APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Comitato per il Donbass Antinazista


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

16 January :
1943: IL GOBBO DEL QUARTICCIOLO

1999 - Il governo D'Alema "convince" Abdullah Ocalan,il leader del PKK (Partito dei Lavoratori Curdo), ad abbandonare l'Italia, dove si era rifugiato il 12 dicembre del 1998. Dopo neanche un mese Ocalan verrà catturato in Kenya dagli agenti dei Servizi segreti turchi del Millî İstihbarat Teşkilatı e portato in Turchia, dove fu subito recluso in un carcere di massima sicurezza ad İmralı, un'isola del Mar di Marmara

STATS

Consigli (o sconsigli) per gli acquisti

il potere del cane

Qualche tempo fa, recensendo la saga di Stieg Larsson, ci eravamo dilungati nell’elencare quelle che per noi erano le potenzialità letterarie racchiuse in alcuni di quei libri che la critica “alta” ha spesso catalogato con disprezzo come “narrativa di genere” nell’intento di relegarli così alla serie B della letteratura popolare (leggi). Ebbene, a qualche mese di distanza da quel post (spinti da una recensione entusiasta di Massimo Carlotto) abbiamo avuto la fortuna di leggere uno dei più bei noir degli ultimi anni (e credeteci, ci stiamo tenendo bassi nel giudizio) che ci sembra confermi con l’empirica concretezza di carta ed inchiostro quanto andavamo sostenendo.
Stiamo parlando de Il potere del cane di Dan Winslow, un libro mandato alle stampe lo scorso giugno dai tipi della Einaudi nella collana Stile Libero purtroppo con oltre quattro anni di ritardo rispetto all’uscita negli USA. Ed è un libro che vi consigliamo vivamente di leggere visto che si tratta di oltre settecento densissime pagine scritte in maniera superba,con uno stile asciutto e diretto,tagliente come la lama di un rasoio e che vi costringerà ad una lettura quasi compulsiva. Il tutto sorretto da una struttura narrativa che non mostra mai sbavature e che anzi poggia su un’architettura molto “cinematografica” tanto che spesso si ha la sensazione di trovarsi di fronte alla sceneggiatura di un ottimo film. Il potere del cane, però, è molto di più di un puro ed autocompiacente esercizio stilistico. Dietro c’è una Storia con la S maiuscola e soprattutto c’è la dimostrazione concreta di tutta la spietatezza critica di cui può essere capace il noir “sociale”. Winslow ci svela meglio di mille saggi e trattati cosa si celi veramente dietro la cosiddetta “guerra alla droga” intrapresa dagli Stati Uniti; e lo fa narrando l’epopea di alcuni narcos e poliziotti della DEA che vengono mossi come pedine sullo scacchiere geopolitico latinoamericano, e nel farlo l’autore non omette nulla. Scrive degli esuli anticastristi appoggiati dalla CIA e dei loro traffici di armi e stupefacenti, della guerra sporca in El Salvador  e del modo con cui venivano armati i Contras in Nicaragua, delle operazioni coperte in Honduras e del Plan Colombia, delle milizie paramilitari che ancora oggi massacrano i campesinos con le armi nordamericane e delle drammatiche conseguenze sociali del NAFTA, delle maquiladoras messicane e dell’orrore di Fort Benning, della rivolta in Chiapas e delle FARC, delle macchinazioni dell’Opus Dei e dell’utopia concreta dei teologi della liberazione. Winslow finisce così col tratteggiare, chissà quanto involontariamente, anche una contro storia degli ultimi 30 anni del Cono Sur mettendo le amministrazioni USA sul banco degli imputati insieme ai loro lacchè a sud del confine, cosa questa che sembra gli sia già costata numerose minacce di morte soprattutto da parte di alcuni esponenti della corrottissima polizia messicana di cui l’autore traccia un ritratto impietoso. Insomma, anche se il libro non è proprio economico (22 euro!!!) a nostro avviso si tratta di soldi ben spesi (oppure, se ci riuscite, prendetelo “in prestito”).

5022 letture totali 2 letture oggi

2 comments to Consigli (o sconsigli) per gli acquisti

  • Frank

    Einaudi Stile Libero, una sicurezza. Se non sai cosa leggere vai sempre sul sicuro.

  • Alessandro

    Ho finito di leggerlo e devo ammettere che se non è un capolavoro poco di manca…Concordo in tutto con la recensione; l’unica pecca forse è che è un pò troppo lungo, infatti dopo le prime 400 pagine il succo del discorso è già tutto chiaro, indi per cui le restanti 300 diventano in qualche caso ripetizioni di cose già intuite in precedenza. Anche la parte sui piccoli mafiosetti di new york poteva benissmo essere omessa, non aggiunge nè toglie nulla alla storia.
    A parte ciò, la potenza e la facilità, nonchè la chiarezza, con cui narra dei rapporti fra governo u.s.a., cia, narcotraffico e operazioni americane in america latina è meravigliosa.
    Veramente un grande romanzo che consiglio a tutti…

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>