APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Comitato per il Donbass Antinazista


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

9 August :
1936 - L'atleta afroamericano Jesse Owens vince la sua quarta medaglia d'oro alle Olimpiadi in Germania. Hitler, furioso per aver visto i suoi atleti "ariani" surclassati da un nero, abbandona lo stadio prima della premiazione.
1981 - Il secondo sciopero della fame dei detenuti irlandesi

STATS

Il desiderio dell’uomo decisivo

 

Che Mario Draghi trovi sostegno in un certo ambiente economico, è nelle cose. Che su Mario Draghi stia convergendo tutta la politica italiana, è un’altra cosa. Dal Pd alla Lega al vasto mondo della critica keynesiana, il quadro politico sembra chiudersi attorno alla soluzione migliore per tutti (o quasi: l’unico a rimanere col cerino in mano sarebbe Conte, e con lui il M5S). I motivi di questo interesse sono facilmente intuibili. Meno i problemi politici che verrebbero a generarsi dall’unità nazionale attorno all’uomo delle banche.

La crisi economica, già in corso e che seguirà la fine o il contenimento dell’epidemia, sarà di vaste proporzioni. Tutti i paesi, nessuno escluso, subiranno il contraccolpo dell’arresto dei flussi commerciali misurandolo in vari punti percentuali di calo del Pil. Per l’Italia, questo non potrà non aggirarsi in una forbice che va dal -5 al -15%. Percentuali da economia di guerra, come evidente e come stanno dicendo un po’ tutti, Draghi per primo. Se in tempo di pace la questione poteva essere affrontata (e aggirata) attraverso l’accelerazione export oriented dell’economia del paese, dinamica che ha portato l’Italia alla ventennale stagnazione economica, le soluzioni per questa crisi non potranno replicare quanto è stato fatto fino ad ora. Per risollevare un paese in profonda recessione è inevitabile stimolare la domanda interna, rafforzando il mercato domestico di produzione e circolazione di beni e servizi. Altrimenti quel -15% lo recuperiamo nel 2050, come infatti (non) è avvenuto con la crisi scoppiata nel 2008: il Pil dell’Italia nel 2019 non ha ancora raggiunto i livelli a cui era arrivato nel 2007. Ci stiamo rimpicciolendo drasticamente e troppo velocemente nel tempo, e questo è uno dei motivi dello scarso peso politico dei nostri governi in Europa.

Stimolare la domanda interna è possibile solo attraverso la leva degli investimenti pubblici, da un lato, e tramite una politica di moderazione fiscale per le imprese, dall’altro. L’insieme di questi due interventi dovrebbe servire ad aumentare l’occupazione e il livello medio dei salari. Questa è la dinamica keynesiana classica, ed è questo che Draghi ha aleggiato nel suo intervento sul Financial Times lo scorso mercoledì. Si capisce dunque perché tutti vogliano salire sul carro del dopo-crisi: Draghi non è Monti, non verrebbe a commissariare l’Italia per imporre politiche d’austerity; al contrario, è l’uomo della provvidenza, il gestore di una pioggia di finanziamenti pubblici, italiani ed europei, che pioveranno a dirotto una volta che si assesterà l’epidemia e la Ue troverà l’accordo per finanziare la riscossa economica del continente.

Peraltro, Draghi assomiglia sempre più alla “contropartita” per azionare il Meccanismo europeo di stabilità. Invece di imporre condizioni capestro in cambio di aiuti finanziari, come ad esempio “riformare” il mercato del lavoro o perseguire il pareggio di bilancio, la condizione politica in cambio degli aiuti economici è che a gestirli non sia Conte e il suo precario governo. Draghi, da una parte, è garanzia di prudente gestione dei fondi europei; dall’altra, il sostegno trasversale che lo accompagnerebbe al governo renderebbe lo stesso più solido e deciso. Si capisce, da tutto ciò, perché Pd, Renzi, Forza Italia e Lega stiano tentando il colpo di mano: il governo Draghi non è un governo che farà perdere voti ai protagonisti. Per il Pd, si tratterebbe di garantirsi al governo e al tempo stesso anestetizzare l’opposizione della Lega; per la Lega, tornare al governo raccogliendo i frutti dell’apertura dei cordoni della borsa. Per i protagonisti minori, il solo tornare al governo è motivo di entusiasmo. Se questo è lo scenario “razionale” per “salvare il capitalismo” dal virus, si capirebbero le grida di giubilo che giungono dalle parti più impensabili. Ma tutto andrà come descritto?

