APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

COMMENTI RECENTI

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Comitato per il Donbass Antinazista


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

4 April :
1944 A Trieste nell'unico campo di sterminio nazista in Italia, la Risiera di San Sabba, entra in funzione il forno crematorio.

STATS

Piero Ottone e quel fardello dell’uomo bianco…

Raccogli il fardello dell’Uomo Bianco / E ricevi la sua antica ricompensa: / Il biasimo di coloro che fai progredire / L’odio di coloro su cui vigili / Il pianto delle moltitudini che indirizzi. Era il 1899 quando Rudyard Kipling scriveva questi versi (leggi), vero e proprio manifesto delle imprese coloniali e imperiali a cavallo tra ‘800 e ‘900, giustificate con la necessità di “civilizzare” le popolazioni “inferiori” sparse in giro per il mondo. Per Kipling, dunque, le imprese coloniali non erano altro che un “fardello”, un “peso” per quegli uomini occidentali che, dopo aver impiegato la loro vita ad agire per la civilizzazione dei popoli “inferiori”, “metà demoni e metà bambini”, in cambio non ricevevano che biasimo.

Da allora molta acqua è passata sotto i ponti: guerre mondiali, movimenti di decolonizzazione e liberazione nazionale, nuove forme di imperialismo, sempre più indiretto e tuttavia non meno forte. Ma, soprattutto, la pubblicazione di centinaia di libri, storici e antropologici, sui crimini coloniali – anche degli italiani – e sulle conseguenze nefaste delle conquiste occidentali su tutti quei paesi che – non è un caso – chiamiamo in modo politicamente corretto “in via di sviluppo”. Sembra quasi superfluo stare a ricordare le opere magistrali sul colonialismo italiano in Etiopia, Somalia, Eritrea e Libia, di Angelo Del Boca, di Nicola Labanca, di Barbara Sorgoni, di Nicoletta Piodimani (leggi), di Eric Salerno (leggi), di Matteo Dominioni (leggi) . Inutile stare qui a ricordare come la storia del colonialismo italiano – che non è stato più docile degli altri – sia stata una storia di sfruttamento delle risorse, di violenze sessuali, di crimini contro le popolazioni civili, di dura repressione dei ribelli, di genocidi, di deportazioni, di segregazioni razziali, di campi di concentramento dove i reclusi morivano a decine, di uso di gas velenosi (come l’iprite) vietati dalla convenzioni internazionali, di disprezzo per le popolazioni di colore, di gestione politica basata sul terrore.

È quasi inutile ricordarlo, perché sono questioni note a chiunque abbia aperto un libro di storia negli ultimi 40 anni. Capita, però, che qualcuno non abbia assimilato niente di tutto ciò. Parliamo di Piero Ottone, l’uomo che impresse una tale svolta a sinistra al “Corriere della sera”, quando lo diresse, da provocare l’allontanamento di Indro Montanelli, colui che negò, in un’annosa quanto alacre polemica proprio con Angelo Del Boca, l’uso dei gas e delle armi chimiche degli italiani in Etiopia in quanto, secondo lui, quello italiano era stato un colonialismo mite e bonario, portato avanti grazie all’azione di un esercito cavalleresco, incapace di compiere brutalità, rispettoso del nemico e delle popolazioni indigene.

Ecco, dopo 40 anni, Ottone potrà riabbracciare metaforicamente e simbolicamente il suo ex nemico Montanelli, perché ha fatto proprie le sue convinzioni. Sull’ultimo numero del “Venerdì di Repubblica” – rivista che dà voce ai maîtres à penser del Pd e del centrosinistra – a pagina 127, si legge infatti un delirante fondo di Piero Ottone, intitolato Le colonie in Libia: ha senso scusarsi un secolo dopo?. Già dal titolo, ci vengono dei dubbi: l’Italia ha conquistato la Libia nel 1911-12 (100 anni fa), almeno ufficialmente, ma, dopo aver perso quasi tutte le posizioni nel 1915, ha combattuto contro la resistenza dei libici fino agli anni ‘30 (75 anni fa) per domarla, provocando 100mila vittime (la chiamavano “pacificazione”), e l’ha tenuta in suo possesso fino al 1943 (68 anni fa). Finita la guerra, l’Italia ha provato a mantenere almeno la Cirenaica come colonia, ma non le è riuscito. Quindi, “un secolo dopo” cosa? Già il titolo ci sembra fuorviante. Inoltre, l’Italia ha già chiesto scusa alla Libia per i crimini coloniali, lo ha fatto con un comunicato congiunto del 1999 e poi lo ha ribadito Berlusconi nel 2009: Ottone arriva almeno con 12 anni di ritardo, evidentemente il suo sterile chiacchiericcio ha altri scopi che non il dibattito sull’attualità politica.

