APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Comitato per il Donbass Antinazista


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

1 October :
1965 - Colpo di stato in Indonesia. Il dittatore Suharto, con la complicità della CIA eliminerà oltre 500000 comunisti

1984: LO SCIOPERO DEI MINATORI BRITANNICI

STATS

Dazi, Stato e Rivoluzione (digitale)

 

“La Cina è vicina” gridavano le piazze degli anni Settanta, e dopo quasi mezzo secolo di storia quello slogan non è mai stato tanto aderente alla realtà come lo è oggi, anche se in forme ben diverse da quelle auspicate allora. Non si intravede nessun nuovo Mao al timone, nessuna Rivoluzione Culturale si profila all’orizzonte e non ci sono nemmeno le guardie rosse intente a bombardare il quartier generale. Da Deng Xiaoping in poi la Cina ha smesso di rappresentare un’alternativa ideologica di riferimento, non solo rispetto al comunismo sovietico, ma anche, e soprattutto, rispetto a quell’occidente capitalistico a cui si è andata viepiù, per l’appunto, avvicinando.

La tappa fondamentale di questo percorso è stata sicuramente, tra il 1999 e il 2001, il negoziato finale e poi l’ingresso della Repubblica Popolare nella World Trade Organization (Wto). Com’è noto l’ultimo ventennio di crescita dell’economia globale si è di fatto retto sulla complementarietà tra gli Stati Uniti e la Cina, diventata nel frattempo, la “fabbrica del mondo”. Un’interdipendenza talmente forte da spingere i media internazionali a definire questo G2 informale come “Chimerica”, termine coniato dallo storico statunitense Niall Ferguson e nato dalla crasi di China e America.

Questo processo d’inserimento nel mercato internazionale è rimasto sostanzialmente immutato per tutto il primo decennio del nuovo secolo. La trasformazione della Cina nel principale hub della manifattura globale ha portato con sé, però, uno squilibrio commerciale crescente a danno degli Stati Uniti che, almeno in parte, è stato compensato dai flussi di capitali cinesi a sostegno del debito pubblico USA. All’alto debito dei consumatori statunitensi ha cioè fatto da corrispettivo l’alto risparmio delle famiglie cinesi, e i disavanzi commerciali Usa che hanno riempito le riserve valutarie di Pechino sono stati poi regolarmente “riciclati” in dollari, con la sottoscrizione di Treasury bond statunitensi. Stando agli ultimi dati del 2019 i buoni del tesoro Usa posseduti dalla Cina ammonterebbero a 1112 miliardi di dollari. Una cifra sicuramente considerevole che, però, crea più preoccupazioni alla Cina creditrice che non agli Usa debitori. Considerando anche i 22000 miliardi di debito complessivo di Washington i titoli in mano a Pechino rappresentano infatti solo il 5% del totale.

Questo sistema si è però parzialmente inceppato con la crisi del 2008, quando il commercio bilaterale tra Stati Uniti e Cina è crollato del 15% nel giro di pochi mesi. Per far fronte al rallentamento dell’economia Pechino è stata “costretta” a varare misure anticicliche con un pacchetto impressionante di stimoli all’economia, circa 580 miliardi di dollari,  finanziato centralmente ed incentrato soprattutto sugli investimenti nelle infrastrutture fisse e sui sussidi fiscali alle imprese esportatrici. È in questo frangente, e sotto l’amministrazione Obama, che inizia a mutare l’atteggiamento statunitense nei confronti della Cina a cui vengono addossate le responsabilità per il doppio debito Usa da deficit commerciale e da indebitamento statale e a cui viene rimproverata l’eccesiva debolezza dello yuan. Dall’altra parte del Pacifico la percezione è invece che Washington non voglia far altro che scaricare la crisi sugli “alleati” continuando a stampare moneta e alimentando nuove bolle speculative. L’impalcatura che aveva retto la fase ascendente della globalizzazione si è rapidamente trasformata in una gabbia troppo stretta per il gigante asiatico.

Alla fine degli anni Dieci del nuovo secolo il quadro geopolitico vede così riemergere una competizione strategica di lungo termine tra gli Stati Uniti e quella che viene ormai pubblicamente descritta come una “potenza revisionista”, una definizione che nella teoria delle relazioni internazionali viene utilizzato per indicare quelle potenze emergenti che intendono modificare a proprio vantaggio l’ordine politico mondiale. Il “momento unipolare” del potere politico ed economico statunitense che aveva contrassegnato la fine della (prima?) guerra fredda ha così lasciato il posto a un bipolarismo, sempre più esplicito, tra Stati Uniti e Cina.

