APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

19 September :
1943: L'ECCIDIO DI BOVES

1952 - Gli USA vietano a Charlie Chaplin, considerato comunista, il rientro in patria dopo un viaggio in Inghilterra

STATS

L’eclissi della faglia israelo-palestinese

 

“Il mondo, tuttavia, resta ancora molto eterogeneo. Il coercitivo imperialismo delle nazioni avanzate è in grado di esistere solo perché restano sul nostro pianeta le nazioni arretrate, le nazionalità oppresse, i paesi coloniali e semicoloniali. La lotta dei popoli oppressi per l’unificazione nazionale e l’indipendenza nazionale è doppiamente progressiva perché, da un lato prepara condizioni più favorevoli per il loro proprio sviluppo, mentre dall’altro infligge dei colpi all’imperialismo. Questa, in particolare, è la ragione per cui, nella lotta fra una civilizzata, imperialista, democratica repubblica e un’arretrata, barbarica monarchia in un paese coloniale, i socialisti stanno interamente dalla parte del paese oppresso, nonostante la sua monarchia, e contro il paese oppressore, a dispetto della sua “democrazia”.

(Lenin..ehm, no. Stalin…non proprio. Mao Tse Tung. Fuori strada. Leon Trotsky, Lenin e la guerra imperialista, 1938)

 

La guerra indotta tra sunniti e sciiti, le “primavere arabe”, il nucleare iraniano, la decomposizione della Siria, la nascita e il ruolo dell’Isis, la paventata (e fallita) egemonia turca nella regione, la questione curda, la guerra in Iraq, la tribalizzazione della Libia: queste e altre vicende, che nell’ultimo quindicennio hanno contribuito a far deflagrare la situazione mediorientale, sono tutte accomunate da un fattore: l’irrilevanza rispetto alla contraddizione tra Israele e Palestina. La crisi generale della regione mediorientale sembra avere mille rivoli, nessuno dei quali conduce alla lotta di liberazione della Palestina dal colonialismo israeliano. Questo cambiamento, a dir poco epocale, sembra essere passato sottotraccia nelle analisi complessive della situazione, eppure è rivelatore di un salto di paradigma foriero di conseguenze. Ad un conflitto interamente politico generato dall’occupazione israeliana dei territori palestinesi, sono subentrati una serie di fattori religiosi, culturali, geopolitici ed economici. Per tale ragione, se fino ad allora era possibile ragionare sul medioriente secondo schemi politici più o meno equivalenti per il resto del mondo e soprattutto per la sinistra europea, la deflagrazione mediorientale secondo altre faglie di diversa natura rende la comprensione dei fenomeni e lo schieramento molto più difficile. E infatti è una delle cause (non l’unica certamente) del disorientamento generale della sinistra nelle vicende mediorientali.

Lo scontro tra sunniti e sciiti, nonostante sia una contraddizione religiosa presente nel mondo musulmano, è stata in questo decennio suscitata e radicalizzata artificialmente da interessi esterni allo stesso mondo arabo, determinando una tracimazione nel campo dei rapporti politici prima inesistente o secondaria. “Prima” – prima cioè dell’inaugurazione del venticinquennio di guerra occidentale al medioriente cominciata dall’invasione dell’Iraq del 1991, e precipitato dopo la seconda invasione irachena del 2003 – lo scontro religioso rimaneva propriamente sul piano religioso, senza invadere il campo dei rapporti politici e il sostanziale panarabismo filo palestinese della nazione araba. Non impediva la nascita della Repubblica Araba Unita nel 1958, cioè l’unione nazionale tra Egitto e Siria; così come non ha impedito, nel corso soprattutto degli anni Duemila, il sostegno sciita di Hezbollah alla lotta di Gaza governata dalla sunnita Hamas. Esempi che servono a rafforzare il concetto centrale per cui attorno alla causa palestinese si aggregava una sostanziale unità d’intenti antimperialista del mondo arabo, al di là di come poi questo antimperialismo veniva declinato, e prescindendo da qualsiasi differenza religiosa infra-islamica. L’esclusione di alcuni Stati dall’unità araba non si doveva a contraddizioni religiose ma a cedimenti e collusioni verso il nemico israeliano-statunitense, come nel caso dell’Arabia Saudita.