Proseguendo nella lettura, il tono dell’articolo scende ulteriormente. Secondo Ottone, infatti, l’Italia non avrebbe niente di cui scusarsi con la Libia, l’Eritrea e l’Etiopia (la Somalia italiana non la nomina, non chiedeteci il motivo… sarà per il fatto che l’Onu, nel 1949, concesse ancora all’Italia l’amministrazione fiduciaria sull’“ex”colonia, che durò fino al 1960… e 50 anni fa non sono un secolo!) perché, secondo lui, da che mondo è mondo «la storia è tutto un susseguirsi di guerre e di invasioni, ora fra popoli appartenenti alla stessa civiltà, ora fra popoli appartenenti a civiltà diverse. Dovrebbe forse la Germania chiedere scusa alla Francia, perché le fece la guerra nel 1870? E quante scuse dovrebbe chiedere la Francia in giro per l’Europa, per le scorribande di Napoleone? L’Inghilterra dovrebbe scusarsi con l’India, la Francia con l’Algeria e il Marocco, il Belgio con il Congo»: quindi, secondo Ottone, la guerra franco-prussiana del 1870, guerra tra due grandi potenze che combattevano ad armi pari, fu come la conquista e l’invasione di paesi poveri, depredati e privi di quell’organizzazione statuale in senso nazionale che si erano dati gli stati europei nell’Ottocento.

Ottone, novello Kipling, scaglia però la sua lancia migliore nel finale dell’articolo: «D’accordo: non tutte le imprese di colonizzazione furono fatte bene. Alcune lasciarono in eredità grandi opere pubbliche e costumi progrediti, altre contribuirono scarsamente al progresso. Può darsi che come colonizzatori noi italiani non siamo stati fra i più bravi. Inglesi e francesi lasciarono dietro di sé una classe dirigente locale di qualche valore. Credo che i libici culturalmente più avanzati, quando lasciammo la Libia, potessero solo vantare il possesso della patente di guida. Ma insomma: anche la popolazione che abbiamo trovato nelle nostre colonie aveva i suoi limiti, era molto primitiva. Abbiamo fatto quel che abbiamo potuto. Scusarci, dunque, proprio no: non mi pare il caso». Sembrerebbe uno scherzo, ma non lo è. Gli italiani, per Ottone, sono come al solito “brava gente”, certo magari un po’ approssimativi (non come francesi e inglesi!), ma mica era colpa nostra! È che abbiamo colonizzato popolazioni troppo primitive, come diceva Kipling “metà demoni e metà bambini”. E, nonostante gli sforzi, riceviamo anche biasimo e richieste di scuse, roba da non credere…

Sorvoliamo sul valore o meno delle “scuse” a cui, tra l’altro, nel 2009, ben il 74% degli italiani si dichiarò contrario: del resto, l’Italia è il paese in cui la televisione pubblica si rifiuta da trent’anni di mandare in onda il film Il leone del deserto perché narra le gesta del condottiero libico Omar al-Mukhtar, che si oppose alla colonizzazione italiana. Di certo, però, queste parole mettono in luce un vuoto nella consapevolezza storica degli italiani – anche di quelli di che hanno diretto il maggior quotidiano nazionale – che fa riflettere. Come ha spiegato in passato lo stesso Del Boca, infatti, la mancata punizione per questi crimini abbia provocato la «rimozione quasi totale, nella memoria e nella cultura del nostro paese, del fenomeno del colonialismo e degli arbitri, soprusi, crimini, genocidi ad esso connessi».

