APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

20 October :
1947 - Nasce la commissione d'inchiesta per attività antiamericane, il senatore McCarthy la utilizzerà per perseguitare i militanti progressiti statunitensi

1974: I FASCISTI UCCIDONO ADELCHI AGRADA

STATS

Convulsioni elettorali

 

Nella competizione tra partiti è opportuno concentrarsi sulle percentuali elettorali. In tal senso, le elezioni regionali del Friuli Venezia Giulia dicono molto anche a livello nazionale: chi in questa fase si presenta come opposizione ha tutto da guadagnarci. Viceversa, per una comprensione maggiore del quadro politico nel suo insieme, bisogna guardare ai dati assoluti. Leggendo i quali, si scoprirebbe che la Lega ha perso, rispetto alle politiche di marzo, 29.803 voti. Continuiamo a leggere di trionfi leghisti, eppure i dati nudi e crudi parlano di una ritirata, non di un’espansione. Una ritirata che però, bisogna evidenziare, è più contenuta del tracollo Cinque stelle: rispetto alle politiche di marzo il partito grillino perde 139.489 voti, passando da 169.299 voti addirittura a 29.810. Anche questo dato illustra direttamente l’attuale stallo politico nazionale: a differenza della Lega, per il M5S il tempo del governo è qui e ora. Le elezioni friulane dovrebbero funzionare da bignami della strategia politica, perché descrivono una traiettoria che i vari leader politici conoscono bene. Da una parte c’è la Lega, a cui non interessa andare al governo, ma scalzare Forza Italia quale pivot della coalizione ed egemonizzare il centrodestra. Questo è l’obiettivo principale di Salvini, un obiettivo raggiungibile anche – forse soprattutto – con un ulteriore giro all’opposizione. Diverso il caso del M5S. Presentandosi come partito avverso alle coalizioni, tentando di raggiungere in solitaria la maggioranza parlamentare, non può che spingere per cogliere l’occasione, probabilmente irripetibile, del risultato elettorale di marzo. E’ vero che prossime eventuali elezioni non cambierebbero di tanto i risultati di marzo. Ma l’enorme distacco tra M5S e gli altri partiti sarà probabilmente destinato a ridursi più che aumentare. Se già oggi è una strada impervia, con altri risultati elettorali la via del governo per il M5S sarebbe definitivamente sbarrata. Questo il motivo per cui il M5S, attraverso l’operazione Di Maio – cioè la moderazione generalizzata del Movimento – ha come obiettivo secondario anche la fagocitazione dell’elettorato democratico. Stupisce, semmai, che ad accorgersi dell’Opa grillina sia solo Renzi. Questo fatto la dice lunga sulla dispersione di competenze politiche del gruppo dirigente ex Pci, oggi inalberato con l’ex segretario per la chiusura totale ad una fiducia democratica ad un governo con il M5S.

Il ragionamento implicito della “dissidenza” democratica, quella dei vari Emiliano, Boccia ma anche di Martina, è talmente illusorio da sfiorare la provocazione: attraverso l’alleanza con il M5S facciamo fuori Renzi e “riportiamo” il partito “a sinistra”, promuovendo il ritorno del Pd quale coerente espressione della socialdemocrazia, distante dalle rotture renziane che hanno fatto perdere ai democratici aderenza con la propria base elettorale. L’intervista di Renzi a Che tempo che fa ha fatto scoppiare il casino: come si permette di rovinarci i piani? Eppure, nonostante Renzi si possa considerare pacificamente il peggior segretario della sinistra riformista dal Pci al Pd, la congrega di sottoposti di cui si compone lo Stato maggiore del partito risulta talmente incapace da rivalutare Renzi stesso. Mentre gli Emilianos vorrebbero sfruttare Di Maio per far fuori Renzi, Renzi si accorge che è il M5S che sta sfruttando la dissidenza interna per fagocitare quel che rimane dell’elettorato Pd. Perché se un governo M5S-Pd dovesse andare bene i meriti verrebbero raccolti unicamente dal socio di maggioranza, dunque dai grillini, che al quel punto occuperebbero per intero il campo oggi chiamato “centrosinistra”. Se, al  contrario, dovesse andare male, le colpe si riverserebbero unicamente sul Pd, al governo dal 2011 senza mai vincere un’elezione.

E in effetti l’idea di rimanere al governo nonostante la sconfitta, dopo esserci rimasti per sette anni sfruttando l’onda lunga del golpe montiano-europeista, può venire solo da personaggi incapaci di intendere e di volere, quale in effetti sembrano i Martinas di turno. Stupefacente che una dinamica logica di questo tipo possa essere colta solo da Renzi. A meno che questi calcoli i dirigenti del Pd non se li siano già fatti, e a muoverli sia piuttosto il muoia Sansone con tutti i filistei, che tradotto vuol dire riprendersi il partito anche al costo di ridurlo attorno al 10% elettorale.

