APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

19 June :
1953 i due cittadini statunitensi Ethel ed Julius Rosenberg, simpatizzanti comunisti e di religione ebraica, vengono giustiziati negli USA dopo un processo farsa che li ha condannati come spie dell'Unione Sovietica.

STATS

Lo stadio della Roma e l’aroma dello stadio.

A Roma, in Procura, devono essere davvero dei gran burloni. La Raggi non ha fatto nemmeno in tempo a postare urbi et orbi il suo messaggio di giubilo per l’imminente inizio dei lavori dello Stadio che questa mattina i carabinieri hanno eseguito nove arresti “per associazione a delinquere finalizzata alla corruzione nell’ambito del progetto per l’impianto di Tor di valle” (leggi). Tra i politici e i “prenditori” fermati ci sono alcuni nomi pesantissimi: come il costruttore Luca Parnasi (proprietario dell’area), il vicepresidente del Consiglio Regionale Adriano Palozzi (Forza Italia), l’ex assessore regionale al Territorio Michele Civita (PD) e il presidente dell’Acea Luca Lanzalone, vicino alla Raggi e grande mediatore tra la giunta e la cordata interessata all’ennesima operazione speculativa (leggi). L’aroma dello stadio della Roma è dunque lo stesso di tutte le speculazioni che hanno devastato questa città, altro che aria nuova.

Proprio la vicenda dello Stadio e l’aver ceduto di fronte alle pressioni del “blocco del cemento” (il tutto sottolineato dalle dimissini polemiche dell’assessore Paolo Berdini nel gennaio del 2017) sono stati infatti la dimostrazione plastica della “normalizzazione” della giunta pentastellata di fronte a quel grumo di potere che da sempre governa Roma. Nonchè il tradimento di quelle aspettative di discontinuità che pure erano state suscitate dal voto del 2016, soprattutto nelle periferie. Più del pressapochismo, più dell’inefficenza o dell’infinito valzer di assessori è stato l’essersi piegati alle logiche dell’urbanistica contrattata a dimostrare come il populismo, di fronte ai poteri forti, sia un’arma spuntata. Di come nei fatti sia stato riassorbito all’interno di quel “regime urbano” capace di esercitare la propria egemonia al di la delle contingenze politico-amministrative. Una lezione “locale” dal sapore “generale” e da cui dovremmo imparare ad approfittare.

 

4212 letture totali 0 letture oggi

19 comments to Lo stadio della Roma e l’aroma dello stadio.

  • Fred

    …attenzione….tic-tac-tic-tac l’orologio della posa della prima pietra stava per scoccare e…et-voilà tutto fermo! e non venitemi a dire che i poteri a cui vi riferite non hanno contrastato la realizzazione di questo progetto! però se fate un giro verso testaccio, ponte di ferro, area mercati generali vedrete quanto si è costruito a danno di una vera riqualificazione del territorio. Questa area benché frequentatissima, (perché poi…?)soffre di un degrado evidente a tutti. Ma nuovi palazzi sono sorti, affitti commerciali e abitativi balzati alle stelle e oltre, nel totale silenzio! Bene, tanto peggio tanto meglio, no?

  • Fred

    scusate, rileggendo il mio commento mi rendo conto solo ora che quanto scrivo non rispecchia quanto volevo esprimere. In sintesi intendo mettere in rilievo il degrado di cui ai miei occhi soffre il quartiere che sorge intorno ai vecchi mercati generali, nonostante la costruzione di nuovi alloggi, investimenti in opere pubbliche ect. e come tutto ciò si sia prodotto senza intoppi e in qualche mese. Forse perché opera di aziende amiche mentre quelle interessate al progetto di cui all’articolo invece no.
    E allora mi chiedo a chi giova tutto questo, di certo possiamo escludere chi è alla ricerca di un lavoro, specialmente del primo lavoro oppure dell’unico del proprio nucleo familiare, poi anche di chi vive nelle due zone interessate, l’una interessata dal degrado e dalle difficoltà di tipiche della gentrificazione e l’altra dal degrado ebbasta! non giova certo anche a chi in questa città ci vive, ci abita e la ama e la vede ormai sempre additata come centro di malaffare e corruzione.

