APPUNTAMENTI

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

18 October :
1979 - Franco Piperno, leader di Autonomia operaria, viene estradato dalla Francia e rinchiuso nel carcere romano di Rebibbia

STATS

Mrs. Brexit, I suppose

Salviamo il compagno Boris! Massima solidarietà, nonostante le evidenti differenze politiche, al bizzarro Johnson, che si trova impossibilitato a dar seguito al preciso mandato popolare: l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea. È difficile rintracciare, volgendo gli occhi al passato, una simile ostinazione, da parte delle élites economiche e culturali, nel negare la soluzione scelta dalla cittadinanza. In effetti un altro esempio esiste, peraltro recente: quello catalano, dove pure una importante riconfigurazione della polity di una comunità, avvenuta attraverso metodi liberal-democratici (referendum, pure lì), viene rifiutata perché… sbagliata! Il popolo ha votato in modo contrario agli interessi dell’alta borghesia… cambiamo il popolo! Questa battuta girava tanto quando il target – Brecht adiuvante – era il Comitato centrale, viene taciuta adesso, quando troverebbe una concretizzazione clamorosa e ripetuta. Continua a leggere »

Lezioni venezuelane

«Vi abbiamo messo in guardia contro la retorica umanitaria degli stati capitalisti che si dichiarano pronti a venire in soccorso della Russia sovietica affamata». Così si avviava il primo numero della “Correspondance Internationale” nel lontano 1921, quando gli immediati tentativi messi in atto dalle potenze mondiali, fino a poco prima impegnate in una lotta per l’annientamento reciproco, si concentravano per sopprimere sul nascere il più grandioso tentativo rivoluzionario che la storia abbia conosciuto. Il Venezuela non è di certo la nascente Unione Sovietica – sebbene sia una delle poche esperienze rivoluzionarie che abbia tenuto alta la bandiera della sinistra di classe riuscendo a dare ancora un senso a questo lèmma – ma la fase imperialista, mutatis mutandis, è sempre la stessa. Continua a leggere »

Nomen omen

Se disgraziatamente non è possibile riassumere le decisioni strategiche di un complesso sistema di alleanze come quello Nato nella figura del suo portavoce Jens Stoltemberg, la tentazione di rilevare il “valore augurale” del suo nome rimane certamente forte quando si apprendono notizie del calibro di quella che ci apprestiamo ad analizzare.
È sì forte almeno quanto la notizia che gli Usa, per bocca dell’attuale amministrazione governativa, o la Nato, per bocca appunto del nostro volto pubblico del sistema di difesa, hanno dichiarato la cessazione del trattato Intermediate-Range Nuclear Forces (INF), accordo siglato nel 1987 da Ronald Reagan e Mikhail Gorbaciov sulla scia della “distensione” (leggi agonia dell’URSS) tra le due grandi potenze, in una fase storica che per il senso comune sembra ormai fare parte di un passato quasi dimenticato, certamente molto lontano.

Continua a leggere »

Presentazione del libro “Sovranismi” (gli audio)

Sabato scorso, di fronte a più di 50 persone, abbiamo presentato “Sovranismi”, il libro di Alessandro Somma edito de DeriveApprodi. Come ha ricordato Giacchè nel suo intervento il termine “sovranista” era per lo più sconosciuto ed inutilizzato nel dibattito pubblico fino a soli pochi mesi fa, oggi invece è uno dei lemmi più adoperati del dizionario della politica al punto che, a detta di gran parte dei commentatori internazionali, le prossime elezioni europee si giocheranno proprio intorno alla diade sovranismo/europeismo. Continua a leggere »

Il Venezuela e i sinistri “critici-critici”

L’autoproclamazione di Guaidò rappresenta a tutti gli effetti un tentativo di colpo di Stato, ed è davvero difficile, se non impossibile, provare a descrivere diversamente quello che sta avvenendo in questi giorni in Venezuela. Un tentativo che fortunatamente, almeno per ora, non ha avuto gli sviluppi che auspicavano a Washington, ma che però è ben al di la dall’essere stato scongiurato, come dimostra l’esproprio dei conti bancari della PDVSA negli Stati Uniti. Continua a leggere »

