APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Comitato per il Donbass Antinazista


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

29 May :
1979 A Roma vengono arrestati i brigatisti rossi Adriana Faranda e Valerio Morucci.

STATS

Cercate i complici? Eccoli.

In questi giorni abbiamo volutamente evitato di commentare la strage di Firenze, ogni frase che provavamo a buttare giù finiva col suonarci fastidiosamente retorica e poi comunque non avremmo aggiunto nulla a quanto già scritto anche efficacemente altrove. Così non ci siamo neanche accodati al coro di chi adesso chiede che Casapound venga messa fuori legge, e questo per due semplici ragioni. La prima è che aspettarsi che lo Stato sciolga l’organizzazione messa in piedi da Iannone e soci significa non averne capito la natura, i legami e la funzione, oltre che ignorare cosa sia lo Stato, a che cosa serva e quali interessi rappresenti. Per farsi un’idea di quello di cui stiamo parlando basterebbe leggersi il dossier dei rapporti tra Casapound Pistoia e la Questura (leggi). La seconda ragione è che questo è un compito che spetta solo e soltanto al movimento di classe e a cui, piaccia o non piaccia, non si può supplire nè con i proclami velleitari nè con gli appelli su facebook. Leggiamo però, sui giornali di oggi, che si starebbe valutando l’esistenza di eventuali complici “non solo sotto il profilo materiale ma anche in forma di concorso morale, sotto il profilo di eventuale istigazione o agevolazione dei reati stessi” e su questo, se permettete, due parole invece le spendiamo. Perchè di complici morali di Casapound e dunque del suo militante omicida ce ne sono eccome e li conosciamo tutti. Ci riferiamo all’ex Sindaco di Roma, Walter Veltroni, che con spirito bipartisan ha accettato di equiparare l’occupazione dello stabile di Via Napoleone III° con le occupazioni dei movimenti di lotta per la casa avviando l’iter per l’assegnazione del palazzo. Ci riferiamo all’attuale Sindaco Alemanno che, oltre ad assumere nelle municipalizzate diversi di questi signori, ha portato a termine a suon di milioni di euro il percorso iniziato dal suo predecessore. Ci riferiamo a tutti quei deputati, assessori e consiglieri del centrodestra sempre pronti a garantire loro l’accesso privilegiato ai bandi pubblici, a fornirgli copertura istituzionale e a firmare comunicati di solidarietà. Ci riferiamo a quella sinistra radical chic che in questi anni ha trovato tremendamente à la page cinguettare coi fascisti del terzo millennio prestandosi così alla loro legittimazione. Pensiamo a Sansonetti, alla Concia, a Telese, a Morucci e a tutti quelli che hanno provato a spiegarci che in politica non ci sono più nemici ma, al massimo, avversari. A quelli che sono andati a presentare libri o a partecipare a dibattiti. Per non parlare poi di quei sinistrati che in nome di un astratta quanto assurda concezione della democrazia sono arrivati a firmare appelli perchè venisse garantita ai fascisti la libertà di manifestare. Ritanna Armeni, Angela Azzaro,  Massimo Bordin, Andrea Colombo,  Lanfranco Pace,  Gian Luca Minotti, Massimo Ilardi,  Paola Tavella, Alberto Abruzzese, Rita Bernardini, Carlo Grassi, Guido Allegrezza. Sicuramente ce ne dimentichiamo qualcuno, ma se cercate i complici cominciate da questi.

9309 letture totali 16 letture oggi

11 comments to Cercate i complici? Eccoli.

  • Alessandro

    Ma guarda un pò, chi ieri a Roma è andato a manifestare per la chiusura di casapound oggi sui giornali viene definito “black bloc”…
    bello il video in cui stavano rintanati nel loro palazzo con le guardie sotto a proteggerli…vero sprezzo del pericolo. Ma non erano quelli che ridevano assaltando?

