APPUNTAMENTI

11_nov_fermiamo_la_repressione

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

11 December :
1961 - Gli USA intervengono nella guerra del Vietnam

STATS

Ora come allora la Resistenza continua!

Sono passati dieci anni da quell’8 dicembre 2005 in cui il movimento NoTav decise di riprendersi Venaus. E in cui ci riuscì. La comunità in lotta della Valle – decine di migliaia persone, con in testa i sindaci No Tav – marciò compattamente verso Venaus e, nonostante le manganellate e i lacrimogeni, riuscì ad abbattere la rete messa pochi giorni prima a protezione del cantiere, mentre la polizia indietreggiava. Il cantiere fu occupato, i macchinari pronti ai lavori danneggiati: Venaus era stata liberata e il governo decise la sospensione dei lavori in quella zona. L’opposizione alla costruzione della linea Tav otteneva la sua prima, grande, vittoria e toccava a uno dei suoi momenti – simbolici, ma soprattutto di mobilitazione – più importanti.
Questa mattina, il movimento No Tav è tornato a percorrere le stesse strade, da Susa a Venaus, e a manifestare la propria opposizione alla grande opera, che nel corso degli anni si è dimostrata sempre più inutile, oltre che pericolosa per la salute. Anche noi abbiamo ritenuto importante esserci, nonostante il momento di flessione che il movimento sembrava da qualche mese attraversare, per ribadire non solo la nostra opposizione alla linea AV Torino-Lione e al modello capitalistico che la sostiene, ma anche per portare la nostra solidarietà al più efficace movimento popolare che si è sviluppato in Italia negli ultimi anni e la nostra complicità a tutti i NoTav arrestati e inquisiti negli ultimi anni. Il risultato della manifestazione è stato superiore a ogni aspettativa: con in testa lo striscione «Ora come allora la Resistenza continua», oltre 15mila persone, forse 20mila – principalmente della Valle, anche se i numerosi pullman provenienti dal resto d’Italia sono stati fermati presso i caselli autostradali – hanno marciato lungo quelle strade che hanno fatto la storia del movimento. Un risultato importante, che dimostra come la forza di un movimento organizzato e radicato nel tessuto sociale, che negli anni è diventato elemento di coesione sociale e si è elevato da territoriale a nazionale, non si faccia abbattere neanche dalla repressione e dai momenti di minore mobilitazione.

3756 letture totali 2 letture oggi

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>