APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Comitato per il Donbass Antinazista


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

5 July :
1960 A Licata, una manifestazione popolare contro il carovita e la mancanza di lavoro è caricata selvaggiamente dalla polizia. Rimane ucciso Vincenzo Napoli, mentre cercava di difendere un bambino tenuto fermo ad un muro e picchiato dai celerini.

STATS

Un golpe è un golpe è un golpe

 

Un pugno di giornate e il susseguirsi d’eventi che ha scosso la Bolivia sembra aver posto momentaneamente fuori gioco una delle esperienze costitutive di quel cambio continentale di regime che avevamo visto sorgere con l’affermazione del chavismo in Venezuela e il costituirsi di un fronte progressista in America Latina. Giorni che paiono secoli (indietro) se è vero, come si legge nella cronaca nostrana, che il vice-presidente del Senato Jeanine Áñez Chavez – approdando al ruolo non grazie all’ormai desueto esercizio della sovranità popolare ma per lunga e sistematica serie di dimissioni nelle fila governative – si è autoproclamata presidente ad interim (esattamente un’autoinvestitura, poiché la seduta parlamentare che l’ha vista salire al soglio governativo sembra sia stata l’unica che abbia potuto fare a meno del conteggio del numero legale di deputati presenti e che questo, naturalmente, non fosse stato raggiunto), sanzionando così la riuscita, almeno provvisoria, del disarcionamento del MAS-IPSP (Movimiento al Socialismo – Instrumento Político por la Soberanía de los Pueblos) e di Morales dal potere e l’ascesa di un’opposizione. Ma cerchiamo di essere più precisi e onesti, diciamo le cose come stanno: di una destra ultrareazionaria, bianca, razzista e organica agli interessi statunitensi al potere dello Stato in Bolivia. Una destra esattamente speculare a quella che in Venezuela tenta ancora di scalfire il processo rivoluzionario e che proprio in questi giorni si riorganizza per sferrare l’ennesimo colpo al governo bolivariano.

E’ certamente troppo presto per tirare le somme di una fase che sembra terminare sotto i colpi di quel cambio di regime continentale, un fiume di reazione in piena che si abbatte su tutta la compagine politica latino-americana e che trova come unici soggetti decisi a spezzare la corrente Cuba, le masse venezuelane e la resistenza popolare dei singoli stati sud-americani. Adesso, piuttosto, è il momento della solidarietà, che è già scarsa a queste latitudini e occorre mantenere su livelli dignitosi, pena, in caso contrario, la perdita della fiducia di tutti quei compagni, di tutti coloro i quali credono ancora che non tutto è perduto in quella parte del mondo, che il socialismo latino americano è ancora un’esperienza viva e in costruzione e che può contribuire a risollevare le sorti della sinistra di classe nel resto del mondo e in Europa.

[L'infame "populista"]

Non è il momento di tirare bilanci anche se, pure con quel poco di notizie e informazioni filtrate dal teatro boliviano, alcuni interrogativi già si presentano ed emergono come quesiti non aggirabili. Purtroppo, come ben sappiamo e, anzi, sembriamo aver accettato, il vecchio vizio, la vecchia malattia del fardello dell’uomo bianco, dei “due pesi e due misure”, dell’orientalismo elevato a categoria d’analisi politica, dunque generalizzato e riportato alla sua radice originaria, l’eurocentrismo di vecchio stampo coloniale non sembra aver mai abbandonato la putrescente catena di comando nella vecchia Europa e, scendendo agli ultimi, infimi anelli di questa catena, all’altezza dei così detti “pennivendoli”, troviamo nel pieno della sua operatività, anzi, in una nuova primavera dispensatrice di cazzate questa vecchia abitudine. E allora un pronunciamento militare – ergo una minaccia – diviene “pressione” nel migliore dei casi, quasi fosse un consiglio amichevole, e dunque il concetto di golpe non sembra essere più appropriato a descrivere la “fumosa” situazione boliviana. I pestaggi, le torture, i sequestri, il saccheggio delle abitazioni a opera dell’opposizione nei confronti dei dirigenti e militanti dei partiti vicini al MAS – si, i sequestri , come quello ai danni della sindaca Patricia Arce, proprio rappresentante del MAS, che come i roghi ai danni dei militanti chavisti non sembra essere stato davvero una preoccupazione per lo stuolo di adoratori della Dichiarazione universale dei diritti umani che affollando i corridoi di Bruxelles – non sono di certo il cuore della questione, non ci dicono proprio niente e l’importante è tenere ben presente che tutto quello che si muove fuori dai nostri europeissimi confini, possibilmente a sinistra, è dannatamente autoritario e va ricondotto a ragione in un qualche processo elettorale preferibilmente sotto il vigile occhio di una commissione ad hoc creata appositamente per non pestare i piedi a nessuno, da una parte all’altra dell’oceano.

