APPUNTAMENTI

eurostop_assemblea_costituente

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

20 July :
2001 Carlo Giuliani, 23 anni, muore durante la manifestazione contro il G8 per un colpo sparato dal carabiniere mario placanica.

STATS

Mai più aggressioni fasciste! Ai nostri posti ci ritroverai! Napoli Resiste! Alcune riflessioni dopo l’ultimo agguato di Casapound a Napoli

Postiamo il comunicato della Rete Antifasista Napoletana sull’ultimo agguato fascista contro un giovane compagno napoletano. Invitiamo tutti alla massima condivisione e diffusione.

Mai più aggressioni fasciste! Ai nostri posti ci ritroverai!
Napoli Resiste!
Alcune riflessioni dopo l’ultimo agguato di Casapound a Napoli.

Nella nostra città nell’ultima settimana è avvenuto un episodio dalla gravità assoluta: l’agguato, dalle pesanti conseguenze, di 3 militanti di Casapound nei confronti di un gruppi di compagni e studenti medi, a seguito della cacciata di militanti di Blocco Studentesco all’esterno del liceo Vittorini.

Questo episodio è l’ennesimo che arricchisce una fila di gravi atti perpetrati da questo gruppo a Napoli, che nonostante sia stato respinto più volte nei tentativi di estensione in città, continua, grazie alle protezioni politiche e poliziesche di cui gode, a svolgere il ruolo per cui è nato: disturbare, attaccare, criminalizzare, le realtà sociali in lotta.

Un’aggressione molto pesante, che si lega a doppio filo con quella che 5 anni fa colpì tre studenti e compagni all’esterno della facoltà di Lettere e Filosofia, quando furono accoltellati da 3 esponenti di Casapound. Oggi come allora, il clima sorto attorno alla campagna elettorale fomenta i fascisti, pronti ad utilizzare qualunque stratagemma per aggraziarsi il padrino politico di turno. Ieri era Lettieri, oggi tra Taglialatela, la lista di Noi con Salvini, e Lettieri stesso, c’è l’imbarazzo della scelta nell’attesa di vendersi al miglior offerente.

Il volto da “bravi ragazzi” di questo gruppo, è oramai stato smascherato. Nascondendosi dietro finte associazioni di volontariato, Casapound provava ad aggregare sui temi più disparati, ma la presenza costante delle realtà antifasciste ha sempre messo in luce la natura di questi gruppi. Ad oggi, pare, chi ancora continua a credere a questa favoletta sono i massimi dirigenti della polizia di stato, che in un documento (protocollo N.224/SIG. DIV 2/Sez.2/4333 dell’11 aprile 2015) della Direzione centrale della Polizia di prevenzione, con sigla in calce del direttore centrale, prefetto Mario Papa, descrive Casapound come un’associazione di bravi ragazzi pronti alla cooperazione e alla promozione sociale , additando agli antifascisti le responsabilità di ogni scontro avvenuto in passato. Non ci stupisce affatto questa cosa dati gli innumerevoli episodi in cui sbirri e fasci hanno dimostrato la stessa natura reazionaria e un rapporto di profonda e reciproca connivenza.

Napoli per anni è sempre stata un baluardo della lotta antifascista, città dove tutte le realtà sociali e in lotta sono sempre state unite per allontanare questi soggetti, conniventi con potere e potenti. A questo agguato risponderemo come abbiamo sempre fatto: rilanciando le iniziative di lotte e di riappropriazione dei nostri quartieri; coinvolgere studenti, disoccupati, lavoratori, per combattere le spinte reazionarie di chi vuol riportare indietro l’orologio della storia; respingere le vili aggressioni fasciste colpo su colpo, tutelando tutti coloro i quali portano avanti percorsi diametralmente opposti a questi vili servitori del potere.

In questo denunciamo totalmente il ruolo assunto dallo stato, che utilizza queste organizzazioni per insinuarsi nei tessuti sociali cittadini, utilizzando i fascisti come freno delle lotte.
Uno stato che garantisce una copertura istituzionale, giudiziaria e poliziesca a queste organizzazioni. Appare evidente che non sia stata mai definitivamente recisa la continuità tra il Ventennio Fascista e le cosiddette istituzioni Repubblicane. All’indomani della fine della guerra di liberazione ( e successivamente negli anni ’60 e ’70) ci si preoccupò di bloccare la spinta per la trasformazione sociale che derivava dal prodigioso sforzo profuso dal movimento partigiano e dalla classe operaia.
Nell’attuale situazione di crisi del capitalismo e di una tendenza alla guerra che diventa sempre più evidente, i fascisti vecchi e nuovi trovano sempre più legittimità e sono funzionali alla repressione politica e sociale e all’incitamento alla guerra tra poveri.
Non è lo stato quindi il garante possibile dell’antifascismo e della tutela dei nostri territori. Non è alle istituzioni, alla Magistratura o alle forze dell’ordine a cui pensiamo sia utile rivolgersi quando questi vermi aggrediscono in maniera vile e infame studenti, immigrati o militanti politici.
Allo stesso modo, quei personaggi che fanno oggi della lotta antifascista e della storia della città di Napoli un vessillo, ma che non fanno altro che mettere il cappello su queste battaglie, anche loro in un’ottica esclusivamente elettoralista, sono assolutamente marginali per queste battaglie.

Rilanceremo nelle prossime settimane nuovi appuntamenti di mobilitazione, a cui bisognerà arrivare tramite il confronto e la spinta di tutti i soggetti che in città portano avanti l’antifascismo come valore centrale delle proprie battaglie. Da pochi giorni è passato l’anniversario della battaglia di Stalingrado, così come furono fermati i nazisti, così Napoli è sempre stata baluardo, città in cui il germe fascista non ha mai attecchito e mai attecchirà.

L’antifascismo non si delega
Né con ‪Renzi‬, Né con ‪Salvini‬.
Contro le politiche antipopolari imposti dalla ‪Ue‬ e dalla ‪BCE‬ Costruiamo una nuova ‪‎resistenza‬!

13974 letture totali 6 letture oggi

1 comment to Mai più aggressioni fasciste! Ai nostri posti ci ritroverai! Napoli Resiste! Alcune riflessioni dopo l’ultimo agguato di Casapound a Napoli

  • E’ ormai assodato che le istituzioni
    coprono,finanziano e foraggiano con ogni mezzo ha loro disposizione le formazioni nazi fasciste come Forza Nuova e Casa Pound ed altre formazioni nazi fasciste affinche’ non vi sia in Italia piu’ chi resiste alle angherie di chi ci governa e se la fa’ con i poteri forti che vogliono il nostro paese fanalino di coda in Europa e nel mondo affinche’ siano salvaguardati i loro interessi e dei loro scagnozzi nazi fascisti.Riguardo all’ aggressione neo fascista ha Napoli nei confronti di un compagno dico:rispondiamo colpo su colpo ai loro metodi squadristi con alrtri metodi squadristi ovvero violenza alla violenza affinche’ questi pezzi di mer..a fascisti non possano piu’ uscire dai loro covi e si estinguino poiche’ non e’ possibbile che facciano aggressioni verso noi compagni e la facciano sempre franca!.Meniamoli tutti ste fasci di mer
    ..a servi dei padroni e poteri forti!.Violenza proletaria in contrapposizione alla violenza nazi fascista di Forza Nuova e Casa Pound!.Agiamo!.Resistenza!!!!!.

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>