APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

24 September :
1979 - Prospero Gallinari viene gravemente ferito e catturato a Roma dopo una sparatoria con la polizia. Gallinari è uno dei componenti del nucleo brigatista che sequestrò Aldo Moro

STATS

Spot elettorali e supporto mediatico al neofascismo: “I dieci comandamenti” di Domenico Iannacone (ovviamente su Rai 3)

 

Casapound gode di un invidiabile status mediatico-elettorale: è l’unico movimento politico a cui viene svolta (gratis) la campagna elettorale. Domenica è andata in onda l’ennesima trasmissione-propaganda, un lungo spot elettorale in prima serata e sulla più “antifascista” delle reti televisive: Rai 3. Protagonista, Casapound. Senza contraddittorio, senza confronto, senza attinenze con la realtà, senza vergogna. Esempio, fra i molti e forse ancor più sfacciato dei precedenti, della natura strumentale dell’antifascismo liberale, che da un lato permette e organizza il “pericolo fascista”, e dall’altra grida al nuovo fascismo come assicurazione elettorale.

I meccanismi narrativi utilizzati sono ormai smascherati. In primo luogo, il contesto: la periferia degradata di Tiburtino III. Poco importa che i fascisti, nel quartiere, non esistano, siano elemento esterno, cacciati dalla popolazione del quartiere e non più rientrati se non in piccoli gruppi provenienti, per l’appunto, da altri quartieri. Il prode Iannacone, senz’ombra di dubbio di provata fede antifascista, cammina per il quartiere, e lo fa accompagnato proprio da loro: dai fascisti. A quale titolo, non si capisce, visto che i due accompagnatori (Antonini&Di Stefano), non risiedono al Tiburtino III. L’importante non è allora farsi garantire da “gente del luogo”, ma presentare una realtà degradata oltre l’inverosimile, e proporre Casapound come unico soggetto politico “presente nel quartiere”. E allora torniamo al contesto. Immagini e interviste descrivono il solito scenario post-atomico: gente che vive nelle fogne (letteralmente, forse un omaggio ai due camerati presenti); banditi in vena di confessioni; palazzi che cadono a pezzi. Elementi che sono presenti al Tiburtino III, ma che non raccontano la normalità sociale del quartiere. Una borgata di case popolari, dove a mancare è il lavoro. E invece il racconto vira immediatamente sui temi del razzismo e dell’antirazzismo, temi inutili a capire i problemi sociali di Tiburtino III ma utilissimi alla costruzione dicotomica “antimigranti=bravi ragazzi che lavorano nel quartiere” Vs “filomigranti=gente dalle belle idee ma che non vive i veri problemi della gente”. Poco importa che al Tiburtino III di migranti praticamente non ce ne siano. I problemi del quartiere, raccontati da due o tre personaggi scelti ad arte, sono “gli immigrati”. Tanto basta per presentare Casapound come soluzione, anzi: come unica alternativa. Forse non la soluzione desiderata, quella più auspicabile ideologicamente, ma nel deserto sociale appena raccontato presentata come “unica forza politica al fianco degli italiani”.

Il racconto è poi condito con notevoli perle di saggezza popolare. «La malavita italiana non ammazzava, da quando sono arrivati gli immigrati si è cominciato ad ammazzare». Al Tiburtino III non si vede un migrante neanche a dargli i famigerati 30 euro al giorno e l’iphone gratis: niente. Ma il problema è sempre e comunque lui: il negro, diretto responsabile della disoccupazione cronica, dell’abusivismo edilizio, del disastro urbanistico, della speculazione palazzinara, della privatizzazione dell’economia, dell’assenza di servizi pubblici dignitosi. Anzi no: di tutti questi temi non c’è traccia nella trasmissione. Il confronto non è tra i problemi sociali e i suoi responsabili, ma tra italiani poveri e fascisti, non presentati in alternativa – attenzione – ma ambedue vittime di qualcos’altro (cosa, non è dato sapere, forse la Casta, sicuramente “gli immigrati). Tutto, invariabilmente, secondo copione: «non sono fascista, ma non se ne può più degli immigrati», dice l’italiano; «non ce l’abbiamo con gli immigrati, ma qui non c’è posto», risponde il fascista. E il giornalista antifascista, dove si è cacciato?