In primo luogo, è tutto da vedere che la partita con la Ue termini con una “vittoria” italiana (che, tradotto, sarebbe l’approvazione degli “Eurobond”, cioè obbligazioni di debito pubblico emesse direttamente dalla Bce). Titoli di Stato, garantiti non da questo o quello Stato comunitario, ma dalla Ue nel suo complesso. Titoli senza spread dunque. Si capisce l’interesse dell’Italia all’introduzione di questa forma di condivisione del debito. Eppure lo scontro in corso per il momento non promette una soluzione di questo tipo. La mediazione verte su di un Mes “ammorbidito” nelle condizioni di apertura del credito, e dall’aumento dei fondi in dotazione al Mes stesso. Su di un altro piano, il proseguimento sine die e senza fondo del quantitative easing. L’Italia in questa battaglia ha al suo fianco altri paesi, tutti importanti ma nessuno decisivo: la Francia, che però è un non-alleato, visto il rapporto organico con la Germania; la Spagna, martoriata dal virus, ma anch’essa alleata organica della Germania; la Slovenia, paese dell’est – cioè del retroterra produttivo tedesco – ma Stato troppo piccolo; l’Irlanda, un paese del nord, ma anch’esso piccolo e periferico. Oltre questo fronte l’Italia non ha margini di contrattazione rilevanti. L’alternativa cinese è minacciata ma di fatto impraticabile: l’Italia non scinderà l’alleanza politico-economico-militare con la Nato e gli Usa, neanche per questa battaglia. Dunque, vedremo. Ma lo scenario più probabile, al momento, è una mediazione che rafforzi il Mes e disinneschi gli Eurobond. Anche perché l’Unione europea è un’associazione competitiva e non cooperativa. Questo significa che la crisi sarà anche generalizzata, ma il modo in cui uscirne è delegato ai singoli Stati. L’uscita dalla crisi avverrà cioè tentando di sottrarre quote di mercato, di produzione, di risorse agli altri Stati membri. Una debolezza italiana, in tal senso, consentirebbe scorrerie finanziarie a cui stanno guardando un po’ tutti, in Occidente. I “gioielli di famiglia” oggi sono scalabili, e il dopo-crisi aprirà all’economia di rapina continentale margini di conquista che saranno valutati attentamente dai nostri “partner”.

Draghi verrebbe dunque a gestire il Mes, non a governare un debito pubblico lasciato libero di crescere a dismisura per cause di forza maggiore (cosa che, in ogni caso, avverrà). E sarà proprio in questa fase, in cui la politica sarà decisiva, che si vorrebbe anestetizzare il confronto demandando il compito di allocare le risorse (eventuali e limitate) al “tecnico”. Lo stesso “tecnico” che ha commissariato l’Italia nel 2011 cacciando Berlusconi e imponendo Monti; lo stesso “tecnico” che ha istituito il Fondo salva-Stati e che ha gestito la “trattativa” con la Grecia sull’orlo del fallimento. Già oggi si condividono le ricette del mondo dell’imprenditoria, non a caso fatte proprie anche dal resto dell’arco parlamentare e non solo. “Abolire”, “sospendere” o “dilazionare” le scadenze fiscali, ad esempio. Tutti, anche a sinistra purtroppo, rincorrono le parole d’ordine imprenditoriali della moderazione fiscale. Al contrario, bisognerebbe ragionare su di una nuova leva fiscale progressiva, che diminuisca il peso fiscale sui redditi più bassi e su una determinata composizione lavorativa, e al contempo innalzi la pressione fiscale sui redditi maggiori, sui loro patrimoni immobiliari o finanziari, nonché sui patrimoni immobilizzati nelle banche.

