APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Comitato per il Donbass Antinazista


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

7 June :
1914 Ad Ancona dopo una manifestazione antimilitarista la polizia spara sulla folla uccidendo 2 giovani repubblicani ed un anarchico. L'eccidio accende una protesta che si allargherà anche in Romagna e in Toscana e che durerà diversi giorni tanto da passare alla storia come "la settimana rossa".

STATS

Pakistan: storie di ordinario profitto.

Storie di ordinario profitto. Se mai dovessero fare un libro o un’inchiesta su quanto accaduto questi giorni in Pakistan potremmo suggerire questo titolo. A Lahore è andata a fuoco una fabbrica di suole per scarpe e 25 lavoratori hanno perso la vita, sono bruciati vivi. La stessa orrenda sorte è capitata alle operaie e agli operai di una fabbrica tessile a Karachi, dove un incendio durato diverse ore ha devastato lo stabile di proprietà della “Ali Enterprises”. Al momento i vigili del fuoco hanno recuperato 247 corpi, ma la macabra conta è purtroppo destinata a crescere con le ore. In entrambe i casi i lavoratori erano ammassati negli stabilimenti senza alcuna misura di sicurezza, con le finestre sbarrate da grate e gran parte delle uscite chiuse da fuori. Una cosa che in Pakistan è la normalità. Quello che è accaduto non è quindi un “caso”, né tantomeno la conseguenza di una “tragica fatalità”. Nella delocalizzazione dei processi produttivi di questi ultimi decenni e nella divisione del lavoro internazionale che ne è seguita, al Pakistan è toccato in sorte il tessile. Salari da fame, scarsa sindacalizzazione, bassa conflittualità, legislazione compiacente, controlli pressoché nulli e un apparato statale completamente asservito… sono stati questi gli “incentivi” che hanno spinto le multinazionali europee a spostare interi segmenti produttivi in queste aree. Produrre di più e a meno, è questo il vero nocciolo di quella che ci hanno imbastito come globalizzazione. Tesco, Wal-Mart, Marks & Spencer, Kohl e Carrefour, tanto per citarne qualcuno, basano la competitività dei loro prodotti proprio su questi fattori. La “Ali enterprises” produceva quasi esclusivamente per il mercato estero, pagava i suoi 1500 operai 5 o 6 dollari al giorno e nelle ultime settimane aveva intensificato i ritmi per le commesse natalizie, ovviamente occidentali. Nel nome del dio profitto quest’anno più di 300 famiglie non si dovranno preoccupare dei regali.

4848 letture totali 2 letture oggi

1 comment to Pakistan: storie di ordinario profitto.

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>