APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

17 August :
1977 - A Roma vengono arrestati due carabinieri ritenuti implicati nella fuga del criminale di guerra nazista Kappler

STATS

La verità anestetizzata

 

All’origine della guerra civile siriana scrivevamo che questa era il risultato di una rapida “internazionalizzazione” di una serie di contraddizioni interne che il capitalismo occidentale, in primis gli Stati uniti, aveva prontamente sfruttato per proseguire l’opera di destabilizzazione-ripacificazione della regione (qui l’analisi generale che ne abbiamo dato; 1, 2, 3, 4 altri link utili). Soprattutto, risultava evidente come le milizie islamiche radicali erano a tutti gli effetti agenti di prossimità degli Usa. A questa lettura i media mainstream, seguiti a ruota da pezzi importanti della “sinistra radicale” (quella che manifestava sotto l’ambasciata libica al grido di “viva il Re” contro Gheddafi), contrapponevano quella della “genuinità” della ribellione siriana, repressa dal “regime di Assad”, bollando come complottista ogni tesi alternativa a quella ideologica che divideva la questione in buoni (tutti coloro che combattevano Assad) e cattivi (Assad). Il feticismo ribellistico ha prevalso sin da subito sull’interpretazione realistica degli eventi, come se *qualsiasi* mobilitazione popolare avesse incorporati geneticamente i caratteri della progressività e della democraticità (secoli di vandee, fascismi e “rivoluzioni colorate” non hanno ancora insegnato che il “popolo”, entità mitica della sinistra utopistica, non ha alcunché di geneticamente “progressivo”; e che “popolo” è definizione truffaldina se non si indaga *quale* parte del “popolo” si mobilita, e contro quale altra). Stamane sul Corriere Paolo Mieli, esponente di primo piano di quell’universo mediatico che ha costruito la rappresentazione tossica di una Siria divisa in “buoni” e “cattivi”, fa il punto della situazione siriana: “Alla base della tregua tra russi e americani c’è un chiarimento. Chiarimento che riguarda il ruolo di Al Nusra, la formazione nata nel 2012 da una costola di Al Qaeda che ha fin qui combattuto gomito a gomito con l’Esercito libero siriano finanziato e armato in funzione anti Assad dagli Stati uniti. Negli ultimi tempi il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov aveva avuto buon gioco a far osservare al collega americano John Kerry la singolarità di questa alleanza – sia pure indiretta – tra gli Stati uniti e una formazione jihadista composta, per così dire, da eredi degli attentatori delle Torri gemelle. La reazione un po’ ipocrita era stata quella di indurre i qaedisti siriani a cambiar nome[…]Ma le loro finalità sono identiche a quelle del califfato. E i militanti delle diverse formazioni jihadiste , pur divise da rivalità talvolta anche accese, sono interscambiabili.”  

E così, come se niente fosse successo dal 2012 a oggi, sul principale quotidiano della borghesia nazionale i buoni si trasformano negli “eredi degli attentatori delle Torri gemelle”, ruoli e militanti delle varie formazioni jihadiste divengono “intercambiabili”, e soprattutto l’esperienza della ribellione siriana ricondotta a più modeste verità: quella di un’operazione targata Usa, con buona pace di chi ancora gioca al ruolo di pifferaio magico delle rivolte esotiche. Cosa sta succedendo allora? Come è possibile che pezzi di verità emergano così schiettamente e persino violentemente sulle testate nazionali? Il problema forse risiede nel cambiamento di strategia degli Stati uniti, che ha messo da parte il suo interesse principale (rovesciare Assad), per risolvere la questione Isis che nel frattempo è divenuta ingestibile. Una contraddizione di cui fanno parte anche il golpe turco e il riavvicinamento momentaneo tra Turchia e Russia. Non sappiamo se sia sicuramente così, ma più indizi favoriscono la lettura di questo scontro interno, uno scontro che vede la nostra borghesia nazionale sempre fedele alla linea Usa. Vista la capacità che hanno i media generalisti di far presa su di un’opinione pubblica completamente destrutturata, non dubitiamo che, se dovesse andare avanti questo scontro, tra qualche settimana Assad tornerà ad essere un “bravo governante” (come lo era, per i media, fino al 2012) e l’Isis la minaccia finale dell’umanità. Senza capire che né l’una né l’altra cosa sono in realtà vere a prescindere, ma solo in base agli interessi momentanei e strategici delle potenze imperialiste in campo. L’importante, come sempre, sarebbe riuscire ad articolare una posizione autonoma e di classe di fronte a eventi e letture di questo tipo, che riesca ad emanciparsi dall’opinionismo mediatico imposto, che egemonizza di fatto la visione del mondo anche a sinistra. Liberandoci una volta per tutte del moralismo umanitario, veicolato dall’alto per giunta, che contraddistingue le posizioni politiche a favore o contro gli Stati della periferia globale.

4552 letture totali 4 letture oggi

2 comments to La verità anestetizzata

  • fedayn

    Tra i fatti drammatici c’è la maggiore capacità di autocritica espressa dai padroni rispetto a quella di cui sono (in)capaci i c.d. “compagni”.

    http://www.repubblica.it/esteri/2016/09/14/news/parlamento_inglese_condanna_cameron_responsabile_del_fallimento_in_libia_-147748699/

    Non ho sentito NESSUNO a Roma mettere in discussione (ancor meno fare autocritica) le posizioni assurde prese pubblicamente in occasione delle avventure imperialiste in Libia, in Siria…(Mali, Yemen, Ucraina..).

    I pochi che si sono apposti al declino generale sono stati aggrediti, insultati…eppure non sono mancate da parte nostra analisi/approfondimenti/argomentazioni, alla faccia di chi ci continua ad accusare di tifoseria (come se poi quella per i ribbbbelli o per kobane fosse altro di molto diverso).

    Cosa avverrà? Arriverà l’ennesimo carrozzone (ora è il turno de che? ah si il referendum) a rimettere tutti a lavoro assieme…della serie “la politica internazionale e quella di casa nostra sono due livelli di intervento paralleli”.

  • Militant

    @ fedayn

    “Compagni” e “autocritica” sono due rette parallele che si incontrano all’infinito.

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>