APPUNTAMENTI

eurostop_assemblea_costituente

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

20 July :
2001 Carlo Giuliani, 23 anni, muore durante la manifestazione contro il G8 per un colpo sparato dal carabiniere mario placanica.

STATS

Debito mon amour

 

Nelle stesse settimane in cui tutto il sistema politico-mediatico cercava di convincere l’opinione pubblica che Alitalia non potesse essere salvata, che in quarant’anni fossero già stati spesi sette miliardi di denaro pubblico, proprio nelle stesse settimane il governo versava nelle casse di Banca Intesa cinque miliardi di denaro pubblico per rilevare le attività di Veneto Banca e Popolare di Vicenza. In altre parole una banca privata, quale è Intesa San Paolo, fagocitava due concorrenti dirette acquisendole coi soldi dello Stato, pagando di tasca propria la simbolica cifra di un euro. Contestualmente, sempre il governo e sempre tramite soldi pubblici, garantiva per altri dodici miliardi di euro le eventuali perdite a cui andrà incontro Banca Intesa nel caso di ristrutturazione delle attività delle due banche incorporate. “Non possono essere lasciati soli i correntisti!”, ammoniva il duo Gentiloni&Padoan, applauditi da tutto il circo liberale che così giustificava la vicenda: “altrimenti sarebbe stato peggio!”.

Nell’ultima legge di bilancio veniva stanziato un finanziamento di 2,7 miliardi di euro pubblici per la ristrutturazione e l’allargamento dell’Aeroporto di Centocelle, luogo dove dimora il Comando operativo interforze, il comando Nato più importante del paese. Contestualmente, il governo stanziava 56 milioni di euro in tre anni per “le periferie”.

Tra il 2014 e il 2017, secondo le parole di Yoram Gutgeld – parlamentare Pd e commissario alla “Spending Review” – sono stati operati 30 miliardi l’anno di tagli alla spesa pubblica. Si tratta, più o meno, del 2% del Pil ogni anno, per un totale, in questo triennio, di circa 90 miliardi di euro pubblici “risparmiati”. Nonostante ciò, nonostante cioè un avanzo primario del saldo finanziario del paese sia in attivo da un ventennio abbondante e, per dire, molto più in attivo di quello tedesco, in Italia il debito pubblico continua a crescere quotidianamente, battendo record su record. “Non si è fatto abbastanza!” strilla Repubblica, chiarendo chi è l’artefice primo delle politiche di rigore finanziario del paese nonché il protagonista coerente delle strategie di austerity ordoliberali.

Questi esempi, tra i molti che si potrebbero citare, confermano la natura tutta politico-ideologica del debito come strumento di governo della popolazione. I soldi pubblici ci sono e vengono continuamente investiti (e sperperati). Il problema non è “quanto” il governo spende, ma “come”. Il come non riguarda unicamente il drenaggio privato effettuato a scapito della spesa sociale, fenomeno pure lampante. E’ il lavoro ad essere scomparso dal novero degli obiettivi politici. Ogni forma di keynesismo, anche quello militare sul modello statunitense, ha come conseguenza, fosse solo indiretta, l’abbassamento della disoccupazione. Il modello europeo ordoliberale, al contrario, sperpera costantemente denaro pubblico ma questo neanche indirettamente ha la possibilità di creare lavoro.

[Ma l’impetuoso rialzo del Pil?]

Questa è una delle contraddizioni decisive di quest’epoca, e la spiegazione non risiede unicamente nella tecnologizzazione delle catene di montaggio e nella sostituzione di lavoro manuale umano con lavoro robotizzato. E’ la completa estromissione della politica a scapito del governo dell’economia a imporre una gestione delle risorse pubbliche sussidiaria alle esigenze del capitale. Al fallimento di un’impresa privata non sopraggiunge più un commissariamento pubblico (non parliamo di una nazionalizzazione per carità), ma il passaggio di questa ad un’altra impresa privata. Il passaggio, oltretutto, non avviene più accollandosi i debiti dell’azienda inglobata, ma questi vengono ripagati dalle finanze pubbliche. Se questa è la dinamica del capitalismo contemporaneo, come può generarsi un “risanamento del debito” se questo è funzionale alla gestione ordoliberale del libero mercato? Perché allora continua ad essere agitata questa fantomatica riduzione se questa è ontologicamente impossibile in tale regime economico? Per una ragione politica, e cioè, come dicevamo all’inizio, perché il debito è connaturato a questo modello di sviluppo, strumento di governo e, al tempo stesso, grimaldello ideologico volto a generare processi di colpevolizzazione sociale. Una colpevolizzazione che fa rima con pacificazione di ogni istanza d’opposizione.

3410 letture totali 36 letture oggi

1 comment to Debito mon amour

  • Roberto

    non e’ una cosa di adesso.anche mussolini socializzava le perdite e privatizzava i profitti.e anche Cuccia di mediobanca dopo di lui.socialismo ai padroni e capitalismo ai lavoratori.e cosi’ il debito sale alle stelle e lo Stato andra’ in fallimento.specialmente ora che non possono stampare piu’ lire carta straccia.

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>