APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

19 September :
1943: L'ECCIDIO DI BOVES

1952 - Gli USA vietano a Charlie Chaplin, considerato comunista, il rientro in patria dopo un viaggio in Inghilterra

STATS

La destra europeista

 

Come la Lega qualche giorno fa, anche Alba Dorata s’incarica di smentire da sé la prosopopea mediatica che continua a dipingere certa estrema destra come contraria agli interessi europeisti, presuntamente anti-euro, in realtà perfettamente integrata al sistema economico neoliberista. Oggi è Artemios Matthaiopoulos, deputato del partito nazista, a svelare la direzione di marcia del partito in un’intervista al Corriere della Sera di sabato 25 aprile: “Veniamo all’euro. Meglio fuori o dentro? Dentro. Perché? Abbiamo già pagato a caro prezzo l’ingresso. Sarebbe assurdo pagare anche l’uscita”. Questo passaggio, apparentemente espresso di sfuggita e senza spiegazioni esaustive, risulta però essere centrale all’interno di un ragionamento più generale (e infatti il giornalista lo coglie in pieno, titolando il pezzo: Anche Alba Dorata vuole restare nell’eurozona. “Assurdo uscire”). Perché certa estrema destra, dalla Lega Nord al Front National passando per Alba Dorata, Jobbik o l’Ukip, guadagna voti quasi esclusivamente grazie a sponsor politico-mediatici interessati a descrivere questi come unica alternativa all’euro e alla Ue. Sebbene Renzi et similia non siano i migliori governanti possibili, sebbene l’euro non abbia portato quei vantaggi che ci aspettavamo – sembrano dirci i commentatori più accreditati – meglio loro che l’alternativa neofascista à la Alba Dorata. Il problema è che Alba Dorata, e ancor di più Lega Nord e Fn, non sono “alternativi” al sistema produttivo, economico e politico attuale, ma solo una degenerazione di quel modello. Non c’è insomma ipotesi di una Grecia o una Francia “fascistizzate” fuori dalla Ue, ma perfettamente compatibili dentro i meccanismi comunitari, una volta smussata certa retorica razzistoide non consona al politicamente corretto europeista.

Non è un discorso massimalista. Anche noi crediamo sia “meglio” Tsipras che Alba Dorata, così come sia meglio fare politica con Renzi o Berlusconi al governo che con Salvini o Casapound. Per un semplice fatto di agibilità, di formalità democratiche in un certo senso “garantiste”, meglio inchiodare la liberaldemocrazia alle sue contraddizioni che formazioni neofasciste che di queste contraddizioni se ne sbatterebbero allegramente. Il problema politico però è un altro. A differenza del racconto generalista, tali formazioni di estrema destra non rappresentano un’alternativa, seppur capitalistica, al dominio del capitale transnazionale europeista, quello guidato da una borghesia internazionale globalizzata che punta alla costruzione di un polo imperialista europeo. Insomma, con la Lega Nord al governo non ci sarebbe alcuna uscita dall’euro, nessun ritorno ad una borghesia nazionale “produttivista”, nessuna inversione di rotta con la dinamica finanziaria, nessun ritorno in auge del modello piccola-media impresa attraverso cui garantire una crescita economica “bloccata” dalle direttiva comunitarie. E’ bene evidenziarlo, visto che certo “anti-europeismo” viene affibbiato a tali formazioni che tutto sono tranne che anti-europeiste.

Oggi la piccola-media borghesia impoverita, tanto socialmente quanto nelle sue espressioni politiche, non ha alcuna possibilità di imporre un ordine del discorso; alcuna possibilità di “stringere alleanze” con settori di classe diversi dal suo; alcuna probabilità di muoversi autonomamente nello scenario politico europeo. Se storicamente è sempre così, oggi più che mai questa categorizzazione spuria risulta impossibilitata ad agire da sé, perché l’unico obiettivo economico che si pone, quello di salvaguardare il proprio tenore di vita, può avvenire cercando di agganciarsi al carro del capitalismo vincitore, non quello di salvaguardare “interessi nazionali” con pezzi di proletariato (altro discorso si avrebbe in presenza di forti rappresentanze del lavoro dipendente salariato capaci di attrarre quote di borghesia impoverita). Dunque, le espressioni politiche di tale borghesia, a cominciare da Alba Dorata, non possono immaginarsi altrove se non nel grande capitale.

Ciò che invece potrebbe in teoria essere possibile è scegliere un capitalismo avverso agli interessi Ue, come quello russo o cinese. Un discorso irreale per paesi troppo legati alla storia europea, come Spagna o Italia, ma che potrebbe essere realistico se immaginato per la Grecia. Ma questo significherebbe la rottura con la Ue, e abbiamo visto come tale scenario non sia realizzabile da queste forze politiche. A meno di una “metabolizzazione” del distacco greco da parte dello stesso grande capitale, come sembra stia avvenendo da parte della Germania. A quel punto non sarebbe più la Grecia ad uscire, ma il resto della Ue ad espungerla dal corpo europeista. Non più una rottura allora, gravida di potenzialità positive, ma una espulsione che ne decreterebbe la definitiva marginalizzazione. Uno scenario che sta venendo pensato dal cuore della Ue.

4418 letture totali 2 letture oggi

4 comments to La destra europeista

  • ilpiccolouomonellampolla

    Quindi ritenete impossibile o difficile uno sfruttamento strumentale della piccola borghesia nei confronti di pezzi del proletariato?

    Il MoV non è stato un qualcosa di simile?

  • Ho qualche perplessità sull’ultima considerazione.
    Forse, essere espulsa dall’UE, non sarebbe così un male per la Grecia: l’UE si sputtanerebbe un po’ davanti al mondo e a tutta un’opinione pubblica progressista europea, il governo greco penso che potrebbe benissimo da quel preciso istante intessere alleanze politiche ed economiche con altre forme capitaliste, in primis Russia e Cina, di cui dite giustamente, anche se poi si innesterebbe qualche problemino con la NATO, per quanto forse è più probabile che gli USA giochino di fino mettendosi pure essi a corteggiare la Grecia come mi pare sembravano fare, proprio in funziona antirussa, nel primo momento duro delle trattative poco tempo fa: insomma, si creerebbe secondo me più che una dinamica di guerra, un certo spazio di libertà di azione internazionale per la Grecia, sempre minimale vista la NATO lì ma forse meno peggio di ora.
    Di certo qualcosa mi sfugge, non essendo io un fine conoscitore di trattati politici ed economici vari in cui probabilmente si nasconde il trucco; oppure forse mi sfugge qualche dinamica di economia politica, ma, così a caldo, non vedo nulla di ostativo se pure la Grecia venisse espulsa per non aver accettato i diktat della Trojka o delle Istituzioni, come si dice oggi con un giochetto degno del miglior nominalismo medioevale.

    • Aggiungo, sempre così a caldo, che forse proprio per questo l’UE e la Germania secondo me giocano a mettere paura alla Grecia ma useranno l’espulsione come extrema ratio, forse proprio perchè sanno che non sarebbe un processo così semplice e lineare per loro…non so, dico per stimolo di dibattito come semplice opinione anche poco ponderata.

  • Richard Starkey

    Una breve considerazione:
    Mai come in questo caso sembra opportuno affermare che non si può fare di tutt’erba…un fascio!
    Lo UKIP da voi citato è certamente un partito ultraliberista e neo-tatcheriano ma non c’entra assolutamente nulla con il Front National e meno che mai con i nazisti di Jobbik.
    Voi ce li vedete gli ungheresi a parlare in questo contesto? https://www.youtube.com/watch?v=JTgHLwQjGWs
    Io francamente no.
    Ed anzi sulla scena politica britannica esiste un altro partito, il British National Party, questo si neofascista, dal quale lo UKIP e il suo leader Nigel Farage si sono più volte dissociati e continuano a dissociarsi.
    Lo stesso Farage ha rifiutato più volte di costituire un gruppo comune al Parlamento UE con il Front National di Marine Le Pen.
    Così come non ci sono dubbi sul carattere anti-UE dello UKIP la cui ascesa ha praticamente costretto l’attuale Premier conservatore David Cameron a promettere un referendum sull’uscita del Regno Unito dall’UE nel 2017 in caso di sua rielezione il prossimo 7 Maggio.
    Da un certo punto di vista lo UKIP rappresenta un caso più unico che raro sulla scena europea di partito al tempo stesso totalmente interno alla dinamica capitalista e liberista e totalmente estraneo a quella “europeista”.
    Per cui occhio a semplificare troppo.

    Per il resto avete ragione da vendere.

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>