APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Comitato per il Donbass Antinazista


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

2 June :
1946 Con un referendum istituzionale gli italiani decidono di trasformare l'Italia da monarchia a repubblica (12.717.923 voti contro 10.719.284).

STATS

Il rancore proprietario verso i poveri: analisi di un’ideologia trasversale e politicamente corretta

 

Roma fa schifo, la livorosa bacheca razzista filo-padronale, ha purtroppo assunto nel corso del tempo il ruolo di voce “dell’uomo qualunque”, del “cittadino” romano mediocre, sfogatoio qualunquista del peggior odio anti-proletario, aiutata in questo da un supporto mediatico senza precedenti volto ad elevare ad “opinione pubblica rilevante” qualsiasi espressione del malcontento purchè (apparentemente) non organizzata politicamente. Il qualunquismo a-partitico e anti-politico, superficialmente criticato, è invece il requisito fondamentale per essere presi in considerazione dall’informazione mainstream. Partito con l’obiettivo (anche qui apparente) di denunciare il “degrado” cittadino fatto di muri sporchi, tombini otturati, marciapiedi ingombri di immondizia, il sito è rapidamente evoluto in denuncia permanente della povertà, accusando i poveri, i lavoratori dipendenti, i militanti politici, i migranti, del declino economico, sociale e culturale della città. Ovviamente la fortuna del covo razzista-qualunquista è dovuta anche ad una situazione oggettiva, quella del suddetto declino, che riguarda la città e che non è stato minimamente compreso dalla sinistra cittadina, che da una parte ha governato questo declino per un ventennio, mentre dall’altra ammiccava al “buongoverno” centrosinistro interpretato come “male minore” rispetto alle opzioni politiche di centrodestra. Per altro verso, quello della sinistra non compromessa con i passati governi cittadini, il tema del declino metropolitano è stato abbandonato cedendolo alle retoriche di una destra reazionaria che ovviamente oggi cerca di cavalcare un malcontento popolare che pure è legittimo e anzi sacrosanto. Bene, questa la premessa. Oggi però il ruolo e gli obiettivi polemici del sito in questione sono cambiati smascherando non solo l’intento reale del suo curatore, Massimiliano Tonelli, cioè quello di incolpare lavoratori e disoccupati del declino cittadino, ma soprattutto manifestando la propria ideologia proprietaria neoliberista, volta a difendere la proprietà dei possidenti dalle pretese dei “diversamente ricchi”. Insomma, da sito moralistico-perbenista si è trasformato in sito della destra cittadina in campagna permanente contro l’economia pubblica, i lavoratori dipendenti e i militanti politici. In realtà, ovviamente, lo è sempre stato, ma se prima copriva questa sostanza da una patina politicamente accettabile o spendibile venendo per l’appunto ripreso dall’informazione generalista, oggi il Tonelli ha gettato la maschera per motivi che magari capiremo in primavera. Questo però non toglie che numerose sue prese di posizione ancora oggi possono passare non come politicamente orientate, ma come “discorsi di buon senso”, riuscendo così a far passare un messaggio che altrimenti farebbe fatica a trovare spazio all’interno dei quartieri popolari. Ad esempio, la polemica sul corteo di Centocelle contro sfratti e sgomberi.

Sabato a Centocelle, un quartiere un tempo popolare ed oggi in fase di gentrificazione galoppante, si è svolto un corteo in difesa degli spazi sociali, delle occupazioni abitative, per il diritto alla casa e contro la politica di sgomberi e repressione annunciata e perseguita dal Prefetto Gabrielli. Tonelli ha pensato bene di commentare la manifestazione con il messaggio che potete leggere nell’immagine che descrive questo articolo. Un commento che parte da un presupposto dato per scontato e che invece manifesta un’ideologia politica precisa. Per la voce del proprietariato, l’unico modo per resistere a sfratti è sgomberi è “pagare l’affitto, spaccandosi il culo a lavoro ogni mattina, spostandosi di quartiere finchè non se ne trova uno sostenibile”. Questo presupposto “di buon senso” in realtà è contrario alla Costituzione italiana, alla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, al Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali delle Nazioni Unite, nonché all’indirizzo economico sia formale che sostanziale che ha caratterizzato le politiche di sviluppo nazionale dal dopoguerra ad oggi. Insomma la casa non è un bene legato al patrimonio, ma dev’essere garantita dalle istituzioni pubbliche in ossequio alla carta fondamentale nonché ad una serie di convenzioni internazionali che l’Italia ha firmato e promosso.

