APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

14 November :
1947 - A Cerignola (Foggia), nel corso di una manifestazione contadina, la polizia apre il fuoco uccidendo Domenico Angelini e Onofrio Perrone. Per reazione, i dimostranti danneggiano il palazzo di un agrario e le sedi di alcuni partiti. Anche 2 agenti di Ps rimangono uccisi negli scontri. 114 lavoratori vengono incriminati

STATS

Il ritorno di Jesse Owens?

Ieri le bacheche dei social progressisti si sono tinte di azzurro… e di nero. La foto delle quattro atlete italiane che hanno vinto la staffetta ai Giochi del Mediterraneo è diventata virale nel giro di qualche ora, e così pure è stato per lo slogan “prime le italiane” con cui è stato parafrasato e sbeffeggiato Salvini. A leggere l’enfasi di alcuni commenti per un attimo ci è sembrato quasi di rivedere Jesse Owens correre veloce come il vento sulla pista di atletica dello stadio Berlino, per umiliare i bianchissimi campioni del Reich e per sbattere in faccia al loro führer dove poteva mettersi le sue teorie sulla superiorità della razza ariana. Tutto bello, tutto commovente e, però, tutto sbagliato. Perché Salvini non è Hitler e i 70mila leghisti radunati a Pontida non sono le SA.  Il razzismo di Salvini e di quel 30% di elettorato che gli viene accreditato non è biologico, a parte qualche subumano nessuno di loro pensa davvero di vestire una pelle migliore di quella di qualcun altro. Il suo, se così si può dire, è un “razzismo economico”. Il problema non è quindi il “povero nero”. ma il “nero povero”: l’immigrato che arriva col barcone e viene additato come capro espiatorio per la crisi economica. Mentre, se arrivasse con lo yacht, verrebbe accolto con tutti gli onori. E’ l’ipocrisia di chi sbraita contro il nero che sosta davanti alla stazione centrale e poi si fa i selfie con il campione africano che gioca nella propria squadra o chiede autografi al rapper in tour o al divo di Hollywood.

A dispetto di tutte le narrazioni sul conflitto tra popolo ed élite è lo scontro sociale che si fa orizzontale, non più tra le classi, ma dentro la classe. E prima lo capiremo e prima riusciremo a metterci mano e a trovare la strada per uscire dalla condizione di minoritarismo in cui siamo confinati.

8638 letture totali 2 letture oggi

1 comment to Il ritorno di Jesse Owens?

  • pino josi

    confinati? o al contrario siamo noi ad esserci esiliati? mimpiacerebbe leggere un articolo sul perchè la sinistra soprattutto quella vera, sia ormai una sorta di riserva indiana volontaria

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>