APPUNTAMENTI

achtung_banditen_5_maggio_2017 enigma_anni_70 roma_non_si_vende_manifestazione_6_maggio_2017

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

28 April :
1945 A piazzale loreto, Milano, vengono esposti i corpi del dittatore Mussolini e dei suoi sgerri. I partigiani sono costretti a usare gli idranti per disperdere la folla che voleva farne scempio.

STATS

Il tranello americano

 

Qualcuno dovrà prendersi la briga di dire, da sinistra, che il linciaggio politico-mediatico contro Donald Trump è vergognoso. Non perché – è un’ovvietà ma, come dire, repetita juvant – Trump non sia effettivamente uno dei simboli del degrado politico neoliberista; non perché non sia soggettivamente un bifolco sessista; non perché il suo esempio amorale di tycoon evasore non segni l’ennesimo passo indietro culturale del ceto politico liberista. Tutte queste cose al sistema mediatico e politico mainstream non fregano un cazzo: questo il tranello ideologico su cui stanno concentrando l’attenzione media e finanza delle due sponde dell’Atlantico. L’attuale linciaggio è funzionale all’elezione di un presidente impresentabile, innominabile, inadatto, quale è Hillary Clinton, questa si espressione – ben più di Trump – dei famigerati “poteri forti”, come lei stessa d’altronde ammette candidamente. Non è vero neanche che tra Trump e Clinton “non ci siano differenze sostanziali”, come pure prova a ragionare una parte della sinistra in lotta contro la trappola mediatica imposta: Hillary Clinton è peggio di Donald Trump, su questo non possono esserci tentennamenti moralistici. Quello della morale è un terreno da rifiutare a prescindere, perché è il capitalismo dei mercati finanziari, personificato da Hillary Clinton, a costituire la più grande opera di distruzione morale ed etica della storia dell’uomo. Non le avventure di un tragicomico minus habens che ha raccolto il sentimento di delusione e rassegnazione dei ceti popolari nordamericani rivolgendoli in chiave parodistica e regressiva. Donald Trump e Hillary Clinton non sono sullo stesso piano, ma questo non vuol dire che uno dei due sia “votabile”. Il problema è che, scomparendo qualsiasi analisi oggettiva delle componenti economiche, sociali e sociologiche che hanno portato alla ribalta Trump, accettando – anche criticandolo – il terreno imposto dai media del moralismo calpestato dal magnate americano, scompaiono a loro volta le ragioni profonde di queste tristi elezioni statunitensi, le stesse ragioni che avevano portato al relativo successo elettorale Bernie Sanders. Donald Trump è un rappresentante inadeguato – non perché sessista però – di un bisogno sociale di rottura con una classe politico-economica con cui vanno mantenuti aperti canali di dialogo necessari e inaggirabili. Se la sinistra statunitense o, per estensione immaginaria, anche quella europea, assecondando la vittoria di Hillary Clinton come “male minore”, quel dialogo, già ampiamente compromesso d’altronde, verrebbe ulteriormente rovinato. Bisogna ribadirlo con forza: Donald Trump è il rappresentante inadeguato di un bisogno giusto: la rivolta barbara e incivile che sorge dall’impoverimento generalizzato della società senza rappresentanza politica; mentre Hillary Clintonè l’espressione politicamente presentabile di un bisogno sbagliato: la stabilizzazione del sistema politico americano. Sono due società differenti quelle personificate dai due candidati. In Hillary Clinton c’è profonda concordanza tra interessi di classe e rappresentazione politica. In Donald Trump gli interessi della miriade di ceti impoveriti o addirittura proletarizzati prendono la forma ultra-alienata del populismo reazionario ma, se ha ancora un senso ricercare nella composizione di classe l’appiglio storico a cui aggrappare le ragioni della sinistra, questi ceti impoveriti, queste fasce di proletariato, rimangono gli unici referenti sociali possibili. Altrimenti, proseguiremo nel “detournament” storico in cui la sinistra è finita: espressione politica dei ceti medi intellettualizzati, contrapposta al populismo, di volta in volta reazionario o progressista, capace però di dare voce ai senza voce, rappresentanza agli esclusi dai processi di innovazione tecnologica e produttiva del capitalismo. Ecco perché la sfida tra Donald Trump e Hillary Clinton ci riguarda direttamente: perché anche da questi tornanti storici si capisce la direzione politica della sinistra di classe del prossimo futuro.

9708 letture totali 6 letture oggi

4 comments to Il tranello americano

  • Qualunque sostenitore del democratismo spera toto corde che Trump vinca le elezioni: i “valori” e le competenze dei nordameriKKKani non potrebbero trovare rappresentante migliore.

  • dziga vertov

    militant è una delle poche oasi di vita intelligente nel misero panorama della rete. ottimo articolo, del tutto condovisibile, grazie.

  • Brigante

    Finalmente leggo un respiro di buon senso da sinistra su tutta la vicenda delle elezioni americane.Personalmente non credo di aver mai visto un attacco mediatico/politico cosi coordinato e diretto. Neanche ai tempi della preparazione/lavaggio del cervello dell’opinione pubblica contro Saddam Hussein e, più recentemente, Gheddafi ed Assad. Credo di aver visto cose simili, nei giornali internazionali (a livello nazionale per ovvi motivi di conflitto di interessi era parzialmente diverso), solo negli ultimi mesi dell’ “impero berlusconiano”. Questo da comunisti dovrebbe farci riflettere (tristemente, ahinoi!)su una cosa. Il Capitale attualmente avverte la necessità di mettere in atto attacchi cosi veementi solo per “risolvere” le proprie contraddizioni interne. Questo ci dice due cose. La prima, è che viviamo in una fase storica in cui la spaccatura interna al Capitale, in seguito al processo ormai pluridecennale di globalizzazione, è giunta alla resa dei conti. Se vogliamo è una fase storica, in cui la vecchia borghesia nazionale è ormai alle corde e, insieme ad essa, la sovrastruttura che noi abbiamo chiamato per circa due secoli Stato-Nazione. La seconda cosa che dobbiamo purtroppo registrare è l’assoluta mancanza di un soggetto politico che riesca ad inserirsi, da sinistra, in tale spaccatura epocale. A livello locale si registrano tentativi vertenziali che raramente riescono ad inserirsi in una cornice ideologica di più ampio respiro. E quando questo succede (vedi Val Susa) i rapporti di forza rimangono comunque impari. Ci sarebbe da discutere su quanto questo sia in rapporto con l’idea di centralismo del potere che viene fuori dalla riforma costituzionale proposta in Italia. Spero di non risultare troppo pessimista, ma la mia vuole essere una analisi il più possibile distaccata.

  • berja

    non vi sembra un copione già visto?
    scontro d’alema-berlusconi o prodi-berlusconi di 20 anni fa in italia: la classe operaia ci rimette comunque.

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>