A rendere particolarmente incandescente la congiuntura è la sovrapposizione tutt’altro che casuale, anzi potremmo dire esplicitamente causale, tra le dinamiche geopolitiche e lo scontro per la leadership tecnologico-industriale. La competizione globale e quella tecnologica s’incrociano, e sempre di più la seconda dà forma e contenuti alla prima.

Occorre avere ben chiara, infatti, la distinzione tra le guerre commerciali in corso tra le due sponde del Pacifico e lotte per la leadership sulla tecnologia. Le prime, soprattutto sotto l’amministrazione eclettica di Donald Trump, oltre ad avere una certa dose d’imprevedibilità sono soprattutto condizionate da ragionamenti di natura tattica, anche per via dell’intreccio spesso inestricabile delle catene produttive e distributive. Il loro obiettivo è pragmaticamente misurato a breve termine dai risultati della bilancia commerciale o dal saldo tra delocalizzazione e ri-localizzazioni delle imprese e dei posti di lavoro. Cosa ben diversa è invece la lotta per leadership sulla tecnologia e le industrie del futuro, qui l’orizzonte è strategico e la posta in gioco è l’egemonia economica e geopolitica dei prossimi decenni. Non è un caso che molte delle iniziative di politica dell’innovazione digitale dispiegate dall’attuale amministrazione statunitense siano state impostate o addirittura avviate dai democratici sotto la presidenza Obama che, proprio attraverso il suo “Pivot to East Asia”, fu il primo ad indicare la Cina come nuovo avversario strategico.

Senza dilungarci troppo sull’argomento “scientifico”, che ci porterebbe lontano dalle ragioni di questa riflessione, è ormai acclarato come la nuova fase della cosiddetta terza rivoluzione industriale, o per alcuni la seconda fase della rivoluzione digitale, abbia avuto come innesco una serie impressionante di rotture qualitative in molti settori delle tecnologie digitali. Innovazioni che si stanno alimentando a vicenda e che stanno determinando la nascita di un nuovo “cluster tecnologico secolare” destinato a condizionare profondamente il nuovo secolo tanto quanto l’elettricità influenzò quello precedente. Supercomputer e computer quantistici che promettono potenze di calcolo finora inimmaginabili; reti neurali e machine learning per allargare a dismisura gli orizzonti e le possibilità dell’intelligenza artificiale; l’internet of things (IoT) per far dialogare attraverso il protocollo IP dispositivi, e oggetti di ogni tipo finora esclusi dalla grande convergenza di computer, smartphone e reti di telecomunicazioni;  la cognitive automation per il settore manifatturiero e la logistica, e infine il 5G, la tecnologia delle reti di quinta generazione, per connettere e mettere tutto questo a sistema e che non a caso è diventato il terreno di scontro più acceso tra Stati Uniti e Cina.

Un campo, quello delle nuove tecnologie, dove si è davvero compiuto il “Grande Balzo” cinese e che ha portato gli Stati Uniti a vivere un nuovo “momento Sputnik”, così come venne definito lo shock del 4 ottobre 1957 quando l’Unione Sovietica riuscì a mettere in orbita il primo satellite anticipando Washington nella corsa allo spazio. Ma al contrario dell’Urss che rappresentò solo temporaneamente un competitor tecnologico, oggi la Cina ha sopravanzato gli Stati Uniti in molti campi. Alcuni esempi possono dare un’idea dell’ordine di grandezza della questione: attualmente il 60% degli investimenti mondiali totali sulla A.I è cinese, a partire dal 2013 la Cina ha conquistato il primato delle pubblicazioni scientifiche sul deep learning e dal 2018 quasi la metà dei supercomputer più veloci del mondo sono cinesi. La primazia cinese non si manifesta soltanto nel campo della ricerca scientifica o nel chiuso di qualche laboratorio, ma ormai investe direttamente alcuni aspetti produttivi e commerciali. Nel 2005 il valore delle transazioni online in Cina era inferiore all’1% del totale mondiale, che era pari a 495 miliardi di dollari; nel 2016 il valore dell’e-commerce nel mondo è salito a 1915 miliardi di dollari e la quota cinese è salita al 42,5 %, ben oltre quella statunitense. Grazie alle nuove tecnologie il gigante dell’e-commerce asiatico Alibaba gestisce una catena logistica in grado di effettuare 60 milioni di consegne al giorno, dieci volte più di Amazon (dati 2016), mentre Alipay, la piattaforma di pagamento di Alibaba, gestisce fino a 20.000 transazioni al secondo, il triplo delle più efficienti piattaforme americane.