[L'infame boliviana]

Insomma, il solito cortocircuito analitico che, con abbondante aiuto da parte del flusso inesauribile di pessima e volutamente distorta informazione, permette di dire che un golpe qui è inaccettabile, ma un golpe lì, forse, non è proprio un golpe. Certo è che, sebbene le sorti del socialismo boliviano non siano definitivamente terminate, hanno subito un duro colpo e chissà se non sia mortale. La ritirata tattica – speriamo non strategica – con cui la compagine del MAS ha affrontato questa fase di offensiva reazionaria ha avuto il risultato di evitare l’esplosione della situazione interna al paese (probabilmente in un momento in cui le forze popolari non sarebbero state in grado di rispondere, certamente in un momento di profonde contraddizioni in seno allo stesso movimento progressista  ma che non riuscirà ad evitare una guerra civile se le cose dovessero peggiorare ), ma hanno significato l’estromissione quasi totale e la decapitazione della dirigenza politica del fronte progressista nel paese. Una mossa, quella della rinuncia a una risposta colpo su colpo ai tentativi di disarcionamento dell’autorità legittima che sembra quantomeno di dubbia efficacia, apparentemente compiuta con l’idea che l’imperialismo subisca una sorta di horror vacui, quando invece la politica, al pari dell’imperialismo, non ne ammette. Anzi, ne è vorace.

8152 letture totali 6 letture oggi

3 comments to Un golpe è un golpe è un golpe

  • sandrone

    versione originale di Rubén Blades…
    ma la cover del Sargento Garcia è tutto un’alta musica
    [https://www.youtube.com/watch?v=GzZBu1SScUo]

    1/
    Que alguien me diga si ha visto a mi esposo
    Preguntaba la doña
    Se llamaba Ernesto X, tiene 40 años
    Trabaja celador en un negocio carros
    Llevaba camisa oscura y pantalòn claro
    Saliò anteanoche y no ha regresado, y no sé ya qué pensar
    Pues, antes, esto no me habìa pasado

    2/
    Llevo tres dìas buscando a mi hermana
    Se llama Altagracia, igual que la abuela
    Saliò del trabajo pa’ la escuela
    Llevaba puestos unos jeans y una camisa blanca
    No ha sido el novio
    El tipo està en su casa
    No saben de ella en la PSN, ni en el hospital

    Refrain:
    A dònde van Los Desaparecidos?
    Busca en el agua y en los matorrales
    Y por qué es que te desaparecen?
    Porque no todos somos iguales

    Y cuandò vuelve desaparecido?
    Cada vez que lo trae el pensamiento
    Como se le habla al desaparecido?
    Con la emociòn, apretando por dentro

    3/
    Que alguien me diga si ha visto a mi hijo
    Es estudiante de premedicina
    Se llama Agustìn y es un buen muchacho
    A veces, es terco cuando opina
    Lo han detenido, no sé qué fuerza
    Pantalòn blanco, camisa de rayas
    Pasò anteayer

    4/
    Clara Quiñones se llama mi madre
    Es un alma de Dios, no se mete con nadie
    Se la llevaron de testigo
    Por asunto que es nada màs conmigo
    Y fui a entregarme hoy por la tarde
    Y ahora nos dicen “quién sabe quién se la llevò?”

    5/
    Anoche, escuché varias explosiones
    Tiros de escopeta y de revòlver
    Carros acelerados, frenos, gritos
    Ecos de botas en la calle; toques de puertas, quejas
    Por dioses, platos rotos estaban dando la telenovela
    Por eso nadie mirò pa’fuera

  • sandrone

    …comunque, dopo “l’intrattenimento musicale”, fatevi la domanda:
    ‘ma come facciamo, guardandoci allo specchio, a criticare il golpe imperialista (litio) in Bolivia e a allo stesso tempo sostenere i servili mafiosi mercenari curdi in Siria (petrolio) che prendono addestramento, stipendio e ordini esattamente dallo stesso padrone?’

  • sandrone

    US now considers Israeli settlements consistent with international law – Pompeo
    https://www.rt.com/news/473741-us-israel-settlements-legal/

    in Aska, ci sarà un gruppetto di infiltrati assai contenti!

Rispondi a sandrone Annulla risposta

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>