APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

20 September :
1972 - Ad Atene i funerali del poeta greco Giorgio Seferis si trasformano in una massiccia dimostrazione popolare contro la giunta militare dei "colonnelli"

STATS

Dal PCI al PD…


Il Partito Democratico è stato, sin dalla sua creazione,circa un anno fa, il partito politico più sbeffeggiato, criticato e insultato di tutte le formazioni politiche presenti in parlamento e non solo. La maggior parte di queste critiche tralaltro sono provenute dalla sua sinistra, da tutti quei partiti o soggetti politici che si ponevano alla sua sinistra in parlamento ma non solo. Ora, questo continuo attacco politico nei confronti del PD ha prodotto una implicita rivalutazione invece delle sue radici storiche, e cioè il PCI prima, il PDS e i DS poi. Questa rivalutazione è avvenuta o in modo voluto o in maniera imprevista. Ma tant’è, il danno, secondo noi, è stato fatto. In modo più o meno cosciente, e quindi più o meno colpevole, si è prodotto un confronto, fra il PCI,vero partito di sinistra, più o meno criticabile ma comunque di tutt’altro spessore culturale e politico, e il PD, dove alloggerebbero secondo taluni personaggi tutti i mali della nuova sinistra italiana. Ora, quello che noi qui vogliamo affermare con forza, è la seguente tesi: il partito democratico non è,né rappresenta, alcuna frattura rispetto alle sua radici politiche.

Il PD è la diretta conseguenza, il coerente sviluppo, di quello che è stato il partito comunista italiano dal dopoguerra al 1990, e soprattutto nella sua fase peggiore, che va dal 1970 alla data appunto del suo scioglimento. Questo non solo perché la classe dirigente del PD è quasi esclusivamente di provenienza PCI, ma soprattutto per la politica portata avanti da questi due soggetti politici, che è esattamente speculare. Tutti i mali che albergano nel PD, quale partito della repressione delle istanze sociali, partito del riformismo borghese, colluso o dialogante con ogni potere dello stato, erano già ben presenti nel partito comunista italiano degli anni settanta. O dobbiamo ricordare che è stato proprio il PCI l’organo di cui si è servito lo stato per reprimere e dividere i movimenti sociali in quegli anni? Oppure ricordare tutta la fase del compromesso storico, e cioè l’infame politica che avrebbe portato il PCI a governare il paese con la democrazia cristiana; un vero e proprio governo di coalizione per spartirsi poltrone e potere. Ma al di la dei singoli episodi, pur importanti, è la linea politica generale che ne conferma il legame stringente, l’espressione di due facce di una stessa medesima medaglia: e cioè tutte e due i partiti avevano come fine ultimo quello di governare, entrare nella stanza dei bottoni, occupare i centri di potere per produrre il solito, annacquato riformismo borghese, l’intento di migliorare lo stato tramite riforme da approvare in parlamento. Cosa ha comportato tutto ciò si è visto e vissuto sulle nostra vite. Appena i Democratici di Sinistra giungono al potere, 6 anni dopo lo scioglimento del PCI, iniziano le riforme. A cominciare con il famigerato “pacchetto Treu”, con cui si da il via alla regolamentazione della precarietà selvaggia.

Quindi, il discorso è molto semplice, e cioè il PD è il diretto erede dell’esperienza politica del Partito Comunista, che comunista proprio non era. Le linee politiche che adotta oggi il PD sono le medesime, aggiornate o modernizzate, linee adottate dal PCI. Nessuna differenza, nessuna frattura, nessuno sviluppo politico. D’altronde quando il segretario Veltroni ammette di non essere mai stato comunista e di prendere come modello di riferimento Kennedy e la cultura politica americana è il 1980, non 2 anni fa.

