APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Comitato per il Donbass Antinazista


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

6 August :
1922 - Le barricate antifasciste di Parma
1960 - In risposta all'embargo degli Stati Uniti, Cuba nazionalizza tutte le proprietà straniere della nazione

STATS

PD e “movimenti”. Per provare ad uscire da un equivoco.

Nei giorni scorsi abbiamo preso pubblicamente una posizione piuttosto netta sui comportamenti giudiziari dell’enfante prodige della politica cittadina e questo ci ha fatto “guadagnare” qualche attenzione da partedella Digos romana, arricchendo così l’intera vicenda, già piuttosto triste di suo, di tutte quelle sfumature che separano il grottesco dal ridicolo. Ora che la polemica si è un po’ raffreddata, soprattutto sui social, vorremmo però tornare sulla questione per provare a affrontare quello per noi è il vero nodo politico che sottende tutta questa vicenda, ossia il collateralismo al Partito Democratico di alcuni pezzi di quello che una volta avremmo chiamato movimento. Sgomberiamo immediatamente il campo da possibili equivoci, non abbiamo alcuna velleità di tirare fuori scomuniche o giudizi di natura moralistica. Qui non stiamo parlando di “tradimenti”, carrierismi o cose del genere, che pure nelle storie anche piccole della sinistra di movimento non sono mai mancate, quanto piuttosto di scelte politiche che nel corso del tempo immaginiamo siano state attentamente ponderate e che, però, proprio per questo, crediamo vadano criticate con estrema nettezza.

Immaginiamo che in questi anni di continuo arretramento sociale e politico in alcune aree della sinistra antagonista sia progressivamente maturata l’idea che l’unico modo per garantire una qualche efficacia alla propria azione non potesse essere altro che il lavorio ai fianchi del PD e del centrosinistra. Una sorta di lobbing del sociale che facesse perno sulle “affinità elettive” con qualche dirigente particolarmente illuminato, o sensibile su specifici temi, e che ha spinto più di qualcuno a fare direttamente il “salto della quaglia” ed entrare per provare a “cambiare da dentro”, per “spostare l’asse a sinistra”, per “imporre i nostri temi”… Ancora una volta: nessun giudizio morale. Siamo i primi a sostenere che in politica, all’interno di un orizzonte strategico chiaro, ogni passaggio tattico, anche quello più spericolato, possa trovare una sua giustificazione. E questa cosa l’abbiamo imparata da Machiavelli prima ancora che da Lenin. Ma in mancanza di questa prospettiva, e soprattutto in assenza di una solida autonomia politica, la tattica finisce immancabilmente per trasformarsi sempre in uno sterile tatticismo, più o meno eclettico e, oltretutto, quasi mai efficace. Un piccolo cabotaggio elevato, in nome del “realismo” e del “pragmatismo”, ad unica strada percorribile, per quanto scivolosa, e in cerca, proprio per questo, di continue (auto)giustificazioni: il pericolo” delle destre, la minaccia populista, il sovranismo, l’avanzata di Salvini, ecc. ecc.

