APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

15 December :
1969 - Pino Pinelli, ferroviere anarchico, sospettato ingiustamente per la strage di Piazza Fontana, muore "cadendo" dalla finestra della questura di Milano durante un interrogatorio diretto dal commissario Calabresi.
2000 - Scontri in via della Conciliazione (Città del Vaticano) tra Polizia e militanti antifascisti che protestano contro la visita del cancelliere austriaco, il razzista Jorg Haider

STATS

Quel 24 maggio

 

Cent’anni fa, l’Italia entrava in guerra e apriva le porte alla modernità, con tutto il carico traumatico di 600.000 morti durante il conflitto e l’enorme contraddizione del dopoguerra, che sfociò nel biennio rosso e nella fondazione del Pci prima, nel fascismo e nella Seconda guerra mondiale dopo. E’ l’evento per eccellenza che apre il secolo breve, la data di fondazione del moderno Stato italiano, ben più del Risorgimento e paragonabile solo alla guerra partigiana come atto fondativo di un nuovo tipo di società. Relegare tale memoria alle destre e alle istituzioni, per lo più militari, è un errore che non avremmo dovuto correre. Abbandonato il campo della Storia, non ci rimane che destreggiarci nella piccola e grande memorialistica dei dannati che morirono per mano imperialista. Eppure anche dalle nostre parti il 24 maggio andrebbe ricordato, perché buona parte di ciò che venne dopo, in Italia come in Europa e in Russia, lo si deve a quell’evento, allo scoppio della guerra. Una guerra che smantellò mezzo secolo di finta pacificazione, di tensioni coloniali, di macelleria sociale, di migrazioni. L’evento che ebbe il merito di smascherare il volto di un capitalismo sempre meno in grado di risolvere pacificamente la propria naturale contesa economica. Rievocare quel trauma può essere doloroso, anche politicamente, ma in tempi di rapido riarmo e di costante tensione bellica, tornare a ragionare sulla Prima guerra mondiale sarebbe assai utile. Non solo perché lo scenario attuale assomiglia pericolosamente agli anni precedenti il 1914: oggi come un secolo fa, la continua serie di guerre asimmetriche (le aggressioni coloniali), valvola di sfogo di un espansionismo economico sempre più a corto di territori e popolazioni, impedì di cogliere la preparazione della guerra simmetrica, quella fra potenze similari. Anche oggi, una serie di conflitti periferici e tra attori asimmetrici nasconde il possibile sbocco di una guerra tra Stati di pari forza. Oggi come allora non sembra essere dietro l’angolo, ma oggi come allora il casus belli potrebbe essere un episodio irrilevante, ma capace di deflagrare l’equilibrio estremamente precario che regge la pace internazionale tra Stati occidentali.

Anche dal punto di vista economico la specularità risulta addirittura immediata. Oggi come allora la mancata valorizzazione del capitale lavorava verso l’aumento dell’insofferenza tra politiche economiche concorrenti. La contraddizione principale del capitalismo, che rappresenta un modello produttivo che tende all’infinita produzione di bisogni, desideri e merci inserito però in un sistema finito, cioè la terra, se fino alla Grande guerra poteva essere risolta dall’espansione coloniale, oggi non ha neanche quella come ultima chance di rigenerazione. Senza sbocchi esterni, i capitali tendono ad eliminarsi a vicenda. Questa è la costante storica del capitalismo, ed oggi siamo immersi totalmente in una fase di impossibile valorizzazione di capitali, motivo per cui, almeno oggettivamente, le condizioni per uno scontro più che simulato ci sarebbero tutte.

Non va infine dimenticato che il conflitto, tanto in Italia come nel resto del continente, rivitalizzò le sorti della sinistra rivoluzionaria ben più del sindacalismo in cui si contorceva la sinistra dell’epoca. La guerra impose la nazionalizzazione delle masse, perché solo attraverso processi d’inclusione sociale fu possibile evitare una rottura rivoluzionaria che era dietro l’angolo in tutto il contesto europeo, e che infatti avvenne in Russia prima e in Germania, Austria, Cecoslovacchia dopo, anche se non con la forze che ebbe nel futuro Stato sovietico. Se già dall’Ottocento lo Stato nazionale era in costruzione, è solo dopo il primo conflitto mondiale che diviene necessaria un’accelerazione in tal senso. La nazione costruita su nuove basi – non più democratiche ma più inclusive – divenne il campo da occupare per le forze della sinistra, che costrinsero le destre liberali a reinventarsi, sperimentando quelle forme autoritarie che poi s’imposero in Italia e in Germania.

Oggi che la direzione di marcia è la snazionalizzazione della società, difficilmente la guerra assumerà le forme che questa ha avuto nel Novecento. La storia può indicare delle linee di tendenza ma non riprodursi tale e quale. Per questo va studiata e interpretata, ma mai abbandonata. Il silenzio della sinistra di classe sulla Prima guerra mondiale ci parla di questo abbandono.

In memoria del comandante Mozgovoy, comandante del Battaglione Prizrak, caduto sul campo lottando per il socialismo. 

4936 letture totali 2 letture oggi

3 comments to Quel 24 maggio

  • alessandro

    Indubbiamente il primo conflitto mondiale rappresentò una tappa imprescindibile della storia, europea in particolare. Ma sinceramente da voi mi sarei aspettato un commento, un ricordo di tutt’altro tipo: come fingere di dimenticare che la guerra fu promossa da Sonnino, esponente della destra liberale, e dal Re? Come scordare gli scioperi e le manifestazioni contro l’intervento delle forze popolari?

  • Militant

    @ alessandro
    Ma che c’entra, qua mica ci produciamo in elogi della guerra. Piuttosto, riflettere su ciò che è stato, su come agirono le forze rivoluzionarie, sulle conseguenze per le masse e, perchè no, ricordare 600.000 caduti (per dire, nella Seconda guerra mondiale dei bombardamenti aerei e delle stragi nazifasciste, i caduti italiani furono 400.000). Anche perchè se ci sono dei possibili paralleli storici, indagare certi aspetti degli anni precedenti la Grande guerra potrebbe essere utile anche alla comprensione del presente. Con l’intelligenza di non sovrapporre eventi e tempi tra loro inconciliabili.

  • alessandro

    Per prima cosa mi scuso per la tardiva risposta. In secondo luogo, sono completamente favorevole a un’approfondita indagine sulla Prima Guerra Mondiale, in particolare al ruolo e alla pluralità di posizioni assunte dalla sinistra rivoluzionaria. Proprio per questo sarei curioso di sapere cosa intendiate con la frase: “Relegare tale memoria alle destre e alle istituzioni, per lo più militari, è un errore che non avremmo dovuto correre.”. A mio parere bisogna sì conservare e in un certo senso far propria la memoria di un evento che, nel bene o nel male, ha cambiato la società, mantenendo, però, una prospettiva “partigiana” e facendo risaltare l’opposizione di classe alla guerra imperialista: nonostante la propaganda, le manifestazioni del “maggio radioso”, infatti, la lotta di classe si intrecciò profondamente con la mobilitazione antibellica. Guardando in prospettiva a quell’evento, sarebbe utile quindi 1. mettere in luce la narrazione nazionale tossica che ha sempre avvolto tale evento (guerra non della “nazione” ma delle classi dirigenti sulla pelle dei proletari) 2. rivendicare le scelte di quanti si opposero nelle più svariate forme (diserzione, sabotaggi ecc.) 3 ribadire il valore dell’antimilitarismo 4 evitare infatuazioni guerresche di qualunque forma..

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>