Insomma, noi italiani abbiamo fatto del nostro meglio, ma ‘sti libici mica si sono civilizzati! Ci rifaremo al prossimo turno?

16248 letture totali 6 letture oggi

7 comments to Piero Ottone e quel fardello dell’uomo bianco…

  • buran

    Al di là delle posizioni conservatrici e reazionarie, da sempre mi domando come mai Piero Ottone abbia la fama di grande giornalista. Deve aver scritto qualcosa di importante quando era molto giovane, perchè, a mia memoria, di lui non ho mai letto niente che non fossero luoghi comuni di una banalità talmente sconcertante da rasentare l’idiozia.

  • Abraham Zapruder

    Deve la sua fama perché, ai tempi della P2, fu cacciato dalla direzione del Corriere della Sera per far posto agli uomini della loggia di Gelli…..o almeno mi pare

  • Lorenzo

    “Forza Nuova ribadisce che si batte per un blocco dell’immigrazione e per l’avvio di un umano rimpatrio degli immigrati. In quest’ottica, vista la particolare pregnanza per il nostro paese del problema africano, Forza Nuova esalta il ruolo fondamentale dei popoli europei nella ricostruzione del moribondo continente nero; ricostruzione che sortirebbe l’effetto di tutelare il diritto dei popoli africani a vivere dignitosamente nella propria terra”
    Quali le differenze rispetto alla posizione del centrosinistra?

  • giovanni

    da wikipedia
    [modifica] Censura in Italia

    Le autorità italiane hanno vietato la proiezione del film nel 1982 perché, nelle parole del primo ministro Giulio Andreotti, «danneggia l’onore dell’esercito». Il veto fu posto dall’allora sottosegretario agli Affari Esteri Raffaele Costa[2].

    Fu intentato persino un procedimento contro il film per “vilipendio delle Forze Armate”. La pellicola non fu mai distribuita nel Paese, dove resta tuttora introvabile nelle videoteche[3], anche se facilmente reperibile su Internet.

    Nel 1987 fu bloccata la proiezione dalla digos in un cinema di Trento e il tutto si concluse con un processo.

    L’unico festival dove è stato proiettato semi-ufficialmente è stato il Riminicinema a Rimini nel 1988[4].

    Craxi promise di mandarlo in onda sulla RAI, ma la promessa non fu mantenuta[5][6].

    In occasione della sua prima visita ufficiale in Italia, il 10 giugno 2009, il leader libico Muammar Gheddafi si presentò all’aeroporto italiano di Ciampino con appuntata al petto la fotografia che ritrae l’arresto di al-Mukhtār, accompagnato dall’ormai anziano figlio dell’eroe libico[7]. In quell’occasione, la piattaforma televisiva SKY annunciò la proiezione del film l’11 giugno[8], replicandolo più volte, ponendo così fine a un caso di censura durato quasi trent’anni[9].

    nella polemica che oppose montanelli a del boca sull’uso dei gas in etiopia il giornalista di fronte a documenti inoppugnabili fu costretto ad ammettere di avere torto e a riconoscere che gli italiani avevano fatto di uso di gas

  • giovanni

    scusate la citazione di wiki e fino a “durato quasi trenta anni” da “nella polemica” è farina del mio sacco

  • [...] pagine, il senso comune si altera meglio distrattamente, nel silenzio di un bel fondo. Piero Ottone docet. [...]

  • [...] E torniamo quindi alle solite: la ridefinizione del senso comune di ciò che è accettabile e di ciò che non dovrebbe esserlo. Il lettore medio, magari anche impegnato a sinistra, abbassa un attimo le difese, scruta svogliatamente il palloso fondo dell’articoletto di corredo ed ecco il colpo micidiale, che lo disorienta, che gli instilla dei dubbi che mai aveva avuto. Non aspettatevi colpi eclatanti,  prime pagine, il senso comune si altera meglio distrattamente, nel silenzio di un bel fondo. Piero Ottone docet. [...]

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>