetazione di azioni e di flashmobbing, c’è il rischio che cortei del genere si trasformino in momenti di sfogo piuttosto che in strumenti di visibilità. E questo potrebbe produrre non tanto la fine della forma corteo, quanto la sua progressiva irrilevanza politica.

Se una manifestazione viene chiamata sulla scorta di parole d’ordine quali sollevazione, assalto, assedio, ecc…se poi questo non si produce c’è il rischio di credere che o la manifestazione si trasformi continuamente nel 15 ottobre/14 dicembre o non sia riuscita. Il problema è che non è la manifestazione che produce l’assedio, ma le lotte di classe, di cui questa costituisce il momento di visibilità, che lo determinano. Non si possono sostituire queste con degli scontri di piazza. Questi producono risultati se c’è un obiettivo politico immediato e realizzabile attraverso di questi. Ma sabato questo obiettivo non c’era. E il 15 ottobre non è stato politicamente importante perché ha prodotto una sollevazione di piazza, ma perché il soggetto di quella sollevazione era costituito da un’eccedenza sociale che ha scavalcato tutte le organizzazioni politiche, e che dunque, nella sua disperata ricerca d’espressività e nella riaffermazione della propria autonomia, ha deciso di rappresentarsi attraverso quella modalità. Il dato interessante, che sarebbe stato obbligatorio analizzare, non era lo scontro di piazza, ma il soggetto protagonista, espressione della nuova composizione di classe. 

Detto questo, crediamo sia dunque un fatto positivo che il corteo non si sia trasformato in rivolta di piazza, in assenza dell’obiettivo politico. Questa rivolta, necessaria, dev’essere prodotta da lotte reali, e non risultare dalla frustrazione di chi non vede obiettivi politici immediati durante una manifestazione e crede che il processo di lotta si possa bypassare con una sua rappresentazione mediatica. Ogni strumento funziona se rimane, appunto, strumento, e non fine in se. Lo scontro di piazza è lo strumento con cui portare avanti le proprie battaglie. Se si trasforma in fallo di frustrazione, perde la sua efficacia.

7199 letture totali 2 letture oggi

10 comments to Alcune riflessioni sulla manifestazione del 19 ottobre

  • roberto

    bell’articolo. Anche se mi pare che la manifestazione del 12 ottobre i 40 mila se li sogna. Quella manifestazione è stata un flop totale. L’unico soggetto in qualche modo dignitoso di quella mobilitazione non si è mobilitato affatto (la FIOM). In realtà rispetto ad altre chiamate (con tutti i limiti che evidenziate) come il NO MONTI DAY dell’anno scorso il 12 ottobre segnava una evidentissima regressione sui contenuti e una totale volontà di delega verso il nemico (un centrosinistra diverso…).
    Ovviamente, a mio giudizio, ora la partita si sposta sui territori dove, chi ha interesse a far prevalere le analisi di classe deve lavorare politicamente sui soggetti del 18-19 ottobre. Ci vorrà pazienza e militanza. Però è un buon inizio.

  • a mio modestissimo parere le giornate del 18 e 19 potrebbero rappresentare una, se pur incompleta , ricomposizione della “fratura2 tra soggettività politica e soggettività sociale. Frattura dovuta prima di tutto dalla malaugurata stagione del governo di “solidarietà nazionale” e dalle leggi emergenziali che hanno poi prodotto la fratturta generazionale iniziata negli anni ’80 e proseguita con la spoliticizzazione e individualismo sfrenato. Il berlusconismo (non certo Berlusconi che non reputo così illuminato stratega), non è stato altro che la rappresentazione sociale e anche parlamentare di questa tendenza, Baudrillard anni fà parlava e teorizzava “l’autismo della politica”, come sviluppo delle attuali forme di rappresentazione parlamentare. Il 18 e 19 potrebbero aver saltato questa fase e ora la deve senz’altro attualizzare creando forme di aggregazione e rappresentanza sociale “nuove”, ma non nuove nel senso postmodernista che, se non sbaglio, posso vederlo nelle forme che sta assumendo il moVimento 5 stelle. Non voglio fare quì l’errore di confondere l’albero ( Grillo e la Casaleggio&Associati) con la foresta (i soggetti e le persone presenti nel M5s), bensì mettere l’accento e l’attenzione sulla composizione di classe in essa presente. Composizione di classe che abbiamo visto in campo e protgonista nelle giornate del 18 e 19. Si può anche dire allora:”…ben scavato vecchia talpa!”. Si deve ora far uscire la “talpa” dal tunnel che è comuncue presente nel “sottosuolo” della società. Il comunismo cari compagni è una soggettività “sotterranea” che vive e lavora sulle contraddizioni che una società capitalista produce,: Tutto ciò fino al momento nel quale emergerà e allora saranno problemi seri per l’avversario di classe. Scusate la lunghezza e la pesantezza del commento ma tant’è! Buon lavoro a tutti!!

  • stefano

    Analisi lucida della giornata…compresa la critica sull’immaginario “vecchio” ed inservibile dell’assedio, della sollevazione. Unico appunto sulle considerazioni relative al NO MONTI DAY che ho letto nel commento sopra: dire che è stata una regressione sui contentuti (unico e solo corteo che abbia ospitato un piccolo spezzone contro l’aggressione imperialista alla Siria) e una delega verso il nemico, equivale a descrivere il 19 ottobre come “vetrina dei duri e puri”.
    Non caschiamo nella patologia “nulla è come prima”, “giro di boa”, “salto qualitativo”….siamo in un river continuum in cui, come spiegato bene nell’articolo, la sollevazione la fanno le lotte ogni giorno e non va invertita la consecutio temporum.