Altro presupposto “di buon senso” spacciato per neutrale e che invece sottende una visione del mondo classista proprietaria, è quello per cui se non si hanno i soldi per l’affitto si cerca un altro quartiere in cui risiedere. Si potrebbe ricordare che Centocelle, nonostante la progressiva gentifricazione neoborghese, è ancora un quartiere proletario e semi-periferico, dove “i poveri” sono stati spinti a forza dalle precedenti ondate di spopolamento dei quartieri nel corso del tempo inglobati dalla “città vetrina”, oppure dove, durante le migrazioni interne, si sono ritrovati masse popolari impossibilitate alla residenza in zone più “esclusive”. Insomma, Centocelle è già il frutto di una selezione di classe. E soprattutto, dove sta scritto che debbano esistere zone destinate ai ricchi e zone destinate ai poveri? Da nessuna parte, e infatti anche questa differenziazione territoriale è contraria alla Costituzione nonché ad una caterva di trattati internazionali che solo ad elencarli non si finirebbe più. Accecato dall’obiettivo di difendere i suoi simili, cioè il padronato metropolitano contro l’invasione proletaria e sottoproletaria, Tonelli confonde qualità e dimensione delle suddette case con la zona in cui queste permangono. E cioè, in un’economia di mercato come la nostra, è comprensibile che chi guadagna di meno non può pretendere per diritto una villa o un palazzo tutto per sé come chi guadagna di più, ma può e anzi dovrebbe avere il diritto di abitare dove gli pare. E infatti a Roma, nel pieno centro storico (pensiamo alla zona del lungotevere di Tor di Nona, ma anche nei pressi di piazza Navona o a San Saba), è pieno di case popolari, perché non c’è scritto da nessuna parte che ai poveri debba essere destinata la periferia e ai ricchi il centro, e questo assunto è stato recepito persino dalla Repubblica del dopoguerra che, per quanto orientata in senso sociale, certo non poteva essere definita para-socialista. Il centro di Roma è pieno di case ex Iacp oggi gestite dall’Ater, proprio perché la Costituzione vieta discriminazioni territoriali o economiche, discriminazioni che invece si pretendono ovvie dall’ideologia neoliberista berciata da Roma fa schifo e rigurgiti simili.

Altra questione da rilevare è quella che sostanzia il commento di Tonelli ma che emerge anche dai commenti successivi al post. “Se vuoi vivere nella capitale i prezzi sono quelli”; “se ci vuoi vivere devi pagare”; “se non hai i soldi te ne vai”.

Anche queste risposte potrebbero essere scambiate per normali constatazioni, e sicuramente rientrano in quel “pensiero comune” egemonizzato dalle retoriche neoliberiste. Il problema è che anche in questo caso, come in quelli precedenti, l’apparente “buon senso” è in realtà smaccato cedimento all’ideologia dominante. In primo luogo la rassegnazione. Se aumentano i prezzi, l’unica soluzione è adeguarsi. Nessuna alternativa è considerata possibile, men che meno proveniente dalla politica, sia mai poi intesa come forma di autorganizzazione popolare. Lo sfogatoio telematico è l’unico ambito possibile in cui venire confinati, e il punto di vista economico prevale su tutti gli altri. La soluzione ad un aumento degli affitti o dei mutui è lavorare di più; se non ci si riesce, si cambia città, alla ricerca di qualcosa che finalmente possa fare per le nostre tasche. Nessuno sembrerebbe rendersi conto che cambiare città significherebbe perdere lavoro, cambiare scuola ai figli, cambiare abitudini di vita, amicizie, interessi, in una spirale degradante per cui alla fine non solo non si riesce a pagare l’affitto, ma si stravolge la propria vita solamente perché viene dato per acquisito il dato secondo il quale l’affitto o il mutuo può aumentare senza limiti o controlli pubblici, senza soluzioni prospettate per la parte debole della società. Di fronte all’interesse del padrone, i “poveri” si devono adeguare, e questo sillogismo è spacciato come neutrale e di “buon senso”. Questa la vera follia, quella per cui discorsi di questo tipo riescono a passare nelle periferie ormai pacificate come “né di destra né di sinistra”, quando in realtà descrivono la sostanza programmatica della peggiore destra conservatrice e proprietaria, una visione del mondo ottocentesca addirittura rifiutata (almeno a parole), dalle stesse destre del Novecento.