Il punto di vista del giornalista emerge dal racconto stesso. Gente che muore di fame – stacco – Casapound che regala pasti gratis alle vecchine del quartiere – stacco – domanda folgorante del giornalista: «e se vi dicessi che questo è fascismo?» – stacco – «certo!» (e grazie al cazzo). Fine. Proprio così: il fascismo presentato come mensa popolare per italiani. Se Casapound avesse pagato esperti di marketing elettorale e girato il proprio spot autopromozionale, non sarebbe mai riuscita a costruire una narrazione tanto edificante. Per fortuna che c’è Rai 3, la rete antifascista, che rimuove l’ostacolo dei costi elettorali. Salvo poi chiamare all’adunata antifascista in nome dei sacri valori liberali, quando a rimetterci il naso è qualcuno della casta (questa si effettiva) dei giornalisti. Questo l’antifascismo da cui prendere le distanze, in tutto e per tutto speculare al fascismo vero, perché di questo megafono vitale.

25372 letture totali 4 letture oggi

4 comments to Spot elettorali e supporto mediatico al neofascismo: “I dieci comandamenti” di Domenico Iannacone (ovviamente su Rai 3)

  • antonio

    Vorrei aggiungere solo questa mia riflessione a questo articolo, che condivido, in quanto è un’ottima forma di comunicazione.
    …E’ tramite e attraverso soggetti come questo/i che si incarna e cresce la barbarie culturale e squallida, la quale pervadendo e permeando menti, gesti e coscienze diventa poi “etica comportamentale fascista”. Tutto ciò grazie anche a presenze di “giornalisti (sic!)” che non avranno mai il pudore di sentirsi “ontologicamente” tali; si accompagnano sempre con soggetti e argomenti di loro somiglianza; fedeli e servili esecutori di messinscene propagandistiche per continuare così nell’inganno e nella comunicazione di realtà manipolate e mistificate. Fascista non è chi va in giro con atteggiamenti e comportamenti maschi e virili; con la “testa pelata” e il “cipiglio guerriero”; fascista sarà sempre colui che crede nella gerarchia sociale, che ubbidisce al capo, che odia il diverso da se; fascista sono quanti subalterni o affetti da forme parossistiche con schemi socio-patitici e paranoici; fascista è chi accusa e incolpa un qualsiasi “altro da se” in quanto ritenuto autore o responsabile dei propri fallimenti sociali, delle proprie miserie e povertà etiche o materiali; fascista è chi segue solo il proprio istinto barbarico e servile. Fascista è quel soggetto, o persona, guidato soltanto dal suo primitivo istinto animale e barbarico, cioè colui che vede nel “capo” il faro, la “guida” che lo porterà verso un suo riscatto; riscatto da quella miseria nella quale l’ha, suo malgrado, precedentemente sospinto. Fascista perciò è un’essere privo di una qualsiasi ragione una forma etica e razionale; il “fascismo” è un’escrescenza tumorale da estirpare radicalmente! Auguri, buon anno e …buon natale (per chi ci crede!!)

  • berja

    il problema centrale rimane sempre lo stesso: cosa è, oggi, il giornalismo.
    perché la gran parte di questi professionisti dell’intrattenimento sono convinti di fare un ottimo lavoro, solo che è un lavoro che è solo e completamente dalla parte del capitale.

  • jangadero

    presumendo che questi spot gratis a favore dei fascisti dell’odierno millennio non cesseranno ma anzi probabilmente si intensificheranno in vista delle elezioni politiche non sarebbe il caso di pensare a promuovere una o più manifestazione di protesta per questo definitivo e incostituzionale sdoganamento del fascismo, appunto anche in spregio a costituzione e alle loro stesse leggi, soprattutto contro rai 3 la più a “sinistra” delle reti pubbliche, per marcare la differenza tra l’antifascismo erede della lotta partigiana e l’antifascismo di convenienza paracula dei sostenitori dei golpisti nazisti ucraini e di tante altre porcate in giro per il mondo ….il povero Curzi si starà rigirando nella tomba

  • dziga vertov

    fu proprio il povero curzi (ed i suoi degni sodali) ad avallare questo “giornalismo” che da sfogo agli umori della gente spacciandoli per inchiesta e questi disgraziati (programmisti precari per lo più) cooptati come giornalisti da marciapiede con la formula del “lei cosa ne pensa?”. c’e’ quasi da essere contenti se poi si prendono delle capocciate in faccia.

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>