APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

24 September :
1979 - Prospero Gallinari viene gravemente ferito e catturato a Roma dopo una sparatoria con la polizia. Gallinari è uno dei componenti del nucleo brigatista che sequestrò Aldo Moro

STATS

Visioni Militant(i): Il filo nascosto, di Paul Thomas Anderson

 

Nella Londra degli anni Cinquanta assistiamo alla vita, normale e morbosa al tempo, del geniale stilista Reynolds Woodcock. Un artista dedito ossessivamente al suo lavoro, alla sua arte, coltivando questa eccezionalità con patologica scientificità. Le relazioni umane e sentimentali trovano senso solo all’interno di questo mondo chiuso in se stesso. La conoscenza di una nuova ragazza turberà l’asfittico equilibrio costruito e difeso in nome di una vocazione più forte di ogni contingenza. L’itinerario e la conclusione di questa lotta silenziosa superano agevolmente il già percorso, il cliché, la facile schematizzazione tra ragione e sentimento, genio e sregolatezza, abusate pose narrative utili a reiterare l’incomprensione dei rapporti umani. In questo senso, il film di Paul Thomas Anderson non solo convince, ma si avvale della (usuale) ottima prova di Daniel Day-Lewis – ultima prova prima del ritiro dalle scene. Se però decidiamo di parlare di un film che si tiene debitamente distante da qualsiasi “idea di società” su cui ragionare, è per la capacità di confrontarsi apertamente con la natura del “genio” e del rapporto tra autore e opera. Certo stiamo parlando di uno stilista e non di un’intellettuale, ma la relazione tra prodotto artistico e suo creatore si presenta in forme generalizzabili. Woodcock si presenta come uomo normale, ordinario, abituale nei suoi riti quotidiani. Al tempo stesso, tutto della sua vita è piegato alla realizzazione della sua arte. Questo ne deteriora le relazioni, tanto familiari – con la sorella – quanto quelle sentimentali con la nuova ragazza conosciuta in campagna. L’immagine dello stilista è sostanzialmente negativa, malata, di un uomo che sacrifica una parte di sé per realizzare una forma di egoismo. Ma non c’è alcun sacrificio in Woodcock, solo la naturale, noiosa, febbrile dedizione alla sua opera. E’ una routine, per quanto sui generis. Il prodotto sartoriale, di altissimo livello, non rispecchia la natura squilibrata o perversa del suo creatore. Autore e opera sono indipendenti, immediatamente svincolati l’uno con l’altro. L’opera vive di vita propria, non riflette la vita dell’artista, che è una vita noiosa e abitudinaria, sovente maligna, senza eccessi. L’artista non è, dunque, alcun prototipo di “superuomo”, né un replicante dannunziano in sedicesimi, non è portatore di alcuna “unicità”. L’opera d’arte – in questo caso un vestito, ma il discorso varrebbe per un libro, un disco, un quadro e così via – non riflette la presunta superiorità del suo autore. Si “riflette da sé”, per così dire, vive di vita propria senza rintracciare somiglianze né corrispondenze necessarie. Il frutto del lavoro di un artista potrebbe essere di grande valore nonostante la mediocre vita del suo autore; potrebbe svelare i caratteri della realtà sociale nonostante l’autore sia per caso un gran reazionario; al contrario, l’autore potrebbe essere persona illuminata e intelligente, e il proprio lavoro modesto, inutile, rozzo. Ci siamo capiti.

Nel film tutto questo è declinato in un precarissimo equilibrio tra manie psicologiche dello stilista e l’insoddisfatto desiderio della donna di trovare posto, un posto speciale, nella sua vita. La donna ne uscirà perdente e svilita, ma senza clamori narrativi. E’ una lotta vera quella che coinvolge sia Woodcock che Alma (il nome della ragazza), lotta per cambiare se stessi e l’altro, in un gioco di adeguamento e di resistenza. Una storia reale, insomma. Capace di tenere lo spettatore interessato allo svolgimento nonostante questo non preveda mai colpi di scena, cambi di linguaggio, fuochi artificiali. Non è minimalismo però, molto in voga di questi tempi dalle parti della Hollywood critica. E’ un discorso sull’intimità umana all’altezza dei tempi.

3860 letture totali 4 letture oggi

1 comment to Visioni Militant(i): Il filo nascosto, di Paul Thomas Anderson

  • dziga vertov

    d’accordo con voi sicuramente non all’altezza del suo capolavoro “There Will Be Blood”, che e’ una ottima narrazione del capitalismo americano e dell’ideologia intrisa di protestantesimo che ne deriva.

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>