APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

22 March :
1979 Al Petrolchimico di Marghera muoiono tre operai e altri due rimangono gravemente feriti. Nei giorni precedenti alcune manifestazioni di protesta per le insufficienti norme di sicurezza sul lavoro erano state represse dalla polizia

STATS

In onore di Jim Thompson. Il più grande

 

Anno di anniversari questo 2017. Fra i quali, verranno certamente dimenticati i quarant’anni dalla morte di Jim Thompson (1906-1977). E’ stato, Thompson, il più grande scrittore noir americano del Novecento? Merita per noi il podio solamente per l’ignoranza che aleggia sul suo nome e sui suoi romanzi. Un’ignoranza che non ha impedito ad alcuni lettori importanti di rilevarne la grandezza, anzi, la supremazia di Thompson su un genere davvero particolare nella letteratura americana del XX secolo. Secondo Stephen King, “al meglio di sé, Jim Thompson era semplicemente il migliore, perché non era disposto a fermarsi”; per Joe R. Lansdale, “non esiste un altro autore paragonabile: Thompson faceva storia a sé”; anche Stanley Kubrick si accorse – davvero precocemente, ma i geni non sono tali per caso – della rivoluzione letteraria e culturale operata da Thompson. Parlando de L’assassino che è in me, Kubrick afferma che è “probabilmente il racconto in prima persona di una mente criminale più credibile e agghiacciante nel quale mi sia mai imbattuto”. Non a caso, lo volle come sceneggiatore dei suoi Rapina a mano armata e Orizzonti di gloria, quest’ultimo soprattutto opera monstre della cinematografia novecentesca.

Per cogliere il senso effettivo che ebbe il noir nell’America del secondo dopoguerra, dovremmo distinguere il tratto saliente che accomuna gran parte della produzione letteraria statunitense dagli anni Cinquanta in avanti. La letteratura americana successiva ai maestri dei primi quarant’anni (da Jack London a Ernest Hemingway, da Francis Scott Fitzgerald a John Steinbeck, per ricordarne alcuni) è in buona sostanza letteratura post-moderna (al netto di importanti eccezioni). E’ una letteratura alienata, distopica, anti-realista, neo-avanguardista, che produce meta-narrazioni e ideologie del riflusso, del disimpegno, della gioiosa rassegnazione. La Storia lascia il posto alle storie familiari e private, che subiscono senza interagire – se non intimamente – col corso degli eventi. Il noir americano è una risposta al bisogno di diversi autori di rimanere ancorati alla realtà, descrivendone le caratteristiche materiali, ad indagare sul riflesso che la realtà produce nelle relazioni umane, esplorando a sviscerando il rapporto corrotto tra società capitalista e perversioni umane. E’ letteratura sociale in assenza di letteratura sociale, di realismo e di epica. Non è un caso che gran parte di questi scrittori noir siano stati per una parte della propria vita, o dall’inizio alla fine, comunisti. E non comunisti in senso culturale. Veri e propri militanti del Partito comunista americano. Proprio come Jim Thompson. O come Dashiell Hammett, anche lui sul podio dei più grandi, non solo della letteratura di genere. Non solamente il noir ebbe la funzione di strumento di analisi della corruzione sociale. Anche la fantascienza assolse, in parte, a questo compito, sebbene nelle forme post-moderne di Vonnegut o Philip K. Dick.