La conseguenza di questa combinazione tra la seconda fase della rivoluzione digitale e il bipolarismo globale è un cambiamento di rotta, se non una vera e propria inversione, della globalizzazione in cui la ricerca dell’autosufficienza dev’essere letta più come il tentativo di costruire e difendere un proprio spazio economico che come un rigurgito autarchico. Da questo punto di vista i momenti di svolta che segnalano il cambio di fase sono essenzialmente due. Da parte cinese la nomina nel 2012 di Xi Jimping alla guida del paese dà forma a un cambiamento profondo rispetto alla strategia denghiana di prosperare economicamente senza mai porsi direttamente su un piano di confronto geopolitico con gli Usa. Solo un anno dopo dalla sua elezione, il 7 settembre del 2013, Xi Jimping presenterà al mondo la “Belt and Road Iniziative” (Bri), o come è stata successivamente chiamata “la nuova via della seta”, un progetto talmente ambizioso da essere inserito, quattro anni dopo, nella Costituzione della Repubblica Popolare proprio a sottolinearne l’importanza storica, geopolitica e strategica. Il cordone di infrastrutture terrestri previsto dal progetto non solo avvicinerà i possibili mercati di sbocco, ma permetterà di ridurre la dipendenza della Cina dalla superpetroliere che percorrono quotidianamente lo stretto di Malacca, una vera e propria vena giugulare energetica su cui gli Usa hanno le mani e che potrebbero strangolare in caso di conflitto con la Repubblica Popolare. Da parte statunitense, dopo il “Pivot to east Asia” obamiano del 2012, la formalizzazione di un cambio di strategia viene esplicitata nel dicembre 2017 con il documento “National Security Strategy” licenziato dall’amministrazione Trump e in cui la Cina viene descritta come “competitore strategico”. Una concezione ribadita dopo nemmeno un anno dal vice presidente Mike Pence in un famoso discorso allo Hudson Institute.

Nella seconda metà degli anni Dieci, negli Stati uniti così come in Europa, la narrazione sulla Cina cambia dunque radicalmente. Fino ad allora il racconto di come questo paese fosse ormai diventato una superpotenza economica si declinava attorno all’idea di una gigantesca manifattura di beni prevalentemente a basso contenuto tecnologico, ma anche in questo campo le strategie di Xi Jimping non collimano più con i desiderata di Washington.

Nel 2015 viene  lanciato il piano “Made in China 2025” in cui Pechino esplicita per la prima volta e chiaramente come la sua intenzione sia quella di cambiare la propria collocazione nell’economia globale, risalendo le filiere dell’innovazione e caratterizzandosi come economia di manifattura avanzata e di servizi. L’aspirazione è quella di ridurre la dipendenza tecnologica dagli altri paesi promuovendo nelle industrie High-Tech la nascita di campioni nazionali in grado di dominare il mercato interno e di muoversi efficacemente sui mercati internazionali. Uno degli obiettivi espliciti è quello di riuscire a coprire entro il 2025 almeno il 70% del proprio fabbisogno di microchip con produzioni nazionali. Quello dei chip è infatti un tallone d’Achille per l’economia cinese. Nel 2017 la Cina rappresentava il 90% della produzione mondiale di smartphone e circa il 66% della produzione di computer e di smart tv, ma non disponeva ancora di un’industria dei microprocessori in grado di soddisfare la domanda interna, sia dal punto di vista qualitativo che da quello quantitativo. Sempre nel 2017 il valore delle importazioni di microchip raggiunse la cifra enorme di 270 miliardi di dollari. Il tentativo di riuscire a colmare questo gap si è sostanziato in almeno 150 miliardi di dollari si investimenti negli ultimi dieci anni e in numerosi tentativi di acquisizioni di aziende statunitensi che sono state, però, quasi tutte bloccate dalla Casa Bianca per ragioni di sicurezza nazionale.