Sciogliere le briglie dell’economia in una fase (possibile ma non per questo sicuramente probabile) di spesa in deficit porterebbe inevitabilmente a ripensare il mercato del lavoro. In quale direzione? Garantendolo attraverso migliori definizioni contrattuali? Oppure “liberalizzandolo” ulteriormente in senso anglosassone? E la vicenda dello smart working di massa come inciderà sulle coperture contrattuali e salariali dei lavoratori? Perché il processo di de-fiscalizzazione porterà, facile immaginarlo, allo scambio perverso tra busta paga leggermente più alta e minori garanzie contrattuali, abolendo la contrattazione nazionale in favore di quella aziendale. Processi che passerebbero indolori in una fase di crescita sostenuta del Pil, ma che ricadrebbero come macigni una volta esaurita la traiettoria di crescita drogata dal debito pubblico. Anche qui, dunque, ci vorrebbe la politica, non la pacificazione nazionale a sostegno del tecnico-salvatore della patria.

Se nei tempi brevi la ricostruzione dell’economia porterebbe a una condivisione di fatto delle urgenze, nei tempi medi – una volta passata la tempesta – uno come Draghi al governo sarebbe un problema di non poco conto. L’uomo di Goldman Sachs completerebbe l’opera di privatizzazione degli asset nazionali, a cominciare da quell’Alitalia che invece in questi giorni sembrerebbe sulla via della nazionalizzazione. Insomma, Draghi ha gioco facile, oggi, a imporsi quale uomo della provvidenza: l’orizzonte di ricostruzione dell’economia è delineato (non si trova più un liberista in giro, fateci caso…), ma è proprio nel momento in cui si allargano i cordoni della borsa che, al contrario, è necessaria la politica. Capire dove e come spendere i soldi della ricostruzione – se e quanti saranno – è il primo campo di battaglia nel confronto politico. Confronto che si vorrebbe sospendere, in nome di un obiettivo che è tutto fuorché “neutro”. Che questa sospensione venga richiesta dalla destra liberista o sovranista, non fa stupore. Che a richiederla sia anche una parte della “sinistra keynesiana” rischia di validare il sostegno unificato ad un personaggio, e a una politica, che si configura già oggi come anti-lavorativa, anti-sindacale e aperta a ogni sperimentazione repressiva, sul lavoro e nella società. Il virus, come ogni crisi, può essere anche un’opportunità. Facciamo in modo che a coglierla non sia solo il capitale organizzato attraverso le sue rappresentanze politiche.

9830 letture totali 2 letture oggi

6 comments to Il desiderio dell’uomo decisivo

  • Fred

    Complimenti! Che dire, ogni commento mi sembra superfluo rispetto all’orizzonte che avete descritto, condivido il sentimento di timore ed incertezza che incute l’uomo – Draghi. Il fateprestismo che alimenterà la sua ascesa mi balena nella mente ormai da diversi giorni, presto ogni serpente dell’informazione si avvolgerà attorno a quest’idea pronto scagliarsi e ad affondare morso e veleno su chiunque provi ad insidiare tale soluzione mentre dei politici avete detto tutto voi
    Aggiungo che urgerebbe un uomo, una donna, in grado d’incalzarlo da sinistra, ma poi, in fondo, so già che proprio da li verrà il paggetto che porgerà la corona, spero corona-virus!

