APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

21 September :
2004 - Il Partito Comunista (Marxista-Leninista) Indiano ed il Centro Comunista Maoista dell'India si uniscono, formando il Partito Comunista Indiano

STATS

Piano piano qualcosa si muove…tutti in piazza contro UE e PD!

 

Leggiamo da Repubblica che la scorsa notte il portone della sede della Commissione Europea a Roma è stato imbrattato con vernice bianca. In vista del corteo di oggi, la notizia non può che farci piacere. L’organizzazione del corteo odierno e del controsemestre popolare sono una sfida ambiziosa, rischiosa ma decisiva. Allargare questo fronte, inserirlo in tutte le mille contraddizioni di cui si compone il conflitto sociale di questo paese, non è uno dei tanti percorsi politici contingenti, ma l’obiettivo politico decisivo del nostro tempo. Non lo abbiamo scelto noi questo terreno, ma ci è stato imposto dalla crisi del capitale. Fare finta di niente, girarsi dall’altra parte sperando di non ritrovarci una destra estrema che raccolga voti e consensi contro l’Unione Europea anche in Italia è un scommessa a perdere che vorremmo davvero evitare. Per quanto nella nostra vita tante volte abbiamo rischiato, pagando sempre in prima persona il prezzo della lotta, vorremmo evitare questa coazione a ri-perdere di una certa sinistra. Ci basta Grillo come arma di distrazione di massa. Evitiamo che alla farsa grillesca si aggiunga la tragedia neofascista.Oggi è solo il primo passo, ed essere riusciti a farlo è già una mezza vittoria. Ci vediamo nelle lotte. Partendo da oggi, da un corteo determinato, che sarà attraversato da azioni ed iniziative contro la UE in tutte le declinazioni possibili che questa riversa nelle nostre vite. Ci vediamo a Piazza della Repubblica alle 15.00

8620 letture totali 2 letture oggi

3 comments to Piano piano qualcosa si muove…tutti in piazza contro UE e PD!

  • F

    Ciao, mi scuso per quella vecchia discussione circa i fatti in Ucraina nella quale difendevo i protestatori di Piazza Maidan, mi sono informato e ho preso le distanze da quella “protesta” filo-europea che non condivido. Tutti possono prendere un abbaglio. Spero vivamente che possa essere ristabilito l’ordine in quel paese, soprattutto per quanti (e sono tanti) desiderano continuare i rapporti di buon vicinato con la Russia. Non sono d’accordo in completo sull’operato di Putin nel suo paese e all’estero, ma (credo) rappresenta oggigiorno il più valido nemico dell’imperialismo americano ed occidentale. Poi (mi sono documentato) da quando è al potere ha favorito un massiccio ritorno alla proprietà statale delle imprese e ha bloccato l’opera di abbattimento dell’economia attuata da Eltsin. Di conseguenza (posso dirlo con fierezza) sostengo non tanto Putin in sé, quanto il mantenimento del potere da parte del suo partito. Per quanto riguarda il Partito Democristiano (PD), non ho nulla da dire all’infuori del fatto che mi fanno schifo da sempre, al pari dei loro amici (visto che hanno buon gioco nel fare alleanze su alleanze) destroidi. Un saluto a tutti quanti

  • Lorenzo

    “Non sono d’accordo in completo sull’operato di Putin nel suo paese e all’estero, ma (credo) rappresenta oggigiorno il più valido nemico dell’imperialismo americano ed occidentale”

    Questa frase è superba, e ben descrive un certo sinistro pragmatismo che non riesco proprio a digerire.
    Dunque, Putin è una merda…ma in funzione antimperialista ci torna utile.
    Che cos’è questo se non menopeggismo?
    Sulla situazione ucraina resto all’erta ed allarmato, vedo anch’io l’ipotesi di un tentativo imperialista interno all’UE e temo come sempre la strumentalizzazione dall’alto di proteste anche genuine, che media e politicanti come sempre sanno o provano a cavalcare, giocando molto in questo caso anche sulla confusione e le facili etichette (europeisti ecc.).
    Ma del rapporto di forze frega assai, così come di un imperialismo rispetto ad un altro. Ci raccontano – questo è certo – quella dell’uva, ma la trasformazione mediatica dell’amico in nemico e viceversa è storia vecchia e così pure è una posizione superata quella di scegliere uno fra i due mali anzichè individuare la causa unica di entrambi.

  • F

    @Lorenzo

    Volevo dire (mi spiego meglio) che determinate leggi putiniane (come quella contro l’omofobia) non le approvo di certo, ma ritengo che l’attuale sistema misto dell’economia russa costituisca un’alternativa al capitalismo americano e occidentale. Detto questo, di Putin penso che sia (ma pure Stalin lo era) un gran opportunista, ma meglio un opportunista populista che un mafioso filo-occidentale come Yushchenko o Saakashvili

Lascia un Commento

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>