Il cor(ro)sivo della Militant

Il razzista olandese Geert Wilders ha abbandonato la cosiddetta Nexit. Il populista Salvini ha chiarito che la sua intenzione non è rompere la Ue, ma “riformare i trattati”. La nazionalista Marine Le Pen ha dichiarato che non vuole uscire dall’euro, ma costruire “un’altra europa”. Ci verrebbe da chiedere cosa hanno da dire adesso quelli che additavano la posizione “No UE, No euro” come “oggettivamente rossobruna” poichè simile alle rivendicazioni del Fronte Nazionale o della Lega. Oggi che i “sovranisti” usano le stesse parole d’ordine di Tsipras, Varoufakis e De Magistris. Chi di sillogismo ferisce… di sillogismo perisce.

L’avventurosa ricerca delle armi chimiche siriane

 

La Organization for the Prohibition of Chemical Weaponsorganizzazione intergovernativa composta da 193 Stati membri e con sede a The Hague, Olanda: non esattamente l’house organ del governo siriano – ha stabilito che i presunti attacchi chimici del 7 aprile 2018 a Douma non sono mai avvenuti o, quantomeno, non possono essere provati neanche dopo l’analisi dei campioni di sangue e dei testimoni che la missione di ricognizione ha attuato in questi mesi in territorio siriano. Stesso risultato per la missione alla ricerca di prove per un altro presunto attacco chimico, quello di Al-Hamadaniya e Karm al-Tarrab tra l’ottobre e il novembre 2016. E niente, fa già molto ridere così. Continua a leggere »

Tanto tuonò che piovve

Nel tentativo di salvaguardare il rispetto dei vincoli europei da parte dell’Italia ieri sera Mattarella ha fatto un favore enorme tanto a Salvini quanto a Di Maio, traendoli d’impaccio e regalando loro un capitale politico che, se non sono stupidi (e, ahinoi, non lo sono), potranno agevolmente incassare di qui a qualche mese, quando il paese sarà nuovamente chiamato alle urne. E quando il frame entro cui si giocherà la partita elettorale sarà quello dello scontro verticale (ovviamente fittizio) tra popolo ed élite, tra sovranità democratica e diktat europei, con buona pace di quanti vorrebbero ricondurlo sull’asse orizzontale centrodestra vs centrosinistra. Continua a leggere »

Dicono i muri

Mentre tutti i giornali borghesi dicono una cosa, i muri di Roma ne dicono un’altra. Al fianco del Venezuela che resiste, contro l’imperialismo e ogni forma di ingerenza, il 20 maggio Vota Maduro. Perchè alcune elezioni sono importanti, davvero.

La strage di Gaza e l’impunità sionista

(Foto di Yasser Qudih, fotografo palestinese)

La strage di donne e uomini palestinesi di due giorni fa rappresenta l’ennesimo punto di non ritorno di una situazione in cui la prevaricazione terrorista di Israele viene taciuta e tollerata, in ossequio al nuovo piano per il Medio Oriente promosso dall’amministrazione Trump e applaudito dai fidi soci di affari sauditi. Gaza ha raccolto 61 morti e oltre 2500 feriti nella sola giornata di lunedì: mentre a Gerusalemme iniziavano le cerimonie per l’insediamento della nuova ambasciata USA, fortemente voluta da Trump come prova di forza e risolutezza nella partita a scacchi con la Russia sull’intera area, l’esercito israeliano apriva il fuoco in maniera impunita, soffocando nel sangue la rivolta del popolo palestinese alla vigilia della Nakba. 101 morti e oltre 10 mila feriti negli ultimi 40 giorni: questo il prezzo che ha dovuto pagare la popolazione palestinese per aver messo in moto la Great Return March, una serie di manifestazioni partite con i venerdì della rabbia e con la grande adunata alla frontiera che divide la Striscia di Gaza da Israele lo scorso 30 marzo (14 morti, 110 feriti), “giorno della terra” che omaggia il ricordo di un altro, ennesimo massacro di palestinesi – quello del 1976, a seguito di proteste nata per l’ingiusto esproprio delle terre. Continua a leggere »