APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

20 September :
1972 - Ad Atene i funerali del poeta greco Giorgio Seferis si trasformano in una massiccia dimostrazione popolare contro la giunta militare dei "colonnelli"

STATS

Il metodo anti-Salvini

 

Dovremmo riconoscere a Salvini almeno un merito: aver costretto la sinistra antagonista all’intelligenza. Come il monolite alieno in 2001 Odissea nello Spazio, Salvini stimola indirettamente l’ingegno, mette in mora le vere e presunte differenze politiche in funzione del risultato. Ci obbliga a un terreno comune, quello della difesa delle nostre città dal suo progetto razzista, nazionalista, xenofobo, anti-sociale, reazionario. La lotta alla reazione leghista in questi anni ha sviluppato un metodo politico che è il suo più grande lascito. A volte questo metodo viene raccolto nel migliore dei modi, come a Napoli, altrove non sviluppa gli stessi risultati, ma si pone come inaggirabile. Laddove tale metodo viene abbandonato, il risultato fallisce. Bisogna però intendersi su quale risultato leggere nelle mobilitazioni anti-leghiste di tutta Italia, da anni a questa parte. Alcuni si fermano al dito: Salvini, in qualche modo, riesce comunque a tenere i suoi comizietti minoritari. Altri, la maggior parte a dire il vero, intravedono la luna: un terreno comune dove trovare la sintesi tra la partecipazione popolare e modalità di conflitto capaci di legare tutte le componenti della mobilitazione stessa. Salvini alla fine parlerà comunque, ma la sinistra antagonista, nel suo complesso, farà un passo avanti. Tutta assieme. Questo per qualcuno può anche rivelarsi un limite, ma se usciamo dagli steccati minoritari che contraddistinguono da anni i movimenti, scopriamo che è la più grande risorsa che ci viene lasciata da Salvini. Solo per questo, dovremmo ringraziarlo. A Napoli, ci sembra, è stata rieditata questa capacità di tenere insieme le diversità su di un terreno comune. Se succede nella lotta al leghismo, potrebbe accadere su altri piani: questa la verità sconvolgente delle giornate napoletane. Che infatti vengono coperte politicamente da un esteso arco di soggetti – che arriva fino al sindaco stesso – dentro una radicalità di pratiche per niente scontata, soprattutto in questi tempi di ritirata. E’ esattamente questa copertura politica che mette in crisi le istituzioni, dai partiti alla Polizia, dal Governo ai media. E questa copertura è possibile, o almeno a noi così è sembrato, non per la natura particolarmente progressista del sindaco napoletano, ma per la capacità di tenere unito un fronte trasversale ma popolare, consensuale e conflittuale. Mandando in frantumi le retoriche sui buoni e i cattivi, sui compatibili e gli incompatibili, sui riformisti e i rivoluzionari, etichette d’altronde agitate artificialmente da quello stesso sistema di potere interessato a dividere la classe piuttosto che unirla (anche fosse attorno a progetti riformisti). A quel medesimo potere non rimane che agitare cliché: pulcinella, terroristi, grandi vecchi, apprendisti stregoni. Ce n’è per tutti: dallo smascherato razzismo dei media unificati, alle dietrologie che accomunano tanto la destra d’ogni latitudine quanto le sinistre neoliberali. E’ la sagra del luogo comune, che svela un timore reale, quello di assistere impotente a una ramificazione politica e sociale che salda le sue ragioni attorno ad alcuni punti in comune. Questo il metodo anti-Salvini, la lotta alla Lega di questi tristi anni Dieci, da cui si potrebbe ripartire allargando lo spettro. Senza inutili fascinazioni, ma senza neanche restare ciechi di fronte a un metodo che funziona. E’ l’ottimismo delle volontà, avrebbe detto qualcuno, e non sarebbe poco, di questi tempi.

Liberare tutti vuol dire lottare ancora…

Carmine e Luigi liberi subito!

Presidio questa mattina, ore 9.00 a Piazza Garibaldi

8967 letture totali 2 letture oggi

3 comments to Il metodo anti-Salvini

  • Hirondelle

    Mah, a me sembra semplicemente che oggi “il razzismo xenofobo” sia un bersaglio “lecito”, anzi “il” bersaglio lecito, in tutto il continente A, o anche a, LIVELLO DI CLASSI DOMINANTI. Facile da svincolare da ogni questione scottante in nome di valori umanitari quanto vaghi immediatamente comprensibili, facile da usare per incanalare il dissenso (e infatti così è usato anche a destra). E facile da metabolizzare, dopotutto: chi si vuol sentire dare del razzista? Nemmeno Salvini. Quindi persino un sindaco filoUE può sbilanciarsi, quindi l’unità. Mettici il Jobs Act, cioè una roba richiesta dalla UE, o i tagli ai servizi, e vediamo che succede.

  • Alessandro Tosolini

    Sono d’accordo con Hirondelle, a me sembra che invece Salvini ottenga proprio l’effetto voluto, ovvero concentrare su obiettivi minori la lotta politica, obiettivi che possono essere condivisi anche dal neoliberismo e che quindi sprecano energie in una sorta di effetto mediatico e di posa rivoluzionaria senza mettere in discussione invece il vero nemico, ovvero le politiche liberiste di Ue, Nato e centrosinistra renziano.

  • Enrico

    Io invece sono d’accordo con l’articolo di militant. Se l’antirazzismo prevalesse davvero nella societa’, dove invece imperversa il razzismo, veicolato dal circo mediatico, che crea mostri come Salvini, funzionali all’esistente, si arriverebbe a una unità di lotta tra lavoratori autoctoni e immigrati, che farebbe dormire sonni assai agitati ai padroni.

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>