  • mrwolf

    Fred hai dimenticato le scie chimiche e la kriptonite nei vaccini ;-)

  • Fred

    chapeau mrwolf o sarebbe meglio mrfaina :)
    scrivere fesserie per inabissare anche la verità!

  • mrwolf

    Scusa Fred , ma mi piace la battuta anche quella facile…. Nel tuo ragionamento c’è tanto “5s pensiero” nel senso che non puoi ridurre il problema in “malaffare e corruzione” quando il tanto amato stadietto ne risente a pieni voti e se pensi che sia tutto un “complotto dei poteri forti” sa tanto di dietrologia condito di qualunquismo spicciolo. Io non sono di Roma, ma penso che lo stadio della Roma (non di Roma) con la lotta di classe centra una sega. Però se sei romanista un senso ce l’ha ;-)

    • Fred

      fattelo dire…non hai capito e quindi il tuo “ragionamento” ti porta lontano, riesci a malapena ad appiccicare qualche etichetta, fatti un favore: studia!

      • mrwolf

        magari non ho capito perchè non sai scrivere/esprimerti. Se ti sei commentato da solo che il tuo primo post non era chiaro neanche a te stesso, tanto da ricommentarti con uno ancora più arrotolato su se stesso, figurati quanto possa essere limpido agli altri. Fatti un favore: comprati uno specchio e datti ragione da solo così non sei obbligato a sentire eventuali critiche di altri.

  • Gino

    Un pezzo di verità potrebbe essere anche qui, prima della giunta Raggi.
    ———————————————————————————————–
    Francisco
    08/03/2013 at 8:31 pm

    Se possibile vorrei sfatare un po’ le capacità del duo Grillo-Casaleggio… non che non ne abbiano ma, sempre se possibile, mi piacerebbe sapere sa al pari di Grillo anche gli osservatori o gli avversari credono che la reta abbia definitivamente scalzato la TV dal trono che detiene da almeno 60anni in questo paese, e non solo.
    Leggo da numerose analisi che il voto giovanile è quello che più ha premiato il m5s… forse è vero, però mi chiedo perché questo voto giovanile, che vede appunto in essi i maggiori fruitori del web, non ha dato negli anni precedenti questo potere (prima l’avrei chiamata notorietà) a Grillo.
    L’ascesa del Grillo pensiero è facilmente riconducibile alla caduta, o pausa di riflessione, di Berlusconi, caduto il suo governo il m5s s’attestava stabilmente da un paio d’anni sul 3,5% circa, questo perché quasi ignorato dalla TV, a parte qualche endorsement di Santoro e pochi altri, comunque insufficienti perché rari. Dall’autunno del 2011 la TV ha cominciato a portarlo in prima pagina quotidianamente, mai saltando un giorno, e in due o tre settimane i sondaggi lo innalzarono al 15%-18%(chiamiamo sondaggio il piattino che ci serve il sistema per veicolare preferenze, di qualsiasi genere). Proseguendo nell’osservazione dei flussi sondaggistici, questa percentuale, già di per sé stratosferica per i tempi impiegati, è rimasta stabile fino a un paio di mesi dal voto, nonostante crescesse l’interesse verso un movimento che rifiutava la presenzialità in TV ma ne era l’ospite principale. Gli ultimi mesi è stato un inseguire forsennato delle TV a Grillo, al punto che possiamo dire che le piazze gliele riempiva le TV, fino all’ultima settimana, con il culmine dell’ultimo venerdì utile di campagna elettorale, dove gli dedicò più spazio di tutti gli altri, lo trasformò nel concertone di S. Giovanni al pari del primo maggio, nonostante (furbescamente) fu allontanata.
    Ora pensare che le reti televisive abbiano costi e potenza inferiori della rete è un po’ fantascienza, tant’è vero che pur se il web è più capillare e in un certo senso democratico, perché permette la smentita o il confronto, la televisione raggiunge la totalità delle masse, non una parte come il web, è non è affatto interattiva o censurabile: DOMINA.
    In pratica, non vedo come si possa smentire questo, la TV rimane il mezzo di propaganda più efficae, ma è anche il più costoso, richiede più risorse, è in mano al potere (in guerra ormai si abbatte prima l’emittente televisiva del nemico, poi hai vogli di twittare).
    Rifletto su questo perché seguo da sempre l’evoluzione del movimento attraverso la rete e le TV, e credo che continuare a trascurare questo lato del “successo” di Grillo e del m5s contribuisca a renderlo quasi leggendario, un precedente veramente rivoluzionario.
    Una rivoluzione però portata a termine dalla TV, che notoriamente è l’arma del potere finanziario e politico. La TV ignora i nemici con l’oscuramento, i nemici abbattono la TV, e quando ne sono in possesso la ricostruiscono e ne fanno quello che era prima, il megafono del potere.
    Saluti e… splendide pagine le vostre, Wu Ming.