  • Frank

    Casapound fuorilegge ce la mettiamo noi e non chi li protegge.

  • BobMare

    E poi sembrano spariti, ritirati… A Ostia ormai da giorni campeggiano scritte contro il loro duce di quartiere e sui loro usi… riprendiamoci le strade… distruggi casa pound marsella fagggiano… ahahhaha

  • alberto

    e lo stato razzista che li imprigiona inventando il reato di clandestinità…

  • ahp68

    e mettiamoci pure lo speaker di radio rock che qualche tempo fa ha intervistato il capo di casapound – oddio, intervista è troppo: ha fatto parlare iannone senza contraddittorio, facendolo sembrare una specie di boyscout (un po’ come su raitre l’altra sera). a seguito di questa sua alzata di ingegno, tre altri speaker hanno abbandonato la radio come segno di protesta, e centinaia di ascoltatori hanno smesso di ascoltare quella radio.

  • daouda

    Bah.
    Sarebbe molto più semplice notare il non sequitur logico.

    Se si dovessero debellare le idealità varie che compongono l’umanità sopravviverebbero gli stupidi che non hanno la capacità né la voglia di cambiare il mondo né di comprenderlo e quindi interagirvi al riguardo, e gli intelligenti che ponderano ciò che fanno,verificano e se sbagliano pagano e cercando comunque precauzioni.
    Chi è in mezzo sarebbe per definizione un probabile epurato.
    Chiaramente gli antifascisti ed i fascisti ( e mille altre categorie ) in molte varie declinazioni assieme brucerebbero vivi e ciò potrebbe anche essere uno spettacolo edificante, probabilmente auspicabile, ma più che altro risulterebbe idiota ed irrealizzabile oltre a ridurci drasticamente di numero anche se ciò magari salverebbe la terra, la madre terra!

    Non perché non si debbano fare gerarchie nello scegliere chi debba venir bruciato prima, sia chiaro, semplicemente sarebbe ugualmente un destino comune prima o poi, foss’anche il fatto che debba riguardare me medesimo.
    Ora non è che voglio negare che determinate idealità ( un amico faceva presente un certo tipo di esoterismo magico assieme ad una visione volkish-conservatrice ) possano far giungere a delitti efferati ( addirittura strage mmo…e madonna! ) ma determinati effetti sono causati da determinate passioni ( in senso platonico-aristotelico ) o determinate distorsioni ideologiche ( para-razionali).
    Siamo agiti e non agenti.
    Una lotta di classe ( o di razza? o di genere? o di orientamento sessuale? o di laicità? ) fatta da agiti è un cavallo di Troia dei più arguti.

    Me sembra un po’ stupido stà a perde tempo coi complici e cò la fantomatica classe unica redentrice del mondo, Israele profano redivivo.
    Ognuno fà il suo buisness.

  • daniele

    categorie, idealità…vabbè…è evidente che stai nell’iperuranio.

    non sapevo che ci fosse la connessione internet anche lì.

  • Assemblea Antifa Castelli Romani

    Comunicato sull’iniziativa di ieri in piazza a Grottaferrata, immagini delle minacce firmate da Casapound con le svastiche e un breve dossier sulla “cultura” di questi infami

    http://italy.indymedia.org/node/2860

  • mirko

    daouda è uno che spacca i maroni incomprensibilmente anche su altri blog, è la sua tecnica deviare il discorso nell’ incomprensibilità per provocare prima e poi spegnerlo nel boh. le destre militanti si stanno organizzando intorno al discorso xenofobo, e lo stanno facendo in modo scientifico. questo caso sarà un discrimine

  • [...] intellettuali da operetta (leggi). Articolo, quello delle compagne, pienamente condivisibile (qualcosa di simile l’abbiamo scritta anche noi): che non si inorridisca (o, meglio, che si inorridisca ma che si [...]

Rispondi a Anche noi stiamo con Femminismo a Sud! « Annulla risposta

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>