Ciò che colpisce di più, però, è l’assoluta incapacità da parte di questi pezzi di movimento di leggere e comprendere la vera natura del PD, della sua base sociale, degli interessi economici che rappresenta e dunque della funzione politica che è chiamato a svolgere, tanto a livello nazionale quanto sul piano internazionale. L’architrave politica su cui poggia il “blocco egemonico” che, a partire dagli anni Novanta, ha governato i processi di globalizzazione e di liberalizzazione dei flussi di capitale in funzione degli interessi della grande borghesia sono, da sempre e non a caso, le socialdemocrazie europee e i democratici statunitensi. Nel corso di questi anni e in nome della “modernizzazione” i maggiori partiti della “sinistra” sono transumati armi e bagagli dalla parte di quelli che fino a solo poco tempo prima erano gli avversari, se non proprio i nemici di classe, assumendo il capitale e non più il lavoro come proprio referente sociale. Basta voltarsi indietro solo di qualche anno per rendersi conto di come ogni misura di precarizzazione e destrutturazione del mercato del lavoro, ogni controriforma del sistema pensionistico, ogni taglio al salario indiretto e al welfare, nonché tutte le grandi privatizzazioni, l’imposizione della svalutazione interna attraverso l’adozione della moneta unica, la costituzionalizzazione del Fiscal Compact e l’imposizione dell’austerity come disciplina di bilancio, portino sempre in calce la firma di un qualche governo di centrosinistra o di un governo “tecnico” appoggiato comunque dal centrosinistra e dal PD. Se ci mettessimo davvero a scavare ci accorgeremmo però che c’è di più, perché in realtà l’assemblaggio di questo blocco egemonico, che la marxista statunitense Nancy Fraser ha puntualmente definito come quello del “neoliberismo progressista”, è andato ben oltre la semplice cooptazione politica delle socialdemocrazie occidentali. Anzi, per un lunghissimo periodo ha rappresentato una vera e propria alleanza de facto, più o meno consapevole, tra i settori più dinamici dell’economia globale e le correnti più “liberali” dei movimenti sociali. Meritocrazia al posto dell’uguaglianza, diritti civili in cambio di quelli sociali. Attraverso questo scambio tra la questione sociale e il riconoscimento culturale “il nuovo spirito del capitalismo” è riuscito a cooptare nello sviluppo della network economy postfordista molte delle istanze e delle rivendicazioni dei nuovi movimenti, rendendoli così incapaci di intercettare ed organizzare le istanze di quei soggetti che in questi decenni sono stati lasciati indietro dai processi della globalizzazione economica. Ed proprio in questo “frame” crediamo, e non nelle ambizioni di qualcuno, che vanno ricercate le ragioni profonde di quel “salto” politico a cui accennavamo sopra.

Tutto questo ha avuto, ovviamente, anche un riverbero metropolitano che, almeno a Roma, ha portato alla definizione di un vero e proprio nuovo “regime urbano”. Un sistema di potere economico, politico e mediatico che in questi anni ha di fatto trasceso le contingenze elettorali e che, anche in questo caso, ha visto nel PD e nei suoi predecessori (PDS, DS) il proprio perno politico. Nel corso degli anni Novanta, anche a seguito della crisi della pubblica amministrazione, delle partecipazioni statali e della spesa pubblica che erano stati tradizionali motori di crescita della città insieme alla rendita immobiliare e al settore delle costruzioni, Roma ha mutato pelle. E si è trattato di un vero e proprio cambio di paradigma rispetto al passato. Una trasformazione che ha  prodotto e accompagnato il passaggio dal modello della “città manageriale”, in cui la politica era soprattutto impegnata a gestire e riallocare i trasferimenti dello Stato centrale, a quello della “città imprenditoriale”, in cui tutte le amministrazioni, indipendentemente dal loro colore politico, si sono preoccupate quasi esclusivamente di mettere a valore le porzioni di territorio più “appetibili”, provando a connetterle con i flussi finanziari globali. Per chi ancora se ne ricorda tra il 1993 e il 2008, sotto le giunte Rutelli e Veltroni, la stampa celebrò questa profonda trasformazione della capitale parlando enfaticamente di un “modello Roma” che poteva e doveva essere esportato anche in altri contesti urbani. Si trattava di uno sviluppo legato all’economia della conoscenza e alle nuove tecnologie, e orientato verso il turismo di massa, la finanza, l’audiovisivo, la cultura, la ricerca e, soprattutto, fondato su una rendita immobiliare sempre meno ritagliata sulla tradizionale figura del “palazzinaro” e del “generone” romano, e sempre più collegata, invece, a quella dei grandi gruppi bancari e immobiliari internazionali.

