APPUNTAMENTI

2016-12-10-photo-00004113

MILITANT AUTLET


Infoshop
www.militantautlet.com
T-shirt, felpe, cappelli, giacche e sciarpe per sostenere le spese dell’attività politica.

Donazione Paypal

La lotta paga, ma ha anche un costo. Non riceviamo finanziamenti, non abbiamo trattorie, nessuno ci paga manifesti, striscioni o trasferte. Tutta la nostra attività politica è finanziata con l'autotassazione e la vendita delle magliette. Se pensi che il nostro impegno meriti un piccolo sostegno, non indugiare. Anche un piccolo contributo economico è per noi una grande forma di solidarietà politica.

PAGINE FACEBOOK: MILITANT


Collettivo Militant

NOI SAREMO TUTTO


Rete Nazionale

MILITANT AUTLET


Infoshop

ACHTUNG BANDITEN


Festival Antifascista

Caracas Chiama


Rete di solidarietà al Socialismo del XXI secolo

Comitato per il Donbass Antinazista


Coordinamento Operaio Ama


SOCIAL

pagina twitter Profilo Twitter pagina twitter Canale Youtube abbonati alle notizie Rss Feed Rss

ACCADEVA OGGI…

20 January :
1950 - A Reggio Emilia la polizia irrompe nelle officine Reggiane mentre è in corso una riunione sindacale, due sindacalisti vengono arrestati

1973: L'UCCISIONE DI AMILCAR CABRAL

STATS

Gramsci e i movimenti populisti: un contributo alla discussione

 

Nel 1949, nell’ambito della prima edizione completa dei Quaderni del carcere, Einaudi pubblica uno dei testi più famosi e importanti di Antonio Gramsci: Note sul Machiavelli, sulla politica e sullo Stato moderno. Come noto, i Quaderni determineranno il pensiero e la politica del Pci nel secondo dopoguerra. Molte delle riflessioni contenute sono preziose tutt’oggi: ad esempio, l’atteggiamento comunista nei confronti del populismo. Per tale ragione, riproponiamo qui un breve passo contenuto nel Machiavelli, che quasi novant’anni dopo (i Quaderni furono scritti tra il 1929 e il 1935) ancora chiarisce il rapporto dialettico tra movimento comunista e quei soggetti politici populisti che di volta in volta acquisiscono consensi popolari più delle loro reali capacità di rappresentarli: Continua a leggere »

Qualche doveroso chiarimento sui fatti di Magliana

 

Ancora oggi, giornata di interrogatori di garanzia, dieci compagni sono rinchiusi nelle carceri di Regina Coeli e Rebibbia per la manifestazione antifascista di sabato scorso a Magliana. La loro liberazione e la difesa nei processi che seguiranno saranno il primo banco di prova di un “movimento” che sabato scorso ha dato la peggiore prova di sé. Non solo dieci compagni, però. Altri cinquanta, arrestati sabato e scarcerati nella mattinata di domenica, si troveranno a gestire processi con gravissime e sconclusionate imputazioni da cui sarà difficilissimo difendersi, visto il clima politico repressivo che indicavamo nel nostro ragionamento di lunedì. Una brutta situazione, che richiede la massima solidarietà e freddezza, ma che non può impedire una riflessione politica sulla giornata. Necessaria, doverosa, per la credibilità nostra e del movimento antifascista romano. Continua a leggere »

Cosa succede nel M5S?

 

Ieri è uscita contemporaneamente su Repubblica e Corriere un’intervista (forse un estratto di una conferenza stampa improvvisata) di Roberta Lombardi sull’attuale situazione del Movimento grillino (intervista subito smentita, ovviamente). L’intervista esce in una fase calda e criptica del Movimento, segnato dalle difficoltà della giunta romana, dal ritorno di Grillo a “capo politico” del Movimento, alla ridefinizione del ruolo del cosiddetto “direttorio”. Una fase contraddittoria segnata però dall’oscurità in cui viene avvolta qualsiasi dialettica interna: capire cosa succede davvero dentro il M5S è affare estremamente complicato. Tutti i vari commentatori, giornalisti e opinionisti scontano questa difficoltà nell’interpretare la vita interna al M5S, contribuendo alla confusione generale su quello che però è, ad oggi, il secondo partito italiano nei sondaggi e che esprime i sindaci di due delle tre città più importanti del paese. Continua a leggere »

I curdi e la sinistra italiana

 