E’ dunque da qui che bisogna ripartire per smascherare l’ideologia proprietaria che accomuna i vari soggetti politici che si contenderanno il Comune in primavera. Perché al di là della patina colorata che vorrebbe distinguere i diversi partiti o “movimenti”, è ancora questo il piano politico entro cui determinare una differenza sostanziale tra una visione del mondo di destra e una progressista. Non c’è progressismo possibile se non parte dal miglioramento delle condizioni di vita dei lavoratori dipendenti e dei disoccupati, sia nella sfera lavorativa che in quella della redistribuzione sociale della ricchezza (cioè la difesa e l’ampliamento dello “stato sociale” e dell’economia pubblica. Questo è l’unico programma sul quale può esserci un confronto politico tra opzioni alternative. E questa la cartina tornasole con cui smascherare gli istinti reazionari della destra politicamente corretta à la Roma fa schifo.

12650 letture totali 4 letture oggi

6 comments to Il rancore proprietario verso i poveri: analisi di un’ideologia trasversale e politicamente corretta

  • commerciaus

    Ben detto… perché non esiste un “buon senso assoluto”.
    Il “buon senso” è sempre “ideologico” ed è sempre frutto dalla realtà percepita da ciascuno.

  • Marco

    A quelli nati dopo di noi

    Veramente, vivo in tempi bui!
    La parola disinvolta è folle. Una fronte liscia
    indica insensibilità. Colui che ride
    probabilmente non ha ancora ricevuto
    la terribile notizia.

    Che tempi sono questi in cui
    un discorso sugli alberi è quasi un reato
    perché comprende il tacere su così tanti crimini!
    Quello lì che sta tranquillamente attraversando la strada
    forse non è più raggiungibile per i suoi amici
    che soffrono?

    È vero: mi guadagno ancora da vivere
    ma credetemi: è un puro caso. Niente
    di ciò che faccio mi da il diritto di saziarmi.
    Per caso sono stato risparmiato. (Quando cessa la mia fortuna sono perso)

    Mi dicono: mangia e bevi! Accontentati perché hai!
    Ma come posso mangiare e bere se
    ciò che mangio lo strappo a chi ha fame, e
    il mio bicchiere di acqua manca a chi muore di sete?
    Eppure mangio e bevo.

    Mi piacerebbe anche essere saggio.
    Nei vecchi libri scrivono cosa vuol dire saggio:
    tenersi fuori dai guai del mondo e passare
    il breve periodo senza paura.

    Anche fare a meno della violenza
    ripagare il male con il bene
    non esaudire i propri desideri, ma dimenticare
    questo è ritenuto saggio.
    Tutto questo non mi riesce:
    veramente, vivo in tempi bui!

    Voi, che emergerete dalla marea
    nella quale noi siamo annegati
    ricordate
    quando parlate delle nostre debolezze
    anche i tempi bui
    ai quali voi siete scampati.

    Camminavamo, cambiando più spesso i paesi delle scarpe,
    attraverso le guerre delle classi, disperati
    quando c’era solo ingiustizia e nessuna rivolta.

    Eppure sappiamo:
    anche l’odio verso la bassezza
    distorce i tratti del viso.
    Anche l’ira per le ingiustizie
    rende la voce rauca. Ah, noi
    che volevamo preparare il terreno per la gentilezza
    noi non potevamo essere gentili.

    Ma voi, quando sarà venuto il momento
    in cui l’uomo è amico dell’uomo
    ricordate noi
    Con indulgenza.