Sotto la guida di giunte “progressiste”, in cui importanti assessorati come quello alla casa e alle periferie erano addirittura appannaggio della sinistra radicale, è stato così partorito il peggiore piano regolatore della storia di Roma, quello del 2008, e si è andata configurando, anche da un punto di vista urbanistico, una città sempre più duale, in cui i benefici della crescita venivano incamerati esclusivamente dai grandi gruppi finanziari e dai ceti sociali medio-alti dei quartieri centrali e benestanti. Una trasformazione sociale e politica che ha avuto la sua cartina tornasole nel completo ribaltamento della tradizionale cartografia elettorale della città e nell’irreversibile trasformazione del PD in “partito della ZTL”, delle “classi creative” e del “ceto medio riflessivo”. Nonostante, almeno in quegli anni, il tasso di crescita del Pil cittadino fosse superiore a quello nazionale le disuguaglianze sociali, invece di diminuire, sono cresciute prepotentemente, ma, soprattutto, la condizione di perifericità della “citta di sotto” è diventata un fattore strutturale e funzionale a tenere vita e in efficienza la “citta di sopra”. Le periferie, dopo la stagione delle lotte e del riscatto, sono tornate ad essere esclusivamente un serbatoio di forza lavoro a buon mercato da cui attingere in maniera flessibile in funzione delle congiunture del mercato e, al tempo stesso, una “discarica sociale” in cui riversare tutte le contraddizioni generate da questo nuovo regime urbano. Se non si tiene conto di questi processi non si potranno mai capire fino in fondo le fortune elettorali del Cinque Stelle prima, e di Salvini oggi, nelle sterminate ed eterogenee periferie romane. Per per non parlare poi di quel 40-45% di elettorato proletario e popolare che a votare nemmeno ci va più. Così come non si riuscirà nemmeno a comprendere l’odio quasi antropologico che quelle stesse periferie nutrono nei confronti di una “sinistra” percepita, a ragione, come altro da sé. C’è di più, però, perchè se si astrae da un’analisi materialista degli attori e dei processi politici di questi anni, non solo si corre il rischio di confondere il sintomo (per quanto odioso e detestabile) con la malattia, ma addirittura si può arrivare al paradosso in cui la malattia viene spacciata per cura. Un piccolo esempio ci è stato fornito proprio l’altro ieri nel VII municipio di Roma dove, per contestare la presidente “sovranista” passata dai 5 stelle a Italexit (il nuovo partito di Paragone), alcuni compagni di zona si sono presentati insieme al resto del centrosinistra sotto le bandiere dell’Unione Europea. In sostanza sotto le bandiere dell’ordoliberismo, dell’attacco ai salari e dell’austerità eretti ad unico orizzonte economico possibile.

Nella prossima primavera i romani saranno chiamati al voto per eleggere il nuovo sindaco e già da qualche mese sono ripartite le grandi manovre elettorali. Ci pare di capire, però, che questa volta almeno un pezzo di quella sinistra che abbiamo definito “di movimento” sia intenzionata ad andare ben oltre l’ipotesi del “meno peggio” e del “voto col naso turato” per provare, invece, a costruire un’alleanza organica col PD e il centrosinistra. Lo schema, andiamo a spanne, dovrebbe essere quello visto alle ultime regionali con la lista “Emilia-Romagna coraggiosa” di Elly Schlein, una lista che tiene insieme alcuni spazi sociali, alcuni movimenti di lotta, associazionismo vario e singoli esponenti dell’immancabile “società civile” e che prova a coprire lo spazio politico a sinistra del PD, il tutto, magari, suggellato dalle altrettanto immancabili “primarie di coalizione”. Vogliamo dirlo senza nessuna acredine, ma con la nettezza che ci si deve tra compagni: questa proposta non solo non è “la soluzione”, ma fa proprio parte del problema, perché il campo in cui si è scelto di giocare è quello del nemico di classe.

In questo momento i comunisti, e più in generale le forze della trasformazione sociale, sono minoranza tanto nella classe quanto nella società. Questo è vero, e del resto ce lo diciamo e ce lo ricordano continuamente. Si tratta di un problema enorme, a cui non si può certo sfuggire né con le derive identitarie e testimoniali, ma nemmeno col trasformismo politico. Non sappiamo quale sia la soluzione, non abbiamo la ricetta pronta in tasca, e comunque è un processo che va affrontato collettivamente. Quello di cui siamo certi, però, è che ogni ambizione di ricostruire un’internità sociale, ogni aspirazione a tornare ad essere “maggioranza” tra il nostro “popolo”, che, lo ribadiamo, non è quello che si rappresenta nel Partito Democratico, passa per la rottura irreversibile con le forze del “neoliberismo progressista” e con tutte le sue propaggini. Anche quelle più à la page come il “Cinema America” che, nonostante tutte le “buone intenzioni” a cui non stentiamo a credere, finiscono comunque per trasformarsi in un’operazione di “social washing” per le classi dominanti.

PS e comunque chi va a cantà in questura, per noi rimane un infame de natura

6502 letture totali 110 letture oggi

10 comments to PD e “movimenti”. Per provare ad uscire da un equivoco.