    Wu Ming 1
    08/03/2013 at 8:58 pm

    Applauso, cazzo, AP-PLA-U-SO!!!
    ————————————————————-

  • Il reietto

    Ariecco la splendida coppia Gino/mrwolf…vabbè per mrwolf basta una battuta perché più di questo non produce…e quindi direi che lui si è dimenticato di citare a proposito del m5s nell’ordine: il grande fratello, casaleggio e la spectre!
    Per quanto riguarda Gino, che posta un commento di tal francisco applaudito addirittura dai wuming, vorrei dire che mi sembra superficiale citare il ruolo della tv nella vittoria elettorale dei 5s solo dal punto di vista del tempo di occupazione dei palinsesti bisognerebbe anche prendere atto del fatto che quel tempo è stato dedicato al tentativo di distruggerli…che poi non ci siano riusciti dipende anche dal fatto che la maggior parte degli elettori non sopporta più ne i massmedia ne le alternative politiche da questi sponsorizzate, vedi governi tecnici, PD, forza Italia…etc

  • Gino

    @ il reietto
    Credo che se passano altri cinque anni vien fuori che il m5s è opera del Che.
    Premetto che lì manco si parla di Casaleggio o Grande Fratello, ma del sistema, il che ne fa una cosetta un po’ più seria..
    Facciamo a capirci, all’epoca, anche se da molto prima, si scriveva molto sul m5s, tra i più pertinenti risultavano gli interventi del collettivo Wu Ming… poi se si vuol mettere in dubbio la sincerità della loro reazione a quel commento allora è tutt’altra storia, ma andrebbe rigirata loro la contestazione.
    Detto questo, gli ultimi sviluppi confermano quella tesi, per niente campata in aria, quindi troverei veramente inspiegabile uno spalleggiamento dei compagni al m5s.

  • Il reietto

    @Gino
    A proposito del che vedo che continui con la solita retorica del banalizzare la posizione altrui come del resto fa il tuo sodale mrwolf…dove mi hai sentito sostenere che il m5s è erede del che? detto questo io rispondevo al commento di mrwolf che fa battute banali
    Sui wuming (che peraltro stimo da molti punti di vista) io non metto in dubbio la loro sincerità ma ciò non toglie che non condivido la loro posizione sul m5s…detto questo nel commento di francisco si parla esclusivamente del ruolo delle tv nel successo dei m5s e di come questo significhi (secondo francisco e i wuming) che i poteri forti sono sostenitori dei 5s…peccato che ne loro né tantomeno tu vogliate prendere atto del fatto che ne parlino esclusivamente per attaccarli…o vuoi negare questo fatto?

