APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Comitato per il Donbass Antinazista


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

28 February :
1978 I NAR uccidono a piazza Don Bosco, Roma, Roberto Scialabba

STATS

Egregio signor Bascetta

da senzatregua.org

Ieri mattina, a pagina 4 del Manifesto c’era un articolo di Marco Bascetta in risposta alle considerazioni (leggi) che come Senza Tregua e Rete dei Collettivi Studenteschi facevamo in merito ad un editoriale dello stesso Bascetta pubblicato il 29 ottobre scorso (sempre sul Manifesto). Questo è il suo articolo (leggi) e questa è la nostra risposta…


Egregio signor Bascetta,

Le scriviamo in relazione alla sua “precisazione” pubblicata su il Manifesto del 12 novembre, ove abbiamo riscontrato una serie di gravi scorrettezze sia sul piano del metodo che su quello del merito. Per questo motivo preferiamo darLe del Lei, del resto ci sembra di capire che non si offenderà se non l’annoveriamo tra i nostri “compagni”, termine che giudicherà terribilmente retrò. In primo luogo, Lei dedica il suo intervento al collettivo Senza Tregua, omettendo l’altro soggetto politico firmatario della lettera pubblicata il 9 novembre sempre su il manifesto: la Rete dei Collettivi Studenteschi. Riteniamo non si tratti, in questo caso, di un mero vizio di forma, bensì di un sotterfugio attraverso il quale passa il tentativo di delegittimazione di un’area politica ben più vasta di quanto non traspaia dall’intestazione della Sua replica. Tale scopo denigratorio emerge in maniera più netta nel merito del contenuto del Suo intervento. Infatti, pur ridefinendo parzialmente i caratteri politici dell’editoriale che aveva scatenato la nostra indignazione (e su questo torneremo in seguito), Lei ha buon gioco nel ridurre il nostro bagaglio politico-ideologico a una macchiettistica riproposizione di simbologie e terminologie con le quali la nostra pratica, ma soprattutto il contenuto della nostra lettera, non ha nulla a che vedere. Così facendo, Lei riprende le pratiche di delegittimazione proprie della peggiore sinistra riformista.

Dove erano i ritratti di Stalin, le falci e martello e i colbacchi bolscevichi nella manifestazione del 7 novembre? Noi ricordiamo “soltanto” centinaia di bandiere rosse allegramente sventolate da studenti più “consapevoli” di quanto taluni organi di stampa borghese volessero far credere (quasi che la mobilitazione degli studenti si esprimesse soltanto intorno ad aspetti corporativi). Altri punti del Suo intervento non ci convincono affatto. Quando afferma “«Né di destra, né di sinistra» non è una mia interpretazione, ma il modo in cui una larga parte del movimento degli studenti visibilmente si autopercepisce” Lei compie più o meno consapevolmente una tripla semplificazione: riduce il movimento antiGelmini al movimento universitario (dimenticando i lavoratori e le lavoratrici della scuola primaria, i genitori e gli studenti medi); poi fa coincidere il movimento nazionale con quello romano ed infine attribuisce al movimento tutto elaborazioni teoriche che appartengono ad una area che, per quanto autorevole, non può rappresentare la complessità delle lotte in corso. Solo se pensiamo alla Sapienza ci vengono in mente decine di compagni e di compagne, protagonisti generosi delle lotte e delle occupazioni, che non potrebbero mai essere inclusi in questo ragionamento. Da un intellettuale quale è Lei ci saremmo aspettati un analisi in grado di andare oltre l’apparenza, ma tant’è. Sempre nello stesso articolo, più avanti Lei scrive testualmente: “…resta…il sacrosanto diritto di reagire con forza ad ogni aggressione…ma questo il movimento ha dimostrato di saperlo fare…”. Non ha torto, signor Bascetta, ovviamente, ma le ragioni di ciò stanno proprio nella frattura che si è venuta a determinare il 29 ottobre, con lo smascheramento del tentativo, da parte dei fascisti , di inserirsi nel movimento, agendo come provocatori e braccio armato dei settori dominanti della borghesia. Smascheramento che ha indotto l’Onda a  praticare l’espulsione del Blocco dal corpo delle mobilitazioni e dal conseguente palesamento della natura antifascista del movimento studentesco. Questo, egregio signor Bascetta, proprio perché il movimento, nella sostanza di chi ne prende parte, o è antifascista o non è. Del resto, il nostro antifascismo trae le proprie radici nella lotta partigiana di chi, nel fascismo, non vedeva altro che la manifestazione congiunturale delle politiche capitalistiche, alle quali opponeva proprio quell’altro mondo possibile che auspichiamo di costruire anche noi.

Senza memoria non c’è futuro.

 

 

Collettivo “Senza Tregua”

Rete dei Collettivi Studenteschi

3154 letture totali 2 letture oggi

2 comments to Egregio signor Bascetta

  • Alessandro

    mi chiedo come si permette questo giornalista di trattare in questo modo gli studenti medi che sono scesi in piazza il 7 novembre…ma chi si crede di essere…ma lo ha visto lo spezzone degli studenti medi venerdi scorso? eravamo almneo 5.000 persone di cui almeno 1.000 con le bandiere rosse, senza contà i numerosi cori politici espressi durante il corteo. Sono tutti infiltrati del movimento?
    Cmq sia, non ho visto colbacchi o bandiere di stalin, solo molta determinazione e consapevolezza nonchè una notevole unità fra le varie soggettività studentesche…
    Bascetta ripiate

  • iskra

    ma perchè c’è ancora gente che legge bascetta?

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>