    Bertolt Brecht

  • Spalmen

    “A ROMA FA SCHIFO ANCHE ROMA FA SCHIFO”?
    CREDO CHE SIA CONSEGUENTE AFFERMARLO,DOPO SIMILI COMMENTI.
    Se crescera’ il Movimento ed il Fronte di Lotta, coagulando energie nuove e una capacita’ globale di conflitto e ricomposizione di Classe, tale da spaventare i signori capitalisti al potere oggi,e’ sempre pronta la reazione fascista: la classe dirigente italiana, sotto le mentite spoglie del politicamente corretto e del finto rispetto di generi e diversita’ ecc, e’ rimasta la stessa razza di vampiri, agrari e industriali ,dopo la strizza del biennio rosso e della rivoluzione bolscevica.
    Non gli regaliamo arditi, fiumani, disoccupati e sottoproletari, o artigiani rovinati dalla crisi ,pagata ovvio dai proletari.
    Sono le stesse parole che bollano i tifosi allo stadio,come straccioni fastidiosi,incapaci di comportarsi da tubi digerenti, che bollano qualunque umana agregazione aldifuori del cimitero del nulla borghese, ben sintetizzato da expo Milano e le file per niente . Compagni e’ doveroso “avere la pompa” per unire Tutte le vittime di questo sistema barbaro capitalista, andando aldila’ dei tabu’ e pregiudizi di una sinistra da salotto, o anche fatta di onesti compagni che non vogliono capire gli scenari metropolitani oggi. Pero’ credo che sia giusto rispondere a Roma fa schifo, spiegando perche’, magari anche molti che viscrivono in buona fede…si trasformino nei garanti dello “schifo che vogliono combattere”. Allora abbiano il coraggio di affermare che il centro storico, allora, deve essere soltanto ad appannaggio della ndrangheta capace di asquistare e riciclare…o peggio di una banca o multinazionale.
    SE VOGLIONO UNA DISTESA DI BANCHE, SUPERMERCATI, BANCARELLE GLOBALI TRAVESTITE DA NEGOZI, TELEFONIA E FINTI LOCALI VENDIMERDA E BISTECCHE E PIZZE DI PLASTICA , AL RIBASSO QUALITATIVO GLOBALE, SI POSSONO ACCOMODARE.

  • tronco

    Sono molto contento del tono e del contenuto di questo articolo. Tonelli e la gente come lui soffre di personalismo e di analfabetismo funzionale: un attacco diretto avrebbe semplicemente fatto il gioco del grande ego dei tanti piccoli tonelli. Smascherare il contenuto ideologico di questo discorso invece costringe invece a confrontarsi con gli argomenti e i contenuti. La critica dell’ideologia è un passo fondamentale che dobbiamo fare per riguadagnare terreno. D’altra parte anche un po’ di prassi di autoriduzioni (una bella campagna vecchio stile) non sarebbe affatto male. Come dire: teoria e prassi! Peccato che se questa è l’aria che tira difficilmente ne avremo la forza.

  • roxi

    intanto si potrebbe pubblicizzare il fatto ke ki occupa le casa in realtà non sta occupando appartamenti ma sta ristrutturando strutture abbandonate e nate con altre destinazioni d’uso ( ex uffici, scuole, scali merce, clinike ecc.). Nessuno ‘ ruba la casa di un altro ‘. qui poi si aprirebbe tutto un altro discorso sulla riqualificazione urbana, le ‘ cattredali del deserto ‘, le mancanze delle istituzioni. salta proprio la logica del proprietariato

  • Cobas Capodarco

    Non si può che essere d’accordo con l’affermazione: “Non c’è scritto da nessuna parte che ai poveri debba essere destinata la periferia e ai ricchi il centro.” Purtroppo però la divisione tra zone da ricchi e zone da poveri è sempre esistita: da prima degli antichi Romani, al periodo della rivoluzione industriale, dove le case signorili venivano poste in zone non battute dai fumi delle fabbriche, mentre gli operai, i senzatetto, i reietti, vivevano e crescevano i loro figli, respirando l’aria malsana prodotta delle industrie dei loro padroni. Dai ghetti della storia si giunge ai quartieri di edilizia popolare, posti in cui la ghettizzazione porta ad una serie di problematiche accessorie: la qualità delle scuole e dei servizi, la possibilità di avere dei centri di svago ed intrattenimento culturale per i ragazzi, il commercio delle stesse case popolari che vengono troppo spesso negate a chi ne ha diritto. Poi però le istituzioni si affrettano a sgomberare edifici come l’ex-telecom di Bologna dove intere famiglie volevano solo un tetto per dormire. Si sgomberano i campi-nomadi, ma guai ad assegnar loro una casa popolare. Prima agli Italiani, anche se molti Sinti sono Italiani. Gli Orfei sono sinti. Vogliamo parlare dell’incresciosa e vergognosa situazione dei rifugiati politici del Selam Palace alla Romanina? Dove è la dignità per quelle persone. Ebbene si è facile scrivere e formulare slogan come quelli di “Roma fa schifo”. E’ sicuramente più difficile cercare di spiegare al follower tipo di quella sito, blog, o come si vuole chiamare, concetti come: ideologia, giustizia sociale, altruismo. Non possiamo quindi che leggere e condividere ogni singola parola scritta nell’articolo ed essere solidari con chi giornalmente lotta per la dignità dell’Uomo.
    Grazie Ragazzi
    Cobas Capodarco

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>