APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Comitato per il Donbass Antinazista


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

6 August :
1922 - Le barricate antifasciste di Parma
1960 - In risposta all'embargo degli Stati Uniti, Cuba nazionalizza tutte le proprietà straniere della nazione

STATS

A Renato, per sempre

 

Il 27 agosto di 10 anni fa moriva Renato Biagetti, accoltellato da una mano fascista all’uscita di una dancehall ospitata su una spiaggia di Focene. Erano gli anni in cui il livello di scontro con la manodopera fascista raggiunse vette considerevoli, ma soprattutto erano gli anni in cui la rivendicazione delle pratiche antifasciste come architrave fondante dell’agire politico è parte integrante del movimento di classe, nonostante si iniziasse a prefigurare una caduta libera che vorticosamente e senza paracadute ci ha catapultato nell’angolo in cui, inutile negarlo, siamo oggi stretti.

A seguito di quell’infame omicidio fu tutto un susseguirsi di giustificazioni e prese di distanza della politica ufficiale, fu tutto uno sproloquio sugli opposti estremismi e sull’equidistanza da due fazioni – così fu ridotta la questione – scontratesi a seguito di una notte brava, una serataccia, una rissa tra balordi finita nel peggiore dei modi: un modello, insomma, che era stato tristemente sperimentato dalla stampa ufficiale a seguito dell’omicidio di Davide Cesare Dax, il 16 marzo di 3 anni prima. A un anno dall’omicidio di Renato, due compagni disegnano un fumetto che prende di petto la versione di comodo di quell’assassinio per fare luce sulle pratiche d’aggressione fascista e sul caso di Renato Biagetti. Sono le matite impugnate da Zerocalcare e Erre Push, le stesse che a 10 anni di distanza da quell’omicidio e a 9 da quella prima graphic novel tornano a parlare di fascismi e di intolleranza, attualizzando la degenerazione di una cultura che nel corso degli anni ha iniziato a raccogliere i frutti avvelenati di quanto seminato.

La pubblicazione lo scorso giugno de Prossima fermata. Una storia per Renato è infatti un’operazione politica di ampio respiro, che si smarca dalla semplice pubblicazione memoriale, d’anniversario, mettendo a confronto due immagini di una sola città, ritratta alla prova dei fatti contro i rigurgiti fascisti che storicamente la hanno attraversata. Mentre la pubblicazione di 10 anni fa rappresentava una risposta prima di tutto ad un area di “addetti ai lavori” sul tema scivoloso dell’equidistanza – volto a smontare la retorica dello scontro tra bande e a fare luce sulla matrice fascista del le mani che hanno ucciso Renato -, le tavole pubblicate 2 mesi fa da Kairos puntano la lente sui prodotti e gli effetti che hanno generato quelle propagande neofasciste, cresciute allora all’ombra di uno sdoganamento (culturale prima ancora che politico) promosso anche da certa sinistra istituzionale. Le frequenti aggressioni a migranti e al “diverso” di turno, infatti, sono non già il sintomo di una società sull’orlo del collasso ma il collasso stesso in cui viviamo. E allora ecco che le matite dei due compagni ripercorrono la storia recente di questa città: dalle manifestazioni razzista a Tor Sapienza, alle aggressioni di Tor Pignattara, dalla caccia all’immigrato alla caccia all’omosessuale – tutte storie che si intersecano a doppio filo con il clima di intollerante fascismo che già 10 anni fa (come da decenni a questa parte) mieteva quotidianamente vittime.

Ecco, questa graphic novel non è un instant book, men che meno un necrologio suonato ad una messa di facce tristi. Omaggiare la memoria di Renato è anche riprenderne in mano i tratti più duri e convulsi, farne tesoro giorno dopo giorno e utilizzarne gli insegnamenti più grandi come rotto per il presente e il futuro prossimo.

12372 letture totali 2 letture oggi

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>