  • antonio

    pane al pane e “squallore a chi lo cerca e se lo merita”!
    C’è sempre qualcuno che riesce a mistificare, oltre a se stesso e anche ad altri, perfino “l’odore e la puzza che proviene dal suo fetido corpo sociale ed elettorale”. Fa ciò promuovendolo e scambiandolo per …”odore”.
    Odore di un illusorio “nuovo” mentre sotto sotto – poi non tanto – emerge ed appare sempre il “vecchio”!

    • Brigante

      Che poi sto finto “nuovo” poteva funzionare nei primi 2000, prima che arcobaleni e ingroiate varie seminassero la distruzione che si vede oggi a sinistra. Proposto oggi è come le email di fishing del nigeriano che ti lascia l’eredità: nun ce casca più nessuno!

  • Hirondelle

    Avete straragione, per quanto mi riguarda.
    Il ministro del PD ci sta portando in casa il commissariamento UE con i prestiti sotto condizioni e ci sono ancora dei beoti che vanno in giro per ricostruire la sinistra beneducata finto sobria e sorridente che si smercia facile, quella alla Schlein, sotto le bandiere UE.
    La più crassa ignoranza economica non può che spianare la strada a operazioni di marketing di questo genere.
    Peccato che così buoni propositi ci stiano portando dritti in un disastro che al confronto Salvini è un Mangiafuoco da teatro di marionette. Se non altro è ben sorvegliato, l’attenzione su di lui è alta.
    Gualtieri invece è libero di far danno. Tanto, che vuoi che importi? La UE? Sìì sììì, certo certo… l’abbiamo detto già nel 1897, ma vedi, attento: il problema, il problema quello vero, sai, il problema è
    Il problema è IL CAPITALISMO!!! (Ma va’?)

  • Emanuele

    meglio accendere una candela che maledire l’oscurità. Complimenti al cinema America che porta buon cinema gratis, accessibile a tutti, e se lo fa con gli spot di Regione, banche e Siae, ben venga, almeno questi soggetti si spendono ogni tanto per una buona causa.
    PS: infame e fascista è pure chi al dialogo sostituisce minacce e violenza

  • Brigante

    @Emanuele
    Se vuoi te la racconto la storia della candela. Qualche poltroncina guadagnata qua e là, ogni tanto si canta bella ciao il primo Maggio a s Giovanni, qualche campagna anti-razzista magari fotografata da Toscani, ogni tanto una comparsata in televisione da Fazio e Lerner e nel frattempo si votano sempre gli stessi provvedimenti di merda anti-proletari e anti-popolari in sede comunale/provinciale/regionale/nazionale a seconda della telegenicità dell’interessato. Nel frattempo si scopre che i voti ti vengono sempre dalla “borghesia illuminata” delle ZTL e si urla ai 4 venti che se nelle periferie si respira un’aria di merda è perché 4 decerebrati con una tartaruga sulla maglietta ogni tanto si affacciano dalle fogne. Non è mica perché la “sinistra” si dà il gomito con i Zingaretti, noooo, quella è una scelta tattica per creare la corrente leninista del PD. La candela (anzi il cero bello grosso stile via crucis del Papa) è quello che prendono nel culo sempre gli stessi. E l’oscurità è quella davanti agli occhi di chi non riesce a vedere cose talmente palesi che a dirle quasi mi vergogno perché mi sembra di sparare ovvietà.

    • Emanuele

      brigante, magari la causa dell’oscurità fosse solo quella dei movimenti che ammiccano al PD! Credo che la questione sia più intrinseca e strettamente connessa a chi la produce/subisce questa oscurità. E ti scrivo da uno che vive nella periferia, anzi in un fossato fisico e sociale tra Tor Vergata e Morena, e posso confermarti che le periferie fanno schifo in primo luogo perchè chi ci vive se ne sbatte, e di conseguenza se ne sbattono gli amministratori, ecc… E questo avviene perchè il cosiddetto proletariato (e ci infilo anche il sotto- e i piccoli bottegai) è oramai sussunto completamente dal modo di produzione capitalista, soprattutto a livello sovrastrutturale. Viviamo una sorta di dualismo, siamo la borghesia del mondo, viviamo in generale abbastanza tutelati da RDC e sanità pubblica(in relazione agli altri 6 miliardi e mezzo di abitanti)ma le nostre periferie fanno vomitare, e siamo allo stesso tempo lavoratori sottopagati e consumatori sottopaganti, ma in fondo va bene così, i prodotti da comprare o sognare sono tanti e tiriamo avanti così. E lo dimostrano gli appelli alla lotta che cadono sempre a vuoto delle decine di associazioni, partitini, collettivi che si dimenano nelle periferie, mentre i soggetti ai quali vengono rivolti gli appelli guardano con indifferenza se va bene, con derisione e astio se va peggio. E a questo punto meglio le briciole della borghesia illuminata piuttosto che lo schifo della borghesia mafiosa, fascista e massonica o l’autistico dimenarsi che sembra (a chi lo guarda da fuori, per carità) abbia più il fine di una soddisfazione personale che del migliorare la situazione.

