APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

22 August :
1944 - 32 spagnoli e 4 francesi contrastano una colonna tedesca (1.300 uomini in 60 camion, con 6 carri armati e 2 pezzi d'artiglieria semoventi), a La Madeiline, Francia. Tre Maquis feriti, 110 soldati tedeschi uccisi e 200 feriti

STATS

L’inverno atlantista della «opposizione siriana»

 

Le guerre hanno questo di positivo: costringono a una scelta di parte. Difficile continuare a sguazzare nell’ingegneria dei né né, nell’indolenza di chi si arrampica sui «sebbene» e gli «anche se» pur di non dichiarare il proprio appoggio esplicito al regime change atlantista. Certo in Europa, più che altro in Italia, continueranno le cantilene dirittoumaniste, ma in Siria i bombardamenti hanno ricondotto torti e ragioni ai propri referenti. Naser al Hariri, ad esempio. Che proprio ieri dichiarava sul Corsera i propri intenti bellicosi: «ben vengano i raid degli Stati Uniti assieme a Francia e Gran Bretagna in Siria». Nientemeno. Il tipo in questione non è uno qualsiasi. Al contrario, è il rappresentante della «opposizione siriana» alla «conferenza di pace» di Ginevra. E’ il rappresentante del National Coalition for Syrian Revolution and Opposition Forces, la coalizione dei gruppi anti-governativi di cui fa parte anche il Free Syrian Army. E’ insomma il vertice della proxy war organizzata in Siria da sette anni a questa parte.

Nell’intervista, rilasciata a Lorenzo Cremonesi, scopre tutti gli obiettivi dei gruppi atlantisti operanti in Siria. In primo luogo, l’intervento degli Stati Uniti è necessario non solo alla sopravvivenza della «opposizione», ma soprattutto a contenere Hezbollah: «il loro impegno [degli Usa] è stato fondamentale per battere l’Isis [!] ed ha impedito che i filo iraniani dell’Hezbollah libanese si espandessero nel nord est». L’obiettivo dichiarato non è più, come volevasi dimostrare, “l’abbattimento del tiranno”, ma combattere il rafforzamento di Iran e Hezbollah in Medioriente e in particolare in Siria. Sono loro il nemico principale, di cui Assad è solo un pezzo di un puzzle più vasto. Conseguentemente, il suo augurio è «piuttosto che l’impegno americano aumenti e possa coinvolgere altri partner». Quali altri partner è presto detto. La Turchia, ad esempio, visto che la «Coalizione nazionale per la rivoluzione etc.» ha sede proprio a Istanbul. Guarda tu il caso. Così come non è un caso la posizione di al Hariri e del carrozzone atlantista sui curdi: «noi distinguiamo tra le milizie curde alleate del PKK curdo in Turchia, che crediamo vadano smantellate, e i miliziani curdi siriani». Finito (?) il problema Isis, i curdi tornano ad essere merce di scambio. In primo luogo per quella «opposizione siriana» che se ne è servita in chiave anti-Assad: adesso che i curdi del Rojava e le forze militari siriane hanno stretto l’accordo in difesa del territorio siriano, i curdi tornano a far parte del problema, e non più della soluzione al salafismo jihadista. Così vanno le cose nella rivoluzione siriana, terra promessa della sinistra imperiale.

5930 letture totali 2 letture oggi

1 comment to L’inverno atlantista della «opposizione siriana»

  • uitko

    ieri in piazza a milano c’erano un paio di bandiere del Free Syrian Army.
    C’erano anche i curdi con quelle delle YPG, ma la loro presenza ai cortei milanesi è di vecchia data.

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>