  • Militant

    La sinistra, in primo luogo, dovrebbe avere un’idea di società alternativa, di produzione alternativa, di relazioni sociali alternative, e proporle. Per adesso, la sinistra (tutti noi) siamo passati da “è solo un’influenza” a “chiudete tutto e non riaprite più nulla, e pagateci pure per stare a casa”.
    E’ chiaro che se l’alternativa presentata è una pallidissima distopia primitivistico-assistenziale, chi governa partirà sempre avvantaggiato.
    E invece, piuttosto che “inseguire il virus”, dovremmo indicare come se ne esce, dalle crisi (sanitaria ed economica). Con proposte ideali e al tempo stesso realistiche. Staremo a vedere. Adesso è il momento del NO a tutto. Va bene. Ma ragioniamo del dopo, intestiamoci qualche punto dirimente che impedisca di “tornare al come prima”, perchè gli Eurobond non sono l’inizio e la fine di ogni discorso sull’economia e la ripresa.

  • Fred

    Ma provare a tenere a galla qualche azienda? perché in molti, e sempre i soliti, gruppi di persone che già possiedono quasi tutto il resto, vorranno comprare cosa resterà delle aziende italiane passata questa stramaledetta tempesta. Alitalia avete detto e per me va bene. Riportare al ministero del Tesoro il timone dell’economia, quindi nazionalizzare Banca d’Italia. Rinegoziare e riprendersi le autostrade. Ma principalmente assumere tutte le persone che a vario titolo lavorano e producono per conto delle partecipate, delle interinali, nella sanità, nella scuola, nelle università, nei comuni, nelle regioni e nello stato. Ma allora che significa tornare alla SIP e quindi indietro di venti/trenta/quaranta anni fa? Si, esattamente. Significa dire che la corsa alle liberalizzazioni non ha liberalizzato un cazzo, ovvero ha liberato il capitale di vendere al prezzo desiderato quello veniva calmierato dal prezzo di stato! Si avrà l’umiltà a sinistra di tornare sui propri passi e dire che hanno rincorso i padroni, i mercati, il capitale? Che gli hanno offerto tutti i beni di famiglia e pure la famiglia? Si avrà il coraggio di rivalutare quelle scelte ma questa volta in negativo? Posto che forse potrebbe accadere, voglio pormi/porvi un’altra domanda: ma chi cazzo le può dire certe cose ed essere credibile, a sinistra? Perché quelli che ci sono in giro mi stimolano la salivazione, nient’altro!

  • Hirondelle

    Veramente Draghi ha detto una cosa un po’ diversa, cioè che del MES non c’è bisogno, perché è inutile invocare un prestito di 35 miliardi da un fondo finanziario quando la BCE, svolgendo appunto la sua funzione di banca centrale, ne finanzierebbe 200, comprando titoli di stato qualora non vi fossero altri acquirenti e calmierando così speculazioni sui tassi di interesse di uno stato in particolare. Ciò darebbe liquidità agli stati perché possano sovvenzionare chi si trova in emergenza, aziende e sperabilmente anche singoli, oltre che sanità. Gli acquisti della BCE non sarebbero (condizionale d’obbligo) sottoposti alle condizioni (i memorandum di greca memoria) che sono invece ineliminabili quando uno stato ricorre al MES e che possono essere attivate anche dopo anni e decenni, senza che lo stato in questione possa né opporsi né discuterle.

    Ci son mille e un motivi per non voler Draghi tra i piedi, ma non è lui che ci vuole portare a forza il MES in casa. È soprattutto il PD. Lo fa perché, da quando è nato, ha potuto arrivare al potere e vincere Berlusconi solo facendo la longa manus della UE, cioè privatizzando, liberalizzando, distruggendo i diritti del lavoro « per aggiustare l’inflazione » (Prodi, ex presidente Commissione UE dixit).
    Oggi stiamo assistendo all’ultima fase, in cui la dipendenza del partito dalla UE è ancor più smaccatamente palese, dato che un funzionario UE, Roberto Gualtieri, è ministro PD dell’economia e del tesoro, e solo per queste garanzie di fedeltà è stato appena eletto a Roma nelle elezioni suppletive di un mese fa. Mentre lui è arrivato qui, a Bruxelles è andato come commissario all’economia Paolo Gentiloni, l’ex presidente del consiglio degli anni scorsi.

