APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

23 September :
1868 - 200 rivoluzionari creoli occupano la città di Lares, Puertorico, e proclamano l'indipendenza dalla Spagna. Verranno tutti massacrati dall'esercito di Madrid

1977: IL CONVEGNO A BOLOGNA CONTRO LA REPRESSIONE

STATS

L’insostenibile inutilità della testimonianza

 

In politica è meglio sbagliare che essere inutili. Inutili come la piazza pro-Tsipras di sabato a Roma, una piazza completamente ininfluente, incapace di aggregare alcunché, di rappresentare qualcosa, di porre un problema. Una piazza vecchia, sia all’anagrafe che nelle modalità, una manifestazione testimoniale  che sarebbe stata irrilevante persino quando la sinistra riusciva ad orientare l’opinione pubblica, figuriamoci oggi che si autorappresenta come residuale anche quando appoggia un “vincitore”, almeno elettorale, come Tsipras. Non è colpa certo di chi ha manifestato, gesto addirittura audace vista la completa anti-patia che circondava quel tipo di mobilitazione (antipatia nel senso etimologico di impossibilità di provare passione verso qualcuno o qualcosa). Manifestanti sinceri, in cerca di uno spazio per esprimere il proprio rifiuto verso la UE e la NATO nonostante chi organizzi queste sfilate continui a dichiararsi più europeista del re e più atlantico di Obama. Vedere ancora i soliti Cento-Ferrero-Vendola-Camusso-Fassina-eccetera in prima linea descrive bene il senso del ridicolo. Mancavano Agnoletto e Bertinotti, ma magari c’erano pure, comunque si sarebbero trovati comodi nel loro habitat naturale, quello della pace sociale.

Non è un problema di estetica, sia chiaro. Non è dal numero di cariche che si valuta una mobilitazione. Si può essere conflittuali in vario modo. Lo si può essere con parole d’ordine determinate, con ragionamenti efficaci, di rottura; lo si può essere organizzando, anche pacificamente, un pezzo di nuovo proletariato, di precariato, portarlo in piazza ad esprimersi per un’alternativa credibile, un’opposizione quantomeno sociale; si può anche suscitare un immaginario, sfruttare una simbologia in assenza di una forza reale, porre anche un problema di ordine pubblico. Quello che non può essere fatto è relegare all’antipatia le giuste ragioni d’opposizione che esprimeva quella piazza. Se le ragioni della battaglia di Syriza vengono assunte da quel tipo di piazza, anziana, pensionata, garantita, pacifica, democratica, liberale, le ragioni di Syriza in Italia divengono le ragioni del PD, operando una transumanza politicamente mortale per ogni ipotesi alternativa al consenso renziano.

Certo, i numeri sono confortanti, così come una certa radicalità nei contenuti dei singoli manifestanti. E’ però l’assoluta mancanza di sbocchi, di “intellettività”, tra quella manifestazione e il “paese reale”, che la relega nell’ambito delle costruzioni inservibili per una dinamica politica virtuosa. Bisogna sottrarre la solidarietà al popolo greco a questi contenitori politici, porre una differenza radicale, non con quella gente, ma con quei politici e questi contesti. Anche ci fosse una manifestazione al giorno di questo tipo, nessuno in Italia, men che meno in Europa, se ne accorgerebbe. Non testimoniano più nulla, se non un retaggio politico e sociale scomparso da anni, residuo storico del bel tempo che fu, quando contavamo qualcosa nella società e potevamo permetterci di orientare il dibattito politico.

3886 letture totali 2 letture oggi

4 comments to L’insostenibile inutilità della testimonianza

  • Antoniofrancesco

    Quale sia il vincitore non deciderebbe l’orgoglio della sinistra. I moderati contano qualcosa anche se non valgono la presenza. Se c’è qualcosa da dire sulla nostra società malata è il potere della permissione di questo orientamento fascista-liberale che dice che parla che comanda la politica.

  • Joseph

    Scusate, compagni, io invertirei però il problema. Se dei residuati politico-bellici guidano una mobilitazione sostanzialmente giusta-legittima e condivisibile, a me mette tristezza. Ma mi chiedo: perchè, nonostante tutto, loro hanno la legittimità di chiamarsi quella piazza, pure con numeri accettabili, e noi abbiamo finito per stare alla finestra? Nella storia di questi anni abbiamo sbagliato pure noi, credo. E numerose volte. Solo così si spiega una situazione che esiste solo qui e non in Grecia o in Spagna.

  • Hirondelle

    L’analisi è condivisibile, salvo forse un po’ ingenerosa verso chi cercava appunto uno spazio per esprimere un no difficile da trovare. Allo stesso modo era un po’ingeneroso classificare tutti i manifestanti di Parigi come inconsapevoli per via della seconda fila (in prima c’erano i giornalisti) assassina. Una cosa però non sembra pertinente: la divisione che spesso si ritrova tra “garantiti” in quella piazza (tutti? mah) e non garantiti assenti. Le vostre analisi mostrano bene come le sempre più modeste sicurezze di chi è entrato a far parte del welfare siano oggi in realtà illusorie e stiano venendo distrutte; la Grecia è esattamente il laboratorio dove ciò si è visto con più crudezza. Continuare a contrapporre questo status a quello chi ne è appena più fuori, sembra poco efficace. Sui “leader” poi accordo totale. Senza voler entrare troppo in valutazioni individuali, una complice UE e padronale come Camusso difficile concepirla.
    Precisazione: non ero presente.

  • Hirondelle

    P.S.: l’offerta reiterata di “riforme” da parte di Tsipras – ancora? ma quali? il suicidio collettivo a scaglioni, forse – ha già fatto svanire ogni illusione, peraltro scarsa, per il personaggio, eppure, in generale, la loro idea di cercare di chiamare dei manifestanti a fare pressione in Europa, o almeno provarci, non sembra così stupida in una trattativa. Salvo poi magari porsi come mediatori se le piazze divenissero a lungo andare più rivendicative e loro apparissero come il male minore.

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>