Detto ciò, una differenza fondamentale esiste. Mentre il partito comunista era intimamente legato, espressione diretta potremmo dire, di una classe sociale ben precisa, e cioè il proletariato delle grandi fabbriche e dei giovani proletari delle periferie delle metropoli, il Pd odierno è espressione del nulla più totale. E’ il partito della borghesia illuminata, radical chic, tutt’al più si spinge ai lavoratori della pubblica amministrazione, ma finisce li. Insomma, non è espressione e non rappresenta più nessuna categoria produttiva, cosa che invece faceva il PCI.. E fino all’ultimo,il Pci era stato il legittimo rappresentante di quella classe sociale produttiva e progressiva; che rappresentava male, potremmo dire, ma che comunque rappresentava, e il proletariato si sentiva rappresentato da esso. Dal Pci, e dalla Cgil, sua espressione sindacale. E quindi l’atteggiamento che tenevano i movimenti nei confronti del partito comunista era ampiamente giustificato. Un atteggiamento di aperta e totale critica, ma appunto perché il pci era espressione politica degenere di un classe sociale che era il riferimento anche dei movimenti sociali. Insomma la base era la stessa, c’era una lotta per guidare politicamente una classe sociale unita e quasi esclusivamente rappresentata, sempre peggio, dal PCI.

Oggi il discorso è tutt’altro. Il Pd non rappresenta più nessuno come abbiamo detto; i movimenti e partiti della sinistra hanno altri punti di riferimento sociale su cui dover lavorare.

Quindi le conclusioni sono abbastanza semplici: lasciamo il Partito Democratico sprofondare sempre di più verso destra, per quanto ci riguarda è una delle espressioni del potere statale che noi combattiamo e con il quale non dobbiamo dialogare, men che meno criticare, visto che la nostra critica verso questo tipo di formazioni la esprimiamo ogni giorno con la nostra lotta.

6254 letture totali 2 letture oggi

3 comments to Dal PCI al PD…

  • pino

    io sono in parte d’accordo con l’analisi che viene fatta,
    ma a me sembra che chi era a sinistra del PCI negli anni 70 e 80 si ponga sempre sul piedistallo come se le scelte politco.-economiche proposte da questi gruppi non fossero fallimentari.
    La cosa e’ che non avendo mai governato non vi e’ alcun esempio in Italia, ma a me sembra che avrebbero applicato le stesse politiche che in altri paesi non hanno dato buoni risulati, sostanzialmente le stesse applicate negli svariati paesi comunisti che c’erano e che attualmente ci sono.
    Mi sembra che non venga mai fatta una certa autocritica, e si contestino solo gli errori di altre parti politiche, e non venga mai proposto qualcosa di diverso;
    isomma da’ l’idea che se governassero farebbero le stesse politiche dell’albania comunista;
    forse mi sbaglio, ma allora anche la vostra propaganda non e’ buona perche’ questo e’ il messaggio che si coglie

  • Alessandro

    I movimenti degli anni 70 non erano certo portatori di una ortodossa ideologia comunista, diciamo terzinternazionalista. Dubito che, una volta giunti al potere, avrebbero creato qualcosa di simile al socialismo reale sovietico.
    E’ vero cmq che non avevano una idea precisa di come gestire il potere; una volta criticato il sistema sovietico di gestione dello stato, non avevano posto nessuna alternativa ad una futura presa del potere, quindi diciamo che è impossibile ragionare su come si sarebbero comprtati in una tale situazione.
    QUanto a noi, lungi dal porci su un piedistallo, in questo caso era solo una critica alle radici storiche e politiche del pd. Visto che loro hanno governato, valutiamo quello che hanno fatto e lo critichiamo.

  • Si ma sostanzialmente….credo che l’oggetto di critica di questo articolo non siano i fallimenti del movimento ma bensi il filo conduttore che lega il pci e il pd. L’analisi parla molto chiaro, entrambi si pongono come soggetti politici di massa la cui linea riformista (quindi non comunista) viene messa a disposizione della borghesia.
    Saluti Comunisti
    andrea

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>