  • Il reietto

    Ah dimenticavo non so se ti tranquillizza…ma sui 5s e su questo governo io condivido quasi completamente la posizione di militant!

  • mrwolf

    @rejetto: Grazie per l’approfondita analisi. Sulla battuta però ci devi lavorare ancora un po eh ;-) La pochezza dei miei interventi, ammetto senza vergogna, non hanno nessuna velleità di inchiodare il reale su interpretazioni definitive su quale sia la causa della putrescenza della situazione attuale (economica/politica/sociale/morale .. fai tu). Ma qualche “pezza” per supportare quello che hai detto, ossia che “la maggior parte degli elettori non sopporta più i massmedia ne le alternative politiche da questi sponsorizzate”?? Secondo te Di Maio & C. comunicano solo via twitter? Ovviamente non sono per niente daccordo per una quantità di motivi infiniti che altri più bravi di me hanno analizzato ampiamente, come non sono daccordo che “internet” sia democratico (qui uno spunto https://www.ippolita.net/it/libro/la-rete-%C3%A8-libera-e-democratica-falso, ma la letteratura al riguardo è nutritissima). E non solo per il caso Cambridge Analytica e/o il movimento alt-right americano, ma per la natura intrinsecamente antidemocratica della tecnologia, della scienza e del capitale che la crea/diffonde (traduco: ad esempio, non tutti sono esperti di big data o di technology mass surveillance, nè di come sono applicati i GPDR, tra le tante cose, anzi direi proprio il contrario). Sui 5S è palese che non riesco a prendere l’argomento sul serio, quindi i loro “refrain” mi fanno sorridere portandomi a canzonarli. Non è che ce l’ho particolarmente con chi li ha votati, che alternative elettorali non c’erano, diciamocelo, se non votare proprio, ma con il “movimento” in sè, la proposta politica e ideologica che la sottende, la forma di consenso modellizzato su quello del marketing, la struttura/organizzazione proprietaria e verticistica, l’ossessione per la leadership, l’idea distorta che hanno di democrazia diretta, la convergenza con la destra xenofoba, il moralismo puritano, la retorica della meritocrazia, la tecnomania da nerd, la visione anarco-capitalista dell’economia e quella populista del welfare, l’atteggiamento ambiguo con la scienza e con la religione, etc etc … praticamente tutto. Il fatto che il loro responsabile della comunicazione sia un ex-GF o che Casaleggio ne sia il padrone non è così importante. E’ tutto il resto che mi irrita.

  • Gino

    @ il reietto
    A me non interessa cosa pensi in proposito, forse non hai capito, quella non era manco la loro posizione definittiva, hanno avuto solo un elemento in più al quale probabilmente avevano dato poco peso. Comunque sei sempre in tempo a dirglielo.
    Per il resto posso aggiungere che la prima regola della pubblicità è: parlatene bene, parlatene male purché ne parlate.
    Rimane il fatto che attraverso loro abbiamo al governo il peggio della teppaglia nera, e loro ne sono fiancheggiatori, o se preferisci, il cavallo di Troia, e ricorda… tu per loro sei una zecca rossa… o non lo sei più? Cosa ci siamo persi on the road?
    Cosa e con chi la condividi ha poca importanza, non si scrive qui solo per leccare le suola, ma anche per confrontarsi.
    Da quel lato avrei già dato, il “ciao ciao con la manina” fu riservato a me, proprio causa un grillino cui avevo tolto ogni argomento… manco poi fosse così difficile.

  • Il reietto

    @mrwolf
    certo che sei un vero personaggio….vai avanti a battutelle degne di Zoro e poi pretendi approfondite analisi? Poi quando sei messo alle strette le tue di analisi non fanno altro che elencare una serie di luoghi comuni sui 5s….dammi retta dei più credibile quando fai degli appunti sulle mie di battute…. li riconosco la tua superiorità!