Dovrebbe esserci una qualche differenza tra solidarietà internazionale e analisi degli eventi. Eppure, quando si parla di guerra civile internazionalizzata creatasi dal tentativo di destabilizzazione interna in Siria, così come di Turchia e di imperialismi statunitensi nel Mashreq, tutto viene ridotto alla questione curda, importante ma che, slegata dal contesto e dall’analisi degli interessi in campo, non esaurisce la complessità della situazione. Le vicende del popolo curdo, nonostante la mitizzazione e il misticismo e talvolta la mistificazione ideologica, rappresentano uno dei tanti aspetti della vicenda siriana, che però è decisamente più articolato. E’ questa articolazione che viene persa per strada nella lettura degli eventi presente in certa sinistra. Inoltre, non vale solo per la Siria. Quando si parlava del golpe contro Erdogan, molti sottolineavano le “conseguenze per i curdi”; quando sono state applicate le leggi speciali farlocche anti-Daesh in Turchia, idem; e così via, sviluppando una narrazione limitante ma che è decisamente “interessata”, vedremo in seguito perchè. In Turchia non esiste solo la questione curda: al contrario, è presente una frattura di classe ben più profonda, che divide la società e la sua politica, una frattura di cui fa parte anche la questione curda ma che, per le sue peculiarità, difficilmente può fagocitare tutto lo scontro sociale e politico turco nonché mediorientale. Lo scontro tra l’estrema sinistra e il potere turco non trova alcuno spazio nelle notizie condivise dal mondo della sinistra italiana, che riduce la lotta di classe turca a una vicenda esclusiva tra lo Stato e il Kurdistan, inframezzata dalle proteste della società civile veicolate dai media mainstream.  Continua a leggere »

Referenzum, se dico No…

La strategia del sommergibile, l’hanno chiamata proprio così gli spin doctor di Renzi, neanche ci trovassimo in piena “Battaglia dell’Atlantico” durante la Prima Guerra Mondiale. Parliamo del tentativo di salvare in extremis le sorti del referendum autunnale, fortemente caldeggiato dall’Unione Europea, limitando al massimo l’esposizione mediatica del Premier rispetto alla riforma costituzionale. Continua a leggere »

Mussolini urbanista e la genesi della città dis-urbanizzata

 

Non sappiamo se Virginia Raggi vincerà davvero il ballottaggio di domenica prossima. Nel caso, è incerto anche che Paolo Berdini diventi davvero il nuovo assessore all’urbanistica. Anche nel caso si avverasse questa concatenazione di eventi, siamo al contrario convinti che un assessore difficilmente avrà un potere decisivo nel cambiare le sorti dell’urbanizzazione cittadina, soprattutto se slegato da una concreta volontà di rompere i vincoli di bilancio e nel mezzo di una guerra finanziaria che il governo non tarderà a dichiarare contro l’eventuale giunta Cinque stelle. Nonostante tutte queste premesse, Paolo Berdini all’urbanistica sarebbe potenzialmente un fatto epocale per la politica cittadina. Perché il rapporto tra organizzazione urbanistica della metropoli, abusivismo e speculazione edilizia è la forma che lo sviluppo capitalista liberista ha assunto a Roma dall’Unità d’Italia ad oggi. Continua a leggere »

Novità e continuità: cosa è Casapound oggi?

Ritorniamo, a bocce ferme, sulla marcetta di Casapound del 21 maggio. Ci ritorniamo non per autoflagellarci, per gridare allo scandalo sul loro concerto a colle Oppio (che ci ha fatto schifo, ma non è che le sedici edizioni di Atreju nello stesso posto – dal 1998 al 2013 – siano state meglio: ci sono stati anni, infatti, in cui Azione giovani non era quel covo di tiepide mammolette che è oggi), per paventare un pericoloso rischio fascista o un ritorno del ventennio mussoliniano che, di fatto, non esiste. Lo facciamo, invece, per tentare di abbozzare un’analisi di cosa sia Casapound oggi, perché ogni – necessaria e, probabilmente, non più derogabile – riflessione dei compagni su come si pratichi l’antifascismo oggi deve partire da questo. Continua a leggere »

L’incapacità di comprendere il presente: come criticare il M5S

 

Molto, troppo, ha fatto discutere la nostra posizione pubblica riguardo alle prossime elezioni romane, svelando il solito nervo scoperto della sinistra residuale rispetto alle elezioni: da passaggio prettamente tattico vengono sempre affrontate con l’ansia da prestazione data dall’evento, a cui dare la massima rilevanza strategica sia nel caso dei votanti a prescindere sia nel campo dell’astensionismo purista. Niente di nuovo. L’ovvia marea di commenti ha però fatto emergere una questione a suo modo interessante, questa sì imprevista. Nel criticare giustamente le caratteristiche politiche del Movimento 5 Stelle, abbiamo scoperto che il Movimento di Grillo viene concepito nientemeno che partito “fascista” o addirittura “neofascista”. Continua a leggere »