Come abbiamo detto, però, il terreno di scontro principale in questo momento sembra essere il 5G. Gli Stati Uniti hanno ormai maturato la concreta sensazione di essere all’inseguimento rispetto ad un paese che invece sta bruciando le tappe. Uno studio del 2018 dà una misura di questo vantaggio in termini infrastrutturali: se negli Stati Uniti ci sono 4,7 small cells per il 5G ogni 10mila abitanti, i cinesi sono già arrivati a 14,1. Il controllo delle supply chain del 5G, una filiera industriale molto articolata e che presenta una pluralità di nodi tecnologici sensibili, diviene dunque  un’esigenza strategica. Controllare questi nodi significa avere il potere di condizionare, rallentare o addirittura bloccare la produzione di un paese rivale, colpendolo non solo nello sviluppo delle telecomunicazioni ma in tutte le industrie che da queste dipendono, dai servizi per le smart city alla manifattura intelligente agli armamenti.

Così, se le minacce di guerra commerciale attraverso l’imposizione di tariffe e di limitazioni alle importazioni conquistano subito l’attenzione prioritaria dei media, il confronto sulle tecnologie in questi ultimi anni si è fatto durissimo. Il 1 dicembre del 2018 in Canada viene arrestata, su mandato statunitense, Meng Wanzhou, figlia del fondatore di Huawei. Pochi mesi dopo l’amministrazione statunitense innalza ulteriormente il livello dello scontro licenziando un ordine esecutivo, l’”Executive Order on Securing the Information and Communications Technology and Service Supply Chain” in cui si dice esplicitamente che mettere in sicurezza la propria filiera significa interrompere quella dell’avversario, dimostrando che le arterie vitali del sistema industriale di un paese “rivale” possono essere aggredite per ragioni politiche. L’embargo di Trump per bloccare la vendita di componenti statunitensi alla Huawei costringerà Google, Qualcomm e Broadcom a congelare le proprie forniture e rafforzerà la convinzione cinese della necessità di arrivare alla ricostruzione delle proprie supply chain all’interno di un perimetro politicamente sicuro. D’altronde già l’umiliazione subita l’anno precedente con la vicenda della Zte, l’azienda cinese accusata di trasferire tecnologia di origine statunitense attraverso la vendita di smartphone alla Corea del Nord, aveva fatto suonare più fi un campanello d’allarme a Pechino. Xi Jimping si era trovato costretto a dover intercedere presso Trump per non far fallire un’azienda con oltre 75 mila dipendenti.

Per chiudere alcune, brevissime, considerazioni. Viviamo in una fase di transizione i cui esiti sono tutt’altro che scontati. Il vecchio ordine mondiale, con la sua bilancia di potenze, non riesce più ad imporsi come l’unico ordine possibile, ma in questo interregno non sembra profilarsene un altro in grado di prenderne saldamente il posto. Ciò che è chiaro è che la globalizzazione non è in crisi perché Trump o Xi Jimping stanno alterando le regole del gioco, ma perché la nuova fase della rivoluzione industriale produce discontinuità nella produzione e distribuzione del valore. E questo impone, e sempre di più imporrà, nuove forme di conflitto economico, geopolitico e militare. Questo potrebbe, e sottolineiamo potrebbe, aprire improvvisamente finestre di possibilità per progetti di trasformazione sociale che adesso sembrano assolutamente impraticabili, ma la storia non procede in maniera lineare e progressiva,va avanti tortuosamente e per salti. Rallenta, per poi accelerare. E questa è una fase in cui tutto corre e in cui, nel caso, bisognerà farsi trovare pronti perchè, come scrisse in altri tempi Ernst Bloch: l’epoca è in putrefazione, ma al tempo stesso ha le doglie.

 

 

 

 

 

16539 letture totali 2 letture oggi

15 comments to Dazi, Stato e Rivoluzione (digitale)

  • sandrone

    Il vecchio ordine mondiale, con la sua bilancia di potenze, non riesce più ad imporsi come l’unico ordine possibile, ma in questo interregno non sembra profilarsene un altro in grado di prenderne saldamente il posto.

    E infatti nè Cina nè Russia nè altri intendono prenderne il posto, visto che Cina e Russia, a differenza dell’impero americano (e dei suoi lacchè obbedienti), puntano alla multipolarità
    Multipolarismo che, pur all’interno di un capitalismo che immaginare come non più esistente un giorno è fantasia e utopia, non si basa sul dominio (sanzionatorio e militare) e non si espande attraverso invasioni, proxy e guerre ma tramite diplomazia e trattati commerciali.

