APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

19 June :
1953 i due cittadini statunitensi Ethel ed Julius Rosenberg, simpatizzanti comunisti e di religione ebraica, vengono giustiziati negli USA dopo un processo farsa che li ha condannati come spie dell'Unione Sovietica.

STATS

Inutili elezioni

 

Tra una settimana, qualsiasi sarà il risultato elettorale, tornerà in carica l’attuale governo. Non per le anomalie del sistema politico italiano però. Nell’ambito dell’Unione europea, attualmente, sono 17 i governi di “grande coalizione”, che godono cioè dell’appoggio più o meno formalizzato, più o meno mascherato, di “centrosinistra” e “centrodestra” (rigorosamente virgolettati: non esiste alcun centrosinistra o centrodestra, quanto un monocolore euro-liberista dai tratti sempre più marcatamente orwelliani). Alcuni sono espliciti, come in Germania. Altri hanno escogitato formule originali, come il partito-coalizione En Marche di Emmanuel Macron in Francia. Da noi prevale il bizantinismo, che ha portato prima “centrodestra” e “centrosinistra” ad accordarsi formalmente (governo Letta, patto del Nazareno), poi a litigare mediaticamente (lo sfaldamento del Pdl), successivamente a scindersi elettoralmente (il ritorno di Forza Italia e la nascita del “Nuovo centrodestra” di Alfano, nonché Mdp), pur di non modificare la sostanza del compromesso costruito nel 2013. Riposizionamenti elettorali che mascherano l’intento comune: dal 5 marzo si lavorerà alla formazione di un nuovo – ennesimo – governo trasversale. Poco credibili, in questo senso, i propositi del ritorno al voto. Con questa legge elettorale l’eventuale ripetizione del voto tra sei mesi non farà che replicare l’attuale tripartizione politica, con ulteriore dispersione di legittimità dato il prosciugamento costante degli indefessi elettoralisti. Già adesso si preannuncia la partecipazione elettorale più bassa di sempre. Quale la percentuale tra sei mesi? Insomma, la grande coalizione, che tutti dicono di aborrire, prenderà forma ad aprile, e l’escamotage politico sarà la necessaria riforma proprio della legge elettorale. La stessa votata pochi mesi fa, nonché l’unica che permette il vero obiettivo del duopolio liberista: impedire la possibilità di un governo Cinque stelle. I principali dirigenti di “centrosinistra” e “centrodestra” sono infatti opportunisti, ma non stupidi. Conoscevano perfettamente lo scenario definito dal Rosatellum, e se lo hanno votato con entusiasta convinzione è perché conoscevano, e conoscono, anche il probabilissimo risultato elettorale di domenica: il M5S si confermerà il primo partito. Qualsiasi altra legge che, distorcendo la volontà elettorale, concedesse l’agognata “governabilità” al partito che prende un voto in più dell’avversario, determinerebbe la costruzione di un governo pentastellato. Quale che sia la nostra (pessima) opinione sul M5S, è dal punto di vista delle classi (politiche) dominanti che dovremmo ragionare, e un governo 5 Stelle manderebbe all’opposizione uno schieramento dirigente liberista abituato a governare, non importa se dal governo o dall’opposizione. E’ dunque una lotta per la sopravvivenza quella che stanno ingaggiando i ceti dirigenti liberisti. Impossibile concedere un’altra Roma all’ammucchiata Cinque Stelle. Già l’amministrazione Raggi, mandando in soffitta i sogni olimpici dei palazzinari romani, ha provocato più di qualche coccolone dalle parti del Colosseo. Perché rischiare un’altra volta?