Oggi siamo catapultati in uno scenario in cui la questione palestinese perde di rilevanza anche per la stessa Israele. L’Isis, così come prima Al Queda, è tutto fuorché un nemico di Israele: ambedue le centrali del terrore sono di fatto il braccio armato della politica saudita nella regione, cioè del principale alleato arabo di Israele; per di più, proprio in queste settimane sta procedendo la ripresa dei rapporti diplomatici tra Israele e Turchia, incrinati dopo la vicenda della Freedom Flottiglia del 2010 e non a caso riaperti discretamente di questi tempi, chiarendo che l’appoggio plateale della Turchia all’Isis non costituisce un problema per Israele; la vicenda del nucleare iraniano continua a preoccupare lo Stato sionista più della sbrindellata resistenza palestinese, relegata a problema d’ordine pubblico-militare che non prevede al momento soluzioni politiche. Non ultimo, il cedimento (agli occhi del governo israeliano) degli Usa nella trattativa con Teheran sul nucleare ha viceversa lasciato campo libero ad Israele sul fronte palestinese, come contropartita allo sblocco dell’embargo occidentale nei confronti dell’Iran.

In questa dinamica non perdono solo i palestinesi, relegati ad un destino di irrilevanza internazionale, ma perde tutto il mondo arabo e in subordine viene meno la possibilità di comprensione degli eventi della sinistra, araba ed europea. Tramutato un conflitto politico (il conflitto politico per eccellenza del mondo arabo) sul piano dei rapporti religiosi, ogni posizione in campo viene inficiata da una lente deformante che consente meno sponde e meno unità d’intenti. Il mondo arabo ricompattato da un nemico comune (Israele e, di conseguenza, le politiche filo sioniste occidentali), oggi vede venire meno quest’unità non per un accelerazione delle contraddizioni di classe, ma per una serie di ingerenze politiche determinate esclusivamente dal gioco di alcune grandi e medie potenze interessate ognuna alla loro porzione di medioriente economicamente sfruttabile.

E’ difficile oggi affermare che la disintegrazione della Libia e della Siria come Stati sovrani provenga politicamente dal conflitto israelo-palestinese. Eppure, indirettamente, la normalizzazione pacificante di taluni soggetti mediorientali ha permesso la disarticolazione dell’unità politica araba sulla vicenda e di conseguenza moltiplicato gli scontri intestini, tutti, nessuno escluso, generati da interessi esterni al mondo arabo e combattuti per conto terzi determinando quello scenario da proxy war che da un ventennio dilania la popolazione araba. E’ per tale motivo che non è possibile fare sponda, in qualsiasi modo, con la politica pacificante occidentale nei confronti degli ultimi soggetti statuali o politici ancora antimperialisti (inteso in questo caso come anti-israeliani e anti-nordamericani) della regione. Perché questa dinamica espelle la lotta palestinese dal campo delle contraddizioni principali della regione mediorientale, e perché sposta la direzione politica ed economica dei conflitti su piani molto meno maneggevoli come lo scontro culturale e religioso che oggi pervade la dimensione araba.

8798 letture totali 6 letture oggi

7 comments to L’eclissi della faglia israelo-palestinese

  • Paolo

    Citate trotsky? Ma non pare che vi stia molto simpatico… o sbaglio?… Bell’articolo, comunque

  • Militant

    @ Paolo
    Per l’appunto, serve a ricordare ai vari troskismi filo-qaedisti nostrani il peso dello proprie contraddizioni.

  • Paolo

    …in che senso troskismi filoqaedisti? A chi vi riferite?