  • sandrone

    a fondo articolo, alcune foto di nazisti ucraini tra le fila dei pacifici “pro democrazia” ad Hong Kong
    https://southfront.org/my-swastika-has-curved-edges-i-am-not-a-nazi-ukrainian-defender-of-democracy-to-dutch-media/

    eddaje che dopo i burattini kurdi i’compagni’(sic) possono trovare nuova linfa rivoluzionaria anche coi burattini dell’isola, anche se i selfie senza la femminuccia con l’ak47 accanto valgono molto meno

  • Vi

    Grande articolo. Complimenti.

  • sandrone

    https://southfront.org/ukrainian-neo-nazis-flock-to-the-hong-kong-protest-movement/
    ulteriore documentazione della presenza ed attività dei nazisti ucraini, tra le fila dei violenti “pro democrazia” ad Honk Kong.
    Mancan giusto giusto i burattini venduti kkkurdi delle ypg tra le fila dei “pro democrazia” e poi l’en plein della feccia è completo

    YPG = AZOV
    AZOV = YPG
    ignobili burattini entrambi a servizio dei medesimi interessi imperialisti

  • T.S.

    sandrone, sì è capito che non hai in simpatia i curdi.
    Non è necessario che lo ricordi citandoli in ogni tuo commento, anche dove non c’entrano palesemente nulla.

    Per Militant, articolo encomiabile, varrebbe la pena correggere il reiterato refuso relativo al nome del leader cinese che è Xi Jinping.

  • sandrone

    @T.S.
    purtropppo invece è bene ricordarlo sovente visto che ci sono personaggi che dopo essere andati a padrone dagli ammaestratori dei sud-vietnamiti kurdi, son tornati in Italia e che bazzicano i Compagni nei CSA e negli scampoli di Movimento

    • T.S.

      Che vuoi che ti dica, continua pure a fare il savonarola della situazione. Di certo i proletari ti ringrazieranno fino alla fine dei tempi per questa integerrima battaglia contro i mulini a vento. L’unica cosa positiva è riscontrare che la combatti da solo.

    • Ingmar

      Vorrei che riuscissimo a coinvolgere qualche curdo nella discussione, così magari potrebbe dire la propria.
      Mi chiedo se, a volere essere pignoli, non tanto Assad, ma, chessò i palestinesi, se gli cercassimo cose come il rispetto di diversi orientamenti sessuali, dovremmo forse concludere che Isreale è più evoluta quindi è giusto che si prenda tutto il territorio?
      No, il sovranismo islamico è una reazione reazionaria appunto, rispetto alla società occidentale che ci deve fare riflettere. Potremmo dire che il colonialismo americano ha reso meno popolari le spinte progressiste e femministe, rispetto a quanto stava avvenendo sotto i Nasser, gli Ataturk.
      Ma rimprovereresti ai palestinesi gay di manifestare a Tel Aviv?
      E’ questione di contesti.

  • Valeroi

    A Sandró ma i kurdi ti picchiavano da piccolo?

  • sandrone

    @T.S.
    I proletari ringrazieranno fino alla fine dei tempi chi gli fa avere lo smartphone nuovo con Facebook preinstallato con lo sconto, meglio se comprato il Black Friday su Amazon.

