APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Comitato per il Donbass Antinazista


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

30 September :
1975 - Donatella Colasanti e Rosaria Lopez vengono segregate, violentate e massacrate di botte da tre neofascisti romani in quello che sarà definito il Massacro del circeo

1977: I NAR UCCIDONO WALTER ROSSI

STATS

“Da una scintilla nascerà una fiamma…” Per Lenin

 

Concludiamo oggi la rassegna delle “canzoni dalla quarantena”. Oggi e non il 25 aprile o il 4 maggio, perchè oggi – 150 anni fa – nasceva Lenin, e ci sembra la cosa più interessante da “celebrare” di questi tempi. Non per mettere in contrapposizione Lenin al 25 aprile, ma dobbiamo anche dirlo: non se ne può più di questa melassa liberale che ha trasformato la Liberazione in una giornata dei buoni sentimenti e della concordia, dell’unità nazionale e della Costituzione. Cosa ce ne facciamo di una roba che accomuna destra e sinistra, liberali e liberisti, europeisti e sovranisti? Certo il mercato elettorale impone che si metta in scena il teatrino degli smarcamenti, con Salvini e La Russa da una parte, Mentana e Zingaretti dall’altra. E poi l’Anpi e l’Arci, la Cgil e la “magistratura democratica”: cosa ce ne facciamo? Niente. Ha senso un’Anpi senza più combattenti partigiani, divenuta rifugio di parenti e amici del carrozzone “democratico”? No. E allora lasciamo festeggiare questo 25 aprile sterile e imputridito a chi ne ha fatto una bandiera di “democrazia” e di “partecipazione”, cantando Bella ciao mentre tagliava salari e privatizza tutto il privatizzabile. E’ una bandiera loro, oramai, destituita di ogni carica conflittuale. Se la tenessero, non abbiamo mai avuto amore dei feticci.

Anche Lenin, nel ricordo del “comunismo compatibile”, è divenuto feticcio. Preferiamo allora ricordare un Lenin diverso, sottraendolo alle mene storiciste, tentando di ricollocarlo nel solco della rivoluzione, vera, non mimata nè enfatizzata.

La decisione di creare l’«Iskra» (La Scintilla) fu presa a Pskov tra la fine di febbraio e l’inizio di marzo del 1900 nella casa del socialdemocratico Radčenko e di sua moglie Ljuba. Vi si riunirono Lenin, Martov e Potresov, tornati dall’esilio in Siberia, e decisi a imprimere una svolta all’attività organizzativa e politica del marxismo russo. Le discussioni furono appassionate e convergenti. I tre giovai uomini concordavano sulla necessità di combattere la diffusione del revisionismo di Bernstein in Russia, e di offrire al lavoro dei militanti socialdemocratici un coordinamento centralizzato e un indirizzo ideologico e politico inequivocabilmente rivoluzionario. Sul numero 4-5 del Rabocie Dielo, uscito nel dicembre del 1899, era già stata pubblicata la Protesta dei socialdemocratici russi contro le tesi contenute nel Credo simil-bernsteiniano redatto in quello stesso anno dalla Kuskova. La Protesta era stata scritta da Lenin. Nella conclusione dell’articolo si legge: «Le tradizioni di tutto il movimento rivoluzionario precedente esigono che la socialdemocrazia concentri al presente tutte le sue forze sull’organizzazione del partito, sul consolidamento della disciplina nel suo seno e sullo sviluppo della tecnica cospirativa. Se i militanti della vecchia “Volontà del popolo” hanno saputo esercitare una funzione di primo piano nella storia russa, nonostante che gli strati sociali che sostenevano quel pugno di eroi fossero assai ristretti, nonostante che la bandiera di quel movimento fosse una teoria tutt’altro che rivoluzionaria, la socialdemocrazia, appoggiandosi alla lotta di classe del proletariato, saprà diventare invincibile».

Durante le discussioni di Pskov, alle quali parteciparono anche gli allora “marxisti legali” Struve e Tugan-Baranovskij, venne stabilito di proporre ai tre “vecchi” dell’emigrazione (Plechanov, Aksel’rod e Zasulič) la creazione di un giornale politico (l’«Iskra») e quella di una rivista teorica («Zarja», L’Aurora). Una nota di colore è reperibile nelle memorie della Krupskaia: «Ilic mi raccontò una volta ridendo come le bimbe di Radčenko, Geniurka e Liuda, imitavano lui e Potresov. Le braccia incrociate sulla schiena, andavano su e giù nella camera, mentre una ripeteva sempre “Bernstein” e l’altra rispondeva “Kautsky”». Quanto al nome del giornale, «Iskra» fu proposto da Potresov, come anche la sua epigrafe: «Da una scintilla nascerà una fiamma». Entrambi erano tratti da un verso del poeta Aleksandr Ivanovič Odoevskij (1802-1839), che, dai lavori forzati in Siberia, nel 1827, aveva risposto a un’ode di Puškin dedicata appunto ai decabristi.

Diamo il testo della poesia di Puškin e poi quello della «Risposta» di Odoevskij.

 

Nel profondo di miniere siberiane

Serbate pazienza altera,

Le vostre pene non saranno vane

Né l’alto volo dei pensieri.

Fida sorella di sventura

La speranza ridesterà

Nel buio sottosuolo la forza e l’allegria,

L’ora anelata verrà:

A voi verranno amore e amicizia

Attraversando le tetre serrature,

Come alle vostre tane di galera

Libera la mia voce giungerà.

Cadranno i grevi ceppi, crolleranno

Le prigioni – e libertà

Vi accoglierà gioiosa sulla porta,

I fratelli le spade vi ridaranno

___

Suoni infuocati di corde profetiche

Al nostro orecchio son giunti,

Le nostre mani alle spade son corse,

E solo ceppi hanno trovato.

Ma quietati bardo! – in catene,

Siamo fieri della nostra sorte,

E dietro le serrature della prigione

In cuore ridiamo degli zar.

Le nostre pene non saranno vane,

Da una scintilla nascerà una fiamma,

E il nostro popolo illuminato

Si riunirà sotto la giusta bandiera.

Dalle catene forgeremo spade

E riaccenderemo la fiamma della libertà!

Essa piomberà sui re,

E con gioia respireranno i popoli!

Il video che proponiamo per concludere è emozionante. La bambina declama interamente la poesia di Odoevskij. Si deve perdonare il commento musicale, abusato e scarsamente originale, di Orff. L’immagine finale, invece, è la riproduzione di un quadro del pittore contemporaneo Ivan. P. Krivshinko. Il nome del dipinto è «Decabristi. E in Siberia c’è il sole. Arrivo della moglie di N. Muravyov».

7548 letture totali 4 letture oggi

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>