Ma la situazione, come detto all’inizio, è comune al resto dell’Unione europea. La “grande coalizione”, le “larghe intese”, sono l’unico strumento politico per governare la riduzione dello Stato sociale, e più in generale il costante arretramento del ruolo dello Stato – cioè del pubblico – nell’economia europea. Non c’è altro governo possibile, perché le decisioni strategiche vengono fissate altrove (non occorre specificare dove), e ai governi nazionali non resta che ratificare scelte per loro indisponibili. Non è però una riflessione di resa all’esistente, quanto la presa d’atto che lo strumento elettorale, in assenza di una qualche relazione con la mobilitazione sociale, risulta un meccanismo inceppato, disattivato, esautorato di qualsiasi parziale autonomia (se mai ci sia stata una autonomia della competizione elettorale, ovviamente). Nel 2004 José Saramago scrisse il suo celeberrimo Saggio sulla lucidità, seguito ideale del capolavoro Cecità. Si immaginava una crisi di legittimità degli organi costituiti a seguito di un’elezione politica con il 70% di schede bianche. Oggi un 30% di votanti basterebbe e avanzerebbe per legittimare pienamente un nuovo governo. Di qualsiasi colore esso fosse, perché alla fine sarebbe comunque un governo di “larghe intese”, “grandissima coalizione”, “maggioranze trasversali” e “necessaria governabilità”. Ma oggi non ci più dei Saramago a svelarci l’assurdo in cui viviamo. Ci rimangono Vargas Llosa qualsiasi a convincerci dell’inevitabile ragione della stabilità liberista.

7874 letture totali 0 letture oggi

12 comments to Inutili elezioni

  • Fred

    ad oggi solo l’astensione è rivoluzionaria!

    • Mic

      Comprensibile/legittima sì; rivoluzionaria di per sé, no; a meno che ogni astenuto si trasformi consapevolmente in militante politico rivoluzionario. E non credo che sia questo il caso.

  • E annullarla, lasciando alla fantasia proletaria gli infiniti modi per farlo, cos’è ? Avventurismo, individualismo “luddista”, isteria pseudo-rivoluzionaria?

  • Hirondelle

    Tutto condivisibile, purché si definisca correttamente il 5s uno schieramento liberista quanto gli altri, solo un po’ meno abituato a governare. Non certo antiliberista, come del resto dimostra già da solo il suo filoeuropeismo.

  • dziga vertov

    i 5s sono il compagno di classe secchione che tal liceo si dichiarava “apolitico”per non doversi schierare da un lato o dall’altro. e poi magari scoprivi che andava agli incontri di cl o dell’azione cattolica. stravinceranno le elezioni e serviranno il sistema per qualche annetto in maniera più efficiente di chi li ha preceduti.

  • vecchia talpa

    e un governo 5 Stelle manderebbe all’opposizione uno schieramento dirigente liberista abituato a governare,

    Perché un governo M5S cosa sarebbe? Se avreste qualche dubbio il pseudo governo ombra sta li a dimostrazione! O pensate che il M5S siano compagni che sbagliano?

  • Gino

    Sì vabbé, adesso io da comunista mi dissolvo nell’aria per far felici i duri e puri? Boh, mi sa che chi perde quest’ultimo treno al prossimo finirà sotto le rotaie.

  • quetzal

    osservo che la piattaforma eurostop, cui Militant aderisce, si è spesa convintamente per Potere al Popolo.ma in questa lunga campagna elettorale , da questa pagina , non una parola su questo, nessun sostegno a PaP.come mai?

  • Giuliano

    Condivido il senso del vostro pezzo ed ogni valutazione sul risultato elettorale potrà farsi, chiaramente, dati alla mano. Ve lo chiedo comunque: dopo le rassicurazioni di Di Maio, escludete la possibilità che il movimento 5 stelle possa essere in qualche modo coinvolto in un governo trasversale?

    • Hirondelle

      Ovvio che lo scopo non solo non si può escludere, ma è precisamente quello. Cioè quello richiesto dalle banche d’affari: governo ad interim per continuare le riforme liberiste. Chissà perché ostinarsi a negare l’evidenza, vale a dire che 5s al di là di quello che può essere stato in parte un tempo, serve a continuare il massacro in maniera più elettoralmente appetibile, esattamente come in Francia Macron, anche se il travestimento nostrano è più straccione e approssimativo e la maggioranza per vari motivi non ci sarà. Noblesse oblige.
      Inutile sperare che la base 5s possa mai influenzare i suoi capi: quanto fosse controllata e filtrata s’è visto milioni di volte, a volerlo vedere; e in ogni caso sembra non avere molta consapevolezza dei meccanismi all’opera, il che impedisce qualsiasi azione realmente incisiva. Esattamente come è privo di incisività in funzione antiliberista e antieuropeista il 30% o giù di lì dato dal 75% degli elettori a 5s. 5s è l’incarnazione di Tancredi del gattopardismo.

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>