APPUNTAMENTI

11_nov_fermiamo_la_repressione

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

19 November :
1969 - A Milano, in occasione dello sciopero nazionale, la polizia carica un corteo nel centro città, provocando numerosi feriti. Rimane ucciso, per lo scontro fra due automezzi, l’agente Antonio Annarumma. Il filmato televisivo francese, che accerta la dinamica dei fatti sarà fatto sparire.

1974: SPESE PROLETARIE A MILANO

STATS

Il consiglio contro i poveri non s’ha da fare

 

Stamattina, insieme alle realtà territoriali che da sempre fanno (vero) lavoro sociale sulla Tiburtina, abbiamo occupato il IV Municipio per chiedere la revoca del consiglio straordinario indetto da tutte le forze politiche presenti in Municipio su richiesta di Casapound. Quel consiglio non deve svolgersi, questa l’unica richiesta portata avanti dai residenti del IV Municipio. Lo sciacallaggio politico sulla pelle dei migranti non può essere avallato da istituzioni (formalmente) rappresentative di tutta la popolazione del territorio. La discussione avvenuta in Municipio ha avuto però risvolti surreali, meritando una breve cronaca. Le quattro forze politiche presenti: M5S, Pd, Fratelli d’Italia e Lista Marchini, si sono tutte a parole dette concordi con i ragionamenti fatti dai residenti. La guerra tra poveri alimentata dal nuovo fascismo va stroncata. Alle parole non sono però seguiti i fatti. Tranne il M5S, che ha provato a prendere tempo (“vedremo cosa si può fare”, “ci riuniremo”), gli altri partiti, e soprattutto il Pd, hanno confermato la volontà di fare il consiglio straordinario per “ascoltare le problematiche del quartiere”. Un’argomentazione talmente falsa da risultare comica: da anni gli stessi cittadini che oggi hanno occupato il Municipio richiedono la presenza delle istituzioni nei quartieri, nei territori, per discutere dei problemi reali, concreti, materiali dei residenti. Mai una volta questa urgenza di “ascoltare le problematiche del quartiere” è stata dimostrata sulle case popolari, sui locali sfitti in quartieri trasformati in dormitorio, sull’abbandono del verde pubblico, sull’assenza di un trasporto urbano efficiente, sul lavoro che manca nelle periferie e sulle politiche d’integrazione progressiva tra vecchi e nuovi residenti. La convergenza non è dettata dalla “paura”, come pure hanno tentato di spiegare, dovuta alle minacce di Casapound, ma da una visione politica coincidente. Con toni e accenti diversi, la soluzione prospettata da destra a “sinistra” al “populismo” è una sola: chiudere i centri d’accoglienza individuando nel migrante il principale problema sociale nei quartieri. La non risposta avuta oggi si ripercuoterà sul consiglio di mercoledì (se avranno il coraggio di farlo effettivamente). Se consiglio dev’essere, sappiano politici e fascisti che noi saremo lì ad impedirlo con ogni mezzo.

4718 letture totali 2 letture oggi

1 comment to Il consiglio contro i poveri non s’ha da fare

  • Io non sto con Oriana

    Pare che oggi la signora che ha denunciato le inesistenti violenze servite per sviare l’attenzione dei sudditi dai problemi seri (ma forse risolvibili) delle periferie a problemi inesistenti (e dunque irrisolvibili) del tipo che piacciono a politici e gazzette sia stata arrestata per furto.
    Ora, esiste una schiatta apparentemente innumerevole di gazzettieri che con certi individui ai margini va letteralmente in brodo di giuggiole. Salvo abbandonarli al proprio destino all’apparir del vero. Nessuno ricorda Igor Marini, la cui “memoria prodigiosa” fu alla base del castello accusatorio di Telekom Srbija? Alla fine ha rimediato qualcosa come dieci anni di galera. Se i suoi vecchi amici nelle redazioni lo hanno aiutato a togliersi dai guai (dopo averlo aiutato a mettercisi) non è dato saperlo.

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>