In tutto questo bailamme c’è però l’Europa, l’Unione europea, i “mercati”. Che al momento lasciano fare per un’unica ragione: al governo c’è, e ci sarà per diverso tempo, ancora Gentiloni, dunque la stabilità garantita dal pilota automatico europeista. Mattarella, a tal proposito, è stato fin troppo chiaro: scordatevi nuove elezioni, senza accordo politico si procede col “governo del presidente”, necessario all’approvazione del bilancio e della prossima finanziaria, nonché per riscrivere quella legge elettorale necessaria a garantire la stabilità per mezzo degli accordi trasversali di coalizione. Staremo a vedere, di certo l’eventuale ridimensionamento elettorale del M5S sarà destinato a spalancare le porte alla Lega più che a milioni di proletari anestetizzati dal populismo grillino ma che, una volta cessato l’incantesimo, riprenderanno coscienza e svilupperanno una più coerente lotta di classe. Più o meno questa è l’idea generale sul M5S, e il populismo, “a sinistra”. Consigliamo una riunione con Emiliano per stabilire le prossime tappe della riscossa democratica.

5290 letture totali 2 letture oggi

8 comments to Convulsioni elettorali

  • Sandi

    Vero che il M5S ha perso tutti quei voti, ma è un dato di fatto che alle amministrative in FVG il M5S non ha mai raggiunto i risultati delle politiche (che sono del tutto in linea con quelli nazionali). Quindi è un calo fisiologico, anche se perdono pure rispetto alle precedenti regionali.
    Da notare e valutare – non so come interpretarlo, sinceramente – anche che il candidato presidente della Lega ha preso qualche migliaio in più di voti di quanto ne aveva preso la coalizione di centrodestra alle elezioni politiche. Ma comunque resta il fatto principale che per la prima volta alle regionali in FVG ha votat meno del 50% degli aventi diritto. Dato che su cui i media tendono a glissare (ed è già qualcosa che la dice lunga sull’interesse per la partecipazione al voto)

  • Hirondelle

    Scusate, ma il PD NON è MAI stato “COERENTE (coerente, poi!) espressione della socialdemocrazia” come scrivete voi, e questo proprio dalla sua nascita. Forse lo è stato per un breve periodo il PCI. Ma da quando Berlinguer abbraccia “l’austerità”, nel 1976 e anche prima, quel partito lì, qualsiasi metamorfosi nominalistica abbia poi inscenato, è stato coerente espressione del LIBERISMO e coerente STRUMENTO della sua RESTAURAZIONE, sia pure in modo parzialmente mascherato e sia pure salvando fino a un certo punto il governo locale. Cioè antitetico alla socialdemocrazia. Finché lo stesso progresso della restaurazione, guidato dalla UE, l’ha reso impossibile e la maschera è caduta. Quindi, finora i desiderata UE e gran capitale si stanno mostrando capaci di controllare la situazione come desiderato, non proprio in senso socialdemocratico. Punto. A capo?

    • Giordano Bruno

      Scusa Hirondelle, ma da una lettrice assidua come te ci si aspetta più attenzione. Stai estrapolando l’interpretazione della Militant del ragionamento implicito della “dissidenza” democratica [...] talmente illusorio da sfiorare la provocazione. I due punti introducono un discorso diretto “mascherato”, finto ma plausibile, che include pure l’autorappresentazione di quella dissidenza (ILLUSORIA e PROVOCATORIA). Dalla prima persona plurale (“riportiamo”) ti rendi conto che è il nemico che parla.
      A tal proposito, la chiosa dell’articolo è un capolavoro!

      • Hirondelle

        Non so se emiliano e soci abbiano usato l’espressione socialdemocrazia, mi sembra improbabile che possano averlo fatto dato che le loro posizioni socialdemocratiche non sono (come non lo è il loro partito), ma non si sa mai. Per cui se il sostantivo è attribuito da altri per motivi di sintesi, esprime comunque una definizione erronea.

      • Giordano Bruno

        Va distinta la fiction dall’analisi politica. Tu applichi due pesi a quella parte e alla chiosa finale, altrimenti interpreteremmo alla lettera l’invito finale della Militant a una riunione con Emiliano per stabilire le prossime tappe della riscossa democratica visto che milioni di proletari anestetizzati dal populismo grillino[,] una volta cessato l’incantesimo, riprenderanno coscienza e svilupperanno una più coerente lotta di classe.
        Per me tu quel passaggio lo puoi capire. Il punto è che non lo vuoi. Chiudo.

  • Non sono grillino

    Le elezioni amministrative in Friuli sono andate male ai grillini perché non hanno le liste civiche e quelle nazionali(rispetto all’ultima volta) perché in generale la Lega gli ha rubato voti. Quindi queste locali non provano il vostro punto. Inoltre come potrebbe pretendere di governare ora, non ha vinto..

  • Non sono grillino

    O almeno lo provano solo in parte appunto

  • Non sono grillino

    Sul fatto che non prenderanno mai più così tanto potreste aver ragione ma io ho l’impressione che nessuno voglia governare

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>