APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

14 November :
1947 - A Cerignola (Foggia), nel corso di una manifestazione contadina, la polizia apre il fuoco uccidendo Domenico Angelini e Onofrio Perrone. Per reazione, i dimostranti danneggiano il palazzo di un agrario e le sedi di alcuni partiti. Anche 2 agenti di Ps rimangono uccisi negli scontri. 114 lavoratori vengono incriminati

STATS

La conseguenza logica della legittimazione neofascista

 

Tante cose sono state scritte sulla tentata strage neofascista di ieri a Macerata. Molte di queste assolutamente condivisibili. Inutile ripetere un ragionamento che da anni cerchiamo di portare avanti e che, però, rimane confinato al sempre più ristretto ambito dell’antifascismo militante. La legittimazione del neofascismo, la sua normalizzazione politica, mediatica, culturale, sociale, porta direttamente a Macerata. Ogni aggressione, uccisione, accoltellamento, strage o, come ieri, “tentata” strage per scarsa mira, sembra però suscitare nell’opinione pubblica e in quella politica l’effetto opposto: è l’assuefazione ad impadronirsi del dibattito medio del paese. Un lento scivolamento che sposta Macerata in Alabama, come ricorda oggi il Corriere della Sera. In uno di quei posti, cioè, in cui il terrorismo neofascista è entrato a far parte delle normali relazioni sociali tra “bianchi” e “neri”. Dai “bangla tour” di Forza Nuova ai massacri migranti di Casapound, è lo stupore ad essersi dileguato. E così l’asticella scivola progressivamente più in basso, ormai scavando sotto terra. La Lega Nord, un partito che ha governato l’Italia per un decennio abbondante e che, tra due mesi, potrebbe trovarsi nuovamente al governo, giustifica la tentata strage accanendosi contro le vittime: «colpa dell’immigrazione!», dice Salvini. Forza Italia, il partito che ha governato l’Italia fino al 2011 e che sicuramente formerà il prossimo esecutivo (da sola o in collaborazione col Pd), parla di «squilibrato senza connotazione politica». Un candidato politico del centrodestra con una runa tatuata in faccia: quale connotazione politica ricavarne, in effetti?

Nonostante i buoni propositi post-strage («mai più!» gridano in coro i democratici di tutto il mondo, salvo prossima ospitata in televisione), non ci sarà nessun effetto concreto. Il neofascismo continuerà ad occupare ogni spazio mediatico, invitato a colmare gap di democrazia elettorale, col beneplacito del restante mondo elettorale, evidentemente a suo agio nello scambiarsi convenevoli con chi arma mano e pensieri del militante più coerente. Perché l’azione di Luca Traini è simbolo di estrema coerenza, non di mancata comprensione. Luca Traini, e con lui i vari Gianluca Casseri, Amedeo Mancini e soci, non equivocano nulla del messaggio politico del fascismo italiano. Lo rendono effettivo. Probabilmente non sarà dalla sinistra che nascerà una risposta conseguente alla violenza fascista. Sarà dagli stessi migranti. E quando questo accadrà, quando anche (e finalmente) saranno le vittime del neofascismo a reagire con la medesima proporzione, questa violenza colpirà tutti. Il fascismo, ma anche quella sinistra che oggi lo legittima nascondendosi dietro parole di prammatica. Solo a quel punto capiremo la vera distanza che separa oggi il mondo bianco da quello nero nella metropoli occidentale. La banlieue è dietro l’angolo, e i primi a non poterci entrare saremo proprio noi.

12278 letture totali 2 letture oggi

4 comments to La conseguenza logica della legittimazione neofascista

  • Gino

    Tutto condivisibile, ma le parole sono importanti.
    Perché chiamare sinistra quella “che oggi lo legittima nascondendosi dietro parole di prammatica”?
    Non lo è, lo sappiamo tutti, e definirla sinistra diventa un assist a chi vuole colpire altrove, e cioè alla vera sinistra, ai comunisti e all’antagonismo proletario.

  • Militant

    @ Gino

    Perchè la legittimazione, lo sdoganamento, in forme mascherate o arrendevoli, passano anche per molta di quella che definisci “vera sinistra”. E perchè una vittima del razzismo neofascista, o più in generale gran parte dell’opinione pubblica, ha molta meno dimestichezza su “vere” e “false” sinistre. Molti limiti da tempo abbondantemente superati dalla “falsa” sinistra sono stati, o sono tutt’ora, covati in nuce da quella che tu definisci “vera” sinistra.

  • Hirondelle

    I convenevoli da Violante almeno in poi sono funzionali a creare diversivi all’abdicazione dei partiti di ex-sinistra a qualunque politica economica che favorisca i ceti meno abbienti e anzi alla loro attiva partecipazione alla messa in pratica di politiche di impoverimento dei salariati.
    Quindi al loro fascismo, in ultima analisi. Si sono fatti braccio volenteroso e consenziente del capitale, fino a diminuire la nostra speranza di vita, ma si salvano l’anima con qualche bel discorso sui fatti di cronaca.

    Non si possono separare i due discorsi, uno è strumentale all’assenza dell’altro ed entrambi vanno ricondotti alla scelta di politica economica compiuta senza pentimenti dai partiti italiani, tutti, pure i cartelli elettorali pretesamente “critici”.

  • Gino

    Sottolineavo soltanto che definire genericamente “sinistra” anche tutto ciò che non lo è diventa una clava proprio contro quella vera, a meno che non decidiamo che non esista più una sinistra comunista antagonista, cosa che sicuramente molti auspicano.
    A questo punto da comunista non saprei proprio dove collocarmi e soprattutto a chi unirmi per far numero e lottare.

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>