APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

27 May :
1968 In Colombia vengono formate le Forze Armate Rivoluzionarie Colombiane (FRAC) tuttora attive. 2008 Scontri alla Sapienza di Roma. I militanti di Forza Nuova cercano di aggredire gli studenti di sinistra ma sono respinti.

STATS

Diliberto massone ?

Rizzo-Diliberto1

Ci eravamo ripromessi di non trattare più, per il momento, le ridicole vicende dell’unione di Rifondazione e PdCI, anche detti “scemo e + scemo”, ma i ceti politici dei due partitini ormai extra-parlamentari a tutti i livelli ne hanno combinata un’altra, su cui è difficile tacere.

Ve lo ricordate Oliviero Diliberto, segretario PdCI e candidato più votato della coalizione nelle ultime Europee? Ebbene, si è venuto a sapere che da un paio di anni intrattiene rapporti molto stretti con un noto massone di vecchia data. Di chi si tratta? Di Giancarlo Elia Valori, oggi supermanager di Sviluppo Lazio (holding che controlla le municipalizzate della Regione Lazio, in quota centro-sinistra dunque…), ma ieri sull’aereo che riportava Peron in Argentina, insieme a un solo altro italiano…Licio Gelli!

Valori successivamente entra in contrasto con lo stesso Gelli che lo espelle dalla P2, ma non per questo perde i contatti con i poteri forti (e occulti). Cosa c’entra in tutto questo Diliberto (quello che ha usato nella recente campagna elettorale lo slogan “la tua rabbia è la mia rabbia”, a dir poco imbarazzante…)? Lo vorremmo capire pure noi. Fatto sta che il Diliberto, negli ultimi anni, è stato coinvolto in otto iniziative pubbliche con Valori. Da notare che non si trattava di incontri con un ampio numero di relatori (per i quali si poteva supporre una presenza casuale), ma per lo più di incontri tête à tête, spesso di presentazioni di libri. Quasi a indicare una certa familiarità. Questa amicizia è stata denunciata da Marco Rizzo, pure lui del PdCI e da tempo in contrasto con il suo segretario. Per tutta risposta Rizzo è stato prontamente espulso dal partito, con la motivazione di essere uno dei responsabili del cattivo risultato elettorale (se è per questo, la lista è lunga…). Ora, un comunista che se la fa con la massoneria lascia senza parole. Poi, se uno pensa che Diliberto apparteneva a quell’esecutivo che bombardò Belgrado e regalò Ocalan alla Turchia, oltre a istituire in prima persona i GOM che abbiamo visto all’opera a Genova 2001 qualche collegamento incomincia a frullare nella testa…

Comunque aspettiamo fiduciosi rivelazioni sulle prossime nefandezze della cosiddetta “sinistra radicale”, che ormai ci ha abituato a tutto. Anzi, già che ci siamo, guadagniamo un po’ di tempo e ci lanciamo in alcune scherzose previsioni:

forti delle amicizie di Diliberto, il simbolo della lista non sarà più la “falce e il martello”, ma “il compasso e il martello”…

si verrà a sapere che Pacciani, il Vanni e il Lotti erano membri della segreteria del circolo di Scandicci…

a Noemi, l’amichetta di Berlusconi, affidata la segreteria della federazione di Portici…

un’altra rivelazione: Moggi vota Rifondazione!

trovate impronte di Cossutta nella casa della Franzoni a Cogne…

ah, dimenticavamo! Un’inquietudine nell’inquietudine. Il quotidiano “il manifesto” ha parlato della querelle Diliberto – Rizzo nell’edizione dello scorso giovedì (25 giugno), in una colonnina laterale di pagina 5, dove di solito mette le notizie che gli danno fastidio. Il commento alla notizia era il seguente: “Ammesso e non concesso che Valori sia ancora iscritto ad una loggia, partecipare alla massoneria non è reato. Il dirigente d’azienda, poi, fu espulso nel 1972 proprio da Gelli. Non esattamente un amico della P2”.

Sorvoliamo sul carattere farneticante di queste parole, solo per ricordare che, secondo l’istruttoria del PM De Magistris nel processo Why Not “Giancarlo Elia Valori pareva risultare ai vertici attuali della massoneria contemporanea”…

12874 letture totali 10 letture oggi

28 comments to Diliberto massone ?

  • MAI UN PASSO INDIETRO

    Ma i manifesti a san lorenzo sulla questione sono vostri?

  • Red Square

    http://espresso.repubblica.it/dettaglio/com-e-sexy-di-pietro/2054127

    Verificate quali compagni del Pdci torinese hanno avanzato la richiesta di espulsione, il disegno politico del fu Rizzo Marco sta invece qui sopra e la data è significativa.
    Accodarsi alle posizioni di chi è in egual misura implicato nelle degenerazioni politiciste degli ultimi quindici anni non mi sembra molto lungimirante; c’è era un solo modo per dare pubblicità a questa espulsione, ma accodarsi a questo giochetto cui prodest?

