APPUNTAMENTI

img_2947 assemblea-venezuela-corto-26maggio2017

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

28 May :
1871 dopo 71 giorni cade la Comune di Parigi. Il generale Gallifet ordina il massacro di uomini, donne e bambini. Su uno dei luoghi dell'eccidio verra edificata la basilica di Mont Martre, il cui colore, completamente bianco, avrebbe dovuto esorcizzare il rosso delle bandiere ribelli. 1974 Strage di Piazza della Loggia

STATS

Oroscopo politico

 

Difficilmente Berlusconi toppa una previsione politica, visto che in gran parte contribuisce a determinarle. Motivo in più per prendere sul serio i pronostici apparsi ieri sul Corriere e che indicano il futuro politico italiano nel breve e nel lungo periodo. Nel breve periodo, l’ex premier sembra certo: “molto difficilmente si voterà prima dell’autunno”. E’ una previsione facile ma non scontata. Facile per vari motivi. Il primo, nessun parlamentare si autolicenzierà prima di raggiungere l’agognato vitalizio. Le disparate alchimie politiche non tengono in dovuto conto l’aspetto più materiale dell’intera vicenda, quello per cui alla fine la sfiducia ad un governo la danno i parlamentari, non i dirigenti di partito. E questi puntano alla pensione garantita.
Il secondo motivo è che, per come stanno messi i partiti in questo momento, gli unici a voler davvero votare sono Lega Nord e M5S. Il Pd ha bisogno di tempo per riorganizzarsi, tamponando la disillusione successiva al 4 dicembre per ricostruirsi un appeal elettorale al momento incerto. Forza Italia ha invece bisogno di organizzarsi daccapo, decidendo alleanze e leader. Il terzo motivo è che non c’è una legge elettorale, e tutto l’arco parlamentare sta escogitando la formula adatta a sconfiggere il movimento grillino. In assenza di tale formula, e dopo le esperienze della Brexit, di Trump e del referendum, nessuno ha voglia di giocare ancora col fuoco. Mattarella (cioè la Ue) non scioglierà le camere prima che queste abbiano partorito l’unica legge elettorale possibile per contenere il M5S: un proporzionale più o meno corretto, ma comunque senza premio di maggioranza rilevante e con la più ampia proporzionalità possibile dentro questa Ue. E veniamo alla seconda profezia berlusconiana, questa molto più interessante della prima: “l’Italia è destinata nel prossimo futuro a diventare come la Germania, un paese con un sistema politico basato su una grande coalizione che veda come perni centrali il Pd e Forza Italia”. In altre parole, Berlusconi preconizza una nuova conventio ad excludendum, questa volta in chiave anti-populista. E in effetti questa sembrerebbe essere la traiettoria politico-istituzionale dei principali paesi dell’Unione europea: una grande coalizione permanente che impedisca alle forze “populiste” (in realtà alle forze anti-Ue, è quello il nodo politico) di governare. Questo scenario è l’unico possibile per “reggere” le sorti del sistema garantendo formale governabilità, ma è al tempo stesso la soluzione che porta all’autodistruzione delle forze che lo compongono. Il destino elettorale delle grandi coalizioni è quello di svuotarsi mano a mano che l’eccezionalità diventa norma. Il caso spagnolo è destinato a generalizzarsi. E’ il caso tedesco a costituire un’eccezione, fondata esclusivamente sulla crescita economica della Germania, ma questa crescita – come spiegato altre volte – nella Ue è possibile solo ed esclusivamente grazie alla crisi degli altri Stati dell’unione monetaria. In questa spirale degradante, che concentra nel paese produttivamente maggiore tutte le risorse del resto dei paesi Ue, la stabilità politica è possibile solo se legata alla crescita economica, quindi solo in Germania. Negli altri paesi può resistere una tornata elettorale; già alla seconda le forze “anti-sistema” (a quel punto tutte le forze politiche escluse dall’ammucchiata governista) supererebbero in termini di voti quelli del governo, istituzionalizzando una crisi di governabilità irrisolvibile. Irrisolvibile davvero, non per retorica. In Spagna sono stati un anno e mezzo senza riuscire a formare un governo, e quello attuale è in carica solo per la normale amministrazione, impossibilitato a decidere alcunché che non venga imposto dalla Ue. In Francia la governabilità è garantita formalmente da un’ingegneria elettorale che però non si traduce in governabilità sostanziale, generando all’opposto governi d’estrema minoranza nella politica e nel paese. Motivo per il quale la Francia è in stallo politico evidente e parimenti irrisolvibile. Lo scenario si presenterebbe allora allo stesso tempo fecondo e critico. Fecondo perché destinato ad aumentare di peso la forza delle opposizioni. Critico perché ad essere favorita sarebbe l’opposizione maggiore, nel caso italiano quella del M5S, attorno alla quale convergerebbe qualsiasi istanza di cambiamento. Chiaramente sono solo previsioni in libertà. Ma come detto, questo è solo l’oroscopo della politica italiana del 2017. Come tutti gli oroscopi, smentibile dal giorno dopo.

5388 letture totali 4 letture oggi

1 comment to Oroscopo politico

  • stefano

    buona analisi, credo come da tempo ripeto, il governo italiano non è un governo autonomo, ma applica esclusivamente leggi imposte dagli stati sovrani europei, la farsa del governo italiano serve solo ai 4 borghesi che debbono tutelarsi e tutelare i loro interessi economici, per il resto???? il governicchio italiano serve solo ad impedire che le classi meno abbienti possano ottenere e far rispettare il loro più elementari diritti.
    si pensi ai governi fantoccio GRECO SPAGNOLO FRANCESE, che all’ oggi le loro voci sono voci di un malato allo stadio terminale.
    per cui chi risiede in parlamento, lo fà solo come un semplice operaio che ad ogni mese aspetta la paga, pur lavorando in maniera errata.

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>