  • roberto

    per Stefano: devo essermi spiegato male. La regressione nei contenuti era il 12 ottobre. La mia, rispetto al NO MONTI DAY era una mini difesa…..La delega verso il centrosinistra nel NO MONTI DAY era inesistente. Io al NO MONTI DAY sono andato e non mi pento. Ovviamente il 19 ottobre è stata tutta una cosa diversa. R.P.

  • stefano

    Pardon Robè…avevo letto male e sono d’accordo con quello che hai detto

  • flaneur61

    Ottimo articolo e lucidissima analisi… Il difficile viene adesso: sono assolutamente d’accordo sul fatto che ora occorre lavorare sui soggetti presenti a Roma-precariato reale, cooperative, migranti- il problema è che in molti territori si comincia davvero da zero e il danno prodotto da anni di rappresentazione del conflitto è stato forte. Le energie ci sono e la crisi-rigirando la frittata- può dare ampi spazi di manovra il punto è che bisogna fare in fretta….

  • Perfetta come analisi sopratutto riguarda alle manifestazioni come momento di visibilità e non di apoteosi o punto di arrivo. Le manifestazioni, rappresentano momenti diversi a seconda dello stato della lotta di classe. Oggi può rappresentare un contarsi, confrontarsi e vedere a che punto sono i diversi spezzoni di lotte settoriali e locali.
    La questione è che la crisi di rappresentanza è evidente e che il dopo 15/10 scendere in piazza è diventato sempre piu difficile. Secondo me quella manifestazione era solo un contarsi, vedere se abbiamo ancora i numeri e la volontà di accendere le lotte, anche se parziali , settoriali, e non legate da un unico filo rosso. In questo la manifestazione è servita. Ha dimostrato che vi sono ancora vasti strati e settori di classe disposti a scendere e lottare, moltissimi giovanissimi e immigrati che oggi dato il contesto rappresentano i settori piu “incazzati”. Cosa resta ora? Niente! Solo la consapevolezza che vi sono i numeri, vi è la voglia di lottare e sopratutto che è sempre piu urgente la necessità di una forma organizzativa politica che possa unire i vari spezzoni del movimento e unificare le lotte. Lo si sapeva anche prima del 19? Bene se ne avuta, oggi, la conferma ed insieme la conferma che con il movimentismo, e senza organizzazione siamo in balia del nemico di classe!

  • mike

    bello, lucido, essenziale. avete espresso in maniera chiara idee sparse su cui ragionavo recentemente.grazie militant!

  • Armando

    In sintesi, credo che l’analisi perfetta (veramente complimenti) della giornata del 19 ottobre voglia mettere in guardia da due opposti crinali in cui potrebbe rotolare il movimento. Usando termini magari vetusti, c’è il rischio di uno scivolamento a “destra” e di uno a “sinistra”. A destra, c’è il rischio che si è manifestato il 12 ottobre, e cioè che la radicalità o meno di una parte del movimento è vista solo in rapporto all’antiberlusconismo. In questa chiave è stata riscoperta la “legalità”, la difesa della costituzione, il rapporto con il PD, ecc…Mi sembra che questo rischio non sia stato completamente smontato. La manifestazione del 19 è andata per fortuna bene, altrimenti avremmo avuto la solita cagnara dei “ve lo avevamo detto”, di chi cioè intravedeva nel 19 il cantuccio dei duri e puri, contrapponendo invece la giustezza di chi ha voluto dialogare con la piazza di Landini e Rodotà. Per fortuna, ripeto, questo atteggiamento non si è prodotto perchè il 19 è riuscito, ma è sempre dietro l’angolo. Alla prima cazzata, al primo corteo andato male, staranno li in prima fila ad atteggiarsi a nuovi Lenin che hanno capito che la tattica giusta è quella di dialogare col PD o con Sel perchè tramite questi è possibile parlare alle “masse” del paese.
    Lo scivolamento a sinistra è altrettanto da evitare. In questo senso, intendo il rischio di alimentare la propria radicalità utilizzando parole d’ordine inservibili, fraseologia non adeguata, moltiplicazione di cortei con numeri più ridotti, ecc…Se 12 anni fa la critica più adeguata alle manifestazioni di Genova è stata quella di non aver compreso dove veramente risiedeva il potere (cioè non nella zona rossa, ma a livello diffuso dei rapporti economici), oggi mi sembra si stia riproponendo questo fatto. “Assediamo il ministero dell’economia”, come se è lì che viene esercitato il potere, e soprattutto come se un assalto a un palazzo vuoto possa portare qualche sviluppo positivo per le nostre sorti. Bene, non è “l’assedio ai palazzi del potere” quello di cui abbiamo bisogno oggi, perchè quei palazzi non costituiscono il potere, non lo custodiscono nè lo determinano.
    Oggi l’unico sviluppo possibile è quello indicato da questa analisi: le lotte di classe nei luoghi di lavoro, nei territori, nelle mille contraddizioni di cui si compone il conflitto fra capitale e lavoro. E per farlo ci dev’essere l’organizzazione politica che lo porta avanti. In assenza di questa, quello che va assolutamente evitato, è una sostituzione dell’organizzazione politica con quella sindacale.

  • Joseph

    D’accordo con molte cose con altre (ad esempio il passaggio sulle rivoluzioni arabe) meno. Non so se mi convince del tutto la visione secondo la quale una “sollevazione” non possa essere un momento importante per la lotta di classe. Non esiste solo il lavorio paziente delle lotte e l’azione verso degli obiettivi, a volte le masse si muovono in maniera impulsiva e bruciando molti passaggi in un solo attimo. Lì sta il ruolo dei compagni, nel cercare di dare obiettivi al movimento di massa. Certo è che le sollevazioni non si prestano bene ad essere telecomandate e questo si è visto proprio il 19.

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>