APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

24 September :
1979 - Prospero Gallinari viene gravemente ferito e catturato a Roma dopo una sparatoria con la polizia. Gallinari è uno dei componenti del nucleo brigatista che sequestrò Aldo Moro

STATS

Oggi come ieri a San Basilio

La manifestazione di domani per ricordare Fabrizio Ceruso, il suo assassinio a distanza di 44 anni, potrebbe ricadere nella ritualità degli anniversari, nelle date che necessariamente si ricordano per storia, per onorare la memoria di una grande stagione di lotte ormai lontana nel tempo, ma così non è.

Questo appuntamento si situa in un momento particolare, in cui si vanno addensando segnali non certo positivi anzi in netta continuità con la gestione politica e amministrativa passata. La circolare del Viminale del 1 settembre che ratifica la linea della tolleranza zero verso il movimento del diritto ad abitare, la linea consenziente di fatto della giunta Raggi sul tema non fanno ben sperare per le prossime settimane. Nulla di nuovo.
Non scopriamo oggi che l’alleanza giallo verde, pur se percepita da fasce ampie della popolazione ancora come una novità, come il governo del “cambiamento”, nei suoi cento giorni di potere, ha messo in scena una sostanziale continuità in molti campi della politica sociale e un’evidente difformità rispetto ai proclami battaglieri tinti di retorica antisistema post 4 marzo.
Ci sembra anche troppo scontato rimarcare ancora una volta la linea propagandisticamente razzista della gestione salviniana del tema migranti, l’esaltazione dell’operato delle forze di polizia, della linea securitaria e repressiva che si intende attuare per gestire le problematiche sociali, del clima invelenito che si va respirando nel paese. Ma è proprio sul tema delle periferie , però, che questo governo del “cambiamento” segna tutta la sua continuità con la classe politica che l’ha preceduta, se è vero che il governo si appresta a congelare i fondi del bando per le periferie previsto nel decreto Milleproroghe, tagliando circa due miliardi di euro alle aree metropolitane.
La carne al fuoco è tanta, la questione sociale nelle nostre periferie si fa sempre sempre più calda e delicata sul piano della sofferenza e delle diseguaglianze, dobbiamo lavorare costantemente a ricucire le relazioni di solidarietà, ascoltando e cercando di organizzare dove è possibile le aspettative e la voglia di emancipazione che vivono anche nella condizione più difficile, cercando di frenare e respingere le continue sirene del propagandismo razzistoide. Consci, però, del fatto che in mezzo al nostro popolo, fatto di lavoratori e lavoratrici, occupati, semioccupati, disoccupati , del popolo delle periferie, alberga molta rabbia e questa rabbia sociale non si risolve con un ragionamento buonista o vagamente solidarista di stampo umanitario.
Ci sono buoni motivi per scendere in piazza domani non solo, per ricordare il passato ma soprattutto per stringerci in un rinnovato spirito unitario nella difesa resistente di quello che si è sedimentato in tanti anni nella nostra città, ma certo questo non basta per uscire dalle secche politiche e dal deserto sociale in cui sembra siamo ancora totalmente immersi.

3660 letture totali 16 letture oggi

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>