    • Ingmar

      Ecco, quindi pensi questo anche dei proletari, non è un po’ radical chic, se si può scherzare ;) ?
      Non so se è più radical chic l’idea che il “proletario” sia rozzo e ignorante (senza stigma su quest’ultimo, è difficile analizzare con la lingua e gli aggettivi, con il loro peso), da parte di sovranisti e Comunisti Così™, oppure delle anime belle accusati di stigmatizzarne i comportamenti perchè “politicamente scorretti”.
      Quindi il proletario non vuole inclusione, condizioni di lavoro migliori, partecipazione.
      Mi sembra semplificatorio, ma sicuramente hai ragione sul fatto che una parte del proletariato sia indotto a volere ciò che la società consumistica ci induce a volere, in parte anche per le dinamiche di inclusione, per cui è comprensibile volere facebook. Non è detto che sia in contraddizione con il volere un lavoro più dignitoso, ma sicuramente si inserisce nel concetto marxiano apparentemente ovvio del cercare il miglioramento della propria condizione.
      Però indubbiamente ignoranza non colpevole ma dovuta alle proprie condizioni, più propaganda = disinformazione. Per questo la cultura emanciperebbe l’oppresso.
      Ultimamente, tra fake news, il cui credito è anche dovuto a molte bugie dell’informazione ufficiale, ciarlatani e populisti, si può inoculare il “batterio” della resistenza alla cultura, tramite l’anti intellettualismo, il rifiuto di una caricatura dell’intellettuale o della cultura ridotta alla forma di intellettuale di regime nella bambagia, finanziato da Soros. Qualunque cosa ha il potere forte dietro, quindi fino alle Sardine che avrebbero Prodi, Soros, Agnelli e non si capisce chi altri. E qui è il paradosso. Le persone abbandonate dalla sinistra che ha fatto proprio il liberismo non chiedono liberismo, ma regole, al punto che nominare gli Agnelli dietro a qualcosa indigna, ma l’impostazione del sovranismo non è la solita che il ricco è il motore del paese? Che bisogna abbassargli le tasse, che bisogna diventare un paradiso fiscale.
      Quanta contropropaganda ci vuole a far capire che sono dei calabrache, loro e Trump, che pescano a strascico con cose al tempo stesso antiliberiste e anticomuniste?
      Su Hong Kong c’è molto da approfondire, mi sembra di capire che la repressione non sia davvero.
      Ma per capire, con gli anarchici catalani eri dalla parte di Franco insieme? Oppure era una situazione diversa?
      Premesso che la repressione di Franco era violenta, non paragonabile lontanamente ad Honk Kong secondo tantissimi standard, direi anche europei a questo punto. Ma potrei sbagliarmi. Preferisco sbagliarmi che non sbagliarmi mai ma essere uno stronzo, come Walter del Grande Lebowski ^_^.
      Mi pare chiaro che Trump tifi strumentalmente e colonialmente per l’indipendenza di Hong Kong, non so se con questo dare ragione alla Cina, ma ripeto, di certo non apprezzo i media così schierati e così poco coerentemente.

  • sandrone

    @valeroi
    ai tempi della Kháng Chiến Chống Mỹ, tifavi per gli sgherri sud-vietnamiti? E oggi nelle manfe che fai, il tifo per la celere?
    Comunque tranquillo, adesso è arrivata la Aramco, saudita, a ristrutturare i pozzi di petrolio, siriano, occupati dagli americani con i loro lacchè infami curdi a fargli da cani da guardia sul terreno.
    Mi raccomando: assieme al selfie tettuto e mitragliuto, ricordati di farti fare lo sconto in dollari sul pieno di benzina, “compagno”.

  • sandrone

    @ingmar,
    i ragionamenti in punta di fioretto e il parlarsi addosso filosofeggiando sul sesso degli angeli, possono forse andare bene in accademici mondi di pace prosperità felicità e rispetto: ma valgono zero spaccato quando li raffronti con le realtà concrete sul campo (vissute in prima persona da altre persone un pò meno fortunate del ‘compagno’ in smartphone e facile sardinata-chic in piazza, che hanno un pò meno cazzi di tempo da perdere a filosofeggiare aria fritta e più necessità di dover combattere a casa propria contro gli invasori imperialisti guerrafondai e i loro servi mercenari a libro paga di turno).
    Una volta i Compagni la solidarietà la esprimevano e la portavano a chi resisteva e combatteva gli imperialisti. Altro che ai loro lacchè!
    Ma una volta c’erano i Compagni. Che stavano per le strade. Che avevano molto meno bisogno di ‘interpreti’ per distinguere tra buoni e cattivi. Non la melassa gelatinosa obnubilata attuale che se è ridotta come attualmente è ridotta lo è proprio a causa dei suoi inutili mille sofismi e dei suoi irreali e perdenti equidistanzismi.

  • Gengis Khazz

    wa sandrone, quanto ci hai cacato il cazzo.

  • sandrone

    nel silenzio più assoluto dei sedicenti ‘compagni’, i terroristi del CENTCOM assassinano pure l’eroe Soleimani.
    ma in fin dei conti che cazzo ce ne frega; finchè pagano in dollari i mitici ‘compagni’ curdi: sono i ‘buoni’ e i ‘bravi’. quindi inutile protestare o incazzarsi o addirittura manifestare per la Pace e contro le invasioni e le guerre. Che poi sono pure le feste di fine anno e un pò di relax e party sono prioritari.

    Eretz Israel/Make America Great Again/Greater Kurdistan… insomma: tutto è ‘grande’, eccetto la capacità dei compagni di capire chi è il nemico.

    Adesso vado su Google a cercarmi un film di Hollywood da comprarmi online grazie al mio smartphone Android, che il Comunismo, l’Internazionalismo e la Rivoluzione possono attendere ancora un pò.

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>