  • Militant

    @ Paolo
    Ci riferiamo all’appoggio politico che la maggior parte dei gruppi trozkisti italiani ed europei hanno dato al famigerato “Free Syrian Army” che per tutto il corso della guerra siriana e ancora oggi collabora fattivamente con il Fronte al-Nusra, cioè la sezione siriana di Al-Qaeda (qui una descrizione non certo sospettabile di “simpatie assadiane”: https://it.wikipedia.org/wiki/Fronte_al-Nusra).
    Vicenda, questa, che si inserisce nel più ampio posizionamento di una certa sinistra italiana (non solo trozkista certamente) a favore della destabilizzazione e pacificazione di determinate aree mediorientali in questi anni, dalla Libia all’odierna Siria, e che è in aperta contraddizione con il passaggio citato in esergo di Trotsky che invece inquadra “materialisticamente” la dinamica imperialista. Dinamica in questi anni sostituita radicalmente dalla visione liberale dirittoumanista per cui, secondo certa sinistra “imperiale”, meglio i paesi occidentali più avanzati nel campo dei diritti umani che le “monarchie barbariche” citate da Trotsky, lettura questa che elimina il significato materiale dell’attuale guerra civile mediorientale, che ha un significato squisitamente imperialista che però non viene colto dalla lente deformante del dirittoumanismo (ordo)liberale. Speriamo di essere stati esaurienti. Se hai bisogno di altre informazioni riguardo allo scenario mediorientale e agli schieramenti in campo e ai riflessi che questi hanno nella sinistra europea, sono almeno cinque anni che ne scriviamo sul blog.

  • Paolo

    I riferimenti alle posizioni dirittoumaniste e della sinistra imperiale li avevo capiti, certo, solo che non capisco chi sono i sostenitori italiani dell’Esercito Libero Siriano di cui parlate.

  • Trotsko

    Vi segnalo un altro testo:
    Un’intervista di Fossa a Trotsky del 1938.

    Trotsky: Non conosco sufficientemente la situazione di ognuno dei paesi latinoamericani per poter dare una risposta concreta alle domande che mi ha formulato. Tuttavia mi pare chiaro che i problemi interni di questi paesi non si possano risolvere se non con una lotta rivoluzionaria simultanea contro l’imperialismo. Gli agenti degli Stati Uniti, dell’Inghilterra, della Francia (Lewis, Jouhaux, Toledano, gli stalinisti) tentano di sostituire la lotta contro l’imperialismo con la lotta contro il fascismo. Durante l’ultimo congresso contro la guerra e il fascismo siamo stati testimoni dei suoi sforzi criminali in questo senso. Nei paesi latinoamericani, gli agenti dell’imperialismo democratico sono particolarmente pericolosi perché hanno più possibilità di ingannare le masse che gli agenti dichiarati dei banditi fascisti. Ne abbiamo un esempio semplice ed evidente. Il Brasile regna oggi un regime semifascista che qualunque rivoluzionario può solo odiare. Supponiamo, però che domani l’Inghilterra entri in conflitto militare con il Brasile. Da che parte si schiererà la classe operaia in questo conflitto? In tal caso, io personalmente, starei con il Brasile “fascista” contro la “democratica” Gran Bretagna. Perché? Perché non si tratterebbe di un conflitto tra democrazia e fascismo. Se l’Inghilterra vincesse si installerebbe un altro fascista a Rio de Janeiro che incatenerebbe doppiamente il Brasile. Se al contrario trionfasse il Brasile, la coscienza nazionale e democratica di questo paese e condurre al rovesciamento della dittatura di Vargas. Allo stesso tempo, la sconfitta dell’Inghilterra assesterebbe un colpo all’imperialismo britannico e darebbe impulso al movimento rivoluzionario del proletariato inglese. Bisogna proprio aver la testa vuota per ridurre gli antagonismi e i conflitti militari mondiali alla lotta tra fascismo e democrazia. Bisogna imparare a saper distinguere sotto tutte le loro maschere gli sfruttatori, gli schiavisti e i ladroni (…)//

    Questo “schema” è valido per non farsi intruppare nelle posizioni della pseudo-left liberal, le quali con la logica della lotta al fondamentalismo islamico finiscono in un “abbraccio con l’imperialismo”.

    Al tempo stesso il fatto che a dirlo sia Trotsky è perfino banale ribadire che elemento centrale rimane l’autonomia di classe internazionalista.

    Un saluto trotskista e buon lavoro politico!

  • salvatore

    Poi mettiamoci Hamas che si congrtula con Erdogan per la sua vittoria. Cercano proprio di rendersi simpatici.

Rispondi a Paolo Annulla risposta

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>