Perché allora Thompson è così grande ed è stato così scientemente dimenticato, prima che Gallimard, e Stephen King dopo, lo recuperassero dall’oblio nel quale era finito? Probabilmente, perché Thompson era un autore sovversivo per grandi masse. Mica una cosa da niente, converrete. Era un autore da letteratura di serie c, da narrativa da edicola, e in Italia da giallo Mondadori. Era confinato nella ben misera posizione di scrittore destinato alla quantità più che alla qualità: i suoi libri non gli consentivano alcuna serenità economica, e l’unica possibilità era sfornarne il più possibile, meccanicamente. Per questo si adattò ai più svariati e degradanti lavori, più o meno legali (dal fattorino al trivellatore dei pozzi petroliferi, dall’operaio addetto alla costruzione di oleodotti a contrabbandiere d’alcol), dai quali apprese i processi materiali velati dalla narrazione americana. Le infinite opportunità e la mobilità sociale che cementavano il sogno americano della riuscita individuale significavano più prosaicamente, per Thompson, lo sfruttamento e l’autosfruttamento totalizzante, l’alienazione generalizzata, la violenza repressa, l’amoralità necessaria. Un calderone marcio in cui non esisteva bene e male. In cui il bene e il male erano la stessa cosa. Se nell’hard boiled hammettiano il ruolo del detective ricompone in qualche modo un quadro degradato di umanità corrotta (ma non nei racconti e romanzi del Continental Op, vertici della letteratura “comunista” di Hammett), Thompson spinge ai limiti estremi i caratteri originari del genere degli anni Venti e Trenta, varcando il confine della morale, smascherando la verità più intima della società americana degli anni Cinquanta: non c’è nessuna morale, perché non è possibile più alcun valore. Non è il delitto che macchia la concordia umana, ma la società che genera il crimine.

Nel noir thompsoniano non ci sono detective, altra distorsione del genere classico: c’è solo un paesaggio sociale che genera mostri. Seguendo Benjamin, “a ragione, è stato detto che tutti i grandi capolavori della letteratura fondano un genere o lo dissolvono: in una parola costituiscono un caso particolare”. Thompson fa proprio questo: dissolve un genere, lo stanco riprodursi di un hard boiled senza più disincanto hammettiano, inaugurando quel noir sociale che troverà seguaci in Europa e soprattutto nella Francia di Jean-Patrick Manchette.

Non c’è solidarietà, né salvezza, né fuga, né redenzione. Nel capitalismo amorale dell’american dream c’è posto solo per un razionale nichilismo. Non ci sono eroi: i protagonisti dei racconti sono i primi attori della degenerazione etica delle relazioni sociali.  Non c’è empatia, men che meno simpatia, possibile. La lotta è tra due mali, e lo scontro è segnato da violenza, sadismo, alcol e perversione. I tutori della legge – siano essi giudici e magistrati, sceriffi o procuratori – sono i primi responsabili della corruzione. Tutto questo, che potrebbe apparire banale, così non era nell’America degli anni Cinquanta, dove sopravviveva la purezza ideologica dei rappresentanti delle istituzioni. All’istituzione corrotta fa da contraltare una popolazione incattivita, che bada unicamente al proprio tornaconto, alla propria sopravvivenza, sempre a scapito di qualcun altro, sempre a scapito del proprio simile. La truffa e il crimine non sono mai organizzati verso indeterminate entità astratte (la banca, lo Stato, la Polizia, eccetera), ma verso il prossimo, verso l’altro uomo: questa la sostanza dell’ideologia dell’american dream, che si traduce in una lotta dell’uomo contro l’uomo, nella competizione esistenziale e pervasiva, nel mors tua vita mea. E’ nichilismo, ma non indistinto. E’ la presa di coscienza che dentro la società americana non c’è possibile salvezza o verginità individuale. Inutile costruire storie dal lieto fine, dalla facile morale catartica: le storie di Thompson finiscono (quasi) sempre malissimo (laddove finiscono bene sono chiari i segni dell’intromissione “mass-culturale”). Il protagonista è peggiore dell’antagonista, l’epilogo non potrà che condurre alla rovina reciproca dei personaggi, sineddoche della rovina sociale in cui è immerso l’autore. Quanta siderale distanza dal giallo post-moderno, dalle crime story edificanti dei nostri giorni, dalla paccottiglia criminologica televisiva che, ribaltando apparentemente il topos classico dell’istituzione buona contro il criminale cattivo, ci fa amare i cattivi e odiare le istituzioni. Come se non fossero ambedue la stessa cosa.

