APPUNTAMENTI

achtung_banditen_5_maggio_2017 enigma_anni_70 roma_non_si_vende_manifestazione_6_maggio_2017

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

28 April :
1945 A piazzale loreto, Milano, vengono esposti i corpi del dittatore Mussolini e dei suoi sgerri. I partigiani sono costretti a usare gli idranti per disperdere la folla che voleva farne scempio.

STATS

Breve florilegio razzista

 

Cos’è il razzismo? Secondo il vocabolario Treccani, è un «complesso di manifestazioni o atteggiamenti di intolleranza originati da profondi e radicati pregiudizî sociali ed espressi attraverso forme di disprezzo ed emarginazione nei confronti di individui o gruppi appartenenti a comunità etniche e culturali diverse, spesso ritenute inferiori». Questo complesso di pregiudizi si è storicamente manifestato sempre in forma politicamente trasversale. Una breve rassegna massmediatica sulla vicenda dell’uccisione del commerciante di Budrio ce ne offre la più limpida delle dimostrazioni. Senza alcun riscontro o conferma da parte degli inquirenti, tutti i media stanno lasciando intuire che “forse” l’assassino è “straniero”. In base a cosa? A niente, visto che, nonostante la pressione interessata, nessun elemento tende ad indicare la provenienza “straniera” del rapinatore. Eppure in tutti i giornali il dubbio è stato insinuato ad arte: senza prove né testimonianze (anzi: tutte le testimonianze tenderebbero ad escluderlo), l’elemento straniero è inserito negli articoli senza confermarlo né smentirlo.

 [Repubblica]

[Corriere della Sera] 

 [La Stampa]

[La Nazione]

 

Certo, potrebbe essere anche uno straniero, e questo cosa cambierebbe? Nulla riguardo alla casistica, molto rispetto agli interessi politici di chi cerca in tutti i modi di soffiare sul fuoco della legalità e dell’avversione strisciante verso i migranti (l’avversione è sempre strisciante, mai manifesta, perché il razzismo della grande borghesia non mira ad “espellere” i migranti ma a sottrargli diritti sociali). Negli articoli non si dice: “potrebbe essere un italiano”, ma “non è possibile stabilire se sia straniero”, invertendo l’onere della prova: una contorsione discorsiva capace di fomentare l’insofferenza verso i migranti senza però dire esplicitamente che l’omicida sia davvero un migrante. Questa operazione è trasversale, riguarda i principali media di area centrosinistra o centrodestra, perché questo genere di razzismo (che è appunto quello strisciante, non quello muscolare e impresentabile à la Salvini) è socialmente e politicamente unificante (e alla fine fa il gioco proprio del razzismo più diretto e meno imbellettato).

Neanche l’accortezza di evitare la figura di merda commessa a reti unificate la scorsa settimana sull’omicidio di Alatri, dove Emanuele – il ragazzo barbaramente ucciso da italianissimi personaggi del luogo – veniva raccontato come solita vittima dello “straniero” (albanese, in questo caso):

[Huffington Post]

 

[Il Tempo]

Questo il razzismo trasversale alle presunte differenze politiche presenti in Parlamento. Senza contare l’appartenenza politica degli assassini di Emanuele: l’immagine della mazza a corredo dell’articolo non lascia molti dubbi. Ma nessuno da nessuna parte dell’universo massmediatico ha voluto notare la relazione diretta e necessaria tra il razzismo dei picchiatori e la loro ideologia fascista. Sarebbe stato, davvero, chiedere troppo.

5092 letture totali 10 letture oggi

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>