      • Brigante

        Eccallà, c.v.d. Nulla da aggiungere alla tua risposta, spiega perfettamente il senso del mio commento.

    • Hirondelle

      Brigante non posso che concordare. Questo riproporre ancora e ancora l’agire locale da associazionina beneducata e sussidiaria come stella polare, anziché il cinema o altro a prezzi possibili ovunque e salari decenti, ha obnubilato i volenterosi impotenti della ex-sx per trent’anni. Era esattamente quello che voleva il capitale, illudere con spazi recintati e finti di autogestione e solidarietà caritativa la generosità e/o l’opportunismo di chi si era fatto sfilare per troppa fiducia o per troppa furbizia qualsiasi politica di difesa dei salari e del lavoro, condannandosi e condannandoci alla miseria.

      L’associazionismo lo propagandava Jacques Delors, quello del libro bianco sulla UE, come forma alternativa al servizio pubblico, alto agire della cosiddetta società civile, quella dei diritti frantumati, dei mille rivoli volenterosi e inconcludenti, nella migliore delle ipotesi.

      Prima ‘st’equivoco ancora agonizzante ma vivo come platea da prebende sarà spazzato via dalla scena politica meglio sarà per la comprensione della situazione reale e non immaginaria della lotta di classe oggi.

      • Brigante

        Ma io davvero certe volte mi vergogno pure a fare certi discorsi, perché sono cose talmente ovvie nella mia testa che mi sembra di essere qualunquista a dirle. Poi per fortuna ho l’abitudine di guardarmi intorno e mi rendo conto che non sono cosi scontate. Fosse il ragazzino di primo pelo lo capisco. Pure io a 18 anni o giù di li’ ero tanto fiero delle cartine di Rifondazione e la tessera del partito con le due lesbiche che si baciavano. Poi uno dovrebbe crescere, capire certe dinamiche e vedere che non solo la rivoluzione non passa solo per la canna libera e il PACS ma che ci hanno preso per il culo per 30 anni tenendoci buoni con la storia del volemose bene e la Costituzione e Benigni, Saviano e Fazio di sto cazzo e Berlusconi che tromba le ragazzine e l’Europa che ha creato la pace nel mondo e le periferie sono maleducate e ignoranti e il decoro e gli ultras vanno cacciati dagli stadi perché fanno gli scontri e le citazioni di Nanni Moretti e il menopeggismo che prima bisogna cacciare Berlusconi e poi bisogna evitare che vincono i 5S e mo Salvini e la Meloni, e la citazione falsa di Voltaire, ecc ecc ecc. E sarebbe pure ora di dire basta!

  • riso

    Complimenti per gli spunti che permetto una riflessione più acuta e per la vostra coerenza politica: sempre tutto molto approfondito e mai banale.

    La prima volta che ho letto l’intervento mi trovavo molto d’accordo con la riflessione (non conosco il contesto, non lo vivo e quindi mi permetto di giudicare poco) poi come spesso accade nei vostri contributi ho cercato di renderla pratica nel mio contesto. E mi sorgono dei dubbi: questo estremo rigetto del capitalismo può essere pensato all’interno di un sistema capitalistico?! E questa la contraddizione principale: i sistemi di sfruttamento li riproduciamo mangiando da Mc Donald’s, comprando frutta al supermercato e via dicendo. Perché non entrare nella contraddizione (mi interesserebbe sapere una vostra opinione a riguardo di Podemos soprattutto nell’azione di governo)?

    Certo, fare il gioco politico dell’avversario è disarmante (non mi riferisco alla questione del Cinema America, non entro in merito).. Ma valere politicamente 0 non ci aiuta. Qual è il posto della sinistra? è possibile un’altra sinistra?

    (Probabilmente rivedremo tutte queste contraddizioni emergere anche con Aboubakar,… )

Rispondi a Brigante Annulla risposta

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>