    Oggi stiamo assistendo a un balletto spietato letteralmente sull’agonia dei malati e la prigionia di tutti, relativamente al seguente problema: il governo non recede dalla posizione non spendiamo un centesimo (cioè non facciamo deficit) se Bruxelles non ce lo autorizza prima, ma anche in questo caso, invece di finanziarci, come tutti, tramite gli acquisti BCE, passiamo per il MES.

    Le baruffe con l’opposizione, i ritardi, le forniture di DPI a gara CONSIP(!!!) cioè al risparmio – e infatti le regioni stanno ormai provvedendo da sé, quando possono – oggi hanno questo come punto del contendere, non gli sconti a questa o quell’altra categoria. Che poi queste ultime ci marcino è prevedibile, ma l’inciampo non è li’.

    P.S.: d’accordissimo che si rischia una riedizione degli ‘90 alla Tremonti nel migliore dei casi, ma la sinistra « keynesiana » o meglio post, me la sono proprio persa. È perché la sinistra si è accespugliata da decenni attorno al PD filoUE, magari in cambio di una prebendina a qualche associazioncina che ci stava a cuore, che oggi, tale « sinistra », completamente priva di mezzi critici e consapevolezza per poter sciogliere il nodo economico, giuridico, storico creato dalla favolosa impasse che ha rappresentato per le lotte di classe la UE, con la sua impostazione deflazionista che rifiuta politiche di domanda interna, non ha più nessuna speranza di poter contrastare un simile esito. A meno di non voler vedere a due passi: 1) la lutte finale che francamente, in assenza pure di organizzazione meglio sarebbe tenere ancora di riserva per un po’, senza commuoversi se dall’altro capo del globo si menano un po’ le mani perché « una stagione di lotte si è aperta ovunque!!!! »; 2)la fine totale del tabù sull’UE, quindi il riconoscimento di essere stati quanto meno fuorviati da questa istituzione e dalle sue priorità e parole d’ordine in materia non solo economica ma di articolazione stessa dei diritti, cosa difficile quando si leggono comunicati che ancora ripetono « la UE ha fallito » mentre si tratta dell’operazione di restaurazione reazionaria più compiuta e meglio programmata degli ultimi duecento anni; 3)la scelta di imporre anzitutto un recupero determinato e chiaro, come primo passo, di tutti i diritti smantellati negli ultimi trenta e più anni sotto gli ordini di un’istituzione nata per imporre appunto questa redistribuzione dei profitti. Ma qui c’abbiamo i sindacati che combattono il pericolo fascista andando in piazza con Confindustria, bravibenebis.
    Senza lasciarsi intimorire dall’idea che sia ormai « roba vecchia » per superficiali passatisti che non capirebbero la complessitàglobalizzatadelmondointerconnessoliquido&co. e lanecessità diuncambiodiparadigmacostruzionealternativa e bestiate varie e neppure dalla supponenza interessata di chi dall’alto in basso ti spiega con sussiego spalmato di noncuranza pretenziosa come fosse nutella che: « è il capitalismo, non la UE », quando il mitra carico in faccia te lo sta spianando proprio lei, da anni, chiunque glielo abbia finanziato.

    Staremmo meglio o peggio in queste settimane se i salari e i contratti fossero ancora quelli di quarant’anni fa, in rapporto al PIL, senza Jobs Act, Fornero e con la scala mobile?

    • Hirondelle

      P.S.: ovviamente nei diritti rientrano le nazionalizzazioni di tutto ciò che è stato privatizzato: dall’energia ai trasporti alla sanità ecc. e che in molti casi era stato nazionalizzato appunto sotto politiche « keynesiane » del dopoguerra, compromesso raggiunto in un’epoca di più forti lotte di classe.

  • Fred

    appunto! Bravo Hirondelle ti ammiro, ti leggo sempre !

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>