    • mrwolf

      bah sei un caso disperato, parecchio arrogante, su questo non ci piove … direi di finirla qui. Ti lascio alla tua infinita cultura scevra da luoghi comuni e soprattutto da senso dell’ironia. Eppure voi filo-grillini un po di senso del comico dovreste averlo …

  • Il reietto

    @Gino
    Anzitutto una premessa…hai un modo di argomentare arrogante e sprezzante di cui fatico ad individuare le motivazioni se non nella tua profonda ignoranza!
    Prima posti quel commento non tuo presentandolo come un pezzo di verità sui 5s… poi alle risposte in merito rispondi che non ti interessa come la penso e che lo dovrei dire a chi lo ha scritto….boh!
    Sul peggio della teppaglia nera al governo a parte che su questo ti trovi in bella compagnia (PD,liberi e uguali e frattaglie varie)… ma in merito penso che il peggio della teppaglia nera abbia governato questo paese negli ultimi 20 riducendo alla miseria ampie fasce del paese aprendo la strada alla peggiore destra europea e poi governandoci insieme!
    Per il resto del tuo squallido commento posso dire che io sono un comunista, con i compagni di militant condivido molto anche per averci lavorato politicamente insieme (leccare le suola e’ una cosa che puo’ venire in mente solo a chi conosce bene tale pratica…proiezione oh yes!) cosa che ho fatto anche con esponenti 5s in alcune vertenze…ebbene dopo tanti anni di impegno politico posso dire che oltre alla classica destra politica chi mi ha sempre considerato una zecca rossa sono sempre stati i sinistrati del PCI poi DS poi PD!
    E ora ti faccio anche io ciao ciao con la manina

  • Gino

    @ Il reietto
    Mettiamola così… non sempre si riesce a scrivere a lungo con un nick, quello potrebbe essere di chiunque, anche se è il mio non importa, ciò che “intruppa” con l’interlocutore sono la data e l’approvazione in calce, inusuale forse, ma tale rimane, la puoi ritrovare sul sito.
    Se è di un pinco pallino qualsiasi non vedo di che preoccuparti.
    Qual’è la ragione che te lo rende squallido? E’ senz’altro la data soprattutto, in tempi dove il revisionismo d’accatto non riesce più ad aspettare la morte dei testimoni ma si esibisce in performances ad avvenimenti freschi.
    La resistenza insegna.

    “Sul peggio della teppaglia nera al governo a parte che su questo ti trovi in bella compagnia”

    Sono abituato a queste fantasiose reazioni pentastellate da almeno un decennio, è un linguaggio che conosco a perfezione.
    Non m’interesso delle tue osservazioni di parte, oltretutto fideiste e senza costrutto, perché parlo di un partito virtuale creato a tavolino dal sistema e materializzato attraverso il media di regime, che come tutti sappiamo è genuinamente comunista e bolscevico, vero?
    Datti pace, è così blindato questo m5s che certe robe non mi riesce di passarle manco sui siti che dovrebbero farne tesoro… ed è solo un minuscolo paragrafo, intendiamoci.
    Sei un semplice piccolo megafono di un prodotto del quale non riesci a capire nulla se parli così… questa è roba pesante, un decennio per mettere al potere un coacervo reazionario di questa portata senza sparare un colpo è roba mai successa nella storia.
    Non ti chiedo neanche di riflettere, perché la tua scomposta reazione sta a certificare che sai bene che è così, ma sei una piccola pedina, sicuramente preziosa a quel progetto, ma piccola.
    La pericolosità di questa deriva ancora non è chiara a una larga parte dell’opinione pubblica drogata dai media e a una buona parte di compagneria che vuole usare questo neofascismo per regolamenti di conti interni alla sinistra.
    Pazienza… una volta col verba volant era più facile rinnegare, oggi la rete permette l’archiviazione.

  • Il reietto

    Oddio…come stai messo male!

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>