APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

22 January :
1905 - La 'Domenica di sangue' di San Pietroburgo, dà il via alla rivoluzione del 1905

STATS

Bloccati i magazzini GLS in tutta Italia, prende forma il NO sociale a Renzi e alla Ue

 

Ieri notte insieme a circa 150 lavoratori e compagni di tutta Roma abbiamo bloccato l’Hub romano della GLS. Contemporaneamente, nel resto d’Italia tutti gli altri centri di smistamento legati all’azienda assassina venivano picchettati e di fatto chiusi da uno sciopero raramente così efficace. La lotta sindacale, insomma, prosegue (ricordiamo che lo snodo di Piacenza, quello centrale della logistica italiana, è di fatto bloccato da settimane). Proprio le lotte nella logistica potrebbero diventare uno dei tasselli del NO sociale contro Renzi e la Ue al prossimo referendum. E’ una sfida che riuscirà solo se la questione verrà sottratta dal recinto sindacale in cui è ancora confinata. La morte di un lavoratore durante la lotta non è un “tragico incidente sul lavoro”, come incredibilmente anche a sinistra qualcuno vorrebbe ridurre la questione, ma è l’assassinio di un manifestante nell’esercizio dei suoi diritti sociali e politici. Un fatto che riguarda tutti e in primo luogo i militanti politici. 

Ieri notte la vicenda è stata finalmente raccolta anche da pezzi di sinistra non pervenuti a Piacenza. E’ un primo importante passo verso la costruzione delle manifestazioni dell’autunno contro il governo Renzi. La battaglia del NO avrà, in questo senso, molti protagonisti, da sinistra a destra, passando per il M5S che probabilmente monopolizzerà la vicenda referendaria e costituirà il principale aggregatore di voti contro Renzi e la Ue. Ma se come sinistra vogliamo avere delle possibilità di incidere nella lotta contro il governo e nel NO al referendum, se vorremo avere margini di agibilità sociale e politica dopo l’eventuale (e per nulla scontata) vittoria dei NO, queste possibilità passeranno solo e unicamente dalle nostre capacità di marciare uniti nella battaglia del NO. Ieri notte, in questo senso, è stato un bel momento di condivisione e di unitarietà come mancava da molto tempo. Nelle nostre sacrosante differenze, dovremmo cogliere il dato della nostra impossibile autosufficienza nelle mobilitazioni del prossimo autunno. Da momenti di lotta come quello di ieri si può allora ripartire, se l’intelligenza sorreggerà il nostro percorso.

10070 letture totali 2 letture oggi

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>