Thompson viene dall’America profonda. Da quell’Oklahoma di campi di mais e pozzi petroliferi, conservatore e razzista. Nel suo peregrinare scandaglia le diverse forme dell’alienazione. Non c’è movente nel crimine, se non banalità sproporzionate alla perversione narrata. Il crimine non ha più bisogno di moventi credibili (l’arricchimento personale; la svolta lavorativa; una relazione amorosa; eccetera): è crimine e basta, svincolato da patologie rintracciabili. E’ fisiologia sociale. La narrazione procede quasi sempre in prima persona, attraverso i pensieri e le azioni del protagonista. L’indagine della mente è profonda ma mai atomizzata. E’ la natura sociale che emerge dal racconto della natura umana.

Si capisce il motivo per cui ad un certo punto questa letteratura, destinata al consumo sottoculturale di massa, entra in contraddizione con le premesse stesse di questa sottocultura. L’orizzonte consolatorio a cui aspira questa produzione industriale di immaginario pacificante cortocircuita con la tensione anti-moralistica e nichilista di Thompson. A una rapida gloria succede una rapidissima caduta nel dimenticatoio. Senza soldi né onori, allo scrittore non rimane che l’alcol e il ritiro. Morirà, d’alcol e di solitudine, in punta di piedi. Questo il destino degli autori veramente rivoluzionari. Segnaliamo in questo quarantennale dalla morte cinque romanzi degli oltre trenta scritti. Cinque romanzi da rileggere, da recuperare, alcuni da ripubblicare, giustamente introvabili nel declino culturale italiano: L’assassino che è in me; Una libertà molto condizionata; Diavoli di donne; Colpo di spugna; Un uomo da niente. Altri se ne potrebbero citare, certamente più famosi, come Gateway. Andrebbero ripubblicati tutti, non solo i tre che resistono nelle edizioni Einaudi Stile Libero. Sarebbe una piccola grande operazione culturale degna di questo anniversario.

7551 letture totali 2 letture oggi

4 comments to In onore di Jim Thompson. Il più grande

  • roberto

    I suoi libri sono stati pubblicati anche recentemente (mi pare da Fanucci, ma potrei sbagliare). Einaudi pubblicò anche qualche tempo fa l’autobiografia Bad Boy (solo la prima parte). E’ un peccato perchè proprio lì si esplicita meglio la valenza politica di Thompson anche in riferimento alle sue scelte che sono totalmente avulse da ogni distinzione destra sinistra ma attengono a valori più profondi di classe e relative alla dicotomia alto-basso. In questo senso è una questione che riguarda l’oggi. Comunque bel testo. Complimenti

  • berja

    bellissimo, mi ha un po’ ricordato la coppia Kornbluth-Pohl, che ha scritto grandi romanzi di fantascienza, e Pohl è stato pure lui comunista.

  • Militant

    @ roberto

    Vero, ma il problema è che oggi tutti i libri di Thompson sono fuori catalogo e introvabili tranne tre editi da Einaudi: “Diavoli di donne”, “Colpo di spugna” e “Un uomo da niente”. Andrebbero come minimo ristampati, e in questo senso il quarantennale potrebbe essere l’occasione per farlo.

  • gilberto

    Bellissimo articolo.
    La parte in cui si parla del riflesso della realtà sulle relazioni e perversioni umane mi ha fatto pensare alla serie televisiva the night of. Anche questa serie si occupa, in modo abbastanza brutale, dello stesso tema. Non c’è un solo colpevole ma tanti possibili colpevoli, le forze dell’ordine sono, salvo poche eccezioni, disinteressate e si limitano a svolgere in modo meccanico il loro lavoro, le relazioni umane sono precarie e dipendenti da tornaconti economici.
    Non è un caso che uno degli sceneggiatori sia un altro grande scrittore noir Richard Price.

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>