  • francescoX

    ma compasso e martello erano il simbolo della DDR!!! troppo importante per essere usato da diliberto eheh

  • compagno

    guardate che sono solo accuse fatte da Rizzo per farsi espellere e’ andare da Di Pietro facendo la finta vittima!
    basta dare adosso ai partiti (seppur poco attivi)comunisti!
    i nemici sono PD e PDL !!!

  • antani

    Vanni Pacciani Lotti e Faggi son di San Casciano ma, visti gli esiti del congresso in quel luogo, avrebbero aderito a sinistra e libertà

  • alex

    no mio caro, dare addosso a Dileberto è segno di sanità mentale e grande coerenza militante, massoneria o meno.

  • Se questi incontri sono veri e documentati, (e per ora non ho visto smentite ne da parte di Diliberto ne da parte del partito), la cosa è gravissima….La inserirò nei link che ho messo in un intervento del mio blog dove ho messo una lista di link su rifognazione collaborazionista e collaborazionisti italiani…(ormai divenuta una lista kilometrica fra poco…)

  • E comunque ne esce scandalososamente anche Rizzo se per tutti questi anni è stato a braccetto di uno che sapeva essere inciuciato con la massoneria

  • Spartako

    ma dacce n tajo co sto settarismo,aho che devi fà!?Rizzo me pare gnoro,spigne,me pare sincero spassionato preparato e nemico mortale della piaga radical chic che ha contagiato la sinistra italiana.Ce vole uno così senza compromessi,basta col riformismo e col settarismo o se la pijamo ar culo tutti quanti.Hm

  • Spartako

    a proposito ha lanciato un novo partito.comunisti pe la sinistra popolare.Er simbolo è pure fico.Mo vedemo

  • Brigante

    “Er simbolo è pure fico”…oddio ke tristezza!!!

  • D’Alema è passato di moda pure tra i massoni

  • alex

    che rizzo si fa l’ ennesimo partitino da zero virgola me fa solo tristezza.

  • Francesco Specchio

    Quando uno apre una porta si scopre spesso che ha spalancato un portone, e scopre pure che su quella piazza in tanti avevano spalancato un portone. Il problema era che chi stava dietro alle porte non si consultava con gli altri.
    Una volta si sarebbe definita mancanza di vigilanza rivoluzionaria.
    Parto dalla mia esperienza, quella dei compagni campani che uscirono dal PRC per liberarsi della cravatta stretta che ci tenevano stretta al collo da un lembo il bertinotti tramite i suoi boys, e dall’altra il vice-re bassolino e la sua corte.
    Qualche compagno, col senno del poi, dirà: dalla padella nella brace. Comunque entrammo nel 1994 nel PdCI, con l’impegno a portare avanti un’ opposizione seria a bassolino.
    Ed ecco, invece, che la prima cosa che si organizza, con tanti di noi un po’ perplessi, ma convinti dall’ipotesi che il ‘progetto’ fosse quello di reinvertire il processo devastante delle privatizzazioni in salsa napoletana, è un incontro con un tale elia valori (siamo ben oltre i due anni non ancora confessati dal diliberto) su una proposta definita IRI-CAMPANIA. Auspice dell’incontro un ex-sindacalista, attuale segretario regionale di stretta osservanza diliberto, che vantava un frequentazione con lui, quando quegli comandava in IRI e conduceva, sotto l’attento “controllo” del sindacato, lo spezzatino e le privatizzazioni del gruppo agro-alimentare SME. Bene, con tutta la considerazione che uno può avere dell’ex(di tutto), è difficile attribuire al sindaclista una consuetudine così stretta con i piani alti della massoneria. Per altro l’idea non fu applicata, perchè il buon bassolino, che forse di logge poteva intendersene, e quindi poteva lavorare senza entrature, dovette subire l’opposizione spietata di noi altri compagni, quelli senza grembiulino, contro i termovalorizzatori, contro la legge sanatatoria definita urbanista (peggio delle berlusconi), contro la privatizzazione di acqua, sanità e trasporti.
    Insomma, noi conducevamo le lotte ed altri tentavano di venderle a bassolino. Comunque, tempo tre anni, e l’idea decolla in Lazio, si chiama Sviluppo LAZIO, ha gli stessi padrini, diliberto e valori, e lì trova un pdci normalizzato e gli assessori in quota tutti “ben disposti”. A fare che, a ricostruire un pezzettino di partecipazioni statali? No cari, a regalare ai privati quote consistenti di soldi nostri ai privati, rampanti ed aggressivi, organizzati dall’ottimo valori, uno dei pochissimi che i palazzi grandi, dal san pietro al palazzo giustiniani, alle ambasciate, a quelli “segreti”, li frequenta tutti.
    Ora sicuramente qualche compagno, taluno furbastro, talaltro in legittima ingenuità, chiederà come mai ce ne siamo accorti solo ora. E qui ritorna la metafora dei portoni.
    E ritorna l’esigenza di un’analisi concreta della realtà concreta, a partire da quella del nemico di classe.
    Con il vizio del buonismo, dell’affabulazione, della pretesa di considerare la mafia, i servizi, le logge come deviazioni e non come pure espressioni, ben interne, del potere del capitale, abbiamo cessato di essere vigili, abbiamo creduto ad un sacco di frottole e non ci siamo accorti che, come canta i grande Lolli, il “nemico è nelle nostre stesse scarpe”. Compagni, liberiamoci delle scarpe e del loro lercio contenuto, e impariamo a marciare a piedi nudi.

  • Francesco Specchio

    Nella foga ho scritto 1994, invece di 2004.
    Comunque, sono sempre almeno 5 lunghi anni…

  • LA stampa lo ha definito partito Rizzo ha smentito parlando di progetto .Staremo a vedere.

  • Alessandro 2.

    Non sarà un partito (l’ennesimo di cui non si sentirebbe assolutamente il bisogno) e non si presenterà alle elezioni regionali, ma un progetto di medio termine che di fronte al disastro completo della sinistra e purtroppo anche dei partiti che si definiscono comunisti, indichi una via per ripartire. Radicalità, nessuna logica elettoralistica e “poltronara” ma radicamento sociale e di classe.
    lo slogan scelto è “tornare tra la gente, ripartire dalle lotte”…

  • Spartako

    bravo alessà purio lo vedo bene.Rizzo mi pare sincero e spassionato e le sue questioni principali colgono nel segno.In particolare la lotta al fighettismo e la volontà di radicarsi nella società.Ho letto che i componenti sono tutti operai,cassintegrati,lavoratori di vario genere e studenti.Bravo così si fa.Anzi alessà se sai qualcosa facce sapè(intendo appuntamenti etc.)

  • Spartako

    però volevo sapè na cosa.Ho letto sul suo sito proletaria cose che mi hanno fatto rabbrividire a riguardo del popolo ebraico,che sarebbe portato per religione all’omicidio e viene descritto come il principale pericolo per la pace nel mondo(non israele ma gli ebrei).Ste cose le ho sentite dì solo da Hitler e dai suoi seguaci.Se ho capito male correggimi,ma altrimenti sta cosa me sona popo male.Credo sia un malinteso e un errore comunque.Almeno spero…

  • Alessandro 2.

    A dirti la verità non ho letto questo articolo (se me lo indichi do un’occhiata volentieri). La nostra posizione è sempre stata fermissima, recentemente sull’attacco a Gaza e più in generale sulla “questione Palestinese” ovviamente al fianco dei Palestinesi, contro le politiche di occupazione Israeliane. Tutto questo su un rapporto di politica, che come ovvio non ha nulla a che fare con nessun aspetto “razziale”, trattandosi di piani distinti. Ad esempio sul “boicottaggio dei prodotti” proposto qualche mese fa realtivamente ai prodotti, non israeliani (in quel caso saremmo stati d’accordo), ma della comunità ebraica Rizzo mandò un comunicato in cui esprimeva la sua contrarietà, proprio perchè si andavano a mischiare questi due piani che vanno tenuti separati…Questo in generale, comunque se mi indichi l’articolo guardo volentieri…

  • Spartako

    Qualche sporadica voce ebraica all’interno della sinistra insiste nel dirci che l’Ebraismo non ha in sé tendenze assassine. Sono propenso a credere che essi stessi considerino le loro parole schiette e veritiere. Ma allora ci si può domandare che cos’è che rende lo stato ebraico di una brutalità senza confronti?

    in particolare sto punto,per il resto è comunque molto ambiguo,perchè in effetti parla dello stato ebraico,ma asserisce che commette crimini per via dell’insegnamento della religione ebraica,e che gli israeliani laici non li commettano in quanto non indottrinati religiosamente.Boh

  • Andrea

    Ma secondo me i Comunisti Italiani farebbero mejo ad entrare nel loro abitat naturale, ovvero il PD.Cosi almeno si uniscono alla lista dei perdenti di lusso!!!!
    Saluti Comunisti
    Andrea

  • Andrea

    aggiungo molto rapidamente……..Diliberto fa ridere, uno dei più grandi buffoni che il PCI abbia mai potuto sfornare!!!

  • Spartako

    aho a alessà chettesei dimenticato?

  • NASIO

    Mi lasciano perplesso i commenti su Giancarlo Elia Valori. Io lo conosco personalmente e non vedo motivo per parlarne male. è troppo facile scrivere delle righe per mettere in luce spenta la dignità delle persone. Giancarlo Elia Valori ha ricevuto più di 200 riconoscimenti significativi in tutto il mondo !!! Certamente un uomo di potere perché ha saputo esportare e aiutare altre nazioni con la sua intelligenza geopolitica. è tutto meritocrazia e credo che bisogna conoscere l’uomo da vicino per parlarne meglio. Importante questo aspetto !!!!!!!!!!

  • Vlad

    In effetti, se il criterio per essere giudicati massoni è avere partecipato ad alcune iniziative PUBBLICHE con E.V. (puntato perché porta sfiga), allora KIM IL SUNG, che gli ha dedicato una statua in Nord Corea, dovrebbe essere il Gran Maestro del Grande Oriente dell’Asia o giù di lì.

    Perché un sito serio come il vostro si copre di ridicolo proponendo ai suoi lettori queste cazzate?

    Perché non le lasciate a Libero o al Giornale?

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>