APPUNTAMENTI

eurostop_assemblea_costituente

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

24 July :
1938 Inizio della battaglia dell'Ebro. Le forze repubblicane tentano di distogliere i nazionalisti dall'attaccare Valencia e di diminuire la pressione sulla Catalogna. In un primo momento le truppe repubblicane, comandate dal generale Modesto, ottennero un considerevole successo, ma vennero limitate dalla supremazia aerea nazionalista. I pesanti combattimenti continuarono fino a novembre.

STATS

Da Santone a eroe

 

Ancora parla, questo Giovanni Santone. Parla sempre di più: intervistato da televisioni e giornali, ormai simbolo di quella memoria pacificata che è il mantra ideologico sugli anni Settanta. Ovviamente, la pacificazione funziona solo nel verso della legittimità verso le morti provocate dallo Stato (“erano i tempi”, si dice seriosi e certi dell’assoluzione); per le morti prodotte dalla lotta di classe la pacificazione non è ancora prevista. Poverino, il Santone si lamenta di esser finito a fare il salumiere a Isernia. E’ il segno dei tempi, quello per cui oggi a uno come Santone avrebbero dato la medaglia e promosso sul campo. Quarant’anni fa, fu costretto (solo) al trasferimento. E intanto Giorgiana Masi continua ad essere insultata da questa pappa informe che racconta lei come semplice manifestante e lui come onesto poliziotto, magari infiltrato, ma “erano i tempi”. L’importante è negare il contesto politico, stravolgerlo, piegarlo alle necessità del potere, ridurlo impoliticamente a fenomeno generazionale o culturale, traviato da qualche “cattivo maestro” in servizio permanente. E così Giorgiana Masi trova la morte ogni 12 maggio, se non ci fossero i compagni a ricordare il suo assassinio per mano dello Stato, dei suoi vertici politici come dei suoi agenti infiltrati. Era la lotta di classe, inutile recriminare. Ma vale per tutte e due le parti in gioco. 

5892 letture totali 2 letture oggi

1 comment to Da Santone a eroe

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>