APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

22 March :
1979 Al Petrolchimico di Marghera muoiono tre operai e altri due rimangono gravemente feriti. Nei giorni precedenti alcune manifestazioni di protesta per le insufficienti norme di sicurezza sul lavoro erano state represse dalla polizia

STATS

Visioni Militant(i): Mr. Robot, di Sam Esmail

Anche i meno attenti si saranno accorti che campeggiano ovunque cartelloni pubblicitari di presentazione di quella ormai già definita come la serie innovativa dell’anno: Mr. Robot. Il protagonista, Elliot, è raffigurato con il volto seminascosto dal cappuccio di una felpa nera… asociale,  misterioso, in perenne conflitto con il mondo. Un conflitto che durante la serie (per i meno pazienti, i meandri di internet nascondono gradevoli sorprese), si esprime non soltanto a livello soggettivo e individuale, dunque personale, ma anche dal punto di vista di una dimensione collettiva, sociale. Se da un lato appunto abbiamo una storia incentrata su un personaggio introverso, scontroso, affetto da dipendenze fisiche e mentali, che talvolta agisce quale giustiziere personale nella vita di tutti i giorni di coloro che lo circondano, gli echi delle sue azioni finiscono per avere una ricaduta per tutta la società. Storie di hackeraggio e di odio verso il “sistema” da chi ha potuto vederne i meccanismi virtuali dal di dentro, in tutti i loro tecnicismi asettici ma fortemente umani: dietro ogni numero, dietro ogni formula e ogni codice violato si nasconde la matrice capitalista di un rapporto sociale, una vita che si distrugge pubblicamente, un conto in banca che si volatilizza, un’azienda che chiude i battenti. Elliot lavora infatti in un’agenzia di sicurezza informatica che tutela una famosa società che egli sogna di distruggere,  la E-Corp soprannominata Evil-Corporation: grazie a una serie fortuita di eventi passerà dal sogno a occhi aperti alla realtà.
Mr. Robot è la nostra storia contemporanea: vi sono numerosi richiami che permettono facilmente di identificare lo “Steve Jobs” di turno, il gruppo di Hacker denominato “F-society” che presenta modalità e dinamiche estremamente simili agli Anonymous, ma soprattutto la sensazione da “fine del mondo” che ci accompagna dallo scoppio della “crisi del 2008” a oggi. La sensazione di essere sull’orlo di un precipizio, di dover fare qualcosa per distruggere una società malata che non può più essere corretta senza però porsi un’alternativa: in questo senso il sentimento di “rivoluzione” che anima la serie è politicamente primitivo, spontaneista, quasi nichilista, in cui tutti però, almeno una volta nella vita, ci siamo potuti riconoscere. Altrettanto emozionale è la caratterizzazione dei personaggi in giacca e cravatta, la descrizione dei piani alti, del “mondo di sopra”, che sebbene non siano mai identificati con precisione si stagliano freddamente durante la serie: le loro abitudini, le considerazioni che hanno della “gente normale” con un lavoro “ordinario” e una vita “banale” non sono politiche nella loro espressione ma colpiscono comunque allo stomaco per il sentimento di classe che rappresentano… il senso di appartenenza a un mondo privilegiato. Durante la serie lo spettatore ha mille occasioni per sviluppare un odio verso questo tipo di figure che finiscono per rappresentare l’archetipo dei supermiliardari che schiacciano e opprimono la povera gente: un po’ un cliché immaturo ma che va più che bene per una serie che si distingue comunque dalla maggioranza di quelle proposte dai vari siti e canali. Ovviamente si tratta pur sempre di un prodotto commerciale che deve vendere, che ricalca alcuni stereotipi di “alternativismo” per conservare un certo appeal, ma in sostanza è fatto molto bene e rappresenta comunque una boccata d’aria che offre molteplici spunti per gli occhi che sanno guardare. Chicca per gli esperti, al di là di voci su leggendarie collaborazioni con gli “Anonymous” sulle quali non ci sono ovviamente conferme, è indubbio il fatto che le operazioni di hackeraggio della serie siano rappresentate con estremo realismo tecnico, aggiungendo un’ulteriore nota di merito per questa serie tv. Di più non possiamo e non vogliamo spoilerare.

24196 letture totali 2 letture oggi

1 comment to Visioni Militant(i): Mr. Robot, di Sam Esmail

  • tommaso muntzer

    Bell’articolo.
    Pur non avendo visto la serie credo che questa rientri in un filone argomentativo molto in voga oggi in certe serie televisive,serie che tra l altro oggi svolgono una funzione che seppur edulcorata è potenzialmente accostabile a quella della letteratura borghese critico esistenzialista a cavallo tra ottocento e novecento.
    Questo filone unisce una rappresentazione critico approssimativa della divaricazione sociale in atto puntando sui principi del cosiddetto mercato etico.
    Infatti l unica speranza per il cambiamento viene identificata tramite la fede nelle nuove tecnologie da usare nella maniera più etica possibile(quasi una ricaduta dei pensieri di habermas e in parte di Eco nelle sue concezioni semiologiche).
    Non sono schizzinoso e prendo queste serie in maniera positiva quantomeno perché centrano l oggetto della discussione ma credo che sarebbe ancor più interessante sviluppare artisticamente queste contraddizioni……purtroppo credo che ci vorrà ancora qualche generazione ma gli sviluppi